fbpx

Get your 6-month No-Cost Opt-Out offer for Unlimited Software Automation?

Il test funzionale del software è una parte essenziale di qualsiasi procedura di test del software. Un intervento corretto al primo colpo può evitare riparazioni costose e lunghe in seguito e contribuire a mantenere i clienti soddisfatti. La possibilità di automatizzare porzioni di test funzionali con prodotti come ZAPTEST rende il processo ancora più indolore.

Spiegheremo il significato di test funzionale, i tipi di test funzionale, come eseguire i test funzionali, l’automazione, le best practice e chi deve eseguire i test funzionali all’interno della vostra azienda. Inoltre, esamineremo alcuni dei migliori strumenti di test funzionale presenti sul mercato.

Indice dei contenuti

Che cos’è il test funzionale?

Il test funzionale nel test del software è un modo per determinare se un software o un’applicazione funziona come previsto. I test funzionali non si preoccupano di come avviene l’elaborazione, ma di verificare se l’elaborazione fornisce i risultati corretti o se presenta dei bug.

Nell’eseguire un test funzionale, si cerca di individuare eventuali lacune, errori o qualsiasi cosa manchi nei requisiti del software o dell’applicazione.

La differenza tra test di sistema e test funzionali è che il test di sistema verifica l’intero sistema, mentre il test funzionale verifica solo una singola funzionalità.

Test funzionali e non funzionali

I test funzionali e non funzionali verificano diversi aspetti del software. Il test funzionale nel test del software si occupa di verificare se ogni funzione del software o dell’applicazione è conforme alle specifiche richieste. I test non funzionali, invece, misurano le prestazioni del software o delle applicazioni piuttosto che il loro funzionamento.

Tipi di test funzionali, discussione ed esempi

La definizione di test funzionale è nel suo nome. Il test funzionale si occupa di verificare se il software funziona correttamente e se soddisfa le aspettative dell’utente.

Per aiutarvi a comprendere meglio il significato di test funzionale, ecco alcuni dei principali tipi di test funzionale:

Test unitari

Gli sviluppatori o i tester utilizzano i test unitari per determinare se i singoli componenti o unità del software o dell’applicazione corrispondono ai requisiti di funzionalità. L’esecuzione di test unitari assicura che le parti funzionali più piccole del software funzionino correttamente.

I test di copertura del codice sono fondamentali. Inoltre, è necessario eseguire test unitari per la copertura delle linee, dei percorsi del codice e dei metodi.

Vantaggi dei test unitari:
  • Determinare la qualità complessiva del codice
  • Trovare i bug del software
  • Avere una documentazione per comprendere meglio l’interfaccia

 

Svantaggi dei test unitari:
  • Richiede la scrittura di più codice
  • Può indicare la necessità di modificare il progetto strutturale
  • Non cattura tutti gli errori

Test del fumo

Gli sviluppatori (e talvolta i tester) eseguono degli smoke test dopo ogni nuova build per garantire la stabilità e testare le funzionalità critiche. Il test del fumo verifica la stabilità dell’intero sistema.

Ad esempio, si può effettuare uno smoke test per la funzionalità della pagina di login o determinare la funzionalità di aggiunta, aggiornamento o cancellazione di record nella nuova build.

Vantaggi dei test sul fumo:
  • Garantisce che il software sia sufficientemente stabile per poter effettuare test più dettagliati.
  • Assicura che il software non contenga anomalie o bug.

 

Svantaggi dei test sul fumo:
  • I test non sono dettagliati
  • Il numero ridotto di casi di smoke test potrebbe non cogliere tutte le criticità.

Test di sanità mentale

I tester di solito eseguono i sanity test dopo gli smoke test. Il Sanity test assicura che le nuove funzionalità specifiche della build o le correzioni di bug dell’app o del sistema software funzionino come dovrebbero.

Se lo smoke testing ha ispirato la correzione dei bug, il sanity testing è il momento in cui si determina se tali correzioni funzionano. Ad esempio, se lo smoke test ha riscontrato problemi di login, il sanity test verificherà le correzioni dei bug di login e farà un ulteriore passo avanti per garantire che i nuovi login soddisfino tutti i criteri di accesso.

Vantaggi dei test di sanità mentale:
  • Risparmia tempo perché si concentra su aree specifiche di funzionalità dopo una piccola modifica.
  • Aiuta a identificare i componenti dipendenti mancanti dopo piccole modifiche

 

Svantaggi del sanity test:
  • Breve e non dettagliato
  • Indica solo che le modifiche hanno funzionato come previsto

Test di regressione

I tester utilizzano i test di regressione tra i tipi di test funzionali per assicurarsi che il nuovo codice, gli aggiornamenti o le correzioni di bug non interrompano le funzionalità esistenti dell’applicazione o del software o non causino instabilità indipendenti dalle caratteristiche.

Ad esempio, non volete che il vostro nuovo codice o la riparazione di un bug interrompano la possibilità di inserire dati in una parte più vecchia del software.

Vantaggi del test di regressione:
  • Assicura che le correzioni o le modifiche del software non influiscano sul modo in cui le parti più vecchie del software funzionano con la stessa funzionalità.
  • Assicura che i problemi precedentemente risolti non si ripresentino.

 

Svantaggi dei test di regressione:
  • A meno che non siate in grado di automatizzare il processo, i test di regressione possono essere costosi e richiedere molto tempo perché devono essere eseguiti per ogni piccola modifica del codice.
  • I casi di test complessi sono necessari per gli scenari complessi

Test di integrazione

Gli sviluppatori (e talvolta i tester) eseguono test di integrazione per garantire che i singoli moduli del software o dell’applicazione siano collegati e funzionino insieme. Il test di integrazione prevede l’esame della logica e dei valori resi. Assicura che i moduli si integrino bene con strumenti di terze parti e individua i difetti nella gestione delle eccezioni.

Ad esempio, si può verificare se la pagina di login porta al modulo corretto dopo l’accesso. Oppure si può verificare se gli elementi eliminati finiscono nel cestino dopo l’eliminazione.

Vantaggi dei test di integrazione:
  • Fornisce un processo di test indipendente con copertura del codice dell’intero sistema.
  • Rileva bug o problemi di sicurezza nelle fasi iniziali del test funzionale del software per risparmiare tempo.

 

Svantaggi dei test di integrazione:
  • Difficile da eseguire
  • Richiede tempo

Test beta/di usabilità

Dopo aver effettuato altri tipi di test funzionali, i test di beta/usabilità consentono ai clienti effettivi di verificare il corretto funzionamento di un nuovo aggiornamento del prodotto prima che venga reso disponibile a tutti. I clienti forniscono un feedback sul funzionamento dell’aggiornamento e gli sviluppatori prendono in considerazione ulteriori modifiche al codice per motivi di usabilità.

Ad esempio, se l’aspetto dell’interfaccia utente cambia con l’aggiornamento, il beta testing consente ai clienti di fornire un feedback su ciò che funziona, ciò che non funziona e quali funzioni mancano.

Vantaggi dei test di usabilità:
  • Valutare cosa penserà l’utente finale delle modifiche e determinare cosa manca o cosa non funziona con l’uso regolare.
  • Migliora la qualità del prodotto e riduce il rischio di fallimento del prodotto o di insoddisfazione del cliente al momento del lancio.

 

Svantaggi dei test di usabilità:
  • Gli sviluppatori non hanno alcun controllo sul processo di testing
  • Difficoltà a duplicare i bug sperimentati dai beta tester

Tipi di test non funzionali, discussione ed esempi

Dopo aver stabilito se il software fa ciò che deve, il test non funzionale può misurare il suo rendimento in varie circostanze.

Test delle prestazioni

Il test delle prestazioni consente agli sviluppatori di scoprire il funzionamento dei componenti software. Misura la qualità complessiva del software per determinarne la velocità e la scalabilità.

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

TASK-AGNOSTIC SOFTWARE AUTOMATION?

Alcuni esempi di test delle prestazioni includono la misurazione dei tempi di risposta, l’individuazione dei colli di bottiglia e dei punti in cui il software fallisce.

Vantaggi dei test di prestazione:
  • Determinazione della velocità del software
  • Ottimizzazione del software
  • Determinazione della capacità di carico per soddisfare gli utenti finali

 

Svantaggi del test delle prestazioni:
  • Può essere costoso
  • Richiede più dispositivi in più sedi per determinare il tipo di difficoltà che i consumatori possono avere

Test di carico

I test di carico aiutano gli sviluppatori a capire come funziona un sistema in base ai carichi previsti e ai picchi di utenti.

I test di carico aiutano a garantire che il software funzioni e soddisfi le aspettative degli utenti in condizioni di carico normale, piuttosto che testarlo a capacità estreme.

Vantaggi dei test di carico:
  • Scopre i normali colli di bottiglia
  • Identifica l’infrastruttura ideale per un utilizzo regolare
  • Riduce i tempi di inattività durante i normali picchi di traffico

 

Svantaggi delle prove di carico:
  • Scoprire le carenze nella capacità di gestione del carico che potrebbero essere costose da correggere.
  • Scoprire le limitazioni che possono spingere i potenziali utenti verso altre opzioni durante gli orari di maggior traffico.

Test di stress

Lo stress test rivela il funzionamento del sistema software nelle condizioni di carico più gravose.

Ad esempio, si può verificare come si comporta il sistema quando un numero di clienti superiore al solito si collega al sistema.

Vantaggi degli stress test:
  • Rivelare il funzionamento del sistema dopo un guasto e la sua capacità di recupero.
  • Fornire un quadro del funzionamento del sistema in condizioni regolari e irregolari.
  • Fornisce un’idea della necessità o meno di un tetto massimo per gli utenti

 

Svantaggi degli stress test:
  • Saper scrivere script di stress test per tutti gli scenari potenziali
  • Costoso e difficile da eseguire manualmente

Come eseguire i test funzionali?

Vediamo cosa comporta l’esecuzione di test funzionali nel collaudo del software.

Introduzione e cosa testare nei test funzionali

I test funzionali sono essenziali per determinare se il software o le applicazioni funzionano come dovrebbero, senza bug.

Una delle prime cose da fare prima di eseguire i test è determinare i vostri obiettivi. Qualsiasi piccola modifica agli script potrebbe influenzare il funzionamento complessivo del software.

Pertanto, è fondamentale identificare quali componenti software sono collegati a qualsiasi modifica e testare ogni componente collegato per assicurarsi che funzioni secondo le aspettative.

Fase 1: Sviluppo di scenari di test

Durante i test, è essenziale verificare vari scenari per ogni funzione, pensando a tutte le eventualità che potrebbero verificarsi per l’utente.

Ad esempio, cosa succede se l’utente tenta di inserire una password che non soddisfa i criteri? Cosa succede se l’utente paga con una carta di credito scaduta o in una valuta diversa? Cosa succede se due utenti vogliono lo stesso nome di login?

 

Fase 2: creazione di dati di test per simulare le condizioni normali

Si desidera creare dati di test che simulino le condizioni normali in base agli scenari di test identificati in precedenza. A tal fine, dovrete elencare cosa dovrebbe accadere nel caso in cui si verifichi uno di questi scenari.

Passo 3: Esecuzione dei test

Si può avere un piano di test funzionali che prevede la verifica manuale di queste condizioni oppure creare uno script automatico per il test funzionale automatizzato che simuli gli scenari.

Ad esempio, se qualcuno tenta di creare un login già esistente nel sistema, dovrebbe ricevere un messaggio di errore che lo invita a creare un login diverso.

Fase 4: Elenco dei problemi

Se i risultati dei test sono diversi da quelli attesi, è necessario registrarli.

Ad esempio, se è possibile creare un login uguale a quello di un’altra persona, è necessario segnalarlo come un problema da risolvere.

Fase 5: Determinare come risolvere i problemi

Dopo aver identificato un problema che richiede una soluzione, è necessario registrare il problema in un luogo formale, in modo che sia accessibile a tutto il team di progetto.

Dopo aver determinato la soluzione e apportato le modifiche, sarà necessario eseguire nuovamente i test per garantire che il difetto sia risolto in tutta la piattaforma.

Dovreste automatizzare i test funzionali?

Il test funzionale può essere un processo noioso da eseguire manualmente, soprattutto se le modifiche al codice riguardano più aree del software. L’analisi dei vantaggi, delle sfide e dei limiti dell’uso di un software come ZAPTEST per i test funzionali automatizzati può aiutarvi a determinare se è adatto alla vostra situazione.

le migliori pratiche per l'automazione del software agile e per il test funzionale

Vantaggi dell’automazione dei test funzionali

  • Richiede meno tempo rispetto ai test manuali
  • Richiede uno sforzo minore rispetto ai test manuali
  • L’errore umano è minore
  • Meno bug sfuggono durante i test
  • Fornisce una replica del funzionamento del prodotto in un ambiente reale.
  • Contribuisce a fornire un prodotto di qualità superiore che soddisfa i requisiti di usabilità dei clienti.

Sfide e limitazioni nell’automazione dei test funzionali

  • Sviluppo di una varietà di scenari di test
  • Determinazione dei test corretti
  • Errori logici mancanti
  • Richiede tempo per i test più complessi
  • Trovare i giusti strumenti di automazione del test del software
  • Non è possibile automatizzare tutti i test
  • Alcuni difetti possono sfuggire all’analisi

Conclusione: Perché automatizzare i test funzionali?

L’automazione dei test funzionali con strumenti come ZAPTEST consente di risparmiare tempo e fatica e di far passare meno bug rispetto ai test manuali. L’automazione dei test su tutte le piattaforme è più conveniente rispetto ai test manuali e fornisce un’indicazione più veritiera di come gli utenti utilizzeranno il vostro software.

Migliori pratiche di automazione dei test funzionali

L’automazione dei test funzionali è più utile se eseguita correttamente. Ecco alcune buone pratiche da seguire.

Scegliere i casi di test giusti

Uno dei componenti essenziali dell’automazione dei test funzionali è sapere cosa testare. I tipi di test funzionali più indicati come test funzionali automatizzati sono:

  • Test che è necessario eseguire più volte o su base regolare
  • Test che devono essere eseguiti più volte con diversi set di dati
  • Test che richiedono molto tempo e impegno
  • Test che possono facilmente portare all’errore umano
  • Eseguire gli stessi test su sistemi operativi, browser o dispositivi diversi.

Compilare i dati in formati utilizzabili

Quando si compilano i dati per i test automatici che necessitano di più set di dati, questi devono essere facili da usare, leggere e mantenere. Le informazioni devono provenire da fonti facilmente leggibili, come file XML, file di testo o database. Mantenere i dati in questi formati rende il framework di automazione più facile da mantenere, utilizzare, testare e riutilizzare.

L’organizzazione è fondamentale anche quando diversi membri del team devono poter utilizzare gli stessi dati.

Avere un team di automazione dedicato

La presenza di un team dedicato di persone attente ai dettagli che si occupano di test funzionali automatizzati è fondamentale per il successo dei test. Dovrete scegliere membri del team orientati ai dettagli e con le giuste competenze per eseguire i test automatizzati. Determinare chi è più bravo a eseguire i test manuali rispetto a quelli di scripting e a utilizzare gli strumenti di test funzionale automatizzati è fondamentale per il successo dei test.

Capacità di ricercare i punti di guasto in diverse interfacce utente (UI)

È fondamentale che i test includano test funzionali dell’interfaccia utente per verificare se il software funziona allo stesso modo su sistemi operativi, browser e dispositivi diversi. Per questo motivo, è importante scrivere test che non si rompano e che richiedano solo modifiche minime in caso di cambiamenti dell’interfaccia utente.

Test frequenti

È necessario creare una strategia che includa un elenco di componenti da testare regolarmente. Una volta che si sa quali componenti devono essere testati dopo le modifiche su piattaforme diverse, è più probabile che si rivelino più bug nelle prime fasi di test.

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

TASK-AGNOSTIC SOFTWARE AUTOMATION?

Chi deve fare cosa nei test funzionali?

Quando si elabora un piano di test funzionali, è importante stabilire chi ha le responsabilità per i diversi componenti del test funzionale.

che dovrebbe essere coinvolto negli strumenti di automazione dei test del software e nella loro pianificazione

Responsabilità degli sviluppatori

  • Assicurarsi che il codice funzioni senza errori di battitura
  • Test unitari
  • Test del fumo
  • Test di integrazione

Responsabilità dei tester

  • Test unitari
  • Test del fumo (a volte)
  • Test di sanità mentale
  • Test di regressione
  • Test di integrazione (a volte)

Responsabilità del controllo qualità

  • Esecuzione di test automatizzati che non richiedono conoscenze tecniche o di codifica.
  • Test che spingono i limiti delle capacità del software
  • Test dell’applicazione a tutto campo per risolvere i problemi che potrebbero sfuggire agli sviluppatori o ai tester abituali.

I migliori strumenti di test funzionale

Esiste un’ampia gamma di strumenti di automazione dei test funzionali. Pertanto, è indispensabile trovare gli strumenti giusti per determinare se il software funziona come dovrebbe.

Zaptest, il miglior strumento di automazione dei test funzionali

Cosa rende un buon strumento di automazione dei test funzionali?

I buoni strumenti di test funzionali automatizzati sono facili da usare in una varietà di ambienti, forniscono una serie di strumenti di test e sono riutilizzabili.

Facile da usare

Un buon strumento di automazione dei test funzionali è facile da usare per tutti i membri del team, indipendentemente dal livello di competenza.

Funziona in diversi ambienti

Lo strumento deve essere in grado di testare una varietà di sistemi operativi, browser e dispositivi. L’88% delle app viene abbandonato se gli utenti riscontrano problemi, per questo motivo i test funzionali per i dispositivi mobili e i test funzionali per il web sono entrambi estremamente importanti per i diversi sistemi operativi.

Fornisce gli strumenti di test necessari

Un buon strumento di automazione del test funzionale possiede gli strumenti necessari per testare la funzionalità. Ad esempio, deve supportare il vostro linguaggio di scripting per essere facile da usare, anche per chi non ha familiarità con il linguaggio di scripting. Dovrebbe anche essere in grado di supportare le esigenze di funzionalità del prodotto, come report specifici, test di compilazione e registrazione.

Riutilizzabilità

Lo strumento di test deve anche essere facilmente riutilizzabile per più test e modifiche. La possibilità di archiviare i dati nel cloud per poterli riutilizzare in seguito consente di risparmiare tempo e denaro.

I migliori strumenti gratuiti per i test funzionali automatizzati

Gli strumenti gratuiti di automazione dei test funzionali hanno molti vantaggi, ma anche dei limiti.

Vantaggi degli strumenti gratuiti di automazione dei test funzionali

  • Risparmio di denaro
  • Riduce il tempo dedicato alla manutenzione del sistema
  • Eliminazione del lavoro manuale ripetitivo grazie all’automazione robotica dei processi (RPA)
  • Fornisce risultati rapidi su tutte le piattaforme
  • Consente di eseguire test senza bisogno di ulteriore codifica
  • Fornisce test di funzionalità di base

Limitazioni degli strumenti di test funzionali automatizzati gratuiti

  • Potrebbe non essere possibile testare tutti gli scenari di funzionalità
  • Può essere testato solo su un numero limitato di piattaforme
  • Alcuni strumenti di test possono essere dietro paywall
  • Non consente di mantenere i dati nel cloud per più tester.

I migliori strumenti gratuiti per automatizzare i test funzionali sono…

Esistono molti strumenti di test funzionali automatizzati, ma questi sono alcuni dei migliori:

  • Zaptest
  • Studio Katalon
  • Selenio
  • Appium
  • Robotium
  • Mulino a vento
  • Apache JMeter
  • Capibara
  • Testlink
  • Maratona
  • Wiremock

Quando scegliere uno strumento di test funzionale di livello aziendale?

L’utilizzo di una versione di livello aziendale invece di uno strumento di test funzionale gratuito offre maggiori funzionalità e opportunità di condivisione tra le varie organizzazioni.

Quando è necessario risparmiare tempo

Gli strumenti di automazione dei test funzionali di livello aziendale possono far risparmiare tempo eseguendo più fasi di processo automatizzate contemporaneamente per ora.

Quando è necessario controllare più interfacce utente

Gli strumenti di test funzionale di livello enterprise controllano più interfacce utente senza modificare il codice, per garantire che i clienti che utilizzano sistemi operativi, dispositivi o browser diversi siano in grado di utilizzare il vostro software o la vostra applicazione allo stesso modo.

Per la gestione dei dati

I test funzionali del software a livello aziendale consentono una migliore gestione dei dati, in modo da potervi fare riferimento durante i test futuri e duplicare i test più facilmente.

Per le soluzioni di test ospitate nel cloud

Quando si sceglie un software di testing funzionale di livello aziendale, si è in grado di visualizzare i dati su più dispositivi e sedi, in modo che più utenti possano lavorare sugli stessi progetti senza duplicare gli sforzi.

Per licenze illimitate

La scelta di uno strumento di test funzionale di livello aziendale può dare ai membri dell’organizzazione un accesso illimitato, indipendentemente dal numero di persone che devono accedere ai dati.

Per l’Iperautomazione

La scelta di uno strumento di test funzionale di livello aziendale offre un’iper-automazione, massimizzando i processi che si possono automatizzare.

Gli strumenti di test funzionale a livello aziendale che forniscono l’automazione robotica dei processi (RPA) riducono l’errore umano automatizzando le attività di routine banali e ad alto volume per individuare i punti deboli e massimizzare l’efficienza operativa.

Quando avete bisogno di più servizi e vantaggi di test funzionali

La scelta di uno strumento di test funzionale di livello aziendale rende disponibili più servizi di test funzionale. Una buona società di test funzionali offrirà servizi e vantaggi quali:

  • Aumento del ROI
  • Test su tutte le piattaforme senza la necessità di modificare il codice
  • Capacità di eseguire più script contemporaneamente su diverse piattaforme.
  • La possibilità di accoppiarsi con più app
  • Conversione in un solo clic degli script per i test
  • Disponibilità di script automatici
  • Disponibilità di scenari di test
  • Simulazioni in tempo reale più realistiche
  • Registrazione di scenari per creare script eseguibili
  • Framework di test senza codice che elimina la necessità di un programmatore interno
  • Assistenza di esperti 24 ore su 24, 7 giorni su 7
  • Accoppiamento con altri software già in uso, come JIRA o Rally Software

Considerazioni finali sui test funzionali

Il software di test funzionale automatizzato può far risparmiare tempo garantendo che il software o le applicazioni funzionino correttamente su diverse interfacce utente. Sebbene siano disponibili versioni automatizzate gratuite, gli strumenti di test funzionale di livello aziendale offrono soluzioni di test funzionale del software più complete, vantaggi e dati ospitati nel cloud e condivisibili da tutta l’organizzazione.

Quando si sceglie un’azienda di test funzionali come ZAPTEST, visitare il sito web di un’azienda di test funzionali può dare un’idea migliore di ciò che ogni strumento offre e di ciò che non offre.

Domande frequenti sui test funzionali

Ecco altre domande da considerare in relazione ai test funzionali.

Domande frequenti sull'automazione dei test funzionali

Quali sono i tipi di test?

La maggior parte dei modi per testare software o applicazioni rientra nelle categorie di test funzionali e non funzionali. I test funzionali assicurano che il software funzioni come previsto, mentre i test non funzionali determinano il funzionamento del software all’interno di diversi parametri.

Quali sono le tecniche di test?

Le tecniche di test si riferiscono ai metodi di valutazione del sistema o dei componenti del software per garantire che soddisfino tutti i requisiti. I test permettono di scoprire se ci sono lacune o errori che impediscono di soddisfare i requisiti. I test possono essere manuali o automatizzati.

Che cos’è il test funzionale con un esempio?

La definizione di test funzionale si riferisce alla funzione. Il test funzionale è un modo per verificare che il software o le applicazioni funzionino come dovrebbero.

Ad esempio, si può verificare che la nuova codifica consenta agli utenti di accedere alla pagina corretta dopo il login. Se non lo fa, indica un errore nel codice che deve essere riparato.

Download post as PDF

Alex Zap Chernyak

Alex Zap Chernyak

Founder and CEO of ZAPTEST, with 20 years of experience in Software Automation for Testing + RPA processes, and application development. Read Alex Zap Chernyak's full executive profile on Forbes.

Get PDF-file of this post