Is your Company in Need of any task Software Automation?

Esistono due categorie principali di test del software: Manuale e Automatico.

I test manuali richiedono tempo e lavoro e, nel caso di software complessi, possono diventare costosi se utilizzati esclusivamente in questo modo. I test automatizzati snelliscono i processi, riducono il tempo necessario per i test ed eliminano le inefficienze, come gli sviluppatori di software che passano ore noiose a testare le funzionalità del software.

Di seguito vengono riassunti i test automatizzati e il modo in cui possono aiutare il flusso di lavoro di testing del software.

Indice dei contenuti

Che cos’è l’automazione dei test e perché ne abbiamo bisogno?

Che cos'è l'automazione dei test?

Che cos’è l’automazione del testing del software? Test automatizzati è il processo di utilizzo di strumenti software che eseguono software di nuova concezione o aggiornamenti attraverso una serie di test per identificare potenziali errori di codifica, colli di bottiglia e altri ostacoli alle prestazioni. Gli strumenti di automazione dei test software svolgono le seguenti funzioni:

  • Implementazione ed esecuzione di test
  • Analisi dei risultati
  • Confronto dei risultati con i risultati attesi
  • Generazione di un rapporto sulle prestazioni del software di sviluppo

Quando si testano nuovi software o aggiornamenti di software, i test manuali possono essere costosi e noiosi. Invece, i test automatizzati sono meno costosi e richiedono meno tempo.

I test automatizzati possono aiutare a rilevare più rapidamente i guasti con minori possibilità di errore umano. Inoltre, è più facile eseguirli più volte per ogni modifica o finché non si ottengono i risultati desiderati.

L’automazione accelera anche il processo di immissione del software sul mercato. L’automazione consente di eseguire test approfonditi in aree specifiche, in modo da poter risolvere i problemi più comuni prima di passare alla fase successiva.

La piramide dell’automazione dei test

La piramide dell’automazione dei test aiuta a capire con quale frequenza si dovrebbe eseguire ogni tipo di test.

La piramide dell’automazione dei test si divide in quattro livelli. Il livello inferiore rappresenta i test da eseguire più frequentemente. I livelli diventano più piccoli quanto più si avvicinano alla cima della piramide, rappresentando i test che si dovrebbero fare meno spesso.

Ecco i tipi di test che la piramide dell’automazione dei test indica di eseguire, dal più al meno:

  • Test unitari
  • Test di integrazione
  • Test API
  • Test dell’interfaccia utente

1. Unità

Il test unitario consiste nel suddividere il software di sviluppo in unità digeribili per identificare eventuali errori o problemi di prestazioni.

I test unitari aiutano a identificare gli errori prima che il processo di sviluppo del software vada troppo avanti. Questo tipo di test avviene nelle prime fasi dello sviluppo del software, isolando e risolvendo i problemi prima di procedere con il collaudo.

Il test unitario è il tipo di test che si dovrebbe fare più spesso, perché assicura che tutti i più piccoli componenti del software funzionino correttamente prima di integrarli nell’insieme.

2. L’integrazione

Dopo aver verificato che ogni singolo componente del software funzioni correttamente, è il momento di combinarli per determinare se funzionano tutti insieme. I test di integrazione convalidano le interazioni tra i componenti, compresi quelli all’interno dello stesso programma software.

È essenziale che tutti i componenti integrati interagiscano correttamente con il software o con servizi esterni, come i servizi web. Pertanto, la maggior parte delle persone sceglie di creare un database per i test di integrazione per elencare tutti i possibili scenari.

Poiché la maggior parte degli errori del codice viene risolta durante i test unitari, non dovrebbe essere necessario eseguire i test di integrazione così spesso.

3. API

Il test dell’interfaccia del programma applicativo (API) verifica se due componenti software distinti possono comunicare tra loro in varie circostanze.

Alcuni tipi di test API includono:

  • Test di convalida
  • Test funzionali
  • Test di sicurezza
  • Test di carico

4. UI

Il test dell’interfaccia utente (UI) (noto anche come test della GUI) assicura che il software funzioni con varie interfacce utente, come sistemi operativi, browser e altri luoghi in cui gli utenti finali interagiscono con esso. I test dell’interfaccia utente valutano caratteristiche come la funzionalità, il design visivo, le prestazioni e l’usabilità. Fortunatamente, i test di automazione dell’interfaccia utente eliminano la necessità di acquistare più dispositivi per i test.

L’automazione dei test dell’interfaccia utente considera l’esperienza dell’utente finale e aiuta a modellare il software in modo che corrisponda a tale interazione. Il framework di automazione dei test dell’interfaccia utente deve includere scenari di test relativi ai colli di bottiglia del sistema e del processo.

Poiché tutte le fasi di test precedenti dovrebbero aver identificato e risolto la maggior parte dei problemi che il software potrebbe avere, il test dell’interfaccia utente dovrebbe essere il test che richiede meno tempo. Gli strumenti di automazione dell’interfaccia utente consentono di risparmiare ancora più tempo.

Quali sono i criteri principali per un processo di automazione dei test di successo?

Lo scopo principale dell’automazione dei test è identificare gli errori del software e ripararli prima che il progetto passi a un’altra fase o raggiunga l’utente finale. Un processo di automazione dei test di successo richiede meno tempo e produce software che si comporta e fornisce funzionalità come previsto.

migliori pratiche di automazione del test del software

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

ANY-TASK SOFTWARE AUTOMATION?

1. Avere un team dedicato

È essenziale disporre di un team dedicato al collaudo del software. Gli sviluppatori, i tester e il team di garanzia della qualità possono essere coinvolti in diverse parti del processo di test per garantire che non si perda nulla ad ogni livello di test.

2. Avere gli strumenti giusti

La scelta dei giusti strumenti di automazione dei test è essenziale. Gli strumenti di test automatizzati funzionano meglio quando sono:

  • Facile da usare
  • In grado di testare una varietà di sistemi operativi, browser e dispositivi.
  • Dotati degli strumenti necessari (full stack) per testare ciò che vi serve
  • In grado di supportare il vostro linguaggio di scripting e di essere facile da usare anche per chi non conosce il linguaggio di scripting o non ha competenze di codifica.
  • Riutilizzabile per più test e modifiche
  • In grado di sfruttare grandi insiemi di dati provenienti da più fonti per fornire convalide basate sui dati.

3. Avere un budget dedicato

Se state già investendo nello sviluppo del software, avere un budget dedicato al software di automazione dei test, allo sviluppo e alla formazione può farvi risparmiare nel lungo periodo. Si spenderà meno tempo per i test manuali e si renderà il software operativo più rapidamente.

4. Implementazione di una solida struttura di test

Che cos’è un framework di test? Un quadro di riferimento per i test che includa linee guida, best practice, strumenti e regole per i test può far risparmiare tempo e fatica. Un buon framework di automazione web dovrebbe integrare varie funzioni come:

  • Biblioteche
  • Dati del test
  • Moduli riutilizzabili
  • Integrazione di strumenti di terze parti

Quali sono i tipi di test automatizzati?

Sebbene esistano molti tipi di test che è possibile automatizzare, ecco alcuni dei più comuni.

1. Test funzionali

I test funzionali aiutano a determinare se il software o l’applicazione funzionano secondo le aspettative. Verifica se il software produce i risultati corretti senza errori o lacune.

2. Test non funzionali

I test non funzionali misurano diversi aspetti, tra cui:

  • Il rendimento del software in varie circostanze
  • Il funzionamento del software in base ai carichi di lavoro previsti per l’utente, compresi i picchi di utilizzo
  • Il funzionamento del software nelle condizioni di carico più gravose

3. Analisi del codice


Analisi del codice
esamina il codice e identifica i problemi attraverso i test, ad esempio:

  • Codice ridondante e loop di prestazioni
  • Codice che non funziona
  • Codice che presenta problemi di interfaccia
  • Codice che presenta conflitti interni con altro codice

4. Test unitari

I test unitari valutano i singoli componenti del software. Lo scopo dei test unitari è quello di garantire che la funzionalità di base di unità specifiche all’interno del software sia intatta e priva di errori.

5. Test di integrazione

I test di integrazione assicurano che le unità funzionino insieme quando sono collegate tra loro. Esamina se i componenti cooperano logicamente e producono i valori corretti. Inoltre, verifica se i moduli funzionano con strumenti di terze parti.

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

ANY-TASK SOFTWARE AUTOMATION?

6. Test del fumo

Gli sviluppatori utilizzano gli smoke test per verificare la stabilità dell’intero sistema dopo ogni nuova build.

7. Test di prestazione

I test sulle prestazioni misurano il funzionamento del software. La sua principale preoccupazione è la qualità complessiva del software, i punti in cui fallisce, la velocità e la scalabilità.

8. Test di regressione

I test di regressione assicurano che il nuovo codice, la riparazione degli errori o gli aggiornamenti non interrompano la funzionalità dei componenti precedentemente esistenti all’interno del software.

9. Test API

Il test API assicura che due componenti siano in grado di comunicare tra loro in modo affidabile e sicuro in una varietà di scenari. Un framework per l’automazione dei test API deve essere facile da usare, scalabile e riutilizzabile.

Quali processi e tipi di test automatizzare?

L’obiettivo di qualsiasi scenario di automazione è accelerare i tempi di test e ridurre i costi, quindi l’automazione guidata dai dati è essenziale. Ecco alcuni esempi di processi che l’automazione può aiutare:

1. Test ripetitivi

Tutti i test che comportano una ripetizione sequenziale e regolare traggono vantaggio dai test automatizzati semplicemente perché possono essere eseguiti più velocemente rispetto ai test manuali.

2. Test ad alto rischio

L’automazione consente di isolare i potenziali punti di guasto e di risolverli prima di iniziare a modificare il codice. Evitando di modificare il codice si evita di rallentare il ciclo di sviluppo, a meno che il test non identifichi un problema.

3. Test che richiedono tempo

I test manuali richiedono più tempo e sono soggetti a errori. L’automazione dei test riduce la manodopera necessaria per condurli e le possibilità di non cogliere errori vitali.

4. Applicazioni multi-sfaccettate

Quando un software interagisce molto con altre applicazioni o software, il potenziale di conflitto è maggiore. L’automazione garantisce la cattura di tutti i potenziali conflitti.

Chi deve essere coinvolto nel processo di automazione dei test

che dovrebbe essere coinvolto negli strumenti di automazione dei test del software e nella loro pianificazione

I test di automazione raramente sono un lavoro per un solo dipendente. Ecco alcuni esempi di persone che dovrebbero essere coinvolte nei processi di automazione dei test:

1. Sviluppatori

Gli sviluppatori sono i tester iniziali per garantire che non ci siano problemi derivanti da errori nel codice. Si occupano dei dettagli più fini dei test, come i test unitari, i test di fumo e i test di integrazione.

2. Tester

I tester eseguono anche un po’ di test unitari e possono eseguire test di fumo o di integrazione. Eseguono anche test di regressione per assicurarsi che i nuovi componenti funzionino con quelli vecchi.

3. Team di garanzia della qualità

L’uso di test automatizzati fa sì che il team QA non debba avere competenze di codifica, al di là delle nozioni fondamentali. Il loro compito è quello di trovare i problemi che gli sviluppatori e i tester potrebbero non notare. Inoltre, mettono alla prova i limiti delle capacità del software.

Un buon framework di automazione dei test GUI migliora la capacità del team QA di gestire i test piuttosto che affidarsi agli sviluppatori o ad altri tester.

4. Le parti interessate (utenti finali)

Il beta testing da parte degli utenti finali è essenziale per assicurarsi che funzioni correttamente per le persone che utilizzeranno il prodotto finale.

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

ANY-TASK SOFTWARE AUTOMATION?

Processo di automazione dei test e lista di controllo per l’implementazione

Lista di controllo per il test del software

Un sistema di automazione dei test di successo si atterrà al seguente processo:

Passo 1: Definire gli obiettivi del test

Prima di scegliere i test da eseguire, tracciate una mappa di ciò che volete ottenere con i test. In questo modo, non si spreca tempo di elaborazione per risultati insignificanti.

Fase 2: Definire le priorità dei test

La definizione di un elenco di priorità per i test vi consente di concentrarvi prima sulle aree più importanti e di scendere fino a quelle meno importanti.

Fase 3: Applicabilità multipiattaforma

È essenziale verificare se il software funziona con diversi sistemi operativi, browser e dispositivi.

Fase 4: facilità di test

I test devono essere riutilizzabili, applicabili ad altre applicazioni o in grado di adattarsi rapidamente ad altri scenari. In questo modo, non si reinventa la ruota quando si avviano i processi di test.

Fase 5: comunicazioni semplificate

Assicuratevi che tutti coloro che devono fornire input per i test lo facciano e che le informazioni siano disponibili in un luogo comune. Una mappa chiara di chi deve essere coinvolto in ogni test e dei risultati può eliminare le ridondanze o annullare il duro lavoro di qualcun altro.

Fase 6: Garanzia di qualità

È essenziale utilizzare un team di AQ per verificare i risultati. L’utilizzo di un gruppo di test QA elimina la possibilità di perdere errori importanti nel prodotto finale.

Alcune idee sbagliate comuni sull’automazione dei test

Il più grande equivoco sui test automatizzati è che si tratti di una soluzione per tutti i software di sviluppo. Questa convinzione porta alle seguenti ipotesi sbagliate.

1. L’automazione sostituisce i test manuali

La migliore analogia sull’automazione che sostituisce le attività manuali deriva dalla falsa idea che le lavastoviglie possano eliminare tutti i lavaggi manuali. Tuttavia, ci sono sempre piatti che necessitano di un lavaggio manuale.

Lo stesso concetto si applica ai test di automazione del software. L’automazione velocizza gli scenari di test più comuni e riduce il carico di lavoro dei test. Tuttavia, non elimina la necessità di testare manualmente, soprattutto nella fase di risoluzione dei problemi, dove lo sviluppatore è in grado di identificare meglio le fonti di errore.

2. L’automazione elimina gli errori

Anche i migliori test non eliminano gli errori o i crash di sistema. Alcuni difetti del codice sono intrinseci al processo. Altri errori di codifica si attivano solo in scenari molto specifici. L’uso di test automatizzati è come i semafori che rendono gli incroci molto più sicuri, ma non eliminano gli incidenti, le strozzature o gli ingorghi.

3. L’automazione richiede esperienza per essere sviluppata

Mentre alcuni test automatici sono più complicati e richiedono uno sviluppatore esperto, molti pacchetti di test consentono ai principianti di scrivere semplici test automatici.

Cose da tenere a mente prima, durante e dopo il processo di automazione dei test

Come per ogni sistema di test, è necessario tenere sempre in considerazione alcuni presupposti e realtà.

1. I test non sono un rimedio a tutto

Il test è un modo per identificare i problemi attraverso un
processo robotico automatizzato
. Non si tratta di una soluzione unica e non è in grado di identificare tutti i problemi. Saranno necessari nuovi test finché tutti i componenti non funzioneranno correttamente.

2. La fretta invita agli errori

Affrettare i test rischia di comprometterne l’integrità. Assicuratevi di lasciare che ogni test sia completato, se avete intenzione di eseguirlo. Interrompere il lavoro prima che arrivi alla fine perché si presume che darà risultati positivi può portare a sorprese che non si desiderano in seguito.

3. Anche i test hanno degli errori

A volte un test può presentare un errore che si manifesta solo in particolari circostanze. Tenere presente la possibilità di errori di analisi quando si esaminano i risultati e seguire le eventuali anomalie.

Test di automazione end-to-end con ZAPTEST

ZAPTEST è un’azienda leader nel settore dei test automatizzati, che offre sia un framework di automazione dei test gratuito/non costoso sia servizi di livello aziendale. Alcuni dei numerosi vantaggi di
servizi di test del software
con ZAPTEST includono:

  • Test su più piattaforme contemporaneamente
  • Un’ampia varietà di linguaggi di scripting per l’automazione dei test
  • La capacità di eseguire contemporaneamente più script su diverse piattaforme
  • Capacità di accoppiamento con più applicazioni mobili, desktop e web
  • Conversione in un solo clic per gli script di test
  • Script automatizzati
  • Una varietà di scenari di test
  • Simulazioni realistiche in tempo reale
  • Registrazione dello scenario per gli script eseguibili
  • Un framework di test senza codice (No-Code) per l’utilizzo da parte di non sviluppatori
  • La capacità di accoppiarsi con il vostro software attuale, come JIRA o qualsiasi altra piattaforma di ALM e Test Management
  • Soluzioni di test ospitate nel cloud

  • Iperautomazione
    e
    automazione robotica dei processi
  • Documentazione automatica
  • Registrazione di scenari video
  • Assistenza clienti esperta 24/7
  • Aumento del ROI

Domande frequenti

Di seguito sono elencate le domande più comuni relative ai test automatizzati e a ciò che essi comportano.

Che cos’è il test di automazione?

I test di automazione utilizzano strumenti esterni per testare il software prima che passi alla fase di sviluppo successiva o all’utente finale. L’automazione dei test consente di risparmiare tempo e denaro e di evitare gli errori legati ai test manuali. Inoltre, accelera l’introduzione sul mercato di un’applicazione software.

Che cos’è un framework di automazione?

Un framework di automazione fornisce un modo per standardizzare i componenti del processo di test per ottenere risultati completi ed efficienti. Include linee guida, protocolli, strumenti e regole per i test. Il quadro può includere protocolli come gli standard di codifica o la gestione dell’accesso agli ambienti di test.

Che cos’è il framework nell’automazione dei test?

Nell’automazione dei test, il framework include i componenti che aiutano a eseguire i test e a fornire risultati completi. Questi componenti possono includere strumenti di test, script e regole di test automatizzati.

Che cos’è un framework di automazione data-driven?

Un framework di automazione data-driven inserisce e memorizza i dati in un foglio di calcolo.

Perché i test di automazione sono necessari?

L’automazione dei test non è obbligatoria, ma è più conveniente dei test manuali. Elimina il lavoro lungo e noioso, i costi elevati della manodopera e la necessità di eseguire test su più dispositivi e sistemi. In definitiva, si risparmia denaro e tempo.