fbpx

Get your 6-month No-Cost Opt-Out offer for Unlimited Software Automation?

 

Quando si lavora nel campo del testing del software, ci sono decine di metodi di testing diversi da prendere in considerazione.

Il test del software aiuta gli sviluppatori a eliminare qualsiasi difetto che possa esistere in un pacchetto software, in modo da poter distribuire un prodotto che soddisfi le esigenze e le aspettative di tutte le parti interessate. L’utilizzo della giusta soluzione di testing fornisce tutte le conoscenze necessarie, ma la scelta di un test corretto può richiedere tempo.

Il grey box testing è una delle forme di test più versatili a disposizione dei tester, in grado di offrire numerosi spunti di riflessione senza occupare eccessive risorse.

Per saperne di più su cos’è il grey box testing, su alcune specifiche del funzionamento del grey box testing e su alcuni dei motivi per cui le aziende utilizzano questo metodo di test.

 

Indice dei contenuti

Che cos’è il Grey box testing?

Chiarire alcune confusioni nell'automazione del test del software

Il grey box testing è una forma di testing che combina il white-box testing e il black-box testing, utilizzando una comprensione parziale del progetto sottostante e del modo in cui il sistema è implementato.

Questa combinazione significa che il tester conosce una parte di ciò che accade in background senza conoscere completamente il codice, il che fornisce una maggiore comprensione delle potenziali cause dei problemi del software quando si presentano.

Il completamento dei test gray box è responsabilità dei tester, con un team di garanzia della qualità che lavora indipendentemente dal team di sviluppo del progetto.

 

1. Quando e perché è necessario eseguire il test della scatola grigia nel test del software?

 

Le aziende utilizzano spesso i test grey box nel processo di sviluppo.

Ad esempio, quando un’applicazione deve interagire con uno strumento di terze parti per funzionare correttamente, i tester non hanno accesso al codice sorgente che fa parte del software esterno. Si tratta di una restrizione forzata all’accesso dei tester QA e rende i test una scatola grigia senza possibilità di scelta.

 

2. Quando non è necessario eseguire i test della scatola grigia

 

Ci sono un paio di momenti del processo di testing in cui il grey box testing non è necessario, il primo dei quali è all’inizio del processo di sviluppo.

I test funzionali hanno luogo quando gli sviluppatori eseguono inizialmente dei test per assicurarsi che il loro codice completi i compiti più elementari, in modo del tutto trasparente. Poiché il codice o la documentazione non sono nascosti al tester, questo non è considerato un test grey box.

Un altro caso in cui non è necessario eseguire i test grey box è quando i test vengono eseguiti alla fine dello sviluppo, quando si dispone di un prodotto completo. Questo è il caso in cui l’utente finale viene aiutato a eseguire i test ed è noto anche come “beta testing” o “end-to-end testing“.

Gli utenti testano l’applicazione senza avere accesso al codice o ai documenti di progettazione, valutando invece il software in base ai suoi meriti. Si tratta di una forma di test a scatola nera, in quanto il processo è del tutto opaco.

 

3. Chi è coinvolto nel Grey Box Testing?

chi è coinvolto nel test del software

Ci sono diverse persone e ruoli coinvolti nel grey box testing, e alcuni dei ruoli più importanti nel processo includono:

 

– Responsabile QA:

Il manager QA, o quality assurance manager, è un membro dello staff del processo di sviluppo del software responsabile dell’assegnazione dei compiti al team di testing.

Questo include la creazione di turni, l’esame dei rapporti e la gestione dei conflitti che sorgono nel team.

 

– Tester:

Un tester è un professionista responsabile del completamento dei casi di test che fanno parte del processo di test grey box.

Ciò richiede un elevato livello di attenzione ai dettagli nella stesura dei rapporti e nell’esecuzione ripetuta di precisi casi di test.

 

– Sviluppatore:

Gli sviluppatori sono i professionisti responsabili della creazione del codice e della sua modifica in base ai risultati dei test grey box.

Anche se non sono necessariamente coinvolti nel test stesso, ricevono dai tester le comunicazioni sui risultati.

 

– Analista QA:

Il ruolo di analista QA è comune nei processi di test che utilizzano molta automazione. Un analista scrive il codice dei casi di test per i test automatici, oltre ad analizzare i dati che i test restituiscono alla fine del processo.

 

Vantaggi dei test grey box

tipi di test di prestazione

L’utilizzo dei test grey box nell’analisi del software presenta alcuni vantaggi importanti. Sfruttando al meglio questi vantaggi, migliorerete lo standard della vostra applicazione nel tempo.

 

Alcuni dei motivi per cui le aziende ricorrono a questa forma di test sono i seguenti:

 

1. Conoscere i meccanismi interni aiuta a progettare i test

 

Uno dei principali vantaggi dell’utilizzo dei test grey box sul posto di lavoro è la conoscenza di alcuni meccanismi interni dell’applicazione. Ciò implica la comprensione di cosa fa ciascuna funzione e quali sono i moduli disponibili rispetto al codice scritto su misura per alcune delle altre caratteristiche.

Conoscere le funzionalità interne significa per il tester comprendere meglio ciò che sta testando e poter indirizzare i test alla progettazione dell’applicazione. Le aziende ricevono risultati più accurati che rappresentano correttamente il software.

 

2. Risolve immediatamente i problemi

 

In alcuni casi, quando si verifica un problema in un test e il tester ha accesso al codice alla base del problema, si può trovare una soluzione immediata al problema.

Ciò è in contrasto con una metodologia di test a scatola nera, in cui i tester non possono vedere nulla del codice dietro le quinte del software che stanno esaminando. Vedendo il codice, i tester con una grande esperienza di sviluppo possono indicare agli sviluppatori quale sia esattamente il problema e come un futuro aggiornamento possa risolverlo.

I test grey box consentono di risparmiare molto tempo che altrimenti verrebbe impiegato per indagare sui problemi e aiutano le aziende a impiegare il loro tempo in modo più efficiente.

 

3. Segrega i tester e gli sviluppatori

 

L’utilizzo di test grey box lascia una chiara separazione tra gli sviluppatori dell’applicazione e le persone che testano il software.

Questo perché il completamento dei test grey box si basa sul fatto che i tester non hanno una conoscenza del funzionamento del software, e la distanza tra i due diventa una necessità per ottenere risultati di test più accurati e non influenzati da pregiudizi.

I tester negli scenari grey box fanno parte di un team completamente diverso da quello degli sviluppatori, e offrono informazioni accurate senza che i punti di vista esistenti influenzino i loro risultati.

Anche gli sviluppatori ne traggono vantaggio, in quanto ottengono una prospettiva più critica del loro lavoro, aiutandoli a migliorare sia l’applicazione esistente che le loro competenze per il futuro.

 

Le sfide dei test Gray Box

sfide di test di carico

L’uso dei test grey box nel lavoro di sviluppo presenta alcuni svantaggi importanti.

Comprendendo questi inconvenienti e lavorando per mitigarli laddove possibile, aumenterete lo standard complessivo del vostro lavoro alla fine della fase di AQ.

 

Alcuni dei principali svantaggi dei test grey box includono:

 

1. Possibilità di non vedere il codice

 

I test in scatola grigia implicano che alcuni aspetti del codice sono nascosti al tester e che, in caso di problemi durante il test, ciò può portare a ulteriori problemi.

Con il codice non visibile, i membri del personale coinvolti nei test fanno fatica a guidare i loro test per ottenere il massimo dall’applicazione e perdono il vantaggio di vedere subito la causa di un problema.

Il processo di correzione dei bug diventa più offuscato, con la conseguenza che i tempi di aggiornamento diventano più lunghi e le aziende faticano a trovare i problemi nel loro codice.

I prodotti finali possono essere più difettosi e di qualità inferiore a causa di questo codice non visibile.

 

2. I test possono essere imprecisi se le operazioni falliscono

 

La presenza di test accurati è un must in qualsiasi forma di test del software: un grado di accuratezza più elevato indirizza i team verso gli aggiornamenti che possono essere completati nelle versioni future, oltre ad aiutare un team di sviluppo a essere più fiducioso nei propri prodotti.

Questa precisione si riduce quando le operazioni falliscono nei test grey box. I tester ricevono semplicemente un messaggio di “Operazione fallita” dal software se non hanno accesso al codice, impedendo loro di offrire un feedback sul funzionamento del software.

Per ottenere metriche vantaggiose, gli sviluppatori devono applicare una patch al software prima della fase successiva di test. Altrimenti, tutto ciò che un tester può fare è dichiarare che la funzione non funziona nella sua forma attuale.

 

3. Problemi con i sistemi distribuiti

 

I sistemi distribuiti si riferiscono a sistemi software ospitati in luoghi diversi o che si affidano a funzioni quali i dati e i servizi di elaborazione ospitati nel cloud.

Questo rende i test estremamente difficili, in quanto una parte significativa del software è nascosta dietro un organismo di terze parti e i tester ricevono semplicemente un output da un processo sconosciuto.

Quando si verificano problemi con un software che fa uso di sistemi di terze parti, può essere difficile stabilire se il problema riguarda l’applicazione stessa, la funzionalità di terze parti o il modo in cui i due sistemi si integrano, soprattutto quando un tester non può vedere il codice mentre funziona.

 

Caratteristiche dei test Grey Box

Ci sono alcune caratteristiche che accomunano i grey box test e il riconoscimento di questi test aiuta a preparare una strategia per la propria organizzazione.

Alcuni dei principali esempi di caratteristiche dei test grey box, oltre al fatto che queste caratteristiche sono parti importanti del processo di test grey box, includono:

 

– Aumento della copertura:

L’accesso ad alcune parti del codice sorgente offre un maggior grado di copertura nei test, con ulteriori dettagli che consentono di individuare con maggiore precisione i bug.

 

– Flussi di dati:

Molti test grey box si concentrano sul flusso dei dati e sulla comprensione del modo in cui le informazioni si muovono all’interno del sistema.

 

– Non algoritmico:

I test grey box non funzionano quando si esaminano gli algoritmi, poiché si tratta di un ulteriore livello di offuscamento del codice.

 

Cosa verifichiamo nei test Grey Box?

Vantaggi della creazione di un Centro di eccellenza per il testing. Il test delle prestazioni è diverso dal test funzionale?

Ogni diverso tipo di test è più adatto quando si rivolge a parti specifiche del software in questione. Lo stesso vale per il grey box testing, la cui metodologia è più utile in alcune parti distintive di un’applicazione.

 

Alcuni esempi di ciò che i tester valutano quando completano i test grey box includono:

 

1. Sicurezza dell’applicazione

 

I test grey box sono ideali per i test di penetrazione che esaminano la sicurezza di un’applicazione. I tester possono vedere tutto il codice e cercare potenziali vulnerabilità nel processo.

Gli hacker etici sono i tester ideali per i test di sicurezza delle applicazioni, in quanto riconoscono i potenziali punti deboli e le falle del software in modo più naturale rispetto a coloro che non hanno esperienza di violazione della sicurezza del software.

 

2. Test del database

 

Molte aziende utilizzano i test grey box per testare i database, in quanto è possibile tracciare i dati attraverso ogni sottofunzione del software.

I tester possono vedere tutte le modifiche apportate dal software e valutare se sono corrette.

Si tratta di un’utile implementazione dei test grey box, in quanto i test sui database sono prevedibili per loro natura: le aziende utilizzano i database per organizzare le informazioni esistenti piuttosto che per generare nuovi dati.

 

3. Applicazioni web

 

Le applicazioni Web traggono vantaggio dall’uso del grey box testing grazie alla versatilità di questo metodo.

I test grey box possono essere utilizzati per testare la sicurezza, il database, l’integrazione, l’interfaccia utente e il browser, ognuno dei quali è un aspetto fondamentale delle applicazioni web.

Non è necessario cambiare metodologia di test in corso d’opera, per cui si beneficia di un maggiore livello di continuità.

 

Per chiarire un po’ di confusione:

Scatola grigia vs. Scatola bianca vs. Scatola nera Test

Confronto tra i test UAT e i test di regressione e altri test

I test in scatola grigia sono una forma di test affine sia ai test in scatola bianca che a quelli in scatola nera, il che significa che c’è molto potenziale di confusione tra le metodologie.

Scoprite cosa sono i test white e black box e alcune delle differenze fondamentali tra questi e i test grey box nello sviluppo del software:

 

1. Che cos’è il White Box Testing?

 

Il test white box è una forma di test delle applicazioni che fornisce al tester informazioni complete sull’applicazione.

Questo include l’accesso completo al codice sorgente e a tutti i documenti di progettazione del software, il che fornisce al tester una comprensione molto migliore del funzionamento del software.

I tester utilizzano questa comprensione per vedere meglio i problemi presenti nell’applicazione, riportando una prospettiva più accurata del funzionamento dell’applicazione per gli utenti.

Un esempio di utilizzo del white box testing è quello di vedere il flusso di uno specifico input di dati attraverso un’applicazione per capire dove si verifica un problema nei processi dell’applicazione, piuttosto che vedere semplicemente se c’è un problema o meno.

In alcuni casi, nei processi di sviluppo, le aziende utilizzano i test white box.

Il primo di questi è il completamento dei test unitari, che valutano se ogni singolo pezzo di codice o modulo di un pacchetto software svolge il lavoro previsto dallo sviluppatore.

I test unitari aiutano i tester a trovare la maggior parte dei problemi in un’applicazione, poiché esaminano tutte le funzionalità dell’applicazione.

I test white box sono utili anche per individuare le perdite di memoria. Esaminando tutto il codice in dettaglio, un analista QA individua i punti in cui l’applicazione utilizza la memoria del dispositivo e le potenziali aree in cui ne utilizza una quantità eccessiva.

Questo aiuta l’applicazione a funzionare in modo più rapido ed efficiente nelle iterazioni future, in quanto la perdita di memoria riceve una patch il prima possibile.

 

Quali sono le differenze tra i test Gray box e White box?

 

Esistono un paio di differenze sostanziali tra i test white box e quelli grey box: la prima è il livello di informazioni a cui si ha accesso.

I test white box hanno accesso completo al codice sorgente e ai documenti di progettazione del programma, mentre i test grey box hanno accesso solo parziale ad alcune di queste informazioni, soprattutto ai documenti di progettazione.

Questo cambiamento comporta anche una differenza nelle persone che completano i test: gli sviluppatori stessi sono i principali responsabili dei test white box.

I test grey box, invece, sono di competenza del team QA, in quanto i tester non possono avere una conoscenza approfondita del codice.

Inoltre, i test grey box richiedono meno tempo rispetto ai test white box. I test white box sono end-to-end ed esaminano sia il lato utente del software che il codice stesso. Questo richiede molto più tempo per essere completato e significa che un processo di test grey box è un modo molto più rapido di procedere.

Tuttavia, il white box ha un maggiore potenziale di automazione, poiché i tester conoscono il funzionamento del codice interno.

 

2. Che cos’è il Black Box Testing?

 

Il test black box si riferisce a quando un tester esamina un pacchetto software senza avere alcuna comprensione del funzionamento del sistema.

Questo significa non avere accesso a nessun codice che fa parte dell’applicazione o a nessun documento di progettazione o brief disponibile. I tester hanno semplicemente un elenco di funzionalità da testare e una serie di casi di test da completare.

Un esempio di black box testing è il test end-to-end, in cui un tester riceve il pacchetto software completo e testa l’intera applicazione per assicurarsi che la funzionalità funzioni come è stata progettata.

La maggior parte dei casi di test ideali per i test black box sono quelli che si svolgono verso la fine di un processo e che coinvolgono i clienti e il loro punto di vista su un prodotto, con la mancanza di accesso al codice che impedisce qualsiasi pregiudizio sul punto di vista dell’utente.

Le aziende utilizzano i test black box principalmente una volta completati tutti i test funzionali di un’applicazione. Una volta completati tutti i test unitari e i test funzionali, gli sviluppatori capiscono che l’applicazione funziona come si aspettano, almeno con tutti i moduli che lavorano in modo isolato.

I test black box assicurano che l’intera applicazione funzioni come previsto dopo la compilazione, con tutto il codice sorgente teoricamente già in ordine.

 

Quali sono le differenze tra Grey box e Black box Testing?

 

La differenza principale tra i test grey box e black box è la quantità di accesso alle informazioni da parte del tester.

In alcuni casi, un tester black box può avvicinarsi all’applicazione senza avere alcuna conoscenza preliminare del software, limitandosi a eseguire il processo di test e a utilizzare il software come un normale utente.

D’altra parte, un grey box tester ha accesso ad alcuni dei documenti di progettazione e può quindi confrontare ciò che l’applicazione dovrebbe fare con le sue prestazioni reali, fornendo agli sviluppatori un feedback su quali parti specifiche dell’applicazione non sono all’altezza degli standard.

Un’altra differenza è il tempo necessario per risolvere un problema: i test in scatola grigia richiedono un po’ più di tempo.

Incrociare la documentazione e il codice con il modo in cui si sperimenta l’applicazione può richiedere un po’ di tempo, contrariamente al modo in cui i tester della scatola nera lavorano esaminando semplicemente l’applicazione stessa insieme a qualsiasi problema di funzionalità. Questa combinazione rende il black box testing un processo ideale da utilizzare alla fine del processo di sviluppo, quando si prepara il rilascio del prodotto, mentre il grey box funziona meglio quando si è nella fase di sviluppo dell’interfaccia utente e di compilazione.

 

3. Conclusione: Test a scatola grigia vs. scatola bianca vs. scatola nera

 

In conclusione, i test white box, grey box e black box fanno tutti parte dello stesso spettro, in cui il fattore che varia è il livello di accesso che il tester ha durante il processo.

Quando un modulo di test diventa più “nero”, il test è sempre più opaco e l’accesso alle informazioni dietro il software è limitato.

Il white box testing è ideale per le prime fasi del processo, mentre il black box testing eccelle per fasi quali il test end-to-end, che esamina l’intera applicazione dal punto di vista dell’utente.

I test grey box rappresentano una via di mezzo tra i due concetti, aiutando a trovare i problemi nel corso del processo di sviluppo e offrendo una maggiore comprensione, pur mantenendo una parte del codice sorgente nascosta al tester.

 

Tecniche di test in scatola grigia

Che cos'è il test unitario

I test grey box coinvolgono un’ampia gamma di tecniche, ognuna delle quali aumenta lo standard dei test, trova più bug per lo sviluppatore e porta a un prodotto più completo alla fine del processo.

 

Alcune delle tecniche di test grey box più comuni utilizzate dai team QA includono:

 

1. Test della matrice

 

Il test a matrice esamina il rapporto sullo stato del progetto in corso. In alcuni casi si tratta di un semplice stato PASS/FAIL, mentre i processi in corso forniscono maggiori dettagli sul funzionamento continuo dei processi.

Mentre molti test si concentrano sugli input e gli output di un pezzo di codice, i test a matrice esaminano lo stato dei processi stessi piuttosto che i risultati di tali processi.

L’utilizzo di test a matrice consente di concentrarsi maggiormente sull’applicazione stessa, aiutando a trovare bug e problemi anche se i risultati sembrano corretti.

 

2. Test di regressione

 

I test di regressione servono a verificare il software dopo una serie di aggiornamenti. Si tratta di test funzionali e non funzionali che assicurano che l’applicazione continui a funzionare con uno standard sufficientemente elevato anche quando il codice viene modificato.

I tester che utilizzano i test di regressione di solito utilizzano l’automazione, poiché i test di regressione aumentano di portata man mano che il team di garanzia della qualità trova un numero sempre maggiore di difetti.

In alcuni casi, tuttavia, i test manuali sono necessari: le aziende che testano l’interfaccia utente utilizzano test manuali per vedere come un utente umano risponde alle modifiche apportate a menu, pulsanti e opzioni di navigazione.

 

3. Test dei modelli

 

Il pattern testing è una forma di testing che si concentra sul seguire uno schema specifico in ogni test che un’organizzazione completa.

I team di collaudo progettano questi test in modo che siano mirati a tutte le funzionalità del software, e ogni test fornisce all’azienda un livello coerente di informazioni sul funzionamento delle singole funzionalità.

L’utilizzo del test dei modelli a volte richiede la modifica del modello con il passare del tempo per assicurarsi di giudicare tutti i sistemi in gioco, ma una volta che si dispone di un modello che funziona, si evitano le deviazioni per garantire una maggiore coerenza nei risultati.

 

4. Test dell’array ortogonale

 

Il test ad array ortogonale è principalmente una tecnica di test orientata al black-box che si verifica quando i tester utilizzano un numero significativo di ingressi che è troppo grande per testare esaustivamente ogni singolo sistema nel processo.

In questi casi, ogni singolo dato fornisce un’informazione unica a causa della potenziale mancanza di correlazione tra informazioni specifiche. Questo è l’aspetto ortogonale del sistema, con l’utilizzo di informazioni uniche per fornire il massimo livello di dati con il minimo sforzo.

I tempi di test si riducono e si dispone di un equilibrio ideale di dati da fornire al team di sviluppo.

 

I test grey box nel ciclo di vita dell’ingegneria del software

I test grey box rientrano in una fase specifica del ciclo di vita dell’ingegneria del software. Questo ciclo di vita è un’intricata serie di fasi che le aziende seguono nello sviluppo dei loro prodotti, e ogni fase porta a un prodotto di livello superiore.

Sebbene i test siano una parte del processo che si svolge costantemente, il tempo a disposizione per i test grey box è molto limitato.

Questo avviene dopo che la funzionalità iniziale è stata completata e testata attraverso il white box testing e prima che il software sia pronto per il rilascio pubblico; le aziende preferiscono il black box testing nelle ultime fasi.

La scatola grigia è lo strumento perfetto per integrare le funzioni tra loro e garantire che funzionino correttamente in tandem e in modo indipendente.

 

Test manuali o automatizzati della scatola grigia?

visione artificiale per il collaudo del software

Come per qualsiasi forma di test del software, i team di garanzia della qualità possono scegliere se completare i test manualmente attraverso l’impiego di personale esperto o automaticamente, il che comporta la codifica di una serie di casi di test e il loro ripetuto completamento per garantire una serie di risultati accurati.

Scoprite di più sui test manuali e automatizzati, con alcuni dei vantaggi e delle sfide di ciascuno, oltre a quale delle due forme di test è ideale per un’azienda che vuole capire meglio i problemi del proprio prodotto.

 

Test manuale della scatola grigia – Vantaggi, sfide, processo

 

I test manuali sono una parte fondamentale di molti tipi di test, compresi i test grey box.

Questo processo consiste nell’affidare a tester umani l’esame di un software, verificando se il software funziona come ci si aspetta e confrontandolo con i documenti di progettazione preesistenti e con il codice visibile per verificare se ci sono difetti evidenti in queste informazioni che potrebbero causare problemi.

I casi in cui il test manuale è comune includono i software più complicati che richiedono l’intervento di un essere umano per fornire una visione qualitativa.

Altri utilizzi includono le piccole aziende che cercano di valutare in modo approfondito il proprio software, in quanto le applicazioni e i pacchetti di piccole dimensioni richiedono relativamente poche risorse per essere valutati rispetto ai programmi più grandi prodotti da aziende più grandi.

 

1. Vantaggi dei test manuali grey box

 

I vantaggi del test manuale grey box per qualsiasi software sono molteplici. Conoscere questi vantaggi significa poter indirizzare i test verso di essi, scoprendo un maggior numero di problemi nel vostro software e aumentando lo standard del vostro lavoro grazie a un migliore regime di test.

 

I principali vantaggi del grey box testing manuale sono:

 

Feedback dettagliato

 

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

TASK-AGNOSTIC SOFTWARE AUTOMATION?

Il primo grande vantaggio dell’utilizzo dei test manuali grey box è che i tester umani possono fornire un livello significativo di feedback allo sviluppatore.

Quando si utilizzano i test automatizzati, i casi di test sono progettati per produrre metriche molto specifiche e ripetute, che forniscono agli analisti una visione quando hanno il tempo di valutare i dati.

Questo è un po’ diverso quando si utilizza il test manuale, in quanto un tester può fornire un feedback più approfondito su quale caratteristica specifica non ha funzionato e sulle potenziali ragioni del problema dopo averlo confrontato con la documentazione di progetto.

L’uso di feedback dettagliati guida non solo gli aggiornamenti delle funzionalità esistenti, ma anche le potenziali nuove funzionalità che un tester raccomanda agli utenti.

 

Migliori interpretazioni

 

L’automazione dei test significa che le conclusioni si basano sulla valutazione dei dati ricevuti da un test e sulla deduzione razionale di ciò che significa per il software.

Al contrario, i tester manuali hanno una conoscenza molto più approfondita del funzionamento dell’applicazione stessa.

Possono confrontare il codice della scatola grigia con ciò che sta accadendo in tempo reale, facendo una valutazione accurata in quel momento piuttosto che dover fare deduzioni a posteriori.

Alcune piattaforme di automazione possono offrire prestazioni simili grazie a una funzione di replay, ma questo richiede comunque un intervento manuale.

 

Test flessibile

 

L’automazione dei test comporta la codifica di casi di test molto specifici in una piattaforma, il che significa che il software completa quella specifica serie di compiti più volte.

Sebbene sia ideale per la ripetizione, introduce una sfida unica in quanto non c’è flessibilità nei test.

L’utilizzo di un tester umano è ideale in questi casi, in quanto aggiunge maggiore flessibilità al processo. Se un tester umano nota un potenziale problema che esula leggermente da un caso di test strettamente definito, può esaminarlo e riferire i risultati alla fine del processo.

Ciò consente alle aziende di avere una copertura più completa del software, scoprendo i bug che un sistema automatico non è in grado di individuare.

 

2. Sfide del test manuale grey box

 

Se da un lato ci sono molti vantaggi nell’utilizzare i test manuali nel processo di sviluppo del software, dall’altro ci sono anche diversi svantaggi. Questi variano a seconda di alcuni fattori, tra cui il software specifico su cui l’azienda sta lavorando, le dimensioni del team di sviluppo e il livello di competenze dei membri dei team di test e sviluppo.

 

Le sfide più importanti del testing manuale sono

 

Elevato costo del lavoro

 

Il costo della manodopera è una delle spese più significative che un’azienda affronta, in quanto si tratta di pagare per ottenere il miglior personale disponibile, in modo che l’azienda possa migliorare lo standard del suo lavoro.

Poiché i test manuali gray box possono richiedere molto tempo, l’azienda deve pagare i tester per lavorare durante tutto il processo. Per alcune delle applicazioni più grandi, questo può richiedere ore e far lievitare il costo dei tester manuali.

Gli sviluppatori possono cercare di mitigare questo problema bilanciando l’automazione dei test grey box con i test manuali o riducendo i costi di manodopera oraria, ma in questo modo si rischia un calo della qualità dei test.

 

Errore umano

 

I test automatizzati completano processi semplici in modo efficace, ripetendoli con un alto grado di accuratezza in un modo che una persona non può fare.

Gli esseri umani commettono errori e piccoli errori, che possono essere il risultato di qualsiasi cosa, dalla pressione accidentale del pulsante sbagliato alla perdita di attenzione per un paio di secondi.

Errori di questo tipo possono portare a dati imprecisi e indurre gli sviluppatori a concentrare la loro attenzione sulla parte sbagliata del software, sottraendo tempo prezioso allo sviluppo e peggiorando il prodotto.

Cercate di risolvere questo problema completando, ove possibile, test greybox ripetuti per verificare i risultati man mano che i test proseguono.

 

Richiede molto tempo

 

Mentre i computer possono completare i compiti in un istante, le persone impiegano un po’ più di tempo.

Ciò è dovuto a diversi fattori, dai tempi di reazione al semplice fatto di lavorare più lentamente rispetto alla velocità ottimale, il che rallenta il processo di test.

Un processo di test più lento significa meno tempo per i team di sviluppo per lavorare all’eliminazione di bug e difetti dal prodotto, poiché tutto il tempo viene impiegato per trovare i problemi in primo luogo.

Questo problema non è facile da mitigare: una potenziale soluzione è rappresentata da un regime di testing ibrido, che prevede un bilanciamento tra test manuali e test automatizzati di tipo grey box.

 

Automazione dei test in scatola grigia – Vantaggi, sfide, processo

Automazione dei test di carico

L’automazione dei test si riferisce al processo di utilizzo di una piattaforma di automazione per rendere automatiche alcune parti del processo di test grey box.

Il processo funziona chiedendo ai progettisti di test di creare una serie di casi di test con analisti QA o professionisti simili che codificano questi test nei programmi di automazione, con alcuni che utilizzano l’automazione robotica dei processi come ulteriore strumento.

In questi casi, gli analisti QA comprendono già parte del codice o dei documenti di progettazione.

Questo tipo di test è più comune su pacchetti software molto più grandi, poiché i tester grey box non hanno il tempo di verificare manualmente tutti gli aspetti del processo.

Al termine di un processo automatizzato, la piattaforma restituisce all’analista QA un rapporto che segnala i punti di errore e una serie di metriche importanti.

 

1. Vantaggi del test automatizzato della scatola grigia

 

L’utilizzo di test automatizzati di tipo grey box nei processi di un team di assicurazione della qualità presenta alcuni vantaggi evidenti.

Concentrandosi su questi vantaggi e sfruttandoli al meglio, un’azienda può aumentare l’efficacia dei suoi test grey box e risolvere il maggior numero possibile di problemi in questa fase del flusso di lavoro.

 

Alcuni dei principali vantaggi dell’utilizzo dell’automazione nel vostro lavoro di grey box testing includono

 

Test rapido

 

I sistemi automatizzati sono progettati per eseguire test incredibilmente rapidi, eseguendo una serie di processi il più velocemente possibile. Questo vantaggio diventa ancora più evidente quando si completano test a scatola grigia ripetuti, in quanto ogni singola esecuzione richiede meno tempo.

La quantità di tempo risparmiata da un’esecuzione all’altra aumenta in modo significativo e l’azienda ha molto più tempo per completare attività urgenti come l’aggiornamento del software stesso e la fornitura di feedback a clienti e potenziali clienti.

La rapidità dei test è particolarmente utile quando si lavora dopo il rilascio, dato che la correzione delle funzionalità il più presto possibile è indispensabile per migliorare il modo in cui le persone vedono l’azienda.

 

Metriche accurate

 

Le metriche sono una parte significativa del funzionamento del testing del software, in quanto forniscono informazioni numeriche al tester per indicare potenziali problemi.

I computer e le piattaforme di automazione offrono metriche estremamente precise, con tempi di risposta misurati al millisecondo.

Disporre di metriche più precise significa poter tenere traccia di piccoli cambiamenti nelle prestazioni di un’applicazione, aiutandovi a capire se un aggiornamento ha migliorato le prestazioni o se ha portato a flussi di lavoro standard che richiedono più tempo.

 

Costi ridotti

 

Uno dei costi maggiori del testing in un contesto di sviluppo di software gray box è quello degli stessi tester grey box.

L’assunzione di esperti di test del software è costosa, soprattutto quando si cercano tester grey box, che richiedono una maggiore varietà di competenze, per offrire i più alti standard possibili alla vostra organizzazione.

L’automazione significa che ci sono meno persone che completano i test manuali grey box, eliminando molti costi di personale dal processo.

Sebbene le piattaforme di automazione abbiano dei costi, la maggior parte delle quali richiede un abbonamento mensile, questi sono di gran lunga inferiori rispetto al pagamento di un dipendente che svolga il lavoro per voi.

 

2. Sfide del test automatizzato della scatola grigia

 

L’utilizzo dell’automazione nei processi di test grey box presenta numerose sfide.

Mentre alcune organizzazioni si concentrano sui benefici, ci sono molti vantaggi nel conoscere le sfide del gray box testing e nel considerarle durante il lavoro.

È possibile implementare i test grey box in modo da evitare le sfide e le limitazioni in futuro.

 

Le sfide principali dei test automatizzati grey box sono:

 

Impostazione iniziale

 

La configurazione iniziale è una delle sfide più grandi del processo di automazione. Si riferisce al tempo necessario per passare a una nuova piattaforma di test, compresa l’installazione della piattaforma, l’insegnamento agli utenti di come utilizzarla e la codifica dei primi test sul software.

Tutto questo è tempo improduttivo che un’azienda vuole limitare il più possibile.

L’utilizzo di un software di automazione di qualità superiore, con esperti a disposizione in caso di necessità, è l’ideale in questo caso, in quanto si dispone di un supporto di terze parti che assicura che l’automazione della scatola grigia, e altri tipi di test, si svolgano senza problemi fin dall’inizio.

 

Requisiti di competenza elevati

 

Sebbene i test manuali richiedano alti livelli di competenza, gli analisti QA che lavorano con l’automazione devono comunque avere un alto livello di competenza.

Questo avviene sotto forma di competenze di codifica, utilizzate principalmente per creare casi di test e leggere il codice disponibile nello scenario della scatola grigia.

Gli sviluppatori possono attenuare questo problema assumendo specificamente tester con esperienza di sviluppo o che abbiano lavorato in passato a progetti di codifica. Si limita il tempo di formazione sul posto di lavoro e si garantisce che ogni nuovo assunto abbia la capacità di adattarsi ai requisiti dei test automatizzati grey box.

Alcune aziende puntano a utilizzare un sistema di automazione senza codice per eseguire i test gray box come alternativa, ma questo può portare a una minore flessibilità sul posto di lavoro.

 

Sorveglianza costante

 

I test automatizzati esistono in parte per evitare di affidarsi alle persone, mentre i test manuali prevedono un costante coinvolgimento umano nei processi.

Questo non è il caso dell’automazione dei test, ma le aziende devono comunque avere un buon livello di supervisione.

La supervisione comporta l’esame dei risultati dei test grey box e la loro manutenzione per assicurarsi che tutto funzioni ancora come previsto dallo sviluppatore.

Le aziende possono contribuire a migliorare lo standard di supervisione disponibile in vari modi: l’ideale è che un unico professionista sia responsabile della supervisione dei test.

Questo porta a un maggiore livello di specializzazione, con quel membro del personale che diventa un tester esperto di grey box che lavora con l’automazione in modo più rapido ed efficace.

 

Conclusione: Automazione manuale o Grey box Test?

Vantaggi della creazione di un Centro di eccellenza per il testing. Il test delle prestazioni è diverso dal test funzionale?

In conclusione, i test manuali in scatola grigia e i test automatizzati hanno entrambi il loro posto nel processo di test del software.

Le piccole aziende e le startup traggono vantaggio dall’implementazione di test manuali grey box quando il loro codice è relativamente piccolo e gestibile, mentre l’automazione diventa sempre più utile quando le applicazioni continuano a crescere e ad avere più funzioni.

Tuttavia, ci sarà sempre un posto per i test manuali, grazie al maggiore livello di approfondimento, dettaglio e flessibilità che offrono alle aziende.

La soluzione grey box ideale per qualsiasi azienda è un modello ibrido, che utilizza test manuali e automatizzati in punti diversi per tenere conto dei punti di forza e di debolezza di entrambe le tecniche.

Un approccio olistico espone un maggior numero di problemi di un pacchetto software, aiutando a correggere il software in modo più efficace e, in ultima analisi, fornendo ai clienti un prodotto migliore alla fine dello sviluppo.

 

Di cosa avete bisogno per iniziare i test della scatola grigia?

Che cos'è il test unitario?

Ci sono alcuni prerequisiti che le aziende richiedono prima di avviare i processi di grey box testing. La presenza di questi elementi rende possibile il processo di test o semplifica notevolmente il test del software per il team di garanzia della qualità, che ha a disposizione più risorse.

 

I prerequisiti per il completamento dei test grey box includono:

 

1. Documenti di progettazione o codice sorgente

 

La prima cosa di cui si ha bisogno per avviare il processo di test della scatola grigia è la documentazione di progetto o il codice sorgente. I tester devono essere in grado di accedere a queste informazioni perché il test sia considerato un test grey box, in grado di offrire una visione del funzionamento interno del software stesso.

Queste informazioni tendono a essere il più possibile pertinenti, ad esempio la stringa di codice per la funzione specifica che il tester sta esaminando.

Quando si usa il grey box piuttosto che il white box testing, si fornisce solo una parte del codice e della documentazione di progettazione, quindi bisogna fare attenzione al livello di accesso che si fornisce.

 

2. Descrizione del prodotto

 

Un product brief o application brief è un documento che le aziende utilizzano per comprendere appieno ciò che un cliente sta cercando in un pacchetto software. Questo definisce in modo dettagliato le esatte funzionalità che il cliente desidera dal software, il design che il cliente desidera e qualsiasi altra specifica necessaria.

La lettura di un brief di prodotto significa che un grey box tester può cercare tutte le caratteristiche che un cliente desidera, assicurandosi che siano presenti nel software e garantendo che il prodotto soddisfi tutti gli obiettivi che un’azienda ha per la sua applicazione.

Alcune aziende limitano la quantità di informazioni che i tester gray box possono vedere, a seconda delle politiche di riservatezza dell’azienda.

 

3. Obiettivi del test

 

Gli sviluppatori e le aziende hanno obiettivi specifici quando completano i test, talvolta indicati come specifiche di test. Questo è molto importante nel processo di grey box testing, perché significa che gli sviluppatori possono fornire ai grey box tester tutte le informazioni giuste, mentre il team di assicurazione della qualità progetta test che corrispondono agli obiettivi del processo di testing.

In questo caso tutti lavorano in modo più efficace, perché sanno cosa stanno cercando e come raggiungere al meglio questi obiettivi.

 

Processo di test in scatola grigia

tipi di test di prestazione

I test grey box seguono un processo relativamente coerente, con passaggi chiari che indicano le singole fasi che un’azienda deve completare per raggiungere i propri obiettivi di test.

Seguendo il processo in modo chiaro e costante si ottengono risultati accurati e coerenti che informano gli sviluppatori su dove si trovano i problemi e su come risolverli.

 

Le fasi principali di un test grey box sono:

 

1. Determinazione degli input e degli output

 

La prima fase del processo consiste nel determinare gli input e gli output che ci si aspetta dall’applicazione.

Scegliete un input che rientri nei limiti di ciò che l’applicazione può normalmente gestire, in modo da rendere il test equo, e calcolate l’output che vi aspettate da quell’input.

Completando questa previsione all’inizio del progetto, si sa se qualcosa è andato storto alla fine dei test.

 

2. Identificare i flussi primari

 

I flussi primari sono i percorsi che i dati seguono in un software per raggiungere l’output finale.

Identificare il flusso primario significa poter tracciare meglio il modo in cui le informazioni passano attraverso i processi di un software, stabilendo le potenziali aree in cui si verificano i difetti e lavorando per risolverli se c’è un problema con il software.

 

3. Identificare le sotto-funzioni, con ingressi e uscite

 

Le sottofunzioni sono operazioni di base all’interno di un flusso primario. Ogni sottofunzione è alimentata da un’altra e alimenta la successiva, portando infine a un risultato finale del software.

Stabilite quali sono gli input di ciascuna sottofunzione e i risultati previsti per ciascuna di esse.

L’operazione a livello di sottofunzione fornisce un ulteriore livello di approfondimento per l’individuazione di eventuali problemi software.

 

4. Sviluppare un caso di test

 

Un caso di test si riferisce a un insieme di eventi che si verificano nel software per verificare se l’applicazione funziona come ci si aspetta.

Assicuratevi che questo caso di test grey box esamini correttamente la parte del software che state esaminando.

Concentratevi anche sulla coerenza, assicurandovi che il caso di test sia facile da replicare per ottenere risultati più precisi dal vostro test gray box.

 

5. Eseguire il caso di test

 

Avviare l’esecuzione del caso di test.

Si tratta di inserire gli input in ciascuna delle sottofunzioni e di vedere quali sono gli output, annotando tutti i risultati.

Nei test grey box automatizzati, il processo di registrazione è automatico, con i tester manuali che annotano tutti gli input e gli output.

Se potete, testate tutte le sottofunzioni singolarmente prima di eseguire l’intero flusso in una volta sola, per verificare che ogni funzione funzioni funzioni in modo indipendente.

 

6. Verifica dei risultati

 

Dopo aver ricevuto i dati dal caso di test, iniziare a verificare i risultati.

Ciò significa esaminare i risultati ottenuti dal software e confrontarli con quelli previsti all’inizio del processo.

Se c’è una differenza tra i due, questo indica che potrebbe esserci un bug nel software, in quanto non funziona come previsto inizialmente.

 

7. Creare un rapporto

 

Al termine del processo di grey box testing, create un report sui risultati del test.

Ciò comporta un riassunto di base dei problemi del software, una valutazione di alcune potenziali soluzioni ai problemi e, ove possibile, tutti i dati generati dai test.

L’utilizzo di questa struttura fornisce una lezione principale per il lettore prima di fornire tutte le prove necessarie, risultando in definitiva un documento coeso che offre molte indicazioni.

 

Migliori pratiche per i test Greybox

test api e automazione

Le best practice si riferiscono ai processi, ai compiti e ai principi che i dipendenti completano in un test di AQ per raggiungere i più alti standard possibili.

 

Alcune di queste best practice per i team QA che desiderano aumentare lo standard del loro lavoro includono:

 

1. Lavorare con attenzione

 

Come per qualsiasi altro metodo di test, prendetevi il tempo necessario e lavorate con attenzione. Un singolo errore può invalidare un test, quindi essere lenti e costanti nel garantire l’accuratezza del proprio lavoro consente di risparmiare tempo nel lungo periodo e di migliorare lo standard del software. Questo è particolarmente vero nei test grey box, poiché non si sa con quali parti del codice sorgente si sta lavorando in ogni momento.

 

2. Comunicare costantemente

 

Dovrebbe esistere una catena di comunicazione costante tra gli sviluppatori e i tester della scatola grigia. In questo modo gli sviluppatori hanno un feedback immediato su qualsiasi bug scoperto dal team di testing e i tester sanno a cosa prestare attenzione.

Se il bug fa parte dell’aspetto visibile del riquadro grigio, fate sapere agli sviluppatori dove si trova esattamente.

 

3. Stabilire limiti rigorosi

 

Quando i test grey box utilizzano limiti artificiali alle informazioni, con l’azienda stessa che decide quali informazioni fornire ai tester, assicuratevi di avere limiti rigorosi.

Date al team QA solo le autorizzazioni necessarie, altrimenti rischiate che “guardino dietro la tenda” e vedano il codice sorgente o i documenti di sviluppo che state cercando di tenere nascosti.

 

7 errori e insidie nell’implementazione dei test Grey box

post sull'automazione del test del software

Con centinaia di migliaia di applicazioni che passano attraverso il processo di test ogni anno, ci sono alcuni errori e trappole in cui cadono i team QA.

Conoscerli significa poterli evitare in modo efficace, migliorando il proprio lavoro e riducendo le possibilità di sprecare risorse con strategie di test inadeguate.

 

Alcuni degli errori e delle insidie più comuni nei test grey box includono:

 

1. Testare i sistemi distribuiti

 

I test grey box richiedono l’accesso al codice sorgente e i server distribuiti utilizzano codice proveniente da altre sedi. Ciò causa problemi per i test grey box, in quanto significa che ci sono problemi che i tester potrebbero non essere in grado di vedere.

 

2. Completamento di test incoerenti

 

Il test incoerente si riferisce a una situazione in cui un caso di test varia da un’esecuzione all’altra. Questo può causare risultati imprecisi, con gli sviluppatori che si concentrano sul miglioramento delle prestazioni sulla base di metriche errate.

Rendere ogni test identico, ove possibile, per aumentare la precisione e l’accuratezza dei test.

 

3. Affrettare i test

 

Se la data di rilascio del prodotto è imminente, i team QA possono essere tentati di affrettare i processi di test grey box.

Tuttavia, questo è un segno di cattiva pianificazione e non si dovrebbe rispondere con altre decisioni sbagliate. Test affrettati portano a risultati imprecisi e a perdite di tempo nella fase di sviluppo.

 

4. Non implementare manuale e automazione insieme

 

Né i test manuali né quelli automatizzati sono metodi perfetti per i test grey box.

L’utilizzo congiunto di questi due strumenti consente di tenere conto dei problemi di ciascuno di essi e, in definitiva, di lavorare in modo più efficace.

Per lo meno, considerate la possibilità di combinare i due metodi per migliorare i test.

 

5. Lavorare senza strumenti

 

Gli strumenti di test sono progettati per semplificare al massimo il lavoro di un tester grey box. Lavorare senza strumenti significa limitare inutilmente le proprie capacità.

Ricercate accuratamente e acquisite tutti gli strumenti che potrebbero aiutare il vostro sviluppo per aumentare l’efficienza e ridurre il potenziale di errori.

 

6. Scarsa comunicazione

 

La comunicazione interna tra i reparti può essere un problema, ma tra i reparti di test e di sviluppo è d’obbligo comunicare il più chiaramente possibile.

Una migliore comunicazione significa che gli sviluppatori conoscono i miglioramenti da apportare immediatamente e risolvono i problemi senza essere fuorviati da una scarsa messaggistica interna.

 

7. Cercare attivamente i bug

 

I test grey box esistono per trovare eventuali bug, ma anche per esaminare le prestazioni generali del software.

Dedicare troppo tempo alla ricerca di bug può portare via molto tempo e distrarre dall’obiettivo principale di migliorare il funzionamento di un’applicazione.

 

Tipi di output dei test Gray Box

vantaggi della creazione di un centro di eccellenza per il testing (TCoE)

I test grey box generano diversi tipi di informazioni alla fine di un processo. Questo non si riferisce ai risultati del software stesso, ma piuttosto ai dati che gli sviluppatori possono utilizzare per migliorare il software.

 

I principali tipi di output sono:

 

1. Messaggi PASS/FAIL

 

Un semplice messaggio PASS/FAIL che informa lo sviluppatore se l’operazione software ha avuto successo.

Questo tipo di output non fornisce allo sviluppatore molte informazioni, ma l’uso di test grey box significa che un tester può vedere in quale punto specifico il software ha fallito e perché, aiutando a risolvere il problema.

 

2. Metriche

 

Le metriche si riferiscono a semplici statistiche che descrivono un evento, come ad esempio il tempo necessario per completare un’attività specifica al millisecondo. Questi sono comuni nei test grey box automatizzati, con piattaforme informatiche che raccolgono automaticamente queste informazioni con un livello di precisione superiore a quello che potrebbe avere un tester manuale.

Queste informazioni sono utili per stabilire le prestazioni di un’applicazione.

 

3. Dati qualitativi

 

Informazioni descrittive che si ricevono da un tester gray box dalla sua esperienza con il software. Non quantificabile, il che rende più difficile l’analisi, ma fornisce un livello migliore di comprensione dell’esperienza dell’utente e rende i clienti più a loro agio con il software.

 

Esempi di test Grey Box

Test di Bak end, strumenti, cos'è, tipi, approcci

In alcuni casi, la conoscenza della teoria di una forma di test non offre una visione sufficiente e non consente una comprensione adeguata. Conoscere alcuni esempi di test grey box è essenziale per migliorare la comprensione del funzionamento della metodologia di test.

Di seguito sono riportati alcuni esempi di test grey box che forniscono maggiori dettagli sui test nel mondo reale e su come la teoria si applica ai luoghi di lavoro pratici.

 

1. Esempio di test di sicurezza riuscito

 

Un’azienda sta creando un database con molti dati personali e pianifica test di sicurezza per assicurarsi che i dati degli utenti siano protetti.

Un tester manuale esegue il processo alla ricerca di potenziali difetti nel codice e di opportunità di accesso a parti dell’applicazione.

Dopo aver trovato un punto debole, il tester informa lo sviluppatore su dove si trova il punto debole e su come lo ha sfruttato.

Quando il software viene aggiornato, il tester esegue nuovamente lo stesso test per garantire la sicurezza del sistema.

 

2. Esempio di test del database fallito

 

Gli sviluppatori che creano un database hanno tempi stretti per il rilascio e devono eseguire i test rapidamente.

I tester mettono insieme in fretta e furia alcuni casi di test di base e li completano rapidamente, commettendo errori nell’esecuzione, non preparando previsioni sull’output e non esaminando le sottofunzioni.

Non preparando le previsioni di output, non si rendono conto dei problemi di output, spedendo di conseguenza un prodotto che non funziona correttamente.

 

Tipi di errori e bug rilevati attraverso il test Grey box

zaptest-runtime-error.png

Uno degli obiettivi principali dei test grey box è quello di trovare errori e bug in un programma, con le aziende che cercano di fornire applicazioni di alto livello su cui i loro clienti possano fare affidamento ogni volta che è possibile.

Ci sono alcuni tipi specifici di errori e bug che i tester possono trovare nel processo di test grey box, ognuno dei quali può indicare un problema diverso nel codice.

 

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

TASK-AGNOSTIC SOFTWARE AUTOMATION?

I tipi di errori e bug rilevati nei test grey box includono:

 

1. Fallimento del processo

 

La prima forma di errore è il fallimento del processo.

Questo si riferisce a quando il test non restituisce alcun tipo di risultato e si blocca semplicemente.

Esistono diverse cause potenziali di questi problemi e, in un caso ideale, un tester grey box può stabilire da dove proviene un problema e come uno sviluppatore può codificare una risposta.

 

2. Uscita non corretta

 

Alcuni errori nei test grey box si verificano quando l’output di un processo non è quello previsto dagli sviluppatori.

Questo è un problema serio in casi come quello di un database, in cui la conservazione sicura di informazioni corrette è una necessità.

 

3. Errori di sicurezza

 

Gli errori di sicurezza si verificano quando l’applicazione di un’azienda è in qualche modo insicura e consente a terzi di accedere alle informazioni contenute al suo interno.

Le falle nella sicurezza di un’applicazione possono essere un problema per il GDPR e rendere l’applicazione non conforme a una serie di normative internazionali.

 

Metriche comuni per i test grey box

test di carico

Le metriche si riferiscono a misurazioni costanti che esaminano un determinato evento o una serie di eventi, in genere sotto forma di dati quantitativi.

Utilizzando le metriche, i tester e i team di garanzia della qualità possono esaminare il software sottoposto a un test greybox e vedere esattamente cosa non va, sia che si tratti di un maggior numero di errori o di diverse funzionalità che richiedono più tempo per essere caricate.

 

Alcune delle più comuni metriche di test grey box che i tester QA utilizzano quando valutano il software includono:

 

– Tempo di uscita:

Il tempo necessario all’applicazione per produrre un output dopo l’avvio del test.

 

– Tempo di risposta:

Il tempo necessario al software per rispondere all’input dell’utente, sia sotto forma di risultato che di semplice riconoscimento dell’input.

 

– Numero di errori:

Il numero puro di errori che il software presenta nei suoi processi.

 

– Errori per funzione:

Il numero di errori presenti diviso per il numero di funzioni del software, utilizzato per stabilire la densità di errore.

 

I migliori strumenti di test Grey Box

I test grey box possono affidarsi a strumenti esterni per migliorare la qualità del lavoro, automatizzando alcuni processi e supportando l’utente nella creazione di correzioni per i bug riscontrati.

Migliore è lo strumento di test utilizzato, maggiore sarà il numero di problemi scoperti e migliore sarà lo standard del prodotto finale, il tutto risparmiando tempo e risorse durante il test.

Di seguito sono riportati alcuni dei migliori strumenti di test grey box, oltre ai vantaggi e agli svantaggi dell’utilizzo di ciascuna piattaforma.

 

5 migliori strumenti gratuiti per il test delle scatole grigie

 

Quando un’azienda di piccole dimensioni vuole iniziare a fare grey box testing, avere a disposizione gli strumenti giusti è un must, ma averli a un prezzo ragionevole può essere altrettanto importante. In una piccola impresa ogni centesimo conta, e lo sviluppatore di app non è da meno: i budget ridotti portano a decisioni difficili.

L’uso di strumenti gratuiti di test grey box è perfetto per garantire la qualità con risorse minime.

 

Alcuni dei migliori strumenti gratuiti per i test grey box includono:

 

1. ZAPTEST EDIZIONE GRATUITA

I migliori strumenti gratuiti e aziendali per l'automazione dei test del software

L’edizione gratuita di ZAPTEST offre ai suoi utenti un’esperienza di automazione di alta qualità, con un’automazione del software full-stack che supporta i test fin dall’inizio dello sviluppo.

Con l’esecuzione in parallelo, è possibile completare più test alla volta per accelerare i processi e, quando si è pronti a passare al livello successivo, l’edizione Enterprise rende la transizione più semplice possibile. Come ulteriore vantaggio, ZAPTEST offre anche una tecnologia RPA all’avanguardia, senza costi aggiuntivi.

La scelta perfetta per chi è agli inizi della sperimentazione.

 

2. Appium

 

Strumento di test approfondito, progettato per garantire che le applicazioni mobili siano conformi agli standard, Appium ha una comunità di supporto attiva, ma esegue i test in modo relativamente lento. In combinazione con una configurazione impegnativa, questo non è il miglior strumento gratuito per molte aziende.

 

3. Strumenti di Chrome Dev

 

Google Chrome offre una serie di strumenti di sviluppo per le applicazioni web e, grazie all’integrazione nel browser più diffuso, sembra un must.

Tuttavia, si limita a testare gli elementi di una scatola, il che lo rende uno strumento di test restrittivo.

 

4. JUnit

 

JUnit è un framework open-source che consente agli utenti di completare test ripetibili più volte in Java, limitandosi a un unico linguaggio.

Di per sé, questo limite non è un problema, ma la mancanza di un’API e di un’interfaccia semplici può renderlo poco interessante per i tester più giovani.

 

5. DBUnit

 

DBUnit si concentra sul supporto di progetti orientati ai database, utilizzando stati noti per verificare accuratamente i risultati ed esaminare in modo esaustivo gli esiti.

È perfetto per i database e le applicazioni simili, ma la mancanza di supporto per l’integrazione lo rende difficile nelle attività multipiattaforma.

 

5 migliori strumenti di test Grey Box per le aziende

 

Con la crescita di uno sviluppatore, crescono anche i requisiti di test: le aziende più grandi hanno applicazioni più grandi e richiedono di conseguenza suite di test più complete.

Per supportare le aziende in questa situazione esistono strumenti di testing grey box di tipo enterprise, che forniscono un maggiore accesso a funzionalità avanzate di cui gli sviluppatori amatoriali e su piccola scala potrebbero non avere bisogno.

 

Alcuni dei migliori strumenti di test di livello aziendale per l’esecuzione di un test grey box sono i seguenti:

 

1. ZAPTEST EDIZIONE ENTERPRISE

L’edizione Enterprise di ZAPTEST offre maggiori capacità di test rispetto alla versione gratuita, e uno dei principali vantaggi è l’accesso costante a un esperto ZAP. Un esperto ZAP agisce come consulente e membro del vostro team su base remota, supportando tutte le esigenze di test della vostra azienda.

Gli sviluppatori che investono in ZAPTEST Enterprise edition possono vedere fino a dieci volte il ritorno sul loro investimento grazie alle tecnologie avanzate di Computer Vision, 1SCRIPT, l’esecuzione cross-platform, cross-device, cross-browser e soprattutto le licenze illimitate.

Le licenze illimitate, oltre alla tecnologia di test e RPA più avanzata, fanno sì che le imprese beneficino di un costo fisso, indipendentemente dalla velocità e dall’entità della loro crescita.

 

2. TestRail

 

Una soluzione di gestione dei casi di test che consente di suddividere tutti i test completati per caso di test, registrando i dati in modo più accurato.

Tuttavia, TestRail non è necessariamente ideale per i test grey box, in quanto fatica a bilanciare i test manuali con la registrazione automatica dei test.

 

3. Testimonianza

 

Una piattaforma di test che si concentra sull’offerta di test stabili e personalizzati, implementando sia casi di test codificati che alternative non codificate.

Poiché è gratuito solo per un determinato numero di test al mese, le organizzazioni più grandi possono avere difficoltà a sfruttare al meglio questa piattaforma.

 

4. TestRigor

 

TestRigor è una piattaforma molto apprezzata che utilizza un motore di intelligenza artificiale per completare i test, e la manutenzione dei test di intelligenza artificiale è una delle caratteristiche più interessanti.

Tuttavia, ciò comporta un prezzo significativo, mentre altre piattaforme offrono un migliore ritorno sull’investimento.

 

5. Kobiton

 

Kobiton è una piattaforma di test relativamente flessibile per quanto riguarda i prezzi, in quanto automatizza i test per utente dopo il completamento di una prova gratuita.

Una preoccupazione che alcuni utenti nutrono nei confronti di Kobiton è la relativa mancanza di supporto da parte di Kobiton quando si tratta di risolvere le domande dei tester.

 

Quando è opportuno utilizzare strumenti di tipo Enterprise o Freemium?

Vantaggi della creazione di un Centro di eccellenza per il testing. Il test delle prestazioni è diverso dal test funzionale?

Sia gli strumenti enterprise che quelli freemium offrono ai loro utenti numerosi vantaggi. L’ideale per le aziende è iniziare con un prodotto freemium per imparare il processo di testing, per poi passare a un’edizione enterprise quando le esigenze aumentano.

Questo introduce un livello di continuità nel progetto, limitando la quantità di riqualificazione del personale.

Il punto di passaggio varia da azienda ad azienda, ma a un certo punto il ritorno sull’investimento di un prodotto aziendale diventa inevitabile.

 

Lista di controllo, suggerimenti e trucchi per il test della scatola grigia

Lista di controllo per il test del software

Completare i test grey box è un processo piuttosto complesso, per cui avere una lista di controllo da cui partire aiuta a rassicurarsi di aver fatto tutto il necessario per i test.

 

Tra le caratteristiche principali di una lista di controllo grey box, oltre ad alcuni suggerimenti per migliorare la qualità dei test, vi sono:

 

1. Pianificazione accurata

 

La pianificazione completa è una delle prime cose da spuntare in un test, poiché è necessario assicurarsi di pianificare assolutamente ogni aspetto di un test.

Maggiore è la pianificazione, maggiore è la struttura dei test, in quanto le persone sanno quali test stanno completando e quando li stanno completando.

Questo porta anche a dati coerenti, ideali per soluzioni migliori per gli sviluppatori.

 

2. Reporting istantaneo dei dati

 

Quando si lavora su un processo di test grey box, cercare di riportare i dati istantaneamente. Creando i report il prima possibile, si aumenta l’accuratezza dei processi di reporting, poiché tutte le informazioni sono ancora fresche nella mente.

Questo vale soprattutto per le informazioni qualitative, che devono essere scritte dal tester e non semplicemente memorizzate su una piattaforma di test.

 

3. Stabilire le responsabilità

 

Nel corso dei processi di verifica, assicuratevi che tutti sul posto di lavoro si concentrino sulle proprie responsabilità specifiche. In questo modo, ognuno sa qual è il suo ruolo sul posto di lavoro e comprende come svolgere i propri compiti in modo produttivo e con interruzioni minime.

Sebbene si tratti di un concetto di gestione più che di una checklist di verifica, ha un impatto importante sui risultati.

 

4. Confronto costante

 

Confrontate i vostri risultati con diversi elementi su base quasi costante. I punti di confronto includono la documentazione iniziale del progetto, i risultati dei test precedenti e la tempistica dell’organizzazione per il completamento del progetto.

Avere questi quadri di riferimento informa costantemente sull’andamento del processo di sviluppo del software, sulle aree di miglioramento e sulle potenziali modifiche da apportare.

 

Conclusione

 

In conclusione, i test grey box sono una delle forme più versatili di test disponibili, in quanto combinano la funzionalità dei test white box con la limitazione dei test black box.

Combinando metodi di test manuali e automatizzati nei vostri sforzi di grey box, le aziende possono iniziare a ridurre significativamente l’impatto dei bug sul loro software, attuando correzioni che portano a un prodotto migliore.

I test grey box sono lo strumento perfetto per ogni sviluppatore e i suggerimenti di cui sopra possono garantire un uso corretto.

 

Domande frequenti e risorse

Se avete domande sui test grey box, date un’occhiata ad alcune delle nostre domande frequenti per saperne di più e migliorare la vostra comprensione di questo tipo di test:

 

1. I migliori corsi sull’automazione dei test in scatola grigia

 

Ci sono relativamente pochi corsi che si rivolgono specificamente all’automazione dei test grey box, e questi corsi generali di test del software sono un modo ideale per iniziare:

– “Software Testing Foundation con esame” – Offerte di formazione

– “Formazione essenziale di 6 settimane sui test del software”- Futuretrend Technologies Ltd

– “Corso di test del software”- Corso reale

– “Test black-box e white-box”- Coursera

– “Test del software – Strategie Black-Box e White-Box Testing”- NPTEL

 

2. Quali sono le 5 principali domande di intervista sul Grey Box Testing?

 

– Che esperienza avete di lavoro con i test grey box e come vi siete trovati?

– Perché le aziende utilizzano il grey box testing e in quale fase del processo?

– Confronto tra test white box, grey box e black box

– Quali sono le maggiori sfide del grey box testing e come si possono superare?

– Come funziona l’automazione dei test?

 

3. I migliori tutorial di YouTube sui test delle scatole grigie

 

– Che cos’è il Gray Box Testing? Quali sono le tecniche utilizzate nel Gray box testing? Con esempi spiegati”- Software Testing Hacks

– “Gray box testing | ingegneria del software |”- Education 4u

– “Test a scatola nera, a scatola bianca e a scatola grigia”- Miracle Education

– “Consigli per i nuovi tester QA manuali | Lavorare con gli sviluppatori + cose che ho imparato come tester software”- Madeline Elaine

– “Che cos’è il Grey Box Testing? (Domanda di intervista sul test del software #54)”- QA Fox

 

4. Come mantenere i test Grey Box?

 

La manutenzione dei test grey box è un processo abbastanza semplice. Per i test manuali, assicuratevi che i membri del personale siano ben addestrati e che svolgano sempre le stesse attività. Per i test automatizzati, correggete tutto il codice per i casi di test e verificate i risultati, utilizzando una supervisione costante dei processi, ove possibile.

 

5. I migliori libri sui test della scatola grigia

 

Questa sezione contiene articoli di riviste oltre a libri, al fine di fornire i più alti standard possibili di assistenza scritta per i tester QA:

 

– “Tecnica Grey-Box di test di integrazione del software basata su messaggi” – TanLi M. et al.

– “Uno studio comparativo delle tecniche di test White Box, Black Box e Grey Box”- Ehmer, M., Khan, F.

– “Strategie di test basate su FSM Grey-box” – Petrenko, A.

– “Ingegneria del software”- Saleh, K.A.

– “Conferenza internazionale sulle applicazioni informatiche 2012”- Kokula Krishna Hari K.

Download post as PDF

Alex Zap Chernyak

Alex Zap Chernyak

Founder and CEO of ZAPTEST, with 20 years of experience in Software Automation for Testing + RPA processes, and application development. Read Alex Zap Chernyak's full executive profile on Forbes.

Get PDF-file of this post