fbpx

Get your 6-month No-Cost Opt-Out offer for Unlimited Software Automation?

Il testing del software è un campo incredibilmente complesso e intenso, con aziende e sviluppatori indipendenti che cercano di migliorare i loro prodotti con una serie di metodi di testing.

Uno dei metodi più comuni utilizzati dalle aziende per effettuare i test è il black box testing, una tecnica che crea una distanza tra sviluppatori e tester per fornire risultati accurati ed eliminare i pregiudizi.

Scoprite cos’è il black box testing, come completare il black box testing e alcuni dei vantaggi dell’implementazione del black box testing nell’ingegneria del software con questa guida dettagliata.

 

Indice dei contenuti

Che cos’è il Black box testing?

checklist uat, strumenti di test delle applicazioni web, automazione e altro ancora

Il test black box si riferisce al processo di verifica di un sistema o di un software senza avere alcuna conoscenza preliminare del suo funzionamento interno. Non si tratta solo di non conoscere il codice sorgente, ma anche di non aver visto la documentazione di progettazione del software. I tester si limitano a fornire input e a ricevere output come farebbe un utente finale. Sebbene si tratti di una semplice definizione di test a scatola nera, essa definisce il sistema generale.

L’obiettivo dei test black box è far interagire gli utenti con il software in modo più naturale del normale, senza avere pregiudizi derivanti dalla conoscenza del software.

In questa metodologia, le persone responsabili del completamento dei test sono diverse da quelle che hanno sviluppato il software, creando una separazione tra i due team.

 

1. Quando e perché è necessario eseguire i test della scatola nera nel test del software?

Vantaggi della creazione di un Centro di eccellenza per il testing. Il test delle prestazioni è diverso dal test funzionale?

Ci sono alcune fasi del ciclo di sviluppo in cui l’uso dei test black box è ideale, mentre la maggior parte dei test black box si svolge alla fine dello sviluppo, poco prima del rilascio.

Questo include metodi come il test di accettazione dell’utente, in cui il software viene sottoposto a membri del pubblico target come forma di test pre-rilascio. Questo è più comunemente noto come beta testing ed è uno strumento ideale per un’azienda, poiché una maggiore esposizione significa che è più probabile che le persone trovino potenziali bug nel software.

Lavorare con la metodologia della scatola nera verso la fine del ciclo di sviluppo è un must, poiché si tratta di una versione a cui è più probabile che l’utente acceda. Si potrebbero utilizzare i test black box per le singole funzioni, ma ciò vanificherebbe lo scopo dei test.

 

2. Quando non è necessario eseguire i test a scatola nera

Vantaggi della creazione di un Centro di eccellenza per il testing. Il test delle prestazioni è diverso dal test funzionale?

I test black box hanno uno scopo molto limitato nelle prime fasi di sviluppo. Quando un’azienda costruisce le funzionalità di base del proprio software, utilizza il white box testing, in modo che lo sviluppatore possa vedere in quale punto del codice si verificano i problemi.

Non c’è nemmeno bisogno di test black box quando il software è open source o uno strumento web relativamente semplice o progettato per assistere i progetti di codifica di terzi, in quanto l’interfaccia utente è relativamente scarna e l’utente può comunque accedere al codice sorgente del programma. Se si prevede che un utente acceda al codice sorgente, il test in scatola nera perde il suo scopo principale.

 

3. Chi è coinvolto nel Black box Testing?

Vantaggi della creazione di un Centro di eccellenza per il testing. Il test delle prestazioni è diverso dal test funzionale?

Ci sono molti ruoli coinvolti nel processo di black box testing, alcuni dei quali dipendono dalla natura dell’azienda che esegue i test.

 

Tra i ruoli significativi con un coinvolgimento nel processo di black box testing vi sono:

 

– Collaudatore

 

Un tester è responsabile del completamento dei casi di test manuali in un’azienda, scrivendo casi di test approfonditi che esaminano l’applicazione in dettaglio prima di eseguirli e riportare i risultati. Questo ruolo esiste principalmente in un processo di test manuale, con sistemi automatizzati che assumono il ruolo quando è presente l’automazione dei test.

 

– Analista QA

 

Un analista QA è responsabile della programmazione dei casi di test in un processo QA, soprattutto quando l’azienda utilizza un processo di automazione dei test QA.

Il processo prevede la progettazione di casi di test approfonditi che garantiscano un alto livello di funzionalità e l’esecuzione dei casi di test, recuperando i risultati al termine.

 

– Sviluppatore

 

La persona responsabile dello sviluppo del software che il team QA testa. Uno sviluppatore riceve il feedback dal team di test e aggiorna il software di conseguenza, lavorando come parte di un team di sviluppo ma in costante comunicazione con i tester.

 

– Responsabile QA

 

Un QA manager è il leader del team di assicurazione della qualità ed è responsabile della gestione di tutti i compiti svolti dai tester.

Questo include l’organizzazione del programma di test, l’organizzazione di un elenco di cose da fare per i membri del personale e la risoluzione di eventuali conflitti nel team. Spiegano anche i test black box nella formazione per i nuovi assunti.

 

– Responsabile del progetto

 

Responsabile della qualità del progetto finale, il project lead supervisiona il processo di test e lo sviluppo, assicurando che il cliente riceva un pacchetto software che soddisfi l’intero brief.

 

Vantaggi dei test a scatola nera

Calcolatore del ROI

L’utilizzo dei test black box nel vostro lavoro di sviluppo presenta diversi vantaggi significativi. Quanto più si è consapevoli di questi benefici, tanto più si possono sfruttare al massimo i vantaggi di questa tecnica.

 

Alcuni dei principali vantaggi dell’utilizzo dei test black box nell’assicurazione della qualità sono:

 

1. Non sono necessarie conoscenze tecniche

 

Un approccio a scatola nera significa che non è necessario avere conoscenze tecniche quando si esamina un’applicazione.

L’obiettivo dei test black box è quello di esaminare il funzionamento dell’applicazione per l’utente finale, che nella maggior parte dei casi non dispone di conoscenze tecniche avanzate. Questo può ridurre il costo dei test, aiutando l’organizzazione a scoprire un maggior numero di bug con una spesa inferiore, diventando così più efficiente dal punto di vista finanziario.

 

2. Modellare accuratamente l’utente

 

L’obiettivo finale di un processo di test black box è capire quali sono i problemi di un’applicazione quando un utente interagisce con essa quotidianamente.

Alcuni tipi di test black box, che si concentrano sulla replica del comportamento dell’utente, modellano il comportamento dell’utente con un alto grado di precisione. Questo vale soprattutto per i test di accettazione dell’utente, in cui gli utenti finali sperimentano il prodotto, non limitandosi a modellare o simulare il comportamento di un utente, ma implementandolo realmente.

La modellazione accurata aiuta a rivelare eventuali bug che influiscono sui flussi di lavoro effettivi dell’utente.

 

3. Capacità di affidare i test a un gruppo di persone (crowdsourcing)

 

Il black box testing è una forma di testing molto accessibile grazie ai requisiti di competenza relativamente bassi.

Ciò significa che non solo le aziende possono assumere tester con un livello inferiore di competenze tecniche, ma possono anche affidare i test in crowdsourcing a clienti accaniti. Si tratta di una pratica sempre più comune nel settore dei giochi, con le aziende che offrono il rilascio dell’Early Access, aggiornando il gioco nel tempo per risolvere i problemi riscontrati dagli utenti.

In questo caso, trovare i bug è molto più facile, poiché tutte le funzioni ricevono un livello di esposizione molto più elevato.

 

Le sfide dei test a scatola nera

sfide di test di carico

Oltre ai vantaggi dei test black box, ci sono alcune sfide importanti di cui dovrete tenere conto. Essere consapevoli di queste sfide significa potersi adattare ad esse, aumentando lo standard dei test e riducendo gli effetti dannosi che i test black box possono avere.

 

Alcune di queste sfide includono:

 

1. Difficile individuare le cause del problema

 

Uno dei principali svantaggi dei test black box è che può essere più difficile trovare la causa dei problemi quando i tester non hanno accesso al codice sorgente.

Sebbene siano in grado di descrivere l’errore e il momento in cui si verifica, non hanno alcuna indicazione su quale parte del codice sorgente causi il problema o perché.

I tester possono in qualche modo mitigare questo problema prendendo accuratamente appunti, mentre i messaggi di errore dettagliati dello sviluppatore offrono ulteriori spunti per eventuali aggiornamenti futuri.

 

2. L’automazione è più difficile

 

Poiché si cerca attivamente di replicare il modo in cui un utente interagisce con un pacchetto software, può essere estremamente difficile automatizzare un processo di test black box.

La prima causa di ciò è il fatto che il tester non ha accesso al codice sorgente, rendendo più difficile la codifica di un caso di test accurato. Questo fa il paio con il fatto che i test sono progettati per replicare il più possibile il comportamento umano, con l’automazione specificamente progettata per agire in modo robotico.

È possibile bilanciare questo problema automatizzando le attività più banali e combinando l’automazione con i test manuali, ove possibile.

 

3. Problemi con i test su larga scala

 

Le già citate difficoltà di automazione rendono più complicati i test su scala più elevata. I test su larga scala forniscono alle aziende molti più dati sul software e fanno sì che i bug siano più facili da trovare e replicare.

Il requisito della priorità del test manuale significa che può essere più difficile organizzare il test su larga scala. Alcune aziende si oppongono a questa situazione utilizzando un sistema di “open beta”, in cui chiunque sia interessato al prodotto può contribuire ai test pre-rilascio e supportare l’azienda fornendo volontariamente un feedback sulle prime versioni.

 

Caratteristiche dei test a scatola nera

Ci sono alcune caratteristiche principali dei test black box da conoscere, che li distinguono da qualsiasi altra forma di assicurazione della qualità del software.

 

Queste caratteristiche includono:

 

1. Nessuna conoscenza interna precedente

 

I test black box non richiedono alcuna conoscenza interna del software. Questo può essere difficile in alcuni casi, in quanto i tester hanno un’idea degli aspetti del software che stanno testando e di alcune caratteristiche che stanno cercando, ma questo è ampiamente definito come non essere in grado di vedere la documentazione interna di qualsiasi tipo.

In parole povere, se le informazioni sono visibili a un utente finale su un app store o sulla pagina di download di un sito web, un tester può vederle.

 

2. Separare tester e sviluppatori

 

Le fasi di test e sviluppo sono completate da persone diverse in una situazione di black box testing. Questa differenziazione deriva dalla mancanza di conoscenza che i tester hanno, mentre gli sviluppatori conoscono il codice sorgente perché sono stati loro a svilupparlo.

Le aziende affrontano questo aspetto in modi diversi, a seconda della situazione specifica: alcune scelgono di ricorrere a un’organizzazione esterna per completare i test, mentre le aziende più grandi hanno reparti dedicati di tester per portare a termine questo lavoro.

 

3. Test in fase avanzata

 

Si riferisce alla fase di sviluppo in cui avviene il test. I test black box si basano su una versione relativamente avanzata di un’applicazione esistente, con un’interfaccia utente completa che consente una navigazione totale nel software e l’accesso al front-end di ogni funzione.

Ciò significa che i test black box sono possibili solo in alcune fasi successive del processo di test, quando tutto questo è stato sviluppato inizialmente. Anche se l’ interfaccia utente e i controlli possono essere modificati con il passare del tempo, devono esistere in qualche forma per consentire ai test black box di accedere alle funzionalità.

 

Che cosa testiamo nei test a scatola nera

checklist uat, strumenti di test delle applicazioni web, automazione e altro ancora

I test black box esaminano aspetti specifici di un pacchetto software, fornendo informazioni aggiuntive in alcune aree del software che portano ad aggiornamenti che aumentano la qualità generale della vita.

 

Alcune delle parti principali di un pacchetto software che i tester esaminano in un test black box includono:

 

1. Funzionalità

 

Alcuni sviluppatori utilizzano i test black box come mezzo per garantire che un software funzioni come previsto per chi non ha conoscenze specifiche.

La stragrande maggioranza delle persone che utilizzano un software a fini commerciali lo fanno senza conoscerne il funzionamento interno, quindi eseguire i test avendo questa conoscenza significa conoscere i rimedi per qualsiasi problema esistente.

Questo test approfondito della funzionalità assicura che tutti sperimentino il meglio che l’applicazione ha da offrire, piuttosto che incontrare bug che non sono visibili quando si utilizza il test white box.

 

2. Interfaccia utente

 

L’interfaccia utente si riferisce a tutti i modi in cui l’utente interagisce praticamente con un’applicazione per farle completare una serie di compiti. Questo include i menu con cui l’utente lavora, i pulsanti specifici presenti in un’applicazione e il marchio presente nel software.

Gli sviluppatori passano la maggior parte del loro tempo ad assicurarsi che l’applicazione stessa funzioni come previsto, il che significa che l’attenzione per l’interfaccia utente è minore.

I test black box presentano ai tester solo le funzionalità del software destinate all’utente, portando maggiore attenzione all’interfaccia utente rispetto alla maggior parte delle altre fasi di test.

 

3. Prestazioni

 

Oltre a funzionare normalmente e ad avere un bell’aspetto, il modo in cui un’applicazione funziona è essenziale per soddisfare i clienti.

Le prestazioni si riferiscono ad alcuni fattori, tra cui la velocità dell’applicazione nel rispondere agli input dell’utente e le risorse che utilizza su un determinato dispositivo.

Grazie a formati di test come l’end-to-end, che esaminano tutte le funzionalità di un software, gli sviluppatori possono vedere quanta memoria consuma un’applicazione e quali sono le funzioni che mettono più a dura prova i rispettivi dispositivi, guidando gli aggiornamenti relativi all’efficienza e alle prestazioni nelle versioni successive dell’applicazione.

 

Per chiarire un po’ di confusione:

Black box vs. White box vs. Greybox Test

Confronto tra i test UAT e i test di regressione e altri test

Il black box testing è un concetto che sembra simile al grey box e al white box testing, ma le idee sono fondamentalmente molto diverse tra loro. Confonderli può causare seri problemi di comunicazione nel processo di sviluppo e rallentare e rendere meno efficace il processo di aggiornamento.

Continuate a leggere per chiarire un po’ di confusione sui diversi tipi di “box testing”, su come si differenziano l’uno dall’altro e su quando utilizzarli.

 

1. Che cos’è il White Box Testing?

Vantaggi della creazione di un Centro di eccellenza per il testing. Il test delle prestazioni è diverso dal test funzionale?

Il test white box è talvolta noto come “glass box testing” e si riferisce a un processo di test in cui il tester ha accesso completo a tutte le informazioni che stanno dietro al software. Questo include l’accesso al codice sorgente, ai documenti di progettazione e al brief del cliente del pacchetto.

Ad esempio, se un tester lavora nelle prime fasi del processo di sviluppo esaminando una singola funzione, poter vedere il codice sorgente di quella funzione significa poter individuare immediatamente la causa del problema.

Uno dei momenti migliori per l’utilizzo dei test white box è quello delle attività principalmente interne. Questo si riferisce allo sviluppo iniziale del lato funzionale dell’applicazione, con soluzioni rapide che sono l’ideale, poiché non c’è alcun vantaggio nell’offuscare il codice quando non si sta simulando l’esperienza dell’utente. Il test del codice bianco è utilizzato anche nei sistemi open-source, poiché in questi casi il codice sorgente è disponibile per tutti gli utenti.

 

Quali sono le differenze tra white box e black box Testing?

 

La principale differenza funzionale tra il black box testing e il white box testing è il livello di accesso al software da parte del tester, ma questo ha effetti molto più significativi sugli aspetti del test, come la tempistica.

I test black box vengono utilizzati in modo più consistente nelle fasi successive del processo, quando il prodotto si avvicina al lancio, mentre le fasi di sviluppo più elementari beneficiano della trasparenza e della reattività dei test white box. Quando si considera un test black box rispetto a un test white box, i due differiscono anche per i livelli di competenza necessari, in quanto il test white box richiede competenze nella codifica e nello sviluppo per essere più efficace.

 

2. Che cos’è il Grey Box Testing?

Vantaggi della creazione di un Centro di eccellenza per il testing. Il test delle prestazioni è diverso dal test funzionale?

Il test grey box è una forma di test in cui l’utente ha una certa comprensione del codice, ma non ha accesso completo. Ciò comporta la disponibilità del codice sorgente della funzione da testare o l’accesso a parte della documentazione di progetto, in modo che l’utente comprenda l’intenzione generale del pacchetto software.

Ad esempio, se un tester sta esaminando solo una delle funzioni di un pacchetto software, potrebbe avere accesso al codice sorgente di quella parte dell’applicazione.

Le aziende utilizzano principalmente il grey box testing quando esaminano il modo in cui un’applicazione è integrata con uno strumento di terze parti. Possono avere accesso al codice sorgente solo per una parte del processo, il che limita la loro capacità di completare test white box approfonditi. Invece, vedono gli input e gli output dell’integrazione di terze parti e il codice sorgente responsabile dell’integrazione.

I tester lo utilizzano per valutare se i problemi emergono a causa del software, dell’applicazione di terze parti o dell’integrazione tra i due.

 

Quali sono le differenze tra Black box e Grey box Testing?

 

La differenza principale tra i test black box e grey box è ancora una volta il livello di accesso alle informazioni, mentre il tipo di software da testare è uno dei principali fattori di differenziazione tra i tipi di test.

I test in scatola grigia tendono a includere strumenti di terze parti, come l’archiviazione dei dati nel cloud o strumenti di elaborazione esterni, mentre i sistemi in scatola nera tendono a essere un’unità coesa. Molti test black box non sono interrotti da terze parti, mentre le applicazioni integrate hanno poca scelta se non quella di lavorare con una metodologia di test grey box.

 

3. Conclusione: Test a scatola nera vs. scatola bianca vs. scatola grigia

 

In definitiva, esistono differenze fondamentali tra i test black, grey e white box, che si basano sul fatto che le informazioni dietro le quinte vengano presentate al team di test.

I test black box e white box sono gli estremi di questo spettro, mentre i test grey box comprendono tutto ciò che è possibile vedere, tranne il codice sorgente di terze parti, fino alla possibilità di vedere solo il codice dietro una funzione specifica.

Tutti questi metodi di test hanno comunque un ruolo da svolgere nell’ambito del testing del software, per cui è necessario dedicare tempo e attenzione al loro apprendimento e alla loro implementazione efficace.

 

Tipi di test della scatola nera

test di automazione delle applicazioni web

Esistono tre tipi principali di test black box che comprendono tutti i test che un’azienda completa attraverso la metodologia black box. Questi sono:

 

1. Test funzionali

 

Il test funzionale comprende tutto ciò che riguarda il funzionamento meccanico dell’applicazione. Ciò comporta la garanzia che il sistema gestisca i dati in modo corretto, che consenta agli utenti di accedere con le giuste credenziali e che elabori le informazioni e gli input come previsto.

Il test di funzionalità è uno degli aspetti più importanti del processo e coinvolge sia le funzionalità locali dell’applicazione sia il modo in cui interagisce con strumenti e programmi esterni, come i servizi basati su cloud o gli strumenti di Single Sign On.

 

2. Test non funzionali

 

I test non funzionali si riferiscono ai test che esaminano qualsiasi aspetto del software che non sia esplicitamente legato alla funzionalità dell’applicazione. Si tratta di stabilire se un’applicazione è utilizzabile e facile da capire per i suoi utenti, se è compatibile con un’ampia gamma di dispositivi e sistemi operativi e se funziona in presenza di livelli significativi di carico (anche se a volte può sconfinare nel test funzionale).

Questo avviene principalmente verso la fine del processo di sviluppo, una volta che l’applicazione completa è stata compilata.

 

3. Test di regressione

 

Dopo un aggiornamento, i tester esaminano un’applicazione per assicurarsi che abbia completato la funzione prevista e che non vi siano effetti collaterali indesiderati che facciano regredire l’applicazione.

Questo è noto come test di regressione ed è una parte fondamentale per assicurarsi che un’applicazione sia pronta per il mercato.

Il test di regressione viene utilizzato dopo ogni singolo aggiornamento per assicurarsi che gli aspetti funzionali e non funzionali dell’applicazione siano all’altezza degli standard raggiunti in precedenza.

 

Tecniche di test a scatola nera

Ciclo di vita UAT

Quando si esegue il processo di black box testing, esiste un’ampia gamma di tecniche che si possono implementare per migliorare lo standard del proprio lavoro. Alcune delle più importanti tecniche di black box testing che si utilizzano in un ambiente di assicurazione della qualità includono:

 

1. Test a coppie

 

Il test a coppie è una forma di test che si concentra sul tentativo di provare ogni singola combinazione di input di dati possibile nel software.

Ad esempio, se i numeri da uno a dieci sono tutti validi in una colonna e tutti i caratteri dell’alfabeto in un’altra, il test a coppie verificherà ogni possibile combinazione da 1A a 10Z. Si tratta di una forma di test che può richiedere molto tempo e sforzi da parte dell’utente, il che la rende una delle tecniche più aperte a una potenziale iperautomazione. Si tratta di un’operazione estremamente accurata, che individua qualsiasi potenziale problema nell’inserimento dei dati.

 

2. Analisi del valore limite

 

Molti software si basano sull’inserimento di dati, i quali hanno confini specifici entro i quali il cliente deve lavorare.

Ad esempio, un sistema progettato per calcolare cifre da 1 a 100 potrebbe avere difficoltà con valori pari a 0 o inferiori o superiori a 100.

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

TASK-AGNOSTIC SOFTWARE AUTOMATION?

L’analisi dei valori limite comporta la verifica di questi confini, inserendo numeri in corrispondenza e intorno ai confini che il software verifica per esaminare se ci sono bug al limite dell’intervallo di lavoro previsto di un pacchetto software. Questo è utile soprattutto nei sistemi basati sui calcoli e può aiutare gli sviluppatori a regolare i limiti o a trovare la causa di eventuali problemi.

 

3. Test di transizione di stato

 

Molti programmi variano tra diversi “stati” o “modalità” e richiedono una transizione da una fase all’altra di questo processo. Il corretto funzionamento di queste transizioni significa che il sito funziona come l’utente si aspetta e che non ci sono rallentamenti imprevisti.

Il test della transizione di stato è una forma di test che esamina tutte le transizioni tra gli stati di un software, assicurando che siano funzionali e fornendo la certezza che i flussi di utenti attraverso il software funzionino senza interruzioni impreviste.

 

I test black box nel ciclo di vita dell’ingegneria del software

Il black box testing è una disciplina che viene utilizzata principalmente verso la fine del ciclo di vita dell’ingegneria del software. Questo include tutto, dalla verifica del modo in cui gli utenti interagiscono con il software alla fornitura dell’accesso completo alla beta, con il test della scatola nera che viene effettuato principalmente una volta che tutte le funzionalità funzionano come previsto.

Risparmia molto tempo e fatica rispetto ai test white box, che richiedono un alto livello di competenza, e viene implementato al meglio quando non si ha bisogno di un team di sviluppo per apportare modifiche immediate al funzionamento del sistema.

 

Test manuali o automatizzati della scatola nera?

visione artificiale per il collaudo del software

Il test del software si presenta in due formati distinti: il test manuale è la forma tradizionale che prevede l’impiego di tester software in ogni fase del processo. Ciò è in netta contraddizione con i test automatizzati, che utilizzano un livello crescente di intelligenza artificiale e di apprendimento automatico per completare le attività senza alcuna interferenza umana.

Continuate a leggere per saperne di più su cosa sono i test manuali e automatizzati, sulle sfide di ciascuno e su quale dei due è ideale per un’azienda.

 

1. Test manuale della scatola nera – Vantaggi, sfide, processo

 

Il black box testing manuale si riferisce al processo di completamento del black box testing in modo indipendente, utilizzando membri del personale per completare tutte le attività piuttosto che utilizzare una piattaforma di automazione come parte del set di strumenti dell’azienda.

Alcuni dei principali vantaggi dell’utilizzo dei test manuali nello sviluppo del software sono la maggiore flessibilità nel completare i test e la possibilità per gli sviluppatori di ricevere un feedback molto più approfondito e di natura qualitativa.

Tuttavia, ci sono alcune sfide naturali innate nel processo di test manuale. Il primo di questi è il fatto che i test manuali possono richiedere molto tempo e che le persone sono più lente dei programmi automatizzati nel portare a termine i loro compiti.

Un altro è un livello più alto di potenziale di errore, con persone che possono sbagliare a cliccare o a fare le cose nell’ordine sbagliato. Questo può comportare, in ultima analisi, delle imprecisioni nei dati dei test.

Il test manuale è un processo che inizia con l’apprendimento delle aspettative di un’azienda per un’applicazione, prima di scrivere casi di test che sfidano questo brief, eseguire i casi di test e riportare i risultati al team di sviluppo.

 

2. Automazione dei test in scatola nera – Vantaggi, sfide, processo

 

I test automatizzati si riferiscono ai test che un’azienda esegue su un pacchetto software completando i casi di test con un sistema automatizzato. Questi utilizzano piattaforme di terze parti per automatizzare il pacchetto software, con tutte le fasi automatizzate che seguono casi di test specificamente preparati.

Il principale vantaggio dell’automazione dei test black box è la sua velocità: i programmi automatizzati richiedono molto meno tempo per ogni singola esecuzione di un test. Ciò si traduce in un notevole guadagno di tempo per i test, che potrete dedicare allo sviluppo dell’applicazione.

Un altro vantaggio è l’accuratezza, in quanto un buon strumento di automazione completa ogni volta le stesse attività nello stesso ordine.

Gli inconvenienti possono ancora causare problemi per l’automazione dei test black box, e uno dei principali è l’attenzione ai dati quantitativi. Questo è ottimo per le metriche, ma significa che in un test di accettabilità per l’utente si possono ottenere poche informazioni preziose.

Inoltre, i test automatizzati presentano una relativa mancanza di flessibilità: gli analisti devono codificare casi di test completamente nuovi ogni volta che desiderano apportare una modifica.

Il processo di automazione dei test inizia con la progettazione di una serie di casi di test che vengono poi codificati nel sistema prima di eseguire i test, che forniscono un rapporto al termine.

 

3. Conclusione: Automazione manuale o Black box Test?

Vantaggi della creazione di un Centro di eccellenza per il testing. Il test delle prestazioni è diverso dal test funzionale?

In definitiva, la scelta tra il test manuale e quello automatizzato della scatola nera è complicata e dipende da ciò che si cerca in un sistema.

Se si cercano informazioni qualitative di alto livello da utilizzare per apportare modifiche al progetto per l’utente finale, i test manuali sono di gran lunga l’opzione migliore, mentre i test automatizzati sono ideali per le fasi funzionali e prestazionali del processo.

Pensate a ciò che cercate in ogni fase del processo di test e potrete ottenere dati guidati che miglioreranno le vostre prestazioni con facilità.

 

Di cosa avete bisogno per iniziare i test a scatola nera?

Che cos'è il test unitario

Prima di iniziare i test black box, è necessario disporre di alcuni prerequisiti, ognuno dei quali contribuisce a creare un processo di test più coerente.

 

Alcuni degli elementi da avere prima di iniziare il lavoro di black box testing includono:

 

1. Requisiti del software

 

I requisiti software si riferiscono ai punti specifici di un brief di progettazione che il software deve soddisfare. Questo può includere una serie di elementi, dalla necessità di completare una determinata serie di compiti alla necessità di avere un determinato aspetto e una determinata sensazione durante l’utilizzo.

Queste informazioni forniscono alcuni obiettivi specifici a cui mirare nei test, con i tester che creano un programma e un piano di test che si traduce in una serie di risultati più coerenti che informano gli sviluppatori sui problemi del software.

In alcune aziende, trattandosi di un test a scatola nera, gli sviluppatori limiteranno l’accesso del tester al brief.

 

2. Software compilato

 

Prima di testare un software, un team di garanzia della qualità deve avere accesso al software. In genere, gli sviluppatori forniscono la versione più recente del software e il team beneficia di una versione completamente nuova del software su cui eseguire i test.

Avere una versione recente significa che i test includono alcune delle correzioni più recenti, il che significa che fornisce una rappresentazione accurata delle prestazioni del software.

 

3. Obiettivi del test

 

I tester tendono ad affrontare un periodo di test con alcuni obiettivi specifici in mente. Questi obiettivi di test definiscono esattamente gli obiettivi da raggiungere nel periodo successivo, che si tratti dell’accettabilità da parte dell’utente, della funzionalità end-to-end o del completamento dei test di penetrazione.

I responsabili della QA tendono ad avere questi obiettivi, e la fase successiva di test dipende tipicamente da ciò su cui ha lavorato il team di sviluppo e dalle parti del software su cui influiscono tali sviluppi.

 

Processo di test a scatola nera

tipi di test di prestazione

Il processo di black box testing è relativamente preciso e le aziende traggono vantaggio dal seguire le fasi del processo il più fedelmente possibile. Le diverse fasi del processo di black box testing comprendono:

 

1. Pianificazione del test

 

Iniziate il processo di black box testing con un’accurata pianificazione. Questo implica la discussione di tutti gli obiettivi individuali che avete per il test, gli aspetti specifici del software che state esaminando e le risorse che state dedicando al test.

Una pianificazione più accurata significa che tutti sanno cosa devono fare e quando devono farlo, compresi i metodi coinvolti nei test.

 

2. Scrittura dei casi di test

 

La scrittura dei casi di test è la fase successiva del processo. Un caso di test si riferisce a una serie di passaggi che devono essere completati in un test, con casi di test più dettagliati che forniscono un maggiore livello di coerenza per l’utente.

In un processo di test automatizzato, ciò comporta anche la codifica del caso di test nello strumento di automazione che si intende utilizzare.

Ricontrollate tutti i casi di test per assicurarvi che siano completi e chiari sui passaggi da completare.

 

3. Esecuzione del caso di test

 

Una volta preparati i casi di test, iniziate a eseguirli. Quando si utilizza l’automazione, questo può essere un compito relativamente facile che consiste nell’impostare il programma e attendere i risultati. I test manuali si basano sul completamento ripetuto dei casi di test da parte dei dipendenti, con un numero maggiore di ripetizioni che porta a dati più coerenti e di alta qualità.

Eseguite ogni caso di test con la massima attenzione possibile, poiché più precisa è l’esecuzione dei casi di test, maggiori sono le possibilità che i dati siano utili al team di sviluppo.

 

4. Rapporto finale

 

La fase di reporting finale si riferisce alla parte del processo in cui il team di test riferisce agli sviluppatori.

Iniziate includendo un semplice riepilogo delle informazioni raccolte prima di completarlo con tutte le metriche raccolte dai tester. In questo modo gli sviluppatori ricevono una guida iniziale sulla direzione ideale per la prossima serie di aggiornamenti, prima di mostrare loro i dati completi, che consentono una comprensione più approfondita dei problemi.

 

Migliori pratiche per i test a scatola nera

Come funziona il test di automazione in settori come quello bancario, ad esempio?

Indipendentemente dal settore, seguire le best practice è un obbligo per qualsiasi azienda. Le best practice si riferiscono a una serie di comportamenti e tecniche che un’azienda trae vantaggio dall’utilizzo nel suo lavoro quotidiano, aumentando l’efficienza dell’azienda e migliorando lo standard del software che l’azienda utilizza.

 

Alcune di queste pratiche che aiutano un’azienda a migliorare la qualità dei suoi test black box includono:

 

1. Focus sullo sviluppo delle competenze

 

Se gestite un’azienda che lavora su più software contemporaneamente, prendete in considerazione l’idea di concentrarvi sullo sviluppo di competenze e specializzazioni di testing. Quanto più tempo si dedica alla specializzazione e allo sviluppo di competenze adeguate, tanto maggiori saranno le possibilità di eliminare i problemi presenti nei prodotti.

Questo fa il paio con l’assunzione di persone con le giuste competenze, ma è più appropriato per le aziende in cui i test del software sono pressoché costanti, poiché l’applicazione di queste capacità è sempre vantaggiosa.

 

2. Bilanciare i carichi di lavoro

 

Alcuni team di collaudo possono essere molto grandi, con decine o addirittura centinaia di membri del personale che completano regolarmente i casi di test.

La pratica migliore per ottenere il massimo da questi collaboratori è prendersi il tempo necessario e fare attenzione quando si assegnano loro compiti specifici. Il burnout ha una lunga storia di problemi nel settore dello sviluppo software, ma è qualcosa che può essere evitato con una migliore gestione del carico di lavoro.

 

3. Creare processi coerenti

 

Le aziende si basano su processi che i membri del personale completano quotidianamente; i processi di test includono il modo in cui un’azienda scrive i propri casi di test, completa la ricerca e comunica internamente tra i vari reparti.

La coerenza in questi casi è fondamentale, perché significa che le persone imparano più rapidamente quando entrano in azienda. Questo porta a un adattamento più rapido e a una migliore produzione molto prima rispetto a un’azienda che non ha coerenza tra i suoi compiti.

Se potete, create questi processi in modo da coinvolgere il personale nel processo decisionale, per assicurarvi che sia d’accordo con la strategia.

 

7 errori e insidie nell’implementazione di test a scatola nera

Confronto tra i test UAT e i test di regressione e altri test

Gli errori sono naturali in qualsiasi settore, ma conoscere gli errori prima di averli commessi può farvi risparmiare molto tempo e fatica.

 

Alcuni degli errori e delle insidie più comuni in cui cadono i tester di black box includono:

 

1. Mancanza di un ambito di verifica definito

 

Alcune organizzazioni iniziano a testare i loro prodotti senza pianificare adeguatamente i processi, il che è un errore significativo.

Non riuscendo a pianificare, le aziende possono perdere di vista la portata dei test. Un ambito concordato aiuta il test a raggiungere la giusta dimensione e a ottenere risultati efficaci.

Se non si concorda la portata dei test prima di iniziare, si corre il serio rischio di eseguire test troppo ampi e di impiegare troppo tempo per ottenere risultati meno rilevanti.

 

2. Processi di test affrettati

 

Il test può sembrare un processo che richiede molto tempo, soprattutto con casi di test estenuanti progettati per esaminare un’intera applicazione. Alcuni possono essere tentati di affrettare i test, soprattutto se si tratta di ripetizioni di test precedenti. Si tratta di un grave errore. Affrettare i test può portare a errori nell’esecuzione dei casi di test, degradando il valore dei dati e, in ultima istanza, a dover ripetere gli stessi test.

 

3. Automazione senza processo di verifica

 

L’automazione dei test si concentra principalmente sulla garanzia che l’immissione di un valore di dati porti al giusto risultato alla fine del processo. L’automazione di questi test funziona verificando l’output del processo automatizzato rispetto a quelli che dovrebbero essere i risultati.

Alcuni tester commettono un errore significativo non calcolando il valore in prima persona, il che significa che non hanno modo di verificare se l’output è corretto o meno e potenzialmente non riescono a trovare bug significativi in tutto il sistema.

 

4. Mancato utilizzo di test ibridi

 

Il test ibrido si riferisce all’equilibrio tra automazione e test manuali, in quanto i due metodi funzionano in modo da coprire perfettamente i difetti dell’uno e dell’altro.

Alcune organizzazioni, tuttavia, preferiscono concentrarsi su uno dei due metodi. In questo modo, i test sono esposti a gravi problemi e imprecisioni.

Completate i test ibridi per ottenere un miglior livello di equilibrio nei vostri test e ridurre il numero di errori nel modo più significativo possibile.

 

5. Mancato completamento dei test di regressione

 

Il test di regressione dovrebbe essere un processo costante in qualsiasi sistema di test del software efficace; questa forma di test consente di stabilire se gli aggiornamenti del software hanno causato problemi in altri punti del sistema. Non completare i test di regressione significa che le funzioni testate nelle prime fasi del processo potrebbero fallire senza che ve ne rendiate conto.

Completando i test di regressione, ci si assicura di consegnare un prodotto di qualità superiore, senza dover affrontare troppo lavoro extra nel processo di garanzia della qualità.

 

6. Cercare attivamente i bug

 

Alcuni pensano che l’obiettivo dei test black box sia quello di trovare i bug in un pacchetto software e segnalarli al team di sviluppo, e sebbene questo sia un aspetto, non è l’unico obiettivo. I test esistono per migliorare in generale lo standard di un pacchetto software.

Concentrandosi troppo sui bug del software, si inizia a oscillare al di fuori dei flussi di lavoro standard, uscendo dall’ambito dei test e ignorando alcuni dei problemi più rilevanti del software in cambio della ricerca di difetti potenzialmente irrilevanti nel codice.

 

7. Ignorare l’intuizione

 

Nei test manuali, un tester ha questo ruolo perché possiede un’intuizione e una conoscenza del codice che lo guidano verso potenziali problemi e lo informano sulle aree da esaminare quando lavora.

Tuttavia, alcuni scelgono di ignorare completamente questa intuizione quando lavorano sui casi di test. Prendendo nota di tutto ciò che si vuole testare e verificandolo in un nuovo caso di test, si ottiene il massimo beneficio delle proprie conoscenze tecniche pur completando i casi di test preparati.

 

Tipi di output dei test della scatola nera

vantaggi della creazione di un centro di eccellenza per il testing (TCoE)

Esistono diversi tipi di risultati che si possono ottenere dai test black box, ognuno dei quali fornisce spunti unici per le aziende che desiderano apportare aggiornamenti rilevanti ai propri prodotti e migliorare la qualità percepita dai clienti.

 

Alcuni dei principali tipi di risultati dei test a scatola nera includono:

 

1. Dati qualitativi

 

La prima forma di output che si può ottenere da un test a scatola nera è rappresentata dai dati qualitativi. Si tratta di informazioni che descrivono principalmente l’applicazione e che derivano da test come quelli end-to-end e di usabilità.

I dati qualitativi descrivono tipicamente lo standard dell’applicazione, discutendo l’esperienza delle persone con l’applicazione e spiegando le modifiche che un tester vorrebbe apportare.

Quando crea questi dati, un tester scrive di solito un rapporto approfondito che riporta tutte le prove a sostegno dei suoi punti, supportando le opinioni qualitative con ulteriori caratteristiche come gli screenshot di ciò a cui si riferisce.

 

2. Dati quantitativi

 

Si tratta di dati numerici chiari sotto forma di metriche, con i membri dello staff di test che prendono nota di parti specifiche di un’applicazione o ricevono dati numerici da un protocollo di test di automazione.

Le informazioni quantitative tendono a essere più utili per fornire agli sviluppatori correzioni distinte, indicando parti dell’applicazione come il suo livello di prestazioni, la sua efficienza in termini di risorse utilizzate e il numero di bug e problemi presenti nell’applicazione.

Le informazioni quantitative sono più semplici da analizzare e valutare rispetto alle equivalenti descrittive, poiché non richiedono alcuna interpretazione.

 

3. Messaggi di errore

 

I messaggi di errore si verificano quando la funzionalità del software non funziona come previsto. I problemi possono essere dovuti a problemi hardware o software e di solito sono accompagnati da una breve descrizione del problema oltre che da un codice di errore.

Gli sviluppatori creano un sistema di codici di errore che li aiuta a circoscrivere esattamente il punto in cui si verifica un problema in un sistema; alcune idee da implementare includono l’utilizzo della prima cifra per circoscrivere la funzione che sta riscontrando un problema, la seconda per descrivere l’errore specifico e la terza per indicare la causa del problema.

Utilizzando questo sistema di codici di errore, gli sviluppatori sanno immediatamente qual è il problema e possono lavorare alla sua risoluzione.

 

Esempi di test a scatola nera

Che cos'è il test del software?

Sebbene la teoria alla base dei test black box sia relativamente semplice, la sua attuazione pratica può essere un processo complesso, soprattutto per un tester alle prime armi. Vedere un esempio di black box testing in azione può aiutarvi a organizzare i vostri test.

 

Alcuni esempi di metodi di test a scatola nera, che comprendono più tipi di test e vari gradi di successo, sono i seguenti:

 

1. Test di accettazione utente inefficaci

 

Un’azienda sta cercando di rilasciare il proprio prodotto nelle prossime settimane, ma il test di accettazione da parte degli utenti non è ancora stato effettuato. L’applicazione è un tutorial di lavoro a maglia per un pubblico anziano.

Gli sviluppatori hanno cercato di accelerare questo processo e di raccogliere rapidamente un gruppo di tester, utilizzando per i test esclusivamente persone non addette ai lavori a maglia sulla trentina, in quanto si trattava di un gruppo più accessibile. Questo gruppo non vede alcun problema nella domanda e la autorizza a essere rilasciata al pubblico.

A causa dei livelli di conoscenza tecnica contrastanti tra i due gruppi, il pubblico target è più confuso nell’utilizzo del software e non riesce ad accedere a molte funzionalità. Come risposta, l’azienda è costretta a completare aggiornamenti urgenti.

I fallimenti di test come questo dimostrano l’importanza di una preparazione accurata.

 

2. Test end-to-end di successo

 

Il test end-to-end si riferisce al test che si svolge una volta che le funzionalità di un’applicazione sono state completamente compilate in un pacchetto software per la prima volta.

Un’azienda ha pianificato con cura il completamento del processo di test end-to-end, con una serie di membri del personale assunti specificamente per completare i compiti di test, con due dipendenti dedicati a ciascun caso di test.

Seguendo un processo accurato, completano i casi di test e annotano tutti i dati raccolti, mentre un responsabile QA compila i dati in un rapporto coeso alla fine dei test.

Gli sviluppatori utilizzano questo rapporto per pianificare la prossima serie di aggiornamenti e modifiche all’applicazione, migliorando in modo significativo il prodotto.

 

3. Test di regressione automatizzati

 

Uno sviluppatore ha completato una serie di aggiornamenti del proprio software che, prima degli aggiornamenti, funzionava come previsto. Dopo gli aggiornamenti, il team di test esegue un processo di regressione, concentrandosi sull’automazione e ottenendo una piattaforma automatizzata per completare tutte le funzionalità di base.

Il team scrive il codice per un caso di test ed esegue i casi di test, leggendo tutti i risultati dei test e individuando i potenziali problemi.

In questo modo si evita che si verifichino problemi a causa di un’organizzazione che effettua aggiornamenti e non controlla se questi presentano o meno un problema.

 

Tipi di errori e bug rilevati attraverso il Black box Testing

zaptest-runtime-error.png

Sebbene gli errori e i bug non siano tutto nel processo di black box testing, sono una parte significativa del modo in cui le aziende eseguono i test.

Conoscere alcuni dei principali tipi di errori e bug nei test black box può aiutarvi a classificare i problemi che incontrate e a capire meglio perché si verificano.

 

Alcuni dei principali tipi di errori e bug rilevabili attraverso i test black box sono:

 

1. Errori di usabilità

 

Gli errori di usabilità si riferiscono a difetti di un programma che non influiscono sulla sua funzionalità, ma che possono causare problemi all’utente che cerca di interagire con il software.

Ad esempio, se un’applicazione presenta un grave difetto grafico, tecnicamente è ancora funzionante, ma senza le giuste icone e testi l’utente finale non può utilizzarla efficacemente. Questi problemi tendono a riguardare il design dell’applicazione e il modo in cui il design viene caricato per l’utente, con applicazioni più complesse che richiedono una grafica più complessa rispetto a quella delle UI più semplici.

 

2. Errori funzionali

 

Gli errori funzionali si riferiscono a problemi che si verificano quando una parte di un programma non funziona come previsto.

Ad esempio, se si utilizza un software di database e si cerca di ordinare le informazioni in base a una determinata categoria, si scopre che non funziona. Questo vale sia per le funzioni che non funzionano affatto sia per quelle che sembrano funzionare ma lo fanno in modo errato.

Questi possono essere alcuni dei problemi più significativi per un’applicazione, causando agli utenti notevoli disagi e peggiorando la reputazione dello sviluppatore poiché il prodotto non funziona come pubblicizzato.

 

3. Scontri

 

Quando un software si blocca, c’è un problema fondamentale nel software che ne impedisce l’esecuzione. Possono verificarsi diverse forme di arresto anomalo, ad esempio quando un’applicazione si chiude completamente o si blocca semplicemente in un punto del processo.

L’arresto anomalo è uno dei problemi più gravi che possono verificarsi, poiché non c’è modo di ripristinare la funzionalità dell’applicazione se non chiudendola e riaprendola completamente. Sebbene alcune applicazioni continuino ad avere processi in background, non c’è modo di interagire con il software oltre questo punto.

 

Metriche comuni per i test della scatola nera

test di carico

I test manuali a scatola nera eccellono nella generazione di dati qualitativi, ma quando ci si concentra sui dati quantitativi è necessario essere consapevoli delle metriche che si stanno controllando. La comprensione completa di queste metriche aiuta a capire i difetti della piattaforma e a dare priorità alle diverse aree su cui lavorare.

 

Alcune delle metriche più comuni per i test black box che si trovano nel vostro lavoro includono:

 

1. Tasso di errore

 

Il tasso di errore può riferirsi a un paio di cose: il numero puro di errori che si verificano nel ciclo di test del software o gli errori che si verificano per ora di test. Le metriche orarie sono migliori, in quanto rappresentano la densità degli errori nel software piuttosto che indicare semplicemente un numero, con applicazioni più grandi potenzialmente rappresentate in modo errato.

Gli sviluppatori cercano di limitare il tasso di errore nelle loro applicazioni, poiché meno errori ci sono nel pacchetto software, migliore sarà l’esperienza del cliente nell’utilizzo del sistema.

 

2. Tempo di risposta

 

Quando un tester cerca di saperne di più sul livello di prestazioni che l’utente sperimenta, il tempo di risposta è uno degli aspetti principali da considerare. Si riferisce alla quantità di tempo che il software impiega per completare un’attività dopo che l’utente ha inserito un prompt; tempi di risposta più lunghi indicano un’applicazione relativamente inefficiente. Tempi di risposta più elevati sono motivo di preoccupazione, poiché gli utenti possono perdere la pazienza con un’applicazione che impiega troppo tempo.

 

3. Soddisfazione dell’utente

 

La maggior parte delle metriche si concentra sui numeri puri generati dal pacchetto software e dal software di test in un test, ma alcune metriche si concentrano sulle opinioni.

Se un’azienda completa un beta test con 1000 tester, ad esempio, può raccogliere dati sul numero di persone soddisfatte e trasformarli in una percentuale. Si tratta di una metrica estremamente utile da avere a disposizione alla fine di un ciclo: un tasso più alto di soddisfazione degli utenti dimostra che il programma piace a un maggior numero di persone e indica che è più probabile che abbia successo in futuro.

 

I migliori strumenti di test della scatola nera

Il black box testing è una forma di testing che può contare in modo significativo sulla disponibilità di strumenti, sia per automatizzare il black box testing sia per organizzare le informazioni ottenute dai test.

L’uso della giusta combinazione di strumenti può aiutare voi e il vostro team a lavorare in modo molto più efficiente e a costruire processi più efficaci in tutto il reparto di controllo qualità.

 

Scoprite qui di seguito alcuni dei migliori strumenti di black box testing e scoprite come ciascuno di essi può aiutarvi a prosperare:

 

I 5 migliori strumenti gratuiti per i test della scatola nera

 

Le piccole aziende emergenti, come gli sviluppatori indipendenti, non dispongono di un budget elevato per la creazione del loro software. Questo può comportare una serie di sfide, tra cui quella di trovare gli strumenti giusti con cui lavorare.

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

TASK-AGNOSTIC SOFTWARE AUTOMATION?

 

Di seguito sono elencati alcuni dei migliori strumenti gratuiti disponibili per gli sviluppatori indipendenti che desiderano migliorare i propri flussi di lavoro con un budget limitato:

 

1. ZAPTEST EDIZIONE GRATUITA

I migliori strumenti gratuiti e aziendali per l'automazione dei test del software

L’edizione gratuita di ZAPTEST è la perfetta introduzione all’automazione dei test software. Questo strumento è stato progettato specificamente per supportare l’automazione di qualsiasi attività, aiutandovi a lavorare in modo più rapido ed efficace indipendentemente dall’attività che state completando.

La versione gratuita di ZAPTEST contiene un’enorme quantità di funzionalità per supportare l’automazione di qualsiasi applicazione… L’implementazione 1SCRIPT cross browser, cross device, cross application e l’esecuzione parallela sono una delle caratteristiche disponibili.

 

2. JIRA

 

Le edizioni gratuite di JIRA sono strumenti ideali per annotare i bug, aggiungervi dettagli nei ticket e assegnare loro una priorità quando si comunica con un team di sviluppo.

Tuttavia, invece di essere un ausilio all-in-one per l’automazione, è specializzato esclusivamente nella gestione del progetto del processo di test.

 

3. IDE Selenium

 

Un’applicazione open-source che registra e riproduce l’automazione dei test, è un buon strumento per vedere cosa vede una piattaforma di automazione quando completa un test.

Un difetto di Selenium è la relativa mancanza di funzioni avanzate, come l’integrazione multipiattaforma delle attività automatizzate.

 

4. AutoHotkey

 

AutoHotkey è un linguaggio di scripting completamente gratuito e open-source disponibile per Windows, che aiuta gli utenti a creare script di varie dimensioni che completano una serie di attività dopo l’immissione di un singolo tasto.

Sebbene sia ottimo per automatizzare attività semplici, AutoHotkey può iniziare a fare fatica con script più grandi e requisiti di automazione.

 

5. Appium

 

Uno strumento che eccelle soprattutto nell’automatizzazione delle applicazioni iOS, è un programma ideale da utilizzare quando si vuole migliorare la qualità delle applicazioni mobili.

Il più grande svantaggio di Appium è il fatto che si è limitati a una gamma molto ristretta di prodotti, riducendo in modo significativo il mercato disponibile.

 

I 5 migliori strumenti aziendali per i test in scatola nera

 

Gli strumenti gratuiti vanno bene, ma le imprese e le grandi aziende hanno bisogno di più funzioni per testare a fondo il loro software. Fortunatamente, alcuni dei migliori strumenti aziendali di black box testing sono dotati di funzionalità complete e aiutano le aziende a ottenere un ritorno significativo sull’investimento nei processi di QA.

 

Tra gli strumenti di test aziendali a scatola nera ideali in cui investire vi sono:

 

1. ZAPTEST EDIZIONE ENTERPRISE

L’edizione Enterprise di ZAPTEST è uno degli strumenti di automazione più significativi sul mercato e può fornire un ritorno sull’investimento fino a 10 volte per il vostro prodotto.

Caratteristiche come l’accesso a un esperto ZAP a tempo pieno come parte remota del vostro team e le licenze illimitate assicurano che possiate implementare l’automazione dei test black box senza la necessità di una curva di apprendimento ripida e a un costo fisso indipendentemente dalla velocità di crescita.

 

2. TestRail

 

TestRail è una piattaforma che si concentra sui test in tempo reale con l’obiettivo di collegare i test con una piattaforma di gestione del progetto coesa. Sebbene sia ideale per centralizzare il lavoro di gestione del team, le funzioni di automazione sono tutt’altro che perfette per un team di sviluppo che voglia dare molta importanza ai test automatizzati.

 

3. Opkey

 

Opkey è una piattaforma che si concentra sull’automazione senza codice, il che significa che le persone senza conoscenze tecniche esistenti possono iniziare ad automatizzare i loro servizi di test.

Uno dei principali difetti di Opkey è la mancanza di una comunità attiva che circonda il software, il che può farvi sentire relativamente bloccati quando cercate di automatizzare in un modo nuovo per voi.

 

4. Perfecto

 

Perfecto è uno strumento che si occupa di aiutare gli utenti ad automatizzare le applicazioni mobili senza alcun problema serio, lavorando su un’ampia gamma di dispositivi e concentrandosi sul lavoro di test end-to-end.

Tuttavia, l’applicazione viene eseguita su dispositivi reali piuttosto che su macchine virtuali, il che aggiunge un ulteriore costo a quello che è già uno strumento di test relativamente costoso, per piattaforme limitate.

 

5. JIRA Enterprise

 

Oltre a completare il lato di automazione dei test, la gestione dei progetti rimane importante, ed è qui che entra in gioco JIRA. Enterprise JIRA ha più spazio di archiviazione e consente a un maggior numero di utenti di accedere alla piattaforma, ma può causare potenziale confusione con la necessità di autorizzazioni e accessi personalizzati per ogni singolo utente. Questo richiede molto tempo amministrativo per essere completato.

 

Quando si dovrebbe usare

Strumenti Enterprise vs. strumenti Freemium Black Box?

Vantaggi della creazione di un Centro di eccellenza per il testing. Il test delle prestazioni è diverso dal test funzionale?

Per cominciare, la maggior parte delle aziende si avvarrà di strumenti freemium a scatola nera. Questo ha senso da un punto di vista economico, poiché nessuna azienda intelligente vuole investire in un prodotto che non comprende appieno, sia dal punto di vista della gestione del progetto che da quello dell’automazione.

Gli strumenti freemium non includono solo applicazioni completamente gratuite, ma possono comprendere versioni gratuite di prodotti aziendali che un’azienda utilizza per imparare a implementare lo strumento nei propri processi.

Il momento ideale per un’organizzazione per aggiornare lo strumento scelto a un’edizione enterprise è quando l’azienda inizia a sperimentare attriti nei processi di test a causa dello strumento gratuito. Che si tratti di uno strumento gratuito che offre solo un numero selezionato di licenze o una quantità di test, nel momento in cui iniziate a riscontrare inefficienze nei vostri processi a causa dei vostri strumenti di test, dovreste passare a una versione enterprise che soddisfi tutte le vostre esigenze.

 

Lista di controllo, suggerimenti e trucchi per i test in scatola nera

Lista di controllo per il test del software

Poiché il black box testing è un metodo di verifica molto complesso, che offre molte opportunità di approfondire la conoscenza di un pacchetto software, ci sono alcune cose che dovete cercare.

 

Alcuni suggerimenti e trucchi importanti da includere nella lista di controllo dei test black box sono:

 

– Comprendere il brief

 

Prima di iniziare a pianificare i test, assicuratevi di aver compreso il brief più ampio per il periodo di test. Questo include la comprensione del software fino a dove è consentito e l’apprendimento esatto di ciò che si intende testare.

 

– Correggere il caso di test

 

Cercate di far valutare a tutti coloro che partecipano al test i casi di test che state utilizzando nel test black box. Più occhi vedono il caso di test prima dell’implementazione, maggiori sono le possibilità di eliminare eventuali errori.

 

– Organizzare un elenco di cose da fare

 

L’aspetto non tecnico della preparazione ai test black box può essere altrettanto importante di quello tecnico. Quando si pianifica, creare un elenco coerente delle cose da fare, che stabilisca chi deve testare quale parte del software in quale momento specifico. In questo modo si riducono la confusione, il potenziale esaurimento e i ritardi dovuti alla sostituzione di altri compiti.

 

– Registrare immediatamente i risultati

 

Registrare immediatamente tutti i risultati generati da un test. Aspettando troppo a lungo con i test manuali si possono ricordare male i problemi, quindi prendere appunti istantanei aumenta notevolmente l’accuratezza.

 

– Collaborare con gli sviluppatori

 

Discutete i tempi e la strategia di test con gli sviluppatori, in modo che capiscano cosa sta succedendo e quando possono aspettarsi di lavorare sui nuovi aggiornamenti. Ciò include la definizione di processi chiari in base ai quali i reparti comunicano tra loro.

 

– Dati utilizzabili

 

Quando si scrive un report, assicurarsi che tutti i dati forniti allo sviluppatore siano utilizzabili. Questo aiuta il team a sviluppare un prodotto che risponda ai suoi problemi, piuttosto che uno sviluppatore non capisca le modifiche da apportare.

 

– Capire le proprie priorità

 

In qualità di team di collaudo, la vostra priorità è quella di garantire che l’azienda invii ai suoi utenti un prodotto di alta qualità. Se i test richiedono un po’ più di tempo del previsto, ricordate che si tratta di uno scambio proficuo per l’aumento della qualità che il cliente sperimenta.

 

– Conoscere la gerarchia

 

In un’azienda di sviluppo ideale, gli sviluppatori e i tester si trovano allo stesso livello gerarchico, con un ruolo altrettanto importante nel modo in cui il software cresce. Comprendete la struttura gerarchica della vostra organizzazione e cercate di fare in modo che tutti comprendano il valore di un buon testing.

 

– Mantenere una documentazione coerente

 

Conservate le copie di tutti i dati e dei rapporti generati durante i test. È possibile tenere traccia delle modifiche dell’applicazione di cui è responsabile il team di collaudo, oltre a esaminare i vecchi bug per vedere se vengono replicati nelle edizioni future.

 

Conclusione

Il test black box è in definitiva una delle parti più importanti del processo di test del software. Aiuta le aziende ad assicurarsi che ciò che spediscono sia del massimo livello possibile e utilizza un cambio di prospettiva per offrire una visione unica del modo in cui un’applicazione viene percepita e implementata da un utente esterno.

Qualsiasi azienda che non aggiunga ai propri processi il black box testing, sia automatico che manuale, sta perdendo l’opportunità di migliorare notevolmente la qualità delle proprie applicazioni. Fate dei test intelligenti e raccoglierete i frutti quando i clienti avranno accesso al vostro prodotto.

 

Domande frequenti e risorse

Indipendentemente dalla conoscenza dei test black box, potreste avere altre domande e voler approfondire la vostra conoscenza del metodo. Consultate le nostre domande frequenti qui sotto per saperne di più sui test a scatola nera e per accedere a una serie di risorse che vi possono spiegare meglio la metodologia.

 

1. I migliori corsi sulla Black box Test Automation

 

Esistono diversi corsi sull’automazione dei test black box che si possono seguire, ognuno dei quali aiuta le persone a raggiungere un diverso standard di test.

 

Alcuni dei più apprezzati corsi di black box testing disponibili includono:

 

– “Black-box e White-box Testing” di Coursera

– “La serie Black-Box Software Testing” di BBST

– “Introduzione alle tecniche di test del software in scatola nera” di Udemy

– “Test di automazione del software” della Scuola di tecnologia emergente di Londra

– “Tre tecniche fondamentali di test a scatola nera” di Udemy

 

2. Quali sono le 5 principali domande di intervista sul Black box Testing?

 

Il testing del software è un settore altamente competitivo che vede un gran numero di candidati per ogni singolo posto vacante. Se vi assicurate un colloquio per una posizione nel settore dei test a scatola nera, queste sono alcune delle domande a cui potreste prepararvi a rispondere in un colloquio:

 

– Che esperienza ha nel lavoro con i test black box?

– Quali sono le principali differenze tra black box e white box testing?

– Ha avuto esperienze di automazione del software nei suoi ruoli precedenti?

– Ci può raccontare un momento in cui ha affrontato delle sfide sul posto di lavoro e come le ha superate?

– Quale pensa sia il futuro del black box testing e in che modo le sue competenze si adattano a una carriera a lungo termine nel testing del software?

 

3. I migliori tutorial di Youtube sui test a scatola nera

 

YouTube è una delle risorse di apprendimento più importanti a disposizione di chi sta sviluppando le proprie capacità di test del software, in quanto fornisce una fonte gratuita di informazioni che è possibile utilizzare per sviluppare la propria tecnica.

 

Alcuni dei migliori tutorial da guardare per imparare i test a scatola nera sono:

 

– “Introduzione ai test black e white box – Georgia Tech – Processo di sviluppo del software” di Udacity

– “Black Box e Glass Box Testing” di MIT OpenCourseWare

– “7 tecniche di test black box che ogni QA dovrebbe conoscere” di The Testing Academy

– “Black Box Testing | Cos’è il Black Box Testing | Impara il Black Box Testing” di Intellipaat

– “Che cos’è il test della scatola bianca o grigia o nera?” di ITProTV

 

4. Come mantenere i test della scatola nera?

 

Il mantenimento dei test black box, sia che si tratti di test manuali che automatizzati, consiste nel prestare attenzione ai test durante il loro svolgimento e nel cercare costantemente di applicare correzioni in caso di problemi.

Ciò significa assicurarsi che i casi di test vengano eseguiti come ci si aspetta ogni volta e verificare che gli strumenti automatici eseguano tutti i passaggi corretti. Fate questo il più spesso possibile per evitare che i vostri standard si abbassino, perché un test della scatola nera ben curato è quello che restituisce i risultati più accurati possibili.

 

5. I migliori libri sui test a scatola nera

 

Sebbene i test black box e i test del software nel loro complesso siano un campo in continua evoluzione, ci sono diversi libri che rimangono rilevanti e offrono molti spunti per migliorare il vostro lavoro di testing.

 

Tra i migliori libri sui test a scatola nera vi sono:

 

– “Black Box Testing: Tecniche per il collaudo funzionale di software e sistemi” di Boris Beizer

– “Test del software: Principi e pratica” di Srinivasan Desikan, Gopalaswamy Ramesh

– “Essentials of Software Testing” di Ralf Bierig, Stephen Brown, Edgar Galván

– “Introduzione al testing del software” di Paul Ammann, Jeff Offutt

Download post as PDF

Alex Zap Chernyak

Alex Zap Chernyak

Founder and CEO of ZAPTEST, with 20 years of experience in Software Automation for Testing + RPA processes, and application development. Read Alex Zap Chernyak's full executive profile on Forbes.

Get PDF-file of this post