fbpx

Get your 6-month No-Cost Opt-Out offer for Unlimited Software Automation?

La quarta rivoluzione industriale rappresenta il periodo attuale, caratterizzato da un drastico aumento della tecnologia e da un mondo interconnesso. Pertanto, è essenziale capire a che punto sono le tecnologie specifiche e dove potrebbero arrivare tra qualche anno, poiché i progressi tecnologici probabilmente non finiranno mai.In particolare, la rilevanza della Robotic Process Automation a livello globale è una disciplina aziendale sempre più difficile da ignorare. Con ogni settore alla ricerca del prossimo strumento migliore per tagliare i costi e migliorare l’efficienza automatizzando i processi, le RPA hanno cambiato il modo di operare delle organizzazioni. Molti possono percepire l’automazione robotica dei processi come un robot fisico che gira per un ufficio completando le attività a tempo di record, ma non è così. Invece, pur essendo un robot, l’RPA opera a partire da un software già consolidato.

Indice dei contenuti

Che cos’è l’automazione robotica dei processi (RPA)?

L’automazione robotica dei processi (RPA) è uno strumento software utilizzato per completare attività strutturate e ripetitive senza l’intervento umano. Molte aziende utilizzano l’RPA per sostituire l’uomo nell’esecuzione di compiti banali e ripetitivi come il trasferimento dei dati. L’uso della RPA o dei “bot” per imitare le attività aziendali influisce positivamente sull’efficienza, la produttività e l’ambiente di lavoro delle imprese. Ad esempio, con un’implementazione RPA di successo, gli esseri umani non devono più raccogliere i dati delle buste paga, consentendo loro di utilizzare le proprie capacità per qualcosa di più importante.

Un po’ di storia dell’evoluzione dell’RPA

iperautomazione, automazione robotica dei processi (RPA)

 

L’idea di utilizzare la tecnologia automatizzata per aumentare l’efficienza dei processi non è nuova, in quanto risale all’epoca industriale in cui si cercava di migliorare la produttività della produzione. Tuttavia, i tentativi di utilizzare i bot per migliorare i processi sono iniziati, quasi sinonimi, con l’introduzione del World Wide Web nel 1989, con lo screen scraping. Lo screen scraping è il processo di ricerca, estrazione e copia di dati da Internet per un altro scopo. All’epoca, se un’azienda voleva implementare lo screen scraping, era necessaria una conoscenza approfondita della programmazione e la tecnologia di automazione dipendeva dall’uomo.

La mancanza di accesso alla tecnologia automatizzata ha incoraggiato lo sviluppo di software di gestione dei processi più innovativi e adattabili per migliorare le relazioni con i clienti, i costi operativi e la gestione dei flussi di lavoro. L’era della reingegnerizzazione del software di automazione degli anni ’90 ha fatto sì che le aziende avessero bisogno di tecnologie di gestione dei processi migliori e più veloci a fronte di un mercato ipercompetitivo. Con lo sconvolgimento dell’implementazione della tecnologia automatizzata nei processi delle aziende, sono cambiate le prospettive sui sistemi di gestione dei processi. Negli anni Duemila, le aziende hanno cercato la massima efficacia rispetto all’efficienza, vale a dire l’accuratezza dei calcoli e l’affidabilità nella gestione delle informazioni.

L’emergere della RPA inizia qui; l’ingresso del mondo nel 21° secolo. L’automazione robotizzata dei processi si ispira ai suoi predecessori, con lo screen scraping e l’automazione del flusso di lavoro per eseguire le attività, dall’inizio alla fine, senza l’interferenza umana. Il decennio successivo, segnato dall’inizio dell’Internet degli oggetti (IoT) intorno al 2009, rappresenta la proliferazione dei progressi tecnologici e un mondo connesso dalla tecnologia. La drastica trasformazione tecnologica del mondo ci porta alla quarta rivoluzione dell’automazione, che ha comportato un riconoscimento mainstream della RPA, con il 2016 che ha segnato un’impennata delle vendite di servizi e strumenti di automazione robotica dei processi e l’incorporazione di strumenti di intelligenza artificiale (AI) nei sistemi RPA.

Vantaggi della RPA

 

 

I vantaggi dell’automazione robotica dei processi (RPA) sono molteplici.

1. Massimizzare l’efficienza operativa

L’efficienza operativa si riferisce al tempo, ai costi e alle risorse umane precedentemente utilizzate per completare un’attività. Per un’organizzazione che vuole competere nel proprio settore, è diventato quasi impossibile avere successo senza un software guidato dai dati per ottimizzare i processi. Una delle ragioni principali dell’aumento della concorrenza in quasi tutti i settori è che sono stati creati dei bot per completare compiti noiosi 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Con il successo dell’implementazione del software RPA, i dipendenti che originariamente dedicavano tempo prezioso alle attività manuali possono impiegare il loro tempo in attività più produttive e stimolanti. La RPA non solo consente ai dipendenti di utilizzare le loro competenze per compiti più critici, ma si traduce in un ambiente di lavoro più felice.

2. Facile da implementare e configurare

Il software RPA è straordinariamente rapido e facile da implementare nell’attuale sistema informatico (IT) dell’utente. Il software RPA automatizza interagendo con l’interfaccia esistente, il che significa che non richiede apparecchiature esterne o costose per funzionare. Inoltre, il processo di configurazione non richiede conoscenze di programmazione. Ad esempio, molti software RPA consentono agli utenti di “trascinare” il codice già generato per l’automazione desiderata.

3. Attuazione rapida

Il processo completo di implementazione e integrazione del software RPA dipende dalla complessità del flusso di lavoro dell’utente; la maggior parte dei sistemi richiede da una a sei settimane per essere completamente implementata. Tuttavia, per gli utenti che richiedono un’automazione complessa, il processo di implementazione potrebbe richiedere fino a dodici settimane.

4. Mantenere la conformità del settore

In molti settori, con il software RPA configurato per completare l’attività desiderata, gli utenti segnalano una maggiore conformità a norme e regolamenti. Poiché lo scopo del software RPA è quello di completare attività strutturate basate su regole e prive di errori, esso diventa uno strumento di auditing potente e accurato.Quando un utente implementa un software RPA, configura il bot per eseguire un compito e può anche programmare il bot per completare i lavori in base alle regole di conformità del proprio settore.

5. Migliorare la soddisfazione dei clienti

Allo stesso modo, il software RPA può aumentare la conformità del settore; può anche migliorare la qualità del servizio di un’azienda. Il vantaggio di eliminare gli errori umani porta a risultati accurati, che possono migliorare drasticamente la continuità del servizio, le relazioni con i clienti e la durata del servizio.

6. I robot software non sono dannosi

I software RPA, o robot software, lavorano indipendentemente dal software esistente dell’utente. In altre parole, ciò significa che i bot agiscono come un centro di controllo e gestione, in grado di affrontare molteplici compiti senza interferire con il software esistente – è più un’aggiunta. Come centro di controllo che opera con l’interfaccia attuale dell’utente, il software RPA può creare un ecosistema di macchine collegandosi e comunicando con il software originale dell’utente.In questo modo i computer attuali possono funzionare come hanno sempre fatto, mentre il software RPA funge da linea di comunicazione per collegare diverse fonti indipendenti, consentendo così un flusso costante di informazioni senza interferire con altri programmi.

7. Analisi dei dati per individuare i punti deboli

Che cos’è il software RPA? Può rivelare i difetti del sistema tecnologico degli utenti mostrando i modelli attraverso l’analisi dei dati. Grazie ai dati aggregati dal software RPA, le aziende possono identificare e risolvere le aree di miglioramento del sistema attuale e delle risorse umane.

8. Maggiore sicurezza dei dati

Gli utenti possono beneficiare di una maggiore sicurezza dei dati grazie alla corretta implementazione del software RPA. La RPA può migliorare la sicurezza dei dati limitando la necessità di interazione degli esseri umani con i dati sensibili. Le buone prestazioni sono legate alla sofisticazione dello sviluppo della RPA. Il grado di sofisticazione del software necessario a un’azienda dipende dalle sue esigenze. Tuttavia, le aziende che vogliono ridurre il rischio al minimo possibile richiedono fondi adeguati e, spesso, un corpo professionale di risorse umane orientate alla tecnologia.

Le sfide dell’automazione robotica dei processi

 

 

I vantaggi dei servizi di automazione dei processi robotizzati sono notevoli, tanto da far sembrare quasi insensato che un’azienda si tenga lontana dall’automazione RPA. Tuttavia, anche la tecnologia RPA, come ogni soluzione che si presenta come una panacea, presenta sfide, svantaggi e limiti.

Sfida 1: limiti dell’automazione

L’automazione RPA, nella sua forma più semplice, è un software che l’utente configura per imitare le attività nello stesso modo in cui lo fa un essere umano. Per quanto complesso sia il software RPA, può solo replicare attività strutturate basate su regole. Questo limite di automazione degli strumenti RPA significa che il software robotico RPA non può adattarsi ai cambiamenti o imparare dai propri errori senza l’aiuto degli esseri umani che lo riprogrammano per agire di conseguenza.Tuttavia, gli approcci attuali al software di automazione cercano di fornire una scalabilità ancora maggiore aggiungendo strumenti intelligenti ai bot, che consentono loro di riconoscere i cambiamenti, di agire su di essi e di imparare dai propri errori.

Sfida 2: i benefici mancano di tangibilità

Sebbene esistano prove concrete dei vantaggi della RPA, come la misurazione dei costi e degli errori, alcuni dei vantaggi sopra citati non sono tangibili. Ad esempio, è implicito che implementando i bot per completare le attività originariamente svolte dalle risorse umane di un’azienda, i dipendenti hanno più tempo per concentrarsi su altri compiti. Tuttavia, il vantaggio dichiarato dalla RPA di aumentare la produttività dell’ufficio si basa su misurazioni di tempi, costi ed errori piuttosto che su metriche complete di produttività.

Sfida 3: Sostituzione umana

Il timore che i robot rendano inutilizzabili le risorse umane è in realtà la sfida più grande per l’implementazione della RPA e l’accettazione dei robot software da parte delle aziende. È ragionevole temere che i robot software sostituiscano i lavori umani, in particolare per la capacità dei software di automazione di completare i compiti umani più velocemente e con maggiore coerenza. Inoltre, i progressi del software RPA comportano un aumento della tecnologia di automazione intelligente, il che significa che può imparare dall’esperienza, un inconveniente umano che non era prevalente nella semplice automazione RPA.

Sfida 4: accettazione dell’IT

In genere, la struttura organizzativa separa i settori business e IT in diversi dipartimenti all’interno di un’organizzazione. Tuttavia, l’implementazione di un software RPA confonde le responsabilità precedentemente stabilite di questi dipartimenti, poiché spesso è l’azienda ad avviare e configurare il software RPA senza l’aiuto del dipartimento IT. Il ruolo dell’azienda nell’implementazione e nella configurazione del software robotico è quello di garantire che le attività automatizzate corrispondano alla visione aziendale. Tuttavia, per mantenere le capacità di soluzione del software RPA, il reparto IT rimane responsabile degli aspetti di una tecnologia automatizzata come la governance, la sicurezza e così via.La convergenza di questi dipartimenti precedentemente separati pone delle sfide alla struttura di un’organizzazione, richiedendo responsabilità condivise e comunicazione tra loro.

Sfida 5: Mancanza di capacità

L’automazione RPA, nella sua forma più semplice, manca di capacità analitica a causa della mancanza di capacità cognitiva dei robot software. Tuttavia, come già detto, i progressi del settore incorporano strumenti intelligenti, come l’intelligenza artificiale (AI), per migliorare le capacità cognitive del software, il che si traduce in un’altra preziosa risorsa per il processo decisionale di un’azienda.

Sfida 6: Non adatto a tutti

Il software RPA non è adatto all’attuale infrastruttura tecnologica di tutte le organizzazioni o a tutti i processi aziendali. Per alcune aziende, l’implementazione di strumenti RPA non fornirà soluzioni ottimali; la loro infrastruttura si basa su una tecnologia obsoleta. Gartner suggerisce un Tabella di marcia dell’automazione aziendale (EAR) per aiutare le aziende a non sprecare tempo e denaro dando priorità all’RPA quando esiste un’altra soluzione più ottimale. È importante conoscere i limiti del software RPA nei processi aziendali. Ad esempio, le organizzazioni non dovrebbero investire in software robotici per automatizzare i dati non strutturati. Un altro aspetto da considerare, che non rappresenta necessariamente un limite per la RPA ma che è essenziale per un’organizzazione per decidere la soluzione migliore, è se il compito desiderato per l’automazione è strutturalmente povero. Sebbene l’RPA possa automatizzare attività con prestazioni non ottimali, potrebbe non essere la risposta; un’organizzazione dovrebbe invece migliorare il processo aziendale prima di investire in altre apparecchiature.

Sfida 7: Cambiamenti organizzativi

Un cambiamento organizzativo che pone delle sfide a un’organizzazione che implementa strumenti RPA: il rapporto tra business e IT. Un’altra difficoltà che le organizzazioni incontrano è quella di ottenere il sostegno generale dell’azienda. Mentre i precedenti sistemi di automazione basati sull’IT operavano sull’intera struttura organizzativa, richiedendo l’accettazione da parte dei soggetti coinvolti, l’automazione robotica non richiede l’approvazione generale. Invece, reparti separati possono implementare strumenti di automazione RPA all’interno del proprio settore senza comunicare questo cambiamento agli altri. Tuttavia, il mancato raggiungimento di un sostegno globale può portare a conflitti relativi alle convinzioni, alle responsabilità e al controllo di un individuo.

Come funziona l’automazione robotica dei processi (RPA)?

 

 

Esistono due potenziali risposte alla domanda: come funziona l’automazione robotica dei processi (RPA)? La prima è la fase di preparazione all’esecuzione di un robot software, mentre la seconda è costituita dai passaggi che il software RPA compie per completare un’attività.

Fasi di esecuzione della RPA

Le fasi principali dell’implementazione della RPA nell’infrastruttura di un’azienda sono quattro.

1. Selezione e approvazione

La fase di identificazione comporta la selezione dei processi adatti da automatizzare. I processi RPA appropriati sono strutturati, immutabili, basati su regole e con un numero elevato di transazioni. Tuttavia, è possibile automatizzare le attività basate su regole anche se non richiedono un numero elevato di transazioni al secondo.

2. Progettazione dello sviluppatore

La fase di progettazione della RPA significa decidere quali sono gli strumenti software più ottimali per le attività identificate dall’utente. Ad esempio, se un utente vuole utilizzare l’automazione RPA per le buste paga, deve considerare il costo, la qualità, la funzionalità e il tempo necessari per implementare un software robotizzato per questo compito. Tenendo conto di questi fattori, un utente potrebbe scoprire che gli strumenti RPA per le buste paga non daranno un risultato ottimale rispetto ad altre soluzioni esistenti. Altre azioni da considerare in questa fase sono affrontare le sfide comuni della RPA, identificare i risultati a breve e a lungo termine e stabilire ruoli e responsabilità dei soggetti coinvolti.

3. Script, compilazione, test

La terza fase dell’esecuzione della RPA consiste nel costruire e riscrivere gli script per gli strumenti di automazione scelti nella fase di progettazione. A seconda dell’attività desiderata, la fase di scrittura degli script richiede alcune conoscenze di configurazione e programmazione. Inoltre, la responsabilità di scrivere le configurazioni è tipicamente dell’IT o di uno sviluppatore RPA. L’interfaccia di ogni strumento è unica. Ad esempio, alcuni possono richiedere poco o niente codice, mentre altri necessitano di un nuovo script. Altre azioni necessarie in questa fase sono la creazione di un’area per gli strumenti RPA da costruire, testare e distribuire.

4. Eseguire

Una volta completata ogni fase, è il momento di eseguire gli strumenti per l’automazione. È essenziale monitorare i robot software per individuare eventuali difetti e disporre di un corpo professionale di risorse umane con una conoscenza completa di questa tecnologia.Molte organizzazioni dovrebbero prendere in considerazione l’assunzione di un aiuto esterno per il processo di implementazione dell’RPA e creare un team competente per monitorare il software durante la fase di esecuzione.

Fasi della RPA in movimento

Fasi della RPA

 

È utile avere un’idea generale di come gli strumenti di automazione dei processi robotici (RPA) completano le attività e interagiscono con altri sistemi. La tecnologia di automazione RPA dispone di un’interfaccia che consente all’utente di vedere cosa sta facendo il robot e se è attivo.L’automazione dei processi RPA completa un’attività in quattro fasi. Per spiegare questi passaggi, utilizziamo l’esempio dell’automazione delle e-mail.

1. Raccolta

Il software del robot raccoglie gli allegati dalla casella di posta elettronica dell’utente.

2. Trasferimento

Il software di automazione RPA prende i dati dalla casella di posta e li trasferisce in un altro documento, come Excel.

3. Generare

Il software del robot genera un rapporto dai dati del foglio di calcolo che copia nel sistema online designato.

4. Confermare

Lo strumento di automazione RPA notifica agli utenti il completamento dell’attività.

Migliori pratiche per l’automazione dei processi robotici

 

 

In pratica, la RPA è uno strumento potente per quasi tutti i settori per ridurre i costi, eliminare gli errori, rispettare la conformità e risparmiare tempo. Tuttavia, molte aziende non riescono a implementare correttamente il software RPA nel loro sistema perché cercano di utilizzare l’RPA per gestire problemi di cui non sono mai state capaci. Inoltre, a volte le aziende investono in strumenti RPA solo per scoprire che non producono risultati ottimali o che la RPA non è la soluzione migliore quando ormai è troppo tardi. Per fortuna, esistono cinque pratiche che guidano le aziende verso un’automazione robotica dei processi di successo per evitare questo problema.

1. Stabilire un personaggio per lo sviluppatore

Una persona è un personaggio fittizio che può rappresentare adeguatamente le esigenze e le visioni di un’azienda allo sviluppatore RPA. Poiché la funzione degli strumenti RPA è personalizzabile, le organizzazioni devono evitare di dipendere esclusivamente dalle conoscenze e dalle competenze di uno sviluppatore professionista. Qualsiasi sviluppatore è in grado di programmare e creare script per automatizzare un’attività, ma l’RPA non è “taglia unica”, quindi evitate di affidarvi esclusivamente a uno sviluppatore.

2. Stabilire tutte le aree di governance

Le organizzazioni che hanno implementato con successo i servizi di automazione dei processi robotizzati nella loro infrastruttura hanno istituito un organo di governo per garantire un ritorno sull’investimento (ROI) ottimale. Sebbene esistano molti modi per istituire un organo di governo, ad esempio creando un centro di eccellenza (COE), un comitato o un individuo, il fattore importante è il modo in cui governano i processi RPA. Ad esempio, il comitato o il singolo individuo dovrebbe essere responsabile dell’approvazione dell’automazione di un processo e della convalida dello script prima dell’esecuzione. Inoltre, l’organo di governo deve sostenere la visione del progetto RPA dell’organizzazione. Per la creazione di un team, Gartner consiglia di iniziare con l’imprenditore e un membro del reparto IT. Altri membri potrebbero essere un validatore di sicurezza, un addetto alle risorse umane e un rappresentante della gestione dei dati. In generale, la composizione del team RPA di un’azienda deve prevedere persone con diverse competenze e responsabilità applicabili al progetto RPA dell’organizzazione. Inoltre, l’istituzione di un organo di governo apre maggiori possibilità di implementazione della RPA su larga scala all’interno di un’organizzazione, affrontando il problema della fusione delle responsabilità aziendali e informatiche. Le attività su cui il comitato dovrebbe agire sono:

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

TASK-AGNOSTIC SOFTWARE AUTOMATION?

  • La gestione degli script, l’indice di connettività all’interno di un sistema, il riutilizzo del codice oggetto e la protezione di qualsiasi IP utile.
  • Gestione della domanda – “La RPA non deve essere la risposta predefinita”.
  • Vedere il supporto adeguato per il progetto RPA, ovvero competenze, consulenti, server e software disponibili.
  • Collaborare con i BPO e gli SCC esistenti.
  • Pianificare come e quando comunicare l’implementazione della RPA all’intera azienda.
  • Conoscere le ultime tendenze dell’automazione.

3. Tabella di marcia dell’automazione aziendale (EAR)

Come già accennato, Gartner raccomanda di creare una roadmap per l’implementazione della RPA, in quanto determinerà il successo del progetto. La roadmap prevede la limitazione dei rischi attraverso la selezione dei processi adatti, la considerazione di altri software di automazione, l’assunzione di un aiuto esterno, le convinzioni dell’azienda, le azioni da intraprendere in caso di arresto improvviso dell’RPA, gli obiettivi e molto altro.Ad esempio, un’interfaccia di programmazione delle applicazioni (API) già consolidata potrebbe produrre risultati migliori rispetto all’utilizzo dell’RPA per emulare un compito. Un’altra possibilità è che un’organizzazione voglia modernizzare i propri sistemi ma non abbia installato un’API. In questo caso, Gartner suggerisce di valutare i costi a lungo termine dell’RPA rispetto all’aggiunta di API. Un AER può aiutare le organizzazioni a definire aspettative realistiche sulle capacità dell’RPA e a prendere decisioni strategiche per garantire risultati ottimali. L’importanza di questo periodo di pre-discussione è assoluta, poiché le aziende con sistemi più vecchi potrebbero scoprire che la loro costruzione tecnologica non è abbastanza matura per rendere l’RPA realizzabile. Verranno inoltre sfatati i luoghi comuni che vedono la RPA come una panacea o una risorsa che le persone con scarse conoscenze tecnologiche possono utilizzare per automatizzare tutto ciò che desiderano.In generale, i criteri per automatizzare le attività con la RPA sono quelli che:

  • Hanno un numero elevato di transazioni
  • Avere accesso al trasferimento di informazioni a più sistemi
  • Sono stabili e immutabili
  • Sono semplici, cioè non richiedono giudizio, creatività e simili.
  • Sono basati su regole e strutturati
  • Spesso subiscono errori umani
  • Garantirà un ROI ottimale
  • Sono ripetitivi
  • Sono stati fatti per molto tempo
  • Non richiedono l’intervento umano
  • Sono strutturati e trattano dati digitali

4. Test e convalida degli script

Un’organizzazione non dovrebbe proseguire con il progetto senza lo sforzo congiunto di professionisti IT, professionisti aziendali e fonti esterne che convalidino il framework RPA. Se da un lato il processo di test e convalida degli script RPA è fondamentale per garantire il corretto funzionamento dei bot software, dall’altro è altrettanto fondamentale convalidare i limiti di accesso dei bot. Ad esempio, se l’attività del robot software è indistinguibile da quella di un umano, lo script deve essere riprogettato. Un altro problema che richiederà una riprogettazione è se il bot si impegna in attività che vanno oltre il suo compito, come l’accesso a dati sensibili non necessari al suo scopo. Il processo di test e convalida dell’RPA è semplice, in quanto prevede solo la spunta di un processo una volta che il bot ha superato con successo un processo – questi sono:

  • Convalida funzionale

Il robot software funziona come dovrebbe? Il flusso è corretto attraverso gli altri sistemi?

  • Convalida architettonica

Il software RPA dispone delle applicazioni, degli strumenti di supporto, delle configurazioni, degli ascoltatori e dell’infrastruttura necessari?

  • Convalida dell’implementazione

È pronto a gestire i compiti importanti dell’organizzazione?

  • Convalida dell’identità

Il robot software ha un’identità unica che lo distingue da un umano?

  • Convalida dell’accesso ai dati

Il software bot può accedere a dati che non sono necessari per il suo compito? Ad esempio, esiste un registro di tutte le attività svolte dal bot?

  • Convalida aggiuntiva

Per convalida aggiuntiva si intende qualsiasi altro aspetto critico necessario per il funzionamento del software bot. Inoltre, ogni ulteriore convalida dovrebbe affrontare i possibili rischi di fuga di dati e di frode, se il comitato non l’ha già fatto.

Test degli script RPA

Gartner raccomanda un approccio a tre livelli per testare gli script RPA: test di accettazione dell’utente, test di integrazione del sistema e test unitari. Il primo test è il test unitario da parte dello sviluppatore, quindi il test di integrazione del sistema per garantire l’interoperabilità del bot con il sistema attuale. Infine, è il momento del proprietario o dell’utente di testare e accettare lo script RPA.In generale, un robot software che supera il test a tre livelli significa che si comporta con grazia seguendo le eccezioni e convalidando altre unità computazionali con un’interferenza umana minima. Inoltre, il software RPA deve garantire un ROI sufficientemente elevato da poter paragonare i vantaggi della RPA.

5. Utilizzo della RPA con l’intelligenza artificiale (AI)

La quarta rivoluzione industriale, o industria 4.0, rappresenta l’attuale periodo di presenza diffusa di tecnologie avanzate e strumenti di automazione nelle aziende. È ormai chiaro che, applicando il Machine Learning (ML) e l’AI al software RPA, le aziende e le organizzazioni hanno sperimentato una maggiore funzionalità e un miglioramento nell’automazione dei processi aziendali, rispetto alla sola RPA. L’incorporazione di ML e AI per migliorare i vantaggi del processo di automazione robotica aiuta ulteriormente nelle sfide comuni del settore, come il processo decisionale, l’identificazione di modelli e l’analisi dei dati. In altre parole, l’aggiunta dell’apprendimento automatico e dell’intelligenza artificiale ha trasformato l’automazione da un approccio basato sui dati a un approccio decisionale per i processi aziendali.

Mentre i processi aziendali utilizzano lentamente il ML e l’AI con i loro sistemi RPA, questa tendenza verso l’automazione intelligente indica l’attuale ascesa dell’iperautomazione, una disciplina per le aziende che identifica, esamina e automatizza tutti i processi in grado di essere automatizzati.

L’obiettivo primario di Hyperautomation è continuare a crescere senza ostacoli.L’iperautomazione è la fase successiva delle pratiche meglio automatizzate, definita dalla combinazione di RPA, software BMP intelligente, AI, apprendimento automatico e analisi IoT. Inoltre, Gartner spiega che, poiché la maggior parte delle imprese utilizza sistemi basati sui dati che sono obsoleti in termini di tecnologia attuale, l’iperautomazione rappresenta la prossima fase digitale per le aziende, per aumentare la resilienza, la scalabilità e ridurre i costi. Di conseguenza, Gartner prevede che la disciplina raggiungerà un massimo di 596,6 miliardi di dollari nel 2022.

Perché l’automazione robotica dei processi (RPA) è una tecnologia dirompente?

 

 

Nel mondo degli affari, le tecnologie dirompenti sono tecnologie innovative che partono dal basso ma si infiltrano rapidamente nel mercato e modificano completamente il modo in cui un’azienda opera. La RPA è davvero una tecnologia dirompente. Ha cambiato completamente il modo in cui le aziende gestiscono i processi aziendali, al punto che è quasi impossibile per un’azienda evitare le società di RPA se vuole avere una possibilità di competere con i suoi concorrenti.

Al di fuori della teoria aziendale, la tecnologia dirompente è una tecnologia innovativa che cambia il modo in cui gli individui e altri settori operano. L’RPA come fattore di disturbo ha avuto un impatto su tutti e tre: individui, industrie e aziende. L’impatto della RPA sull’individuo ha prodotto risultati sia positivi che negativi. Ad esempio, la RPA ha avuto un impatto positivo sui contabili, migliorando l’efficienza e la qualità del carico di lavoro e dei report dei contabili. Inoltre, questi contabili hanno sperimentato un cambiamento nella routine, dal momento che l’RPA ha reso più veloci e semplici le attività più banali, come la raccolta dei dati.

Allo stesso tempo, però, la RPA ha sconvolto il comfort di alcuni individui e ha generato timori sulla possibilità che i robot software prendano il posto di lavoro delle persone. Il modo principale in cui la RPA sconvolge le organizzazioni è cambiando i ruoli del management, del settore aziendale e dell’IT. Nel complesso, questo fattore di disturbo ha un impatto sul numero di lavoratori, sui tempi di lavoro e sulla necessità di impiegare personale specializzato nel software RPA. L’impatto sulle organizzazioni determina una maggiore richiesta di lavoratori qualificati in campo tecnologico e riduce i costi di assunzione dei lavoratori attuali.

Per quali settori la RPA è ideale?

 

 

Dopo che il settore bancario e finanziario è stato uno dei primi a implementare l’RPA nei propri sistemi, altri settori come quello assicurativo, manifatturiero, dei servizi pubblici, sanitario e delle telecomunicazioni hanno riscontrato il successo dell’RPA. Sebbene qualsiasi settore che cerchi di automatizzare o emulare le attività umane per ottenere velocità e precisione possa trarre vantaggio dal software robotico, i casi dimostrano che la RPA è la forza principale di questi sei settori.

Settore 1:
Banche e finanza

Nel 2016, una grande banca ha impiegato il suo primo robot per aumentare l’efficienza dei servizi di bancarotta e di mitigazione delle perdite. Dall’inizio dell’implementazione, la banca ha aumentato il suo programma fino a includere 22 robot totali, anche se ha limitato il loro utilizzo a task e meta-robot. In definitiva, l’azienda ha visto una trasformazione con l’RPA in un paio di aree chiave: le operazioni di transazione di denaro estero, le operazioni di pagamento globali, le operazioni di assistenza clienti relative a controversie su mutui e carte, e la manutenzione di veicoli e mutui.Dall’idea all’esecuzione, l’implementazione dell’RPA nei processi della banca ha richiesto circa diciotto mesi e da allora l’azienda ha già riscontrato miglioramenti in termini di coerenza, velocità e precisione in ogni area in cui l’RPA è stato implementato. La banca è riuscita a ottenere il 95% dei benefici previsti rispetto al budget iniziale e ha ridotto il tempo medio necessario per l’assistenza ai casi da venti minuti a quattro minuti. Hanno anche potuto ridurre i tempi di chiamata del servizio clienti fino al 15%, con conseguente riduzione degli straordinari per i dipendenti. Visti i vantaggi ottenuti con l’RPA, la società finanziaria ha continuato a investire e a introdurre nuove tecnologie RPA, comprese tecniche più avanzate.

Settore 2:
Assicurazione presso PZU

Una grande compagnia di assicurazioni polacca con milioni di clienti è stata un’altra delle prime a implementare la tecnologia RPA. Quando la compagnia assicurativa ha avuto difficoltà a personalizzare e migliorare l’esperienza dei clienti, ha chiesto aiuto alle società di RPA. Nella situazione di questa azienda, la soluzione del problema ha reso ideali i servizi di automazione dei processi robotici, in quanto l’azienda aveva le risorse umane per fornire un servizio clienti personalizzato, ma non il tempo necessario. Perciò l’azienda ha innanzitutto identificato i processi da automatizzare: supporto al back-office e supporto al front-office. La prima tranche di RPA ha risolto i problemi di tempo, consentendo ai dipendenti di aumentare le prestazioni e l’assistenza, con conseguente miglioramento della soddisfazione dei clienti.Poi, con il successo dell’RPA, l’azienda ha visto molte opportunità di automatizzare altre attività, proprio perché si tratta di un’azienda del settore assicurativo. In generale, le entità del settore assicurativo hanno molti degli stessi processi che si prestano perfettamente all’automazione. Ad esempio, la maggior parte delle compagnie assicurative svolge le seguenti attività: elaborazione dei sinistri, vendite, sottoscrizione e revisione.L’assicuratore ha intravisto opportunità di automazione nel sistema di gestione dei sinistri, nell’elaborazione degli incidenti, in tutti i dati, nella fatturazione, nello storico dei clienti e nell’analisi preliminare per i sinistri di danni alle auto, il pagamento dei danni alle auto e i sinistri di parto. Con l’espansione dei processi di automazione, la compagnia assicurativa ha eliminato gli errori umani e ha ottenuto il 100% di precisione nelle attività ripetitive come l’inserimento dei dati. Purtroppo, un errore comune che le industrie commettono dopo un’implementazione RPA di successo è quello di trascurare il robot software, credendo di poter trarre benefici duraturi dalle sue attività automatizzate. Un modo in cui l’azienda ha visto una crescita e risultati continui grazie alla RPA è stato quello di concentrarsi sull’espansione. In altre parole, una volta che queste aziende hanno visto i vantaggi dell’automazione, hanno continuato a espandere il software RPA ad altre attività.

Industria 3:
Produzione in un’azienda manifatturiera

L’utilizzo della RPA per le industrie manifatturiere è esaustivo, poiché la maggior parte delle attività sono ripetitive, strutturate e basate su regole. Ad esempio, a livello di base, le industrie manifatturiere possono automatizzare la distinta base e le vendite. Un ulteriore progresso del software RPA per automatizzare le attività di produzione comprende l’elaborazione degli ordini, i pagamenti, le e-mail, la selezione dei fornitori, lo stato delle spedizioni e la domanda e l’offerta. L’intera catena di fornitura di un’industria manifatturiera si rivela ottimale per l’RPA.

3.1 Elaborazione degli ordini e pagamenti

Prima che un’azienda manifatturiera automatizzasse l’elaborazione degli ordini e dei pagamenti, si affidava a un registro cartaceo delle transazioni e alle persone per confermare gli ordini e selezionare i prodotti. Con il successo dell’RPA, il robot software seleziona i prodotti, registra le transazioni e notifica all’utente l’ordine completato più velocemente di un essere umano.La conferma di un fornitore comportava un lavoro noioso da parte di un’azienda produttrice per l’acquisto di merci. La RPA modifica il carico di lavoro e il tempo impiegato per finalizzare una transazione con un fornitore, con l’unico intervento umano necessario durante le interazioni fisiche.

3.2 Gestione dell’inventario

In quanto azienda manifatturiera, mantenere un elenco aggiornato e completo del proprio inventario è il compito più antico e semplice che l’azienda svolge. In precedenza, questi numeri dovevano essere inseriti manualmente su un computer, su carta o su un altro supporto. Ora, non solo i livelli di inventario dell’azienda sono precisi e aggiornati, ma con il tempo il software robot accumula un registro storico delle scorte. Lo strumento di automazione fornisce all’azienda un’analisi previsionale del suo inventario con dati storici.

3.3 Altre attività da automatizzare

Un’azienda manifatturiera utilizza gli esseri umani per rispondere alle richieste dei clienti relative alle loro confezioni. Automatizzare le richieste dei clienti inviando automaticamente e-mail di conferma, controllando lo stato e rispondendo ai clienti solleva le risorse umane dal controllare manualmente lo stato degli ordini e migliora la soddisfazione dei clienti. Una volta che un’industria automatizza l’intera catena di approvvigionamento, l’unico intervento umano richiesto è quello che richiede giudizio e connessione umana. Ad esempio, le aziende RPA non possono mantenere i rapporti con i clienti attraverso interazioni faccia a faccia. Nel complesso, con il successo dell’installazione dell’RPA, le aziende manifatturiere ottengono benefici dalla riduzione dei costi delle retribuzioni e dal miglioramento dell’efficienza operativa e dell’accuratezza complessive.

Settore 4:
Risorse umane

Un altro caso di studio proviene da una grande azienda che ha iniziato a vedere i potenziali benefici dell’RPA nel proprio reparto risorse umane. L’azienda aveva visto come l’RPA aveva beneficiato del settore finanziario e si era resa conto che alcune delle stesse attività manuali richiedevano tempo ed energia ai dipendenti delle risorse umane. L’attività manuale che l’azienda voleva automatizzare comprendeva la combinazione di dati sui dipendenti provenienti da diversi sistemi HR in un’unica fonte. In precedenza, i dipendenti dovevano combinare queste informazioni da soli, utilizzando un foglio Excel per controllare manualmente le informazioni, e il processo poteva richiedere fino a 45 minuti. Una volta che il reparto Risorse Umane ha implementato il programma pilota RPA, la nuova tecnologia non solo è stata in grado di eliminare il compito manuale, ma ha anche permesso di aggiornare più frequentemente le informazioni sui dipendenti. Naturalmente, l’azienda ha continuato a valutare come la tecnologia RPA possa aiutare altre aree del reparto risorse umane, tra cui i chatbot in grado di interagire con i nuovi candidati o di vagliare curriculum e domande. Aziende simili hanno iniziato a seguire l’esempio di questa società, utilizzando i propri sistemi RPA per inviare offerte di lavoro ai candidati, verificare i set di dati e persino facilitare l’iscrizione al piano sanitario per i nuovi assunti.

Settore 5:
Sanità

Come le aziende e le compagnie assicurative, anche il settore sanitario si occupa di fatturazione, reclami e richieste di informazioni ai pazienti. Un’azienda olandese che opera nel settore della salute e della nutrizione ha adottato la RPA per automatizzare i propri processi aziendali. La prima fase di implementazione dell’azienda sanitaria olandese ha riguardato l’automazione delle attività finanziarie. Ma, prima di tutto, l’azienda ha dovuto riprogettare il processo di automazione per garantire un coinvolgimento minimo dell’uomo, poiché non voleva che il software bot completasse una fase per poi passarla a un dipendente. Dopo il successo della prima fase, l’azienda ha programmato altri bot RPA per scalare più compiti. Di conseguenza, da luglio 2016 ad agosto 2016, l’azienda ha automatizzato con successo 25 attività, pari all’89% delle funzioni manuali. I vantaggi dell’RPA per l’azienda hanno fatto sì che il tempo impiegato per completare le attività finanziarie si riducesse da un paio di settimane a tre giorni. Inoltre, l’azienda ha aumentato l’accuratezza, la conformità, le ore di lavoro disponibili e il ROI. Oltre a questa società olandese, le opportunità offerte dalla RPA alle industrie che operano nel settore sanitario riguardano attività come la fatturazione, la velocizzazione delle richieste di rimborso e dei pagamenti, la convalida accurata dell’assicurazione sanitaria dei pazienti e la semplificazione dei pagamenti dei pazienti.

Industria 6: Telecomunicazioni

In un altro esempio, un fornitore di telecomunicazioni britannico ha utilizzato l’RPA per scalare i processi di back-office, rendendo le attività più affidabili, efficienti e precise. Nel 2004, questa società di telecomunicazioni ha trasferito in India il suo lavoro di back-office attraverso il Business Process Outsourcing (BPO). Tuttavia, la crescita dell’azienda ha presto portato a problemi operativi e di spesa con il BPO. Di conseguenza, l’azienda ha deciso di affrontare questo problema con l’RPA. Tuttavia, il caso di questa azienda è unico, poiché ha scelto di implementare la RPA senza l’aiuto di una società di software RPA esterna. L’azienda di telecomunicazioni ha identificato le attività di back-office che voleva automatizzare e ha implementato con successo il software robotizzato per automatizzare circa il 35% delle sue attività di back-office. Con il successo dell’RPA, l’azienda si è espansa aumentando il numero di transazioni automatizzate a circa 400/500 mila al mese. Di conseguenza, l’azienda di telecomunicazioni ha registrato un aumento della precisione, della produttività, della soddisfazione dei clienti e una riduzione dei costi operativi. In generale, il settore delle telecomunicazioni può implementare la RPA in processi come lo scambio di SIM, gli ordini e i controlli del credito per aumentare i tempi di consegna, la flessibilità e l’efficienza.

Quali tipi di processi sono adatti all’automazione robotica dei processi?

 

 

Qualsiasi azienda, società o organizzazione interessata ad automatizzare i propri processi deve capire quali processi l’RPA può o non può automatizzare. Tuttavia, anche con la conoscenza dei processi potenzialmente automatizzati, è ancora difficile garantire che gli utenti scelgano le strategie più adatte. Inoltre, la mancata scelta dei processi adatti da automatizzare comporta perdite monetarie, risultati non ottimali e la possibilità di investire nella soluzione sbagliata. Quindi, discutiamo di quali tipi di processi sono ottimali per l’automazione robotica dei processi.

1. Processi basati su regole

I compiti basati su regole sono semplici; non possono essere processi che richiedono un giudizio o un’interpretazione umana. Il software robotico non è in grado di comprendere affermazioni ambigue, quindi il compito deve essere logico, senza modifiche o eccezioni. Ad esempio, il lungo processo di copia e incolla dei dati è basato su regole molto semplici, che lo rendono facilmente programmabile.

2. Elevato numero di transazioni ripetitive

Lo scopo della RPA è quello di automatizzare molte attività in modo più rapido e preciso rispetto a un essere umano. Sebbene sia possibile automatizzare processi che vengono eseguiti in genere ogni due mesi, concentrarsi sulle transazioni ad alto volume garantisce prestazioni ottimali con i maggiori benefici. Ad esempio, la catena della domanda e dell’offerta di un’azienda manifatturiera è in continua evoluzione e richiede frequenti aggiornamenti del registro della catena di approvvigionamento. Un’attività della catena di approvvigionamento è anche ripetitiva e in genere viene eseguita molte volte al giorno, il che la rende un’attività adatta a beneficiare dell’RPA.

3. Maturo

Un compito maturo è un processo che esiste da tempo, quindi è un processo conosciuto dalla maggior parte dei lavoratori. Ciò significa anche che il processo viene probabilmente completato ogni volta nello stesso modo.

4. Costo facile da identificare

Se un’organizzazione è in grado di calcolare il costo attuale sostenuto per completare un’attività, è più facile stabilire il costo rispetto al potenziale beneficio derivante dall’automazione. In altre parole, un lavoro che storicamente richiede otto ore di risorse umane è facilmente quantificabile, consentendo alle aziende di confrontare il costo dei materiali e dell’implementazione della RPA con la crescita prevista.

5. Strutturato

I processi adatti all’automazione sono chiaramente definiti e utilizzano dati strutturati. I dati strutturati sono numeri e valori quantitativi, come un database che contiene indirizzi e numeri di carte di credito.

6. Transazionale

I processi transazionali sono quelli che sono frequentemente soggetti a errori umani. Ad esempio, l’aggiornamento degli ordini di vendita di un’organizzazione è un’attività transazionale perfetta per l’automazione. Le attività transazionali sono gerarchicamente inferiori rispetto ad altri processi aziendali, ma richiedono comunque la massima attenzione, il che le rende perfette per l’automazione.

7. Poche o nessuna eccezione

Questi compiti significano tipicamente che un bot può completare i processi con eccezioni minime. Un’eccezione è rappresentata dai casi in cui il robot software deve rispondere a qualcosa di inaspettato. Purtroppo, sebbene la tecnologia di automazione sia in grado di gestire le eccezioni, non può accettarne molte.

8. Non complesso

Il software RPA non è in grado di gestire attività complesse, come il feedback soggettivo, senza l’aggiunta di Machine Learning, AI o altri strumenti intelligenti. Tuttavia, poiché i processi adatti alla RPA sono basati su regole, ripetitivi e strutturati, è probabile che i compiti che richiedono una maggiore complessità non siano all’ordine del giorno di un’organizzazione.

9. Accesso multisistema

Un vantaggio del software RPA è che quando il bot si collega al sistema attuale di un’organizzazione, crea un ecosistema di tecnologia interconnessa. In altre parole, i processi che accedono a molti sistemi diversi offrono vantaggi ottimali, perché queste attività comportano tipicamente errori umani e risultati incoerenti.

Perché l’attuale attenzione per l’automazione robotica dei processi?

 

Automazione robotica dei processi: perché è importante

 

Dall’avvento del World Wide Web, l’automazione dei flussi di lavoro è diventata importante per le aziende, le organizzazioni e le imprese. L’introduzione nel mondo della Robotic Process Automation ha cambiato il modo di operare delle aziende ed è diventata uno strumento per superare la concorrenza.

Tuttavia, mentre la RPA è stata lanciata negli anni 2000, la sua popolarità è aumentata solo nel 2017, segnando il punto di arrivo della RPA come tecnologia dirompente. Con l’ingresso del mondo nell’industria 4.0, ulteriori progressi nelle capacità delle tecnologie RPA hanno sostenuto la popolarità del software di automazione sul mercato. Le industrie desiderano una tecnologia di automazione migliore e più veloce per far progredire i loro processi ogni anno che passa. Pertanto, l’attuale attenzione per le aziende RPA sarà sempre prevalente, a meno che un nuovo perturbatore non scuota il mercato. Tuttavia, per avere successo, molte industrie devono sapere dove si trovava l’RPA, cosa è oggi e dove sta andando. Seguendo
Le tendenze tecnologiche 2022 di Gartner
l’iperautomazione è la prossima fase dell’automazione, grazie all’attuale attenzione del mondo per i dati, la cybersicurezza, l’IA, gli strumenti di intelligence, i sistemi autonomi e l’IA generativa.

AI vs. RPA: capire le differenze e i punti in comune

 

 

Un tempo l’intelligenza artificiale operava in un settore completamente diverso da quello dell’RPA, ma è stata sempre più implementata nel software RPA per migliorare le capacità del robot software. L’intelligenza artificiale è una tecnologia avanzata in grado di prevedere, apprendere e comprendere i processi cognitivi umani. Quando la RPA si combina con l’IA, migliora ulteriormente i vantaggi del software di automazione, aggiungendo altre analisi per aumentare la soddisfazione dei clienti, la sicurezza, l’accuratezza e molto altro ancora.

L’RPA di per sé non è intelligente, cioè non è in grado di comprendere processi complessi che richiedono giudizio o interpretazione. Sebbene l’IA non fornisca necessariamente informazioni che possano aiutare il processo decisionale, perché i processi adatti devono ancora essere ben definiti e maturi, essa opera come un potenziatore dei benefici, consentendo un’ottimizzazione ancora maggiore delle prestazioni.

RPA vs. automazione intelligente: capire le differenze e i punti in comune

 

 

Mentre la Robotic Process Automation (RPA) è uno strumento software utilizzato per completare attività ripetitive senza l’intervento umano, l’Intelligent Automation (IA) combina l’intelligenza artificiale (AI) e l’apprendimento automatico con la RPA. Queste risorse combinate aiutano le aziende a ridurre i costi, aumentare la produttività e l’accuratezza, ridurre i tempi di consegna e soddisfare le richieste. Richiede più macchine e strumenti automatizzati per raggiungere il risultato desiderato, aggiungendo l’aspetto di “intelligenza” per aiutare le persone a prendere decisioni corrette senza affidarsi esclusivamente alla ragione, alla prudenza e all’analisi predittiva.

Il futuro della RPA: iperautomazione e automazione intelligente dei processi

 

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

TASK-AGNOSTIC SOFTWARE AUTOMATION?

 

Il futuro della RPA è l’iperautomazione e l’automazione intelligente dei processi. Sebbene l’approccio orientato al processo dell’RPA abbia sopportato errori sistematici, senza la componente meccanica dell’RPA non esisterebbero strumenti più avanzati e complessi. Gartner ha coniato il concetto di iperautomazione con la disciplina come una delle sue “Top Strategic Technology Trends” per il 2022. In dettaglio,
L’obiettivo di Gartner
L’obiettivo di Gartner è aiutare a ottimizzare e accelerare la crescita delle organizzazioni attraverso soluzioni digitalizzate.

L’automazione intelligente (IA) combina l’intelligenza artificiale (AI) e l’apprendimento automatico con la RPA per aiutare le aziende a ridurre i costi, aumentare la produttività e l’accuratezza, ridurre i tempi di consegna e soddisfare le richieste.

Mentre l’iperautomazione porta l’IA un passo avanti come metodo onnicomprensivo attraverso l’apprendimento automatico, l’IA e altri software che gestiscono tutti i processi in modo più intelligente ed efficiente. La differenza principale è che l’iperautomazione incorpora l’IA e la RPA per creare sistemi complessi e cognitivi per automatizzare le attività.

Il successo di un’iperautomazione dipende dall’IA e dal ML per costruire cumuli di dati replicati, altrimenti chiamati “gemelli digitali”. Il successo dipende anche dall’interoperabilità dell’hardware, che richiede la costruzione di un ecosistema di tecnologie attraverso macchine in grado di “adattarsi alle modifiche dell’hardware con un intervento minimo da parte dell’utente”, noto come
Plug-and-Play
(PnP).Man mano che i dati diventano più completi, la rete connessa e gli strumenti intelligenti di un sistema di iperautomazione imparano da sé, rendendolo progressivamente autoregolante e automatico.

RPA e informatica cognitiva

 

 

Molti confondono l’informatica cognitiva con l’intelligenza artificiale (IA) a causa del suo design; tuttavia, l’informatica cognitiva è in realtà una sottocategoria dell’IA. Inoltre, il cognitive computing può migliorare la tecnologia RPA in quanto è in grado di gestire grandi quantità di dati, aiutando le organizzazioni a prendere decisioni basate sui dati. Mentre l’intelligenza artificiale aumenta i vantaggi della RPA, a differenza dell’intelligenza artificiale, il cognitive computing richiede ancora l’intervento umano. Inoltre, è in grado di adattarsi ai cambiamenti, ma non può fornire una soluzione per i decisori come l’IA. L’RPA con il supporto del cognitive computing può aiutare i responsabili delle decisioni a comprendere meglio e a vedere i modelli da grandi quantità di informazioni attraverso dati strutturati e non strutturati.

L’impatto: Presente e futuro della RPA sull’occupazione: Dove la RPA sostituisce già gli esseri umani e dove non lo fa (ancora)

 

 

Come sappiamo, il successo dell’implementazione della tecnologia RPA richiede un cambiamento nei ruoli e nelle responsabilità all’interno della struttura di un’organizzazione. Ma in che modo le attuali capacità e prestazioni dell’RPA possono sostituire gli esseri umani?La RPA ha già sostituito gli esseri umani nel completamento di compiti banali e ripetitivi, liberando tempo prezioso per i dipendenti che possono così dedicarsi a lavori più creativi, intellettuali ed essenziali. Attualmente, quindi, la RPA sostituisce lavori umani come l’inserimento dei dati e la revisione contabile.

I robot software possono anche limitare la quantità di lavoro richiesta a un dipendente, configurando il software in modo che agisca più come un assistente che come un sostituto di un processo. Ma, ancora una volta, questo vale per gli attuali sistemi di automazione intelligente, in particolare per i compiti che richiedono le capacità altamente tecniche e le competenze sociali e umane di un lavoratore. Tuttavia, molte aziende hanno sistemi di automazione incapaci di automatizzare processi complessi, cognitivi e mutevoli, per cui la RPA come sostituzione completa del lavoro umano deve ancora arrivare.

Il futuro della RPA potrebbe automatizzare la maggior parte dei processi aziendali, sostituendo in ultima analisi molti lavori umani. Di conseguenza, man mano che i robot software diventano sempre più intelligenti, aumentano anche i livelli di ansia degli esseri umani. Molti analisti tecnologici e aziendali prevedono che, con l’avanzamento del software di automazione verso una tecnologia intelligente e autonoma con la capacità di prendere decisioni basate sul giudizio, molti lavori non richiederanno più l’intervento umano. Ad esempio, il Giornale dei sistemi informativi strategici 29 ha osservato che alcuni studiosi prevedono che l’automazione sostituirà il 47% dei posti di lavoro statunitensi entro il 2033. Inoltre, man mano che l’RPA viene sempre più abbinata all’IA e ad altri strumenti intelligenti, gli esseri umani non saranno in grado di competere con i robot software, rendendo l’automazione guidata dall’IA la scelta migliore per molte organizzazioni.

Se il futuro dell’automazione intelligente probabilmente sostituirà la maggior parte degli esseri umani, quali lavori sostituirà? In sostanza, tutti i lavori che possono essere automatizzati saranno completamente sostituiti da software robotici. Ad esempio, molti processi completati da Risorse umane (HR) sono in grado di automatizzarsi e la necessità che l’uomo porti a termine questi compiti potrebbe diventare obsoleta. Tuttavia, le risorse umane richiedono competenze sociali ed emozioni umane; un fattore che i robot software potrebbero contribuire a migliorare, ma non necessariamente a sostituire completamente.

Come la RPA elimina l’outsourcing

 

 

Il principale settore stravolto dalla tecnologia RPA è quello del Business Process Outsourcing (BPO). Un tempo era comune per le aziende, le imprese e le società esternalizzare i processi di front-to-back-office in altri Paesi per trarre i vantaggi di un costo del lavoro e di un’efficienza più bassi.La RPA sostituisce completamente i fornitori di outsourcing e BPO perché i processi amministrativi ad alto volume sono proprio le attività che il software RPA è progettato per completare. Inoltre, molte aziende che esternalizzano il back office e i processi end-to-end continuano a sopportare costi più elevati a causa dell’aumento dei salari in altri Paesi.

L’utilizzo di software robotici per automatizzare questi processi riduce drasticamente i costi derivanti dall’esternalizzazione delle risorse umane, quindi perché le aziende non dovrebbero investire nell’RPA? Mentre i fornitori di BPO sono in gran parte obsoleti con la crescita del mercato della RPA, i fornitori di servizi possono implementare la RPA nel loro modello per garantire che ciò non accada.

Impatto complessivo della RPA sulla società

impatto della RPA sulla società

Quando si parla di Robotic Process Automation, molti immaginano un robot fisico programmato per fare qualcosa in sostituzione dei processi svolti dall’uomo. Ma, come molti scopriranno, l’RPA non è un vero e proprio robot, bensì un software programmabile utilizzato per completare compiti ripetitivi e strutturati in modo più rapido e accurato di quanto sia umanamente possibile.

Nel complesso, l’impatto della RPA sulla società è principalmente positivo, in quanto consente ai dipendenti di avere più tempo da dedicare a lavori di valore piuttosto che al banale lavoro di copia e incolla. Con l’ingresso del mondo nella quarta rivoluzione industriale, si è diffuso il timore che i robot prendano il sopravvento, una storia rappresentata soprattutto nei film di Hollywood. In particolare, con la RPA, molti dipendenti temevano che i robot di automazione li avrebbero sostituiti, ma per la maggior parte di loro non è stato così. In altre parole, molte organizzazioni che hanno implementato con successo l’RPA hanno scoperto che l’automazione favorisce una forza lavoro più produttiva, sollevando i dipendenti da processi noiosi o consentendo loro di completare le procedure più velocemente con un assistente robotico. Tuttavia, man mano che l’RPA diventa sempre più intelligente, l’impatto positivo complessivo della RPA sulla società potrebbe cambiare se essa mette a rischio di obsolescenza alcuni lavori.

Esempio pratico di RPA

Esistono molte storie di successo di organizzazioni che hanno implementato i servizi di automazione dei processi robotici nel loro sistema attuale. Ad esempio, Società edilizia di Leeds, un fornitore di servizi finanziari che si occupa di mutui, risparmi e pianificazione della vita nel Regno Unito, ha quindici robot che automatizzano migliaia di attività su migliaia di applicazioni. L’azienda attribuisce all’uso dell’RPA per elaborare le transazioni, aggiornare i conti dei membri e automatizzare le e-mail una risorsa essenziale che l’ha aiutata durante la pandemia. RPA ha fornito una soluzione alla Leeds Building Society per soddisfare e tenere il passo con le richieste dei soci in rapida crescita. Secondo l’azienda, la RPA ha ridotto il tempo sprecato per gestire le complesse richieste dei clienti e ha ridotto i tempi di attesa al telefono, aumentando la soddisfazione dei clienti e la consegna dei pagamenti dei mutui.

Come iniziare con la RPA

 

Il processo di implementazione di un progetto RPA prevede tre fasi: Proof of Concept (PoC), pilota e test.

1. Realizzare un PoC

Il primo passo di un progetto RPA è lo sviluppo di un PoC, ovvero un modo per dimostrare che l’automazione dei processi desiderati dall’utente è fattibile. Per assicurarsi che l’RPA sia la soluzione migliore e che produca benefici ottimali, gli utenti devono identificare i casi da automatizzare e quantificare i benefici previsti, come il ROI, i costi, i risparmi e la conformità.Inoltre, un PoC dovrebbe contenere un piano su quale fornitore di software RPA rappresenti al meglio i processi identificati dall’utente. Ad esempio, alcuni fornitori sono specializzati solo nel software RPA, mentre altri possono fornire più prodotti in aggiunta a RPA e altri ancora sono fornitori di servizi IT o BPO che utilizzano piattaforme RPA.Infine, un PoC dovrebbe riconsiderare l’organizzazione interna, come la creazione di un centro di eccellenza (COE) dalle risorse umane dei dipartimenti aziendali e IT per supervisionare il progetto.

2. Pilota

La fase pilota è la fase di progettazione, costruzione e test di un progetto RPA. Questa fase è quella di programmazione, configurazione e installazione del progetto. Ad esempio, se un’azienda registra i dati su carta, deve trasferirli su un supporto elettronico. A meno che un’entità non utilizzi una risorsa esterna per l’installazione, questa fase richiede tipicamente la collaborazione del COE e del produttore o fornitore di servizi RPA.

3. Test

Se il robot software funziona come progettato, l’installazione dell’RPA è completa. Tuttavia, l’utente deve continuare a espandere e aggiornare la tecnologia di automazione per garantire che il robot fornisca risultati ottimali.Il PoC è la fase più cruciale di qualsiasi percorso RPA, poiché una mancata pianificazione può comportare uno spreco di tempo e denaro. Purtroppo, uno dei motivi principali per cui la maggior parte delle implementazioni RPA fallisce è che l’utente tenta di automatizzare un processo che non è mai stato pensato per l’automazione dei processi robotici.

Domande frequenti

L’automazione robotica dei processi è uno strumento potente per automatizzare i processi aziendali riducendo i costi operativi e gli errori umani.

Che cos’è la RPA (Robotic Process Automation)?

Per definire la RPA, si tratta di uno strumento che si concentra sul flusso continuo e sull’efficienza emulando attività umane come la registrazione delle schermate e lo scraping. Tuttavia, la RPA fa un passo avanti rispetto a questi semplici processi aziendali, in quanto non è invasiva quando viene installata nel sistema attuale dell’utente ed è programmabile per completare attività strutturate e ripetitive con un intervento umano minimo o nullo.

Vantaggi dell’automazione robotica dei processi

I vantaggi della RPA sono la massima efficienza operativa, l’implementazione rapida e semplice, le configurazioni per mantenere le industrie conformi, migliorare la soddisfazione dei clienti, sollevare i lavoratori dall’esecuzione di compiti noiosi e aumentare la sicurezza dei dati.

Tecnologie di automazione dei processi robotici

I diversi tipi di tecnologie RPA sono:

  • Dati – I robot software per i dati sono in grado di trasferire dati, crittografare e codificare file.
  • Integrazione – I robot software basati sull’integrazione possono accedere e modificare elementi di varie applicazioni.
  • Processo – Il software basato sui processi è in grado di riconoscere i cambiamenti, gli eventi o i fattori scatenanti per avviare il processo programmato.

Dove viene utilizzata l’automazione robotica dei processi?

Praticamente tutti i settori che possono trarre vantaggio dall’automazione delle attività possono utilizzare l’automazione dei processi robotici. Ma attualmente le aree interessate dall’utilizzo della RPA da parte delle aziende sono:

  • Servizio clienti
  • Elaborazione dell’ordine
  • Settori finanziari
  • Produzione a catena di approvvigionamento
  • Vendite
  • Tecnologia dell’informazione (IT)
  • Risorse umane (HR)
  • Sviluppo del prodotto
  • Regole di conformità del settore

Come funziona l’automazione robotica dei processi

Il flusso di lavoro di RPA segue quattro fasi: raccolta, trasferimento, generazione e conferma. Ad esempio, nell’input e nell’output dei dati, un software bot prende i dati, li trasferisce a un’altra applicazione, genera un report e notifica l’utente al termine dell’operazione.

Come implementare l’automazione robotica dei processi

Il processo di implementazione di successo della RPA prevede almeno tre fasi: Proof of Concept (PoC), pilota e test. La fase PoC prevede la selezione dei processi da automatizzare, la loro approvazione e la ristrutturazione organizzativa interna. La fase pilota è la fase di sviluppo, progettazione, sceneggiatura e costruzione dell’implementazione della RPA. In questa fase, tutti gli strumenti, i componenti aggiuntivi e le risorse per un sistema RPA devono essere attentamente discussi e implementati. Infine, l’ultima fase consiste nel testare il software per assicurarsi che il robot funzioni come desiderato.

Dimensioni del mercato dell’automazione robotica dei processi

Secondo
Statista
, al 2022, l’attuale dimensione del mercato della RPA è di 3,7 miliardi di dollari USA.

Come imparare l’automazione robotica dei processi

Diventare uno sviluppatore RPA richiede una formazione lunga e completa per imparare e padroneggiare la programmazione del software robotico automatizzato. Inoltre, l’ambito RPA è in continua evoluzione, quindi le conoscenze necessarie non si fermano mai.

I migliori libri sull’automazione dei processi robotici

Quando si parla di libri sulla RPA, è importante ricordare che il settore subisce frequenti cambiamenti e avanzamenti, quindi le risorse stampate possono faticare a fornire ai lettori informazioni aggiornate. Tuttavia, esistono ancora ottimi libri sull’RPA: ecco cinque ottimi libri sull’automazione dei processi robotici:

  • “Processi robotici e automazione cognitiva: La prossima fase” di Mary C. Lacity e Leslie P. Wilcocks
  • “Automazione dei flussi di lavoro con Microsoft Power Automate: Realizzare la trasformazione digitale attraverso l’automazione aziendale con un minimo di codifica” di Aaron Guilmette
  • “La cura e l’alimentazione dei bot: Manuale del proprietario per l’automazione dei processi robotici” di Christopher Surdak
  • “Il manuale dell’automazione dei processi robotici: Guida all’implementazione di sistemi RPA” di Tom Taulli
  • “AUTOMAZIONE INTELLIGENTE: imparare a sfruttare l’Intelligenza Artificiale per incrementare il business e rendere il nostro mondo più umano” di Pascal Bornet

I migliori corsi on-line di automazione dei processi robotici

Il miglior corso online sull’automazione dei processi robotici proviene da
EdX
. Per chiunque voglia comprendere la RPA al suo livello di base, questo corso introduttivo può essere un utile punto di partenza per sviluppare nuove competenze come l’utilizzo dell’automazione robotica dei processi come forma di problem solving, la progettazione di blueprint di automazione, l’apprendimento della creazione di stime di impegno per l’automazione dei processi e altro ancora. Avrete a disposizione lezioni virtuali con istruttori leader nel campo della programmazione e dell’apprendimento automatico.

L’automazione robotica dei processi è una buona carriera?

Sì, la Robotic Process Automation è una buona carriera. Secondo Porta di vetroUno sviluppatore RPA ha una retribuzione media annua di base di 80.000 dollari negli Stati Uniti. Inoltre, il salario più basso riportato per uno sviluppatore RPA è di 57.000 dollari, mentre quello più alto è di 112.000 dollari.

Inoltre, man mano che un numero sempre maggiore di aziende inizia a comprendere il vero potenziale dei vantaggi offerti dalla RPA, gli stipendi per coloro che possiedono competenze in questo campo non fanno che aumentare.

Documenti di ricerca sull’automazione dei processi robotici

Per ulteriori informazioni su tutto ciò che riguarda la RPA, ecco alcuni preziosi documenti di ricerca:

Le migliori certificazioni di automazione robotica dei processi (RPA)

Le migliori certificazioni RPA provengono da
Microsoft
che è un certificato di base che chiunque voglia familiarizzare con il software e gli strumenti RPA può ottenere. Ciò consente a coloro che sono interessati alla RPA di iniziare a comprendere e lavorare con uno dei migliori strumenti per l’automazione: il software Power Automate di Microsoft. Per ottenere il certificato, i partecipanti dovranno completare e superare un esame che copre gli argomenti e la comprensione di base dell’automazione dei processi aziendali con il software Power Automate, della creazione di chatbot con Power Virtual Agents e dell’analisi dei dati con Power BI. Non sono richiesti prerequisiti per questa certificazione, anche se è necessario pagare una tassa per l’esame.

Download post as PDF

Alex Zap Chernyak

Alex Zap Chernyak

Founder and CEO of ZAPTEST, with 20 years of experience in Software Automation for Testing + RPA processes, and application development. Read Alex Zap Chernyak's full executive profile on Forbes.

Get PDF-file of this post