fbpx

Get your 6-month No-Cost Opt-Out offer for Unlimited Software Automation?

Il test di mutazione, o program mutation, è una tecnica di test white-box che aiuta le aziende a sviluppare una serie di nuovi controlli sul software, verificando al contempo i processi attuali di un progetto. Si tratta di un approccio relativamente nuovo, che garantisce che sia gli sviluppatori che i tester lavorino secondo standard elevati.

Un’applicazione ha successo o è buona solo quanto le sue procedure di garanzia della qualità, il che significa che è essenziale che le organizzazioni adottino più di un tipo di tecnica di test.

Imparare a conoscere i test di mutazione potrebbe aiutare i team di test ad aumentare le loro competenze e il loro repertorio generale, consentendo loro di migliorare l’affidabilità di questi controlli. Il test di mutazione è un processo complesso e delicato, quindi è fondamentale che i tester si documentino a fondo sui vantaggi, sulle sfide e sui programmi di terze parti che possono garantire un’implementazione di successo.

In questo articolo esaminiamo i test di mutazione e il modo in cui migliorano la garanzia di qualità, oltre ad altre considerazioni chiave per i team di test del software.

 

Indice dei contenuti

Che cos’è il test di mutazione nel testing del software?

Vantaggi della creazione di un Centro di eccellenza per il testing. Il test delle prestazioni è diverso dal test funzionale?

Nel contesto del software, per test di mutazione si intende quando un team di garanzia della qualità introduce deliberatamente dei bug – o “mutazioni” – nel codice di un’applicazione per vedere come risponde il team. L’obiettivo è creare un errore e assicurarsi che la suite di test sia in grado di identificare ogni alterazione dell’applicazione.

Quando modifica il codice del programma, il tester di mutazione può cambiare un’espressione vero/falso, eliminare un’affermazione o semplicemente cambiare un valore. Questi errori potrebbero manifestarsi in vari modi durante altri controlli del software, tutti facilmente individuabili da un team di collaudo esperto e competente.

Le mutazioni stesse sono spesso molto lievi, consentendo al tester che muta il codice di osservare come il team scopre queste modifiche. Modifiche significative sarebbero evidenti anche a un’occhiata superficiale, quindi gli errori minori sono in genere il modo migliore per assicurarsi che l’azienda stia impiegando pratiche di test solide.

Questa tecnica esamina specificamente l’efficacia dei casi di test di un team, ovvero i documenti che contengono le informazioni di test. Il team può anche utilizzare un software di automazione di terze parti per eseguire questi controlli, nel qual caso il test di mutazione esamina la capacità di questa piattaforma di rilevare i difetti all’interno del codice del programma.

 

1. Quando è necessario eseguire i test di mutazione?

 

Poiché l’obiettivo dei test di mutazione è quello di convalidare e migliorare gli attuali controlli di qualità, è essenziale che i team li eseguano fin dalle prime fasi del test. Ciò significa che se la suite di test non è in grado di identificare e “uccidere” i mutanti, c’è abbastanza tempo per apportare modifiche radicali di qualsiasi portata alle procedure di test dell’organizzazione.

Trattandosi di un metodo estremamente versatile, il test di mutazione è applicabile praticamente a qualsiasi tipo di software, compresi i programmi web, mobili e desktop. Questo funziona meglio durante la fase di test delle unità, che esamina i componenti più piccoli di un’applicazione.

 

2. Quando non è necessario eseguire i test di mutazione

 

Ci sono ancora alcuni scenari in cui la mutazione e i test white-box generali non sono appropriati per un programma; ciò può essere dovuto a varie ragioni.

Ad esempio, se i tester mirano a verificare solo il black-box testing, in questo caso si concentreranno sul front-end per quella sessione o anche sulla fase di test complessiva.

Alcune aziende considerano i test white-box noiosi e dispendiosi in termini di tempo, il che potrebbe indurle a saltare il processo. Casi di test solidi e ben controllati possono anche eludere la necessità di test di mutazione, in quanto ciò dimostra la diligenza e l’impegno del team nei confronti di procedure di test accurate.

 

3. Chi è coinvolto nell’analisi delle mutazioni?

chi è coinvolto nel test del software

L’analisi delle mutazioni prevede una serie di ruoli diversi, tra cui:

 

– Tester di mutazione

Muta il codice introducendo vari difetti minori per garantire che il processo di test funzioni come previsto. Questi tester sono solitamente membri preesistenti del team di garanzia della qualità.

 

– Tester di applicazioni

Controllano regolarmente il codice per individuare eventuali problemi, identificando e correggendo le mutazioni che trovano. Eseguono test white-box per individuare gli errori di codifica, ma utilizzano anche altre tecniche.

 

– Sviluppatori di applicazioni

Progettano le caratteristiche del programma e scrivono il codice iniziale. Inoltre, risolvono qualsiasi problema riscontrato dai tester, assicurando che il software sia in uno stato stabile per il rilascio.

 

– Responsabili di progetto

Offrono indicazioni sull’applicazione e possono lavorare a fianco dei tester di mutazione per verificare l’efficacia dei propri team. Garantiscono standard elevati in ogni fase dello sviluppo.

 

Cosa analizziamo con i test di mutazione?

Chiarire alcune confusioni nell'automazione del test del software

I test di mutazione si concentrano maggiormente sui processi di test anziché sull’applicazione. A tal fine, esamina quanto segue:

 

1. Casi di test

 

I casi di test sono documenti che contengono informazioni dettagliate su ogni test, compresi i risultati che i tester si aspettano da ogni singolo controllo. Casi di test coerenti e accurati forniscono ai membri del team QA un’idea dello stato di salute dell’applicazione e di come le sue prestazioni si adattino alle aspettative dell’azienda.

Le informazioni contenute in questi casi di test possono determinare la capacità di un tester di individuare determinati difetti, compresi quelli indotti dai test di mutazione.

 

2. Standard di prova

 

I test di mutazione esaminano da vicino le attuali procedure di test per garantire che i membri del team siano in grado di identificare anche i problemi minori che potrebbero influenzare la percezione del software da parte dell’utente.

La diligenza e la competenza dei tester potrebbero essere i fattori principali che un’azienda valuta con questi controlli. Senza una forte attenzione ai dettagli in ogni fase, i tester potrebbero non notare gravi mutazioni presenti nel programma.

 

3. Singole unità di codice

 

I test di mutazione sono comuni durante la fase di test delle unità di sviluppo. Questo sistema esamina i singoli componenti per mantenere una forte attenzione su ogni test, ottimizzando in modo significativo l’intero processo, assicurando che i tester lavorino solo con le linee di codice rilevanti.

Poiché i test di mutazione sono spesso nelle fasi iniziali della garanzia di qualità e potrebbero essere un precursore dei test su scala reale, questo approccio può aumentare la velocità senza compromettere l’accuratezza.

 

4. Aggiornamenti del programma

 

Gli aggiornamenti del software di solito comportano il riavvio del processo di test per verificare che non vi siano nuovi errori e che quelli precedenti non si ripresentino.

La ripetizione dei test di mutazione è una parte fondamentale di questo processo e aiuta a promuovere standard di test coerenti dopo le principali modifiche al software.

Il team di testing potrebbe ritenere superflui i controlli approfonditi successivi all’aggiornamento, ma la mutazione del codice può far capire l’importanza dei test in ogni fase dello sviluppo.

 

5. Software di automazione

 

Le aziende effettuano anche test di mutazione per controllare le loro suite di test automatizzati e assicurarsi che siano in grado di notare il codice mutato, tra gli altri problemi.

Se un’applicazione di test di terze parti è in grado di identificare le modifiche esterne a un programma e potenzialmente anche di correggerle, significa che l’organizzazione può fidarsi del software per automatizzare i test.

È essenziale che le aziende convalidino il loro approccio all’automazione; questo dà tranquillità a ogni tester.

 

6. Strategia di automazione

 

Il modo in cui l’azienda integra l’automazione nei suoi processi è importante quanto il software che utilizza; ad esempio, può decidere di implementare l’iperautomazione. Ciò consente all’azienda di decidere in modo intelligente quali test di mutazione e software automatizzare.

Senza una solida strategia di automazione che tenga conto della varietà del codice di un’applicazione, alcuni test potrebbero essere incompatibili con l’automazione, il che limita le capacità della piattaforma.

 

7. L’applicazione

 

Sebbene il test delle mutazioni si concentri sul team di test più che sull’applicazione, potrebbe comunque evidenziare informazioni significative su questo programma.

Ad esempio, i test di mutazione mostrano come il software risponde alle modifiche del codice, e se segnala i problemi nel modo previsto dal team.

Questo approccio non è una tecnica di test del software, ma è comunque in grado di offrire dati interessanti sulle sue operazioni interne.

 

Ciclo di vita dei test di mutazione

Il ciclo di vita abituale dei test di mutazione è il seguente:

 

1. Analisi dei requisiti

 

Il primo passo di qualsiasi ciclo di vita dei test di mutazione è capire esattamente cosa richiede la convalida e quali parti del codice dell’applicazione beneficerebbero maggiormente di questi test.

Il team può parlare con sviluppatori e dirigenti per individuare le loro preoccupazioni e iniziare a risolverle.

 

2. Pianificazione del test

 

I tester iniziano quindi a sviluppare i controlli esatti che intendono implementare – in questo caso, le mutazioni che offriranno la migliore comprensione.

Questa fase determina la strategia complessiva di test delle mutazioni e il modo in cui il team intende implementare efficacemente le mutazioni di codice previste.

 

3. Sviluppo di casi di test

 

I test di mutazione comportano una documentazione di test separata, che include informazioni sul codice mutato e sul modo in cui i tester devono risolvere il problema.

Una buona registrazione assicura che i test procedano come previsto e può aiutare il team a mantenere il suo impegno verso standard di test elevati.

 

4. Impostazione dell’ambiente di prova

 

I tester si assicurano che l’applicazione sia pronta per le modifiche e che dispongano di una procedura per affrontare questi problemi se gli altri membri del team non sono in grado di rilevarli.

I tester di mutazioni stabiliscono un server di prova e lo usano come tela per le loro mutazioni.

 

5. Esecuzione del test

 

Dopo aver completato i loro preparativi, i tester modificano il codice in diversi componenti dell’applicazione e aspettano che altri tester notino e risolvano i problemi.

Sia i tester delle mutazioni che quelli delle applicazioni devono documentare ampiamente questo aspetto per assicurarsi che le loro registrazioni siano solide.

 

6. Chiusura del ciclo di prova

 

Una volta completato il test, i tester di mutazione verificano che tutte le modifiche apportate siano state corrette dai tester dell’app o da loro stessi.

Quindi chiudono il ciclo di test e analizzano i risultati, discutendo il modo in cui i tester hanno risposto ai vari errori e la loro capacità di correggerli.

 

7. Ripetizione del test

 

Dopo aver chiuso il ciclo di prova, potrebbe essere necessario riattivarlo dopo futuri aggiornamenti del software.

Ogni modifica apportata a un’applicazione ne altera in qualche modo la funzionalità, dando origine a nuove possibilità di cui il team deve tenere conto per garantire che il processo di test sia sufficientemente meticoloso.

 

Vantaggi dei test di mutazione

 

L’esecuzione di test di mutazione presenta numerosi vantaggi, tra cui:

 

1. Convalida il processo di test

 

Il principale vantaggio dei test di mutazione è la capacità di mostrare come i tester dell’azienda si approcciano al software e la loro capacità di riconoscere i problemi di codifica. Questo assicura anche che i casi di test del team siano sufficientemente completi e coprano tutti i test necessari.

I test di mutazione esaminano l ‘intera procedura di test di un’organizzazione per garantire che funzioni come previsto.

 

2. Assicura una forte automazione

 

I test di mutazione aiutano un team a verificare se la piattaforma di automazione dei test di terze parti è in grado di identificare adeguatamente gli errori all’interno del codice e di affrontarli nel modo corretto.

Se il software non riesce a rilevarli nemmeno dopo la necessaria calibrazione, potrebbe valere la pena di sostituire la piattaforma con una che superi facilmente questi test.

 

3. Buona copertura

 

Ogni processo di test del software deve essere in grado di coprire ampiamente l’intera applicazione per garantire che ogni aspetto riceva il livello di attenzione necessario.

I tester di mutazione possono alterare qualsiasi parte del codice di un programma; una buona implementazione consente a questi test di comprendere ogni caratteristica principale. Questo insegna ai tester a cercare i problemi nell’intera applicazione.

 

4. Esamina il codice sorgente

 

Poiché i test di mutazione comportano l’intervento sul codice e l’apporto di modifiche dirette, questo metodo potrebbe anche mettere in evidenza lo scripting non ottimizzato presente nell’applicazione.

I tester del software possono autorizzare il programma e condurre la loro normale serie di test solo se il codice del software è adeguato; questi controlli consentono ai tester di evidenziare potenziali problemi futuri.

 

5. Porta a un software migliore

 

I test di mutazione aiutano a garantire che i processi di test dell’applicazione siano adatti ai requisiti del programma.

Se l’analisi delle mutazioni rivela che il team di assicurazione della qualità non sta seguendo le giuste procedure o che i casi di test sono inadeguati, i tester possono lavorare per migliorare la situazione. Senza questa due diligence, l’organizzazione potrebbe rilasciare un prodotto difettoso senza rendersene conto.

 

6. Efficace per diverse lingue

 

Indipendentemente dalla lingua utilizzata da un team di test per la propria applicazione, sono disponibili opzioni software in grado di offrire un’analisi delle mutazioni di alta qualità.

Questo include una serie di caratteristiche di qualità della vita specifiche per la lingua, semplificando i controlli per una maggiore affidabilità. Un approccio personalizzato per le diverse lingue migliora la qualità di ogni singolo test.

 

7. Strumenti altamente accessibili

 

Molte delle principali piattaforme di mutazione sono completamente open source, il che significa che offrono una maggiore personalizzazione e una gamma completa di funzioni gratuitamente o a costi drasticamente inferiori.

Con meno ostacoli rispetto a molte altre forme di test, la mutazione del codice è un modo utile e conveniente per le aziende di valutare, o addirittura migliorare, il loro approccio di garanzia della qualità.

 

Le sfide dei test di mutazione

sfide di test di carico

 

Questo processo comporta anche numerose sfide, quali:

 

1. Richiede conoscenze di programmazione

 

Per eseguire questi controlli, i tester devono avere una comprensione completa del programma e del codice, rendendo difficile il contributo dei tester meno esperti.

Un’azienda può testare il software solo in modi che si adattano alle competenze esistenti dei tester; in particolare, alla loro capacità di modificare un’applicazione e creare un errore di codifica risolvibile.

 

2. Non adatto ai test black-box

 

I test black-box consistono principalmente nell’esaminare il front-end di un’applicazione senza ispezionarne il funzionamento interno e il codice, il che è di fatto incompatibile con i test di mutazione.

Di conseguenza, questi controlli sono utili solo per alcuni test rispetto ad altri metodi, molti dei quali possono offrire una copertura molto più ampia dell’intera fase di test.

 

3. La progettazione di test di mutazione richiede molto tempo.

 

La mutazione del codice può essere un processo noioso, perché il team deve trovare i singoli componenti che vale la pena mutare. Decidere quali mutazioni attuare può richiedere molto tempo; ciò può essere problematico quando altri tipi di test attendono effettivamente questi controlli per convalidare completamente l’approccio di test dell’azienda.

 

4. Può richiedere molte mutazioni del codice

 

Analogamente, i progetti complessi richiedono un numero maggiore di mutanti per garantire un approccio completo ai test. Questo aggiunge più tempo alla fase di mutazione e può comportare molte modifiche manuali al codice dell’applicazione.

Senza un software di automazione dei test di alta qualità con capacità di mutazione del programma, potrebbe essere difficile per i tester implementarlo con successo.

 

5. I tester potrebbero non notare gli errori

 

La preoccupazione più grande che i tester di mutazione e i project manager spesso hanno quando implementano questi controlli è la possibilità che i tester del software (manuali o automatizzati) semplicemente non notino i problemi.

Ciò potrebbe richiedere una revisione completa delle procedure di test dell’azienda, anche se questo potrebbe comunque fornire ai tester informazioni vitali sugli standard di garanzia della qualità.

 

6. Può essere ad alta intensità di memoria

 

I test di mutazione richiedono generalmente un’elevata potenza di elaborazione, anche se ciò può dipendere dall’applicazione utilizzata dai tester.

Se l’organizzazione dispone di un numero limitato di macchine o se questi dispositivi hanno specifiche basse, potrebbero avere difficoltà a eseguire troppe mutazioni simultanee. Ciò influisce sul numero di controlli che possono eseguire prima che la fase di test si concluda.

 

7. I rapporti possono essere densi di informazioni

 

Sebbene ciò dipenda principalmente dall’interfaccia dello strumento di test di mutazione di un team, i rapporti generati possono essere difficili da analizzare.

Alcuni programmi consentono agli utenti di personalizzare il processo di creazione dei rapporti, ma questo varia da un’applicazione all’altra.

 

Caratteristiche dei test di mutazione

Test non funzionali: cos'è, diversi tipi, approcci e strumenti

Le caratteristiche principali dei test di mutazione efficaci sono:

 

1. Complessivo

 

Questi controlli coprono tutti gli aspetti principali del software; le aziende con risorse sufficienti possono persino progettare un test di mutazione per ogni caso di test regolare.

Sebbene il numero esatto dipenda dalle capacità e dalle preferenze dell’organizzazione, i test di mutazione efficaci coprono un’ampia gamma di caratteristiche codificate.

 

2. Strategico

 

Allo stesso modo, le mutazioni di programma devono seguire una struttura chiara e ben pianificata che faciliti gli obiettivi generali dell’organizzazione in materia di test.

Ad esempio, gli errori che producono possono approssimare i fallimenti realistici dei test, consentendo ai tester di anticipare questi problemi se si verificano naturalmente, migliorando in modo significativo il processo di test dell’azienda.

 

3. Costruttivo

 

Lo scopo dei test di mutazione è quello di identificare le carenze dei test, mostrando come il team potrebbe migliorare i controlli e correggere gli errori minori che emergono.

I tester delle mutazioni devono dare priorità ai mutanti “non validi” che influiscono sulla funzionalità del software, consentendo miglioramenti più evidenti nei test del progetto.

 

4. Preventivo

 

Questi controlli esistono per convalidare la strategia complessiva del team; ciò significa che i test di mutazione funzionano meglio nelle prime fasi dello sviluppo.

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

TASK-AGNOSTIC SOFTWARE AUTOMATION?

Se i tester notano qualche difetto significativo nel loro approccio di garanzia della qualità, questo dà loro il tempo necessario per modificare i loro casi di test per assicurarsi che siano adeguati.

 

5. Coerente

 

I test di mutazione su diverse iterazioni di un’applicazione dovrebbero fornire risultati coerenti, aggiungendo al contempo ulteriori controlli per adattarsi alle modifiche del software.

I controlli successivi devono includere la stessa attenzione ai dettagli per mantenere la loro efficacia: senza questa precisione, i test di mutazione possono diventare meno accurati.

 

6. Sottile

 

I test di mutazione mirano a esaminare la capacità del team di garanzia della qualità di identificare i difetti del codice attraverso i propri test e le piattaforme di terze parti.

Ciò significa che i test non devono essere immediatamente evidenti a chiunque ispezioni il software; l’obiettivo è esaminare come i tester rispondono ai problemi minori del codice.

 

7. Collaborazione

 

Come per qualsiasi test del software, la mutazione del codice è un processo che richiede generalmente lavoro di squadra e comunicazione per garantirne il successo. Mantenere un’atmosfera collaborativa aiuta a evitare i silos informativi, che potrebbero causare errori di comunicazione, e garantisce inoltre che ogni tester rimanga concentrato sui compiti da svolgere.

 

Tipi di test di mutazione

Test di Bak end, strumenti, cos'è, tipi, approcci

I tre principali tipi di test di mutazione sono:

 

1. Mutazione del valore

 

Le mutazioni di valore modificano direttamente i valori all’interno del codice, cambiando un numero o una lettera con un’altra in modo da influenzare la funzionalità dell’applicazione.

Ad esempio, il tester potrebbe modificare i parametri esatti del programma, come i numeri a cui risponde. I tester di mutazione possono puntare specificamente ai valori costanti di un software, poiché questi rimangono sempre gli stessi durante le normali operazioni.

 

2. Mutazione decisionale

 

Le mutazioni decisionali modificano gli operatori aritmetici e logici, cambiando di fatto il modo in cui l’applicazione risponde a situazioni specifiche.

Ad esempio, la sostituzione di un operatore maggiore di (>) con un operatore minore di (<) influisce naturalmente sull’output del programma. I tester possono anche scambiare “o” con “e” o viceversa, alterando radicalmente questo software e il modo in cui interpreta le informazioni fornite dagli altri tester e dai possibili utenti.

 

3. Mutazione delle dichiarazioni

 

Le mutazioni di dichiarazione cambiano le dichiarazioni effettive del codice, modificando le regole che un’applicazione utilizza per prendere le sue decisioni. I tester possono modificare il contenuto di queste righe, duplicarle o addirittura eliminarle per verificare l’impatto del programma mutante sulla funzionalità del software.

Queste mutazioni cambiano gli elementi costitutivi di un programma, eliminando potenzialmente intere funzioni o impedendone il funzionamento.

 

Chiarire un po’ di confusione

– Test di mutazione e test di regressione

Confronto tra i test UAT e i test di regressione e altri test

I test di mutazione e di regressione sono entrambi approcci utili al testing del software: la comprensione di ciascuna di queste tecniche può migliorare la garanzia di qualità complessiva di un’azienda.

 

1. Che cos’è il test di regressione?

 

Il test di regressione consiste nell’esaminare il software tra diverse iterazioni per assicurarsi che continui a funzionare nonostante le modifiche apportate al codice.

In assenza di questi controlli, anche le modifiche minori possono causare gravi problemi, facendo potenzialmente riemergere i bug precedenti. In genere questo richiede l’automazione a causa della natura complessa del test di ogni componente; molte aziende rinunciano ai test di regressione per questo motivo.

I collaudatori possono condurre questi controlli su singole unità, singoli componenti o sull’intero prodotto – i test esatti richiesti dipendono principalmente dal progetto e dalla sua portata.

 

2. Qual è la differenza tra i test di mutazione e di regressione?

 

Il test di regressione si concentra principalmente sulla verifica del programma e della sua funzionalità, mentre la mutazione del codice si concentra sul modo in cui i tester rispondono ai problemi.

Il primo avviene in gran parte dopo più iterazioni di un programma, mentre i controlli di mutazione possono avvenire in qualsiasi fase dello sviluppo, anche se di solito nelle prime parti della fase di test.

Sia i test di regressione che quelli di mutazione possono occuparsi di singole unità di codifica e del modo in cui piccole modifiche potrebbero causare problemi significativi che i tester devono lavorare per correggere.

 

3. Conclusione: Test di mutazione vs. test automatizzati

Vantaggi della creazione di un Centro di eccellenza per il testing. Il test delle prestazioni è diverso dal test funzionale?

L’automazione è spesso una parte fondamentale dei test di mutazione a causa della vastità dei controlli e delle unità, il che la rende talvolta vitale per un processo di test completo e di successo.

Le aziende utilizzano comunemente le mutazioni del codice per esaminare la loro piattaforma di automazione di terze parti e la sua capacità di identificare gli script problematici.

La combinazione di un catalogo completo di controlli delle mutazioni con un software automatizzato può aumentare in modo significativo la copertura dell’azienda e garantire risultati migliori.

Sebbene si tratti di due pratiche di verifica distinte, non è necessario che si oppongano l’una all’altra. L’integrazione dell’automazione robotica dei processi, ad esempio, può potenziare la strategia di verifica delle mutazioni di un’azienda.

 

Di cosa avete bisogno per iniziare i test di mutazione nell’ingegneria del software?

lista di controllo dei processi di collaudo del software

I requisiti abituali per un test di mutazione completo includono:

 

1. Una chiara strategia di test

 

Il team di collaudo deve stabilire una strategia per la verifica delle mutazioni, indicando quali sono i componenti e le unità più importanti da esaminare.

Ad esempio, alcuni aspetti del codice possono essere più importanti per il successo e la funzionalità di un’applicazione; i tester devono assicurarsi che ci siano abbastanza mutazioni per tenerne conto.

Anche il programma di test di mutazione dell’azienda è una considerazione fondamentale, in quanto garantisce che i tester abbiano tempo sufficiente per esaminare il codice.

 

2. Nessuna dispersione dell’ambito di applicazione

 

Anche con una strategia accurata che definisce l’approccio dell’azienda ai test di mutazione, è possibile che il numero di test sia significativamente più alto del necessario.

L’efficienza è fondamentale in questa procedura, soprattutto perché altre fasi di analisi potrebbero essere in attesa che il team trovi e uccida le mutazioni. I tester devono definire chiaramente il loro ambito prima di iniziare a modificare il codice; questo assicura che tutto sia gestibile in tempi pratici.

 

3. Documentazione rigorosa

 

Ogni processo di test beneficia di una documentazione completa, spesso sotto forma di casi di test che dettagliano i singoli controlli e gli eventuali mutanti.

Questo illustra i progressi attuali del team nei vari test, il che è particolarmente utile per i manager e i dirigenti. Documentare ogni mutazione del codice aiuta inoltre i tester a mantenere una chiara documentazione delle modifiche apportate.

Se il team di controllo qualità fatica a trovare queste mutazioni durante i test, questi documenti fungono effettivamente da chiave di risposta.

 

4. Collaudatori qualificati

 

I tester che modificano il codice devono avere una forte conoscenza del software, compresi i molti modi in cui possono modificarlo o addirittura romperlo.

I tester di mutazione sanno all’incirca come le loro modifiche avranno un impatto sull’applicazione e come gli altri membri del team di garanzia della qualità potrebbero identificare il codice mutante.

Ciò richiede generalmente un buon livello di conoscenza della programmazione. Affinché l’analisi delle mutazioni sia efficace, anche i tester del software devono avere competenze ed esperienze di test ben sviluppate.

 

5. Software di automazione

 

Un software di automazione di terze parti può essere necessario prima dei test di mutazione, a causa del numero di controlli che questo processo spesso richiede. Questo vale soprattutto per le applicazioni più complesse, con un maggior numero di codici e funzioni da esaminare da parte del team di controllo qualità.

Le aziende possono effettuare questi controlli specificamente per verificare come il software di automazione risponde agli errori di codifica. Questo può essere una parte fondamentale del processo di prova dello studio per decidere quali programmi sono più utili.

 

Processo di test di mutazione

checklist uat, strumenti di test delle applicazioni web, automazione e altro ancora

I passi che i tester seguono di solito quando conducono l’analisi delle mutazioni sono:

 

1. Preparare i test

 

La preparazione è il primo passo di qualsiasi processo di analisi. Ciò include la negoziazione dei controlli esatti da implementare e l’ottenimento di qualsiasi approvazione necessaria, ad esempio da parte dei dirigenti aziendali e degli stakeholder.

I tester devono sviluppare questi controlli in modo da rispettare la tempistica del progetto, coprendo comunque tutti i componenti principali. La pianificazione del team può determinare l’efficacia delle mutazioni del codice.

 

2. Introdurre mutanti e difetti

 

Una volta completati i preparativi, il team di collaudo inizia a modificare il codice, mutandolo secondo il proprio piano per introdurre difetti specifici. Questi errori dovrebbero essere relativamente minori, in quanto consentono ai tester di valutare la capacità del resto del team di identificare i problemi di codifica.

Gli errori minori possono anche aiutare l’organizzazione a verificare la sensibilità del software di automazione di terze parti.

 

3. Applicare i casi di test

 

I casi di test devono tenere conto di tutti i possibili punti di errore di un’applicazione, il che potrebbe richiedere una riscrittura se il programma mutante è in grado di funzionare senza errori.

I casi di test di un programma rappresentano l’intera gamma di controlli che i tester effettuano; ognuno di essi dovrebbe aiutare i tester a scoprire eventuali mutazioni nascoste ed essere parte integrante dell’usabilità dell’applicazione.

 

4. Confrontare i risultati

 

Dopo aver aggiunto errori di mutazione al programma e aver applicato i casi di test del team, il team deve confrontare i risultati del programma originale e di quello mutante.

La speranza è che per ogni controllo riuscito nell’originale, ci sia anche un errore nell’applicazione mutante. Questo dimostra le capacità sia dei tester sia degli strumenti che utilizzano.

 

5. Agire su diversi output

 

Se gli output tra il programma originale e quello mutante sono diversi, come i tester si aspettano, significa che il caso di test può uccidere con successo il mutante dimostrandone la presenza.

I tester possono quindi procedere con fiducia nella loro metodologia e nella loro capacità di identificare i problemi di codifica. Per questi test particolari non sono necessarie modifiche ai casi di test.

 

6. Se necessario, cambiare le custodie

 

Alcune mutazioni del codice potrebbero portare a conclusioni identiche nei diversi programmi, suggerendo che i casi di test non sono in grado di evidenziare con successo ogni possibile errore nell’applicazione.

In questi casi, il mutante rimane “vivo” e potrebbe continuare a influenzare il software in modi che i tester non hanno la possibilità di affrontare, il che porta alla creazione di casi di test migliori.

 

Come creare programmi mutanti

I programmi mutanti sono di fatto identici a quelli originali, ad eccezione di una piccola modifica che può influire sulla funzionalità di un’applicazione in modo piccolo ma evidente.

Casi di test completi e dettagliati aiutano un tester o una suite software a individuare queste modifiche e i difetti che ne derivano. Ogni caso che l’azienda sta verificando richiede sia un programma originale che uno mutato, mostrando gli effetti di ogni cambiamento in modo isolato.

I programmi in genere replicano errori realistici, come ad esempio errori di codifica. È anche importante che i tester evitino i mutanti “nati morti” che impediscono l’esecuzione dell’applicazione: questo è troppo ovvio per i tester.

 

Cosa cambiare in un programma mutante?

Che cos'è il test di carico?

Come per molte variabili di test del software, le modifiche esatte che i tester apportano dipendono dall’applicazione e dal suo codice.

Esistono tre categorie che comprendono la maggior parte dei test di mutazione: operandi, espressioni e dichiarazioni. La modifica di uno qualsiasi di questi elementi può creare un programma mutante efficace, mostrando come i diversi valori o regole influenzino la logica stessa del programma.

Queste categorie si riferiscono ai tre tipi principali di mutazioni che i tester analizzano; si tratta rispettivamente di mutazioni di decisione, di valore e di dichiarazione. Le modifiche devono essere minime e non devono impedire del tutto l’esecuzione del test.

 

Le migliori pratiche per i test di mutazione

Che cos'è il test unitario

Quando si conducono test di mutazione nel contesto del testing del software, ci sono alcune pratiche che vale la pena di seguire per garantire risultati efficaci, come ad esempio:

 

1. Massimizzare il punteggio di mutazione

 

Il punteggio di mutazione di un programma è la percentuale di mutanti che un team o un’applicazione può identificare o “uccidere” con successo.

Ad esempio, se in un ciclo di test di mutazione ci sono 40 mutanti e i tester ne trovano 36, il punteggio di mutazione è del 90% – l’obiettivo del team è sempre quello di garantire un punteggio del 100%.

 

2. Scegliere i mutanti in modo casuale

 

Se da un lato può aiutare a dare priorità a determinati componenti e a testarli in modo più approfondito, dall’altro è anche utile per i tester selezionare in modo casuale quali mutanti aggiungere, soprattutto quando le scadenze sono strette.

Finché questi controlli rappresentano ogni tipo significativo di mutazione, il team di garanzia della qualità può convalidare la propria strategia complessiva di test del software.

 

3. Mantenere le modifiche ridotte

 

Le mutazioni del codice dovrebbero rappresentare piccole deviazioni dal programma originale, in quanto ciò illustra la probabilità che un tester identifichi determinati errori; i piccoli problemi di codifica dimostrano anche quanto sia sensibile il loro software.

È fondamentale che i tester di mutazioni trovino un equilibrio che permetta a queste modifiche minori di produrre comunque difetti evidenti.

 

4. Una mutazione per programma

 

I test di mutazione esaminano i singoli casi di test in modo isolato per verificare la loro completezza. Per questo motivo, ogni programma mutato dovrebbe presentare una sola modifica rispetto all’originale.

I programmi con più mutazioni potrebbero non essere in grado di accoppiarsi efficacemente con i casi di test; le mutazioni potrebbero entrare in conflitto tra loro.

 

5. Valutare attentamente il software di automazione

 

Le aziende spesso utilizzano la mutazione del codice per convalidare l’uso del software di automazione da parte del team e assicurarsi che sia in grado di identificare gli errori con la stessa efficacia di un tester umano.

Ciò significa che la scelta della giusta piattaforma di automazione può essere una considerazione importante, così come la possibilità di integrare l’automazione robotica dei processi.

 

6. Utilizzare lo sviluppo guidato dai test

 

Lo sviluppo guidato dai test (TDD) si riferisce a una tecnica specifica che tiene conto dei requisiti di test in ogni fase dello sviluppo.

Questo aiuta a garantire che i casi di test siano pienamente compatibili con il software, consentendogli di superare facilmente i test di mutazione e di creare un programma migliore che si sincronizzi con i processi di garanzia della qualità.

 

Tipi di risultati di un test di mutazione

vantaggi della creazione di un centro di eccellenza per il testing (TCoE)

I test di mutazione generano diversi output, tra cui:

 

1. Programma mutante

 

I programmi mutanti sono un risultato naturale di questi controlli; i tester li creano per riflettere i loro casi di test attuali e i problemi che aiutano a rilevare. I programmi di solito si discostano dalla loro controparte originale solo in un modo minore ma significativo per garantire una maggiore affidabilità.

 

2. Mutante vivo o morto

 

Dopo i test, una mutazione viene “uccisa” o rimane “viva”: questo si riferisce semplicemente al fatto che il tester (o il suo software) riesca o meno a identificare un problema di codifica.

Se il mutante rimane in vita, i casi di test potrebbero necessitare di serie modifiche.

 

3. Caso di test di mutazione

 

Il team di garanzia della qualità utilizza casi di test separati e specifici per le mutazioni che registrano le informazioni sui programmi mutanti.

Questo aiuta a garantire che il team disponga di documenti completi per ogni controllo; questi documenti includono dettagli sulle mutazioni e i loro effetti sul programma.

 

4. Punteggio di mutazione

 

L’obiettivo finale di qualsiasi test di mutazione è quello di raggiungere un punteggio di mutazione del 100%, con le procedure di test dell’azienda che riescono a individuare e uccidere ogni mutante. Qualsiasi cosa inferiore a questo suggerisce che i casi di test e i processi generali devono essere migliorati per identificare il codice problematico.

 

Esempi di test di mutazione

test api e automazione

Ecco tre esempi di test di mutazione:

 

1. Esempio di mutazione del valore

 

Le mutazioni di valore comportano la modifica di una costante o di un parametro che può potenzialmente alterare i limiti del programma. Ad esempio, il software di una cassa automatica può utilizzare il peso di un prodotto alimentare per determinarne il prezzo.

I tester potrebbero modificare il codice di questo programma per cambiare i parametri di peso, rendendo il cibo molto più costoso per ogni oncia o chilo. Il tester o la piattaforma di test devono essere in grado di identificare gli effetti dei diversi valori sul programma.

Poiché l’errore altera una delle caratteristiche principali del software, i casi di test dovrebbero notarlo e avvisare il team.

 

2. Esempio di mutazione decisionale

 

Le mutazioni decisionali comportano la modifica di un operatore aritmetico o logico, l’inversione o altre alterazioni del modo in cui l’applicazione risponde all’input dell’utente. Tornando all’esempio di una cassa automatica, queste macchine possono segnalare un articolo con un peso inaspettatamente elevato, forse a causa di un errore dell’utente.

Il codice della macchina potrebbe farlo attraverso una decisione “if (a>b)”, con ‘b’ che riflette il peso previsto e ‘a’ che corrisponde al peso effettivo. Il team può mutare questo punto in “if (a≤b)”, che cambia il modo in cui la cassa risponde; segnalerebbe l’articolo anche se il peso è quello previsto.

 

3. Esempio di mutazione della dichiarazione

 

Le mutazioni delle istruzioni comportano la modifica di una regola o di un output e possono anche comprendere l’eliminazione totale delle istruzioni dall’applicazione. Queste mutazioni possono essere più evidenti di altre, a seconda della frequenza della dichiarazione specifica; è fondamentale che i tester scelgano la dichiarazione con saggezza.

Ad esempio, una macchina per il self-checkout può visualizzare un avviso se un utente tenta di acquistare un articolo con restrizioni di età. Senza la dichiarazione corrispondente, la macchina potrebbe bloccarsi o permettere a qualsiasi cliente di acquistare qualsiasi articolo.

Modificando la dichiarazione ed evidenziandola al team, i tester possono verificare che il loro approccio tenga conto di questi problemi.

 

Tipi di errori e bug rilevati con i test di mutazione

zaptest-runtime-error.png

I test di mutazione scoprono principalmente i problemi all’interno del processo di test stesso. A questo proposito, ecco una serie di problemi che questi controlli possono aiutare a identificare:

 

1. Casi di test poco chiari

 

Se l’analisi delle mutazioni rivela un basso punteggio di mutazione (o anche un punteggio inferiore al 100%), ciò suggerisce che i casi di test del team non sono in grado di tenere conto di tutti i possibili errori che potrebbero interessare un’applicazione.

Potrebbero non essere abbastanza specifici o ampi da soddisfare i requisiti del team. Questi documenti devono comprendere tutte le possibilità che il team può incontrare durante il test del software per garantirne l’affidabilità.

 

2. Team di collaudo non addestrato

 

I test di mutazione possono anche illustrare le capacità del team, compresa la capacità di identificare personalmente mutazioni e altri difetti. Se non riescono a individuare i mutanti nei programmi nonostante i casi di test chiari e dettagliati, ciò è potenzialmente dovuto al fatto che i tester non hanno applicato correttamente tali casi.

I programmi mutanti possono presentare problemi durante l’intero processo di test, che può includere anche tester non qualificati o non addestrati.

 

3. Software di test inadeguato

 

Se un’azienda utilizza questi controlli per ispezionare la propria piattaforma di test, potrebbe scoprire che il software non è in grado di identificare o eliminare accuratamente il codice mutante.

L’azienda può rispondere esaminando altre scelte finché non ne trova una compatibile con i suoi casi di prova. Se il software di automazione non riesce a trovare il codice problematico, probabilmente farà fatica a identificare altri problemi che interessano il software.

 

4. Codice non ottimizzato

 

I test di mutazione possono rivelare problemi già presenti nel software. Ad esempio, i tester possono cercare di modificare il codice ma scoprire essi stessi dei difetti critici.

Questa è un’altra importante prospettiva del programma, che dimostra come la mutazione del codice offra vantaggi che vanno oltre il processo di test. Più i tester esaminano il codice in qualsiasi modo, più problemi il team può scoprire e risolvere durante la fase di test.

 

Metriche del test di mutazione comune

test di carico

 

Le principali metriche utilizzate dai test di mutazione includono:

 

1. Mutanti uccisi

 

Si riferisce al numero di mutanti che i tester o il software sono stati in grado di identificare, segnalandone l’esistenza per garantire che il personale possa individuare difetti minori come questi.

La quantità di mutanti che i tester uccidono dipende dalla forza dei loro casi di test.

 

2. Mutanti vivi

 

I mutanti vivi sono quelli che il tester o il software non riescono a identificare, mostrando eventuali lacune nella strategia di garanzia della qualità del team. Se ciò accade, i tester devono ricalibrare il loro processo e i casi di test per accogliere questi mutanti ed eliminarli nelle verifiche future.

 

3. Mutanti validi

 

Questa metrica determina la quantità di mutazioni che il programma è stato in grado di includere con successo senza che un errore di runtime annullasse il test e la sua efficacia.

I mutanti validi sono quelli che il tester e il software di automazione possono esaminare; ciò è dovuto al fatto che le mutazioni sono relativamente minori.

 

4. Mutanti non validi

 

Mutazioni significative potrebbero influenzare l’applicazione a tal punto da rendere i test impraticabili o addirittura impossibili, quindi è utile tenere traccia di quanti mutanti “non validi” sono presenti nel programma mutato.

L’identificazione di questi elementi consente ai tester di modificarli o addirittura di rimuoverli, assicurando che i controlli includano solo mutazioni valide.

 

5. Totale mutanti

 

Il numero di mutazioni, indipendentemente dalla loro validità, è un’altra metrica che i tester tengono sotto controllo; ciò consente di monitorare i mutanti e di registrarne lo stato.

Poiché ogni mutazione di solito comporta un test separato, il totale serve anche a contare il numero di mutazioni complessive del codice.

 

6. Punteggio di mutazione

 

La metrica più utile per l’analisi delle mutazioni è di solito il punteggio di mutazione, che è in effetti la percentuale di mutanti validi che il tester o la suite di automazione sono stati in grado di rilevare.

Qualsiasi valore inferiore al 100% di rilevamento può essere un segno di procedure di test non corrette.

 

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

TASK-AGNOSTIC SOFTWARE AUTOMATION?

7 errori e insidie nell’implementazione di test mutanti

post sull'automazione del test del software

Il test di mutazione è un processo complesso che le aziende devono implementare con saggezza per evitare gravi problemi o errori. Ecco sette insidie che i tester dovrebbero cercare di evitare quando conducono test di mutazione:

 

1. Scalatura impropria delle mutazioni

 

La scala è una considerazione importante durante l’analisi delle mutazioni, poiché questo processo esiste per garantire che i tester identifichino i difetti minori all’interno di un’applicazione. Se la mutazione è troppo evidente per i tester, questo potrebbe non essere un modo efficace per verificare la loro capacità di notare o contrastare i problemi del software.

 

2. Mutazioni non valide o vive

 

Anche nella scala corretta, molte mutazioni offrono solo un’efficacia limitata, ad esempio se non portano a un guasto o se causano un problema che impedisce all’applicazione di funzionare.

I tester devono essere consapevoli di come qualsiasi alterazione della codifica possa influire sull’intero software.

 

3. Casi di test incompatibili

 

I casi di test e le mutazioni devono combinarsi perfettamente per garantire un test coerente e armonioso. Al momento di decidere quali mutazioni aggiungere o anche durante la progettazione dei casi di test iniziali, il team di assicurazione della qualità può lavorare per garantire che questi si adattino tra loro e portino a un test più fluido nel complesso.

 

4. Scadenze e orari

 

Le fasi di test variano in lunghezza, ma devono sempre rispettare le scadenze interne dell’azienda. Le aziende che non programmano correttamente i test di mutazione potrebbero non riuscire a completare il processo in tempo.

Prima che un progetto raggiunga la fase di test, il team deve assicurarsi che il programma di test sia adeguatamente completo.

 

5. Copertura inadeguata dei test

 

Le aziende possono scegliere di implementare le mutazioni del codice in modo casuale, ma è comunque importante che coprano un’ampia gamma di questioni.

Per assicurarsi che sia i tester che il software siano in grado di rilevare ogni tipo di mutante, i controlli dovrebbero includere almeno diverse mutazioni di valori, decisioni e dichiarazioni.

 

6. Utilizzo di mutanti per testare il software

 

Sebbene i test di mutazione offrano una nuova prospettiva su un’applicazione, i team devono utilizzare questo metodo solo per verificare il proprio processo di test. L’azienda deve comprendere esattamente le capacità e i limiti del test di mutazione; questa tecnica può avere successo solo insieme ad altri controlli del software.

 

7. Troppi mutanti

 

È fondamentale che le aziende garantiscano un’ampia copertura di test, ma potrebbero implementare troppi mutanti nel processo. Ogni programma di mutazione richiede una quantità significativa di potenza di calcolo, limitando il numero di programmi che un’organizzazione può condurre contemporaneamente.

Eseguire troppe mutazioni può anche rendere più difficile rispettare le scadenze dei test.

 

Lista di controllo, suggerimenti e trucchi per i test di mutazione

Lista di controllo per il test del software

Esiste una serie di ulteriori suggerimenti che potrebbero aiutare qualsiasi team a migliorare il successo del proprio processo di analisi delle mutazioni, come ad esempio:

 

1. Verificare la compatibilità del linguaggio di programmazione

 

Gli strumenti di test di mutazione, sia gratuiti che a pagamento, sono in genere specializzati in un linguaggio di codifica, per cui è importante che i tester scelgano uno strumento compatibile con l’applicazione e la piattaforma di test del software.

Il team di collaudo deve esaminare molte opzioni per assicurarsi di utilizzare un programma adatto al proprio budget e al linguaggio di codifica preferito.

 

2. Distribuire saggiamente i test

 

I diversi membri del team di collaudo esamineranno probabilmente aspetti diversi dell’applicazione, di solito in relazione ai loro specifici punti di forza, alle loro debolezze e alla loro esperienza complessiva.

Quando il team assegna i test di mutazione a ogni tester, dovrebbe tenere presente questo dato per avere un’idea della loro competenza; questo indica la probabilità che i test successivi vadano bene.

 

3. Scegliere con cura i difetti

 

Se una recente iterazione del software presentava un bug che riguardava un valore o un’affermazione, potrebbe essere utile replicarlo ed esaminare come risponde il team o il programma.

Questo aiuta a garantire la longevità dell’applicazione e illustra la capacità del team di accorgersi degli errori precedenti se si ripresentano: si tratta di una componente chiave del test di regressione.

 

4. Massimizzare la potenza di calcolo

 

Poiché i controlli di mutazione possono richiedere molta potenza di calcolo per essere eseguiti, è utile sfruttare al meglio l’hardware dell’azienda.

Ad esempio, se alcune macchine hanno specifiche più elevate, potrebbe essere utile eseguire i mutanti su questi dispositivi. In questo modo l’azienda può evitare i ritardi significativi che le macchine più lente potrebbero causare.

 

5. Non scartate le mutazioni vive

 

Anche con un calendario rigido, i tester dovrebbero lavorare per modificare e ampliare i loro casi di test per combattere eventuali mutanti che sopravvivono al processo.

Anche se questi errori possono non sembrare significativi se il software o il tester non li scopre, rappresentano comunque un fallimento dei casi di test nell’identificare tutti i problemi di codifica.

 

6. Esaminare un nuovo software di automazione

 

Se i casi di test del team sono sufficientemente dettagliati, ma la suite di test automatici non è in grado di utilizzarli con successo per identificare ogni mutazione, potrebbe essere utile un software diverso.

Esistono molte piattaforme gratuite e a pagamento e le aziende dovrebbero controllare ogni opzione per assicurarsi di avere il software più adatto ai loro casi di test a lungo termine.

 

7. Sincronizzare ogni processo di test

 

La collaborazione è una componente fondamentale di ogni strategia di testing: questo aiuta a garantire che ogni processo possa facilmente combinarsi secondo le intenzioni del team.

Ad esempio, il team di test potrebbe sviluppare i propri casi di test tenendo conto della mutazione per garantire un maggiore livello di compatibilità, rendendo più facile per i tester convalidare la propria strategia.

 

8. Utilizzare i test unitari

 

I test unitari consentono al team di garanzia della qualità di ispezionare pezzi di codice in modo isolato, semplificando notevolmente i test e facilitando l’identificazione dei problemi da parte dei team.

Questa combinazione può essere particolarmente utile se i tester sono preoccupati per le scadenze, dando loro l’opportunità di semplificare i controlli e migliorare la copertura complessiva, portando a test software molto più solidi.

 

9. Scrivere casi di test dettagliati

 

I casi di test di mutazione devono contenere informazioni adeguate sul mutante e sul suo effetto sul programma, nonché sul modo in cui il team di test o la piattaforma hanno individuato questi difetti.

Fornendo il maggior numero di dettagli possibile, un tester può convalidare personalmente il caso di test e assicurarsi che il team sappia esattamente come garantire un test senza problemi.

 

5 migliori strumenti per i test di mutazione

 

 

È disponibile un’ampia gamma di strumenti che possono aiutare le aziende a soddisfare le loro esigenze di analisi delle mutazioni. Come spesso accade con le applicazioni di testing del software, i prezzi e le caratteristiche variano da una piattaforma all’altra, per cui è fondamentale che le organizzazioni scelgano quella che meglio si adatta alle loro esigenze.

Alcuni di questi programmi possono offrire controparti gratuite o essere interamente open source, anche se di solito è necessario pagare per ottenere una maggiore convenienza.

 

Per questo motivo, ecco i cinque migliori strumenti per i test di mutazione.

 

1. Stryker

 

Stryker è specializzata nella mutazione di JavaScript, semplificando in modo significativo questo processo per garantire l’assenza di falsi positivi e ridurre l’impegno complessivo che i tester dovrebbero altrimenti applicare per tutti i controlli di mutazione.

La piattaforma Stryker valuta in modo intelligente il software e utilizza le informazioni raccolte per individuare le stringhe o i segmenti di codice che potrebbero beneficiare della mutazione. Questa applicazione è dotata di un reporter in chiaro che fornisce un riepilogo del mutante, compreso se Stryker è riuscito a ucciderlo.

 

2. PITest

 

PITest è una scelta molto popolare in tutto il mondo grazie alla sua capacità di modificare il codice byte di Java e di effettuare migliaia di mutazioni al secondo. Questa applicazione utilizza i dati di copertura dei casi di test per imparare immediatamente quali test potrebbero uccidere un mutante.

Esegue solo i test che sa che saranno rilevanti, limitando la potenza di calcolo che questa procedura solitamente consuma. PITest è anche compatibile con la maggior parte delle forme del plugin Surefire unit testing, ma può avere difficoltà a gestire efficacemente le dipendenze degli ordini di test.

 

3. Assicurare++

 

Insure++ dispone di numerose funzionalità di test, tra cui l’analisi delle mutazioni, che consente alla piattaforma di individuare le ambiguità di un programma. A differenza dei test di mutazione convenzionali, Insure++ rinuncia a generare mutanti difettosi e crea invece mutazioni funzionalmente equivalenti che corrispondono al codice sorgente del progetto.

Questo per evitare ipotesi implicite che possono limitare inavvertitamente il processo di test e che potrebbero non riflettere ambienti di test realistici. Come suggerisce il nome, la piattaforma è compatibile principalmente con i programmi in C++ e ogni caratteristica è calibrata su questo linguaggio.

 

4. Accozzaglia

 

Questa applicazione è specializzata nel framework JUnit JavaScript, con indicatori visivi completi di come il codice risponde all’analisi delle mutazioni. Jumble è una piattaforma open source e lavora all’interno del codice byte delle applicazioni Java per ridurre i tempi di ogni ciclo di test.

Applicazioni simili che utilizzano esclusivamente il codice sorgente di un programma possono talvolta impiegare più tempo per eseguire questi controlli a causa del loro processo di ricompilazione.

Jumble si avvale anche di un’euristica per ottimizzare ulteriormente i test di mutazione, rendendo più semplici i test successivi.

 

5. MutPy

 

MutPy supporta i test di mutazione per le applicazioni basate su Python, offrendo un supporto completo per le mutazioni di ordine elevato e un’analisi di copertura completa. L’interfaccia di questo programma è facile da usare durante la fase di output, che mostra chiaramente agli utenti ogni dettaglio essenziale dei test di mutazione del team.

MutPy offre molte scelte su misura per i tester, consentendo loro di calibrare questo software in modo specifico per le loro esigenze. La piattaforma utilizza gli Abstract Syntax Trees che forniscono una struttura chiara del codice sorgente dell’applicazione, dando ai tester maggiore fiducia nelle loro mutazioni.

 

Conclusione

La mutazione del codice trova applicazione in quasi tutti i processi di testing del software, offrendo una serie di evidenti vantaggi alle aziende che implementano questa tecnica, soprattutto nelle prime fasi della garanzia di qualità.

Nessuna metodologia è priva di sfide; ciò significa che è imperativo che le organizzazioni considerino saggiamente i vantaggi dell’analisi delle mutazioni, assicurandosi al contempo che si adatti alle consuete tempistiche di sviluppo del software.

Queste mutazioni danno ai team di test la possibilità di esaminare il proprio approccio e di determinarne l’efficacia per individuare e correggere gli errori all’interno del codice sorgente. Questa tecnica è particolarmente compatibile con le procedure di automazione, consentendo alle aziende di convalidare il software a cui si affidano per la gestione dei controlli.

I test di mutazione offrono ai team di assicurazione della qualità un modo completo per sviluppare una migliore comprensione dei propri processi e del proprio software, compresi i problemi che altrimenti non riuscirebbero a rilevare.

Di conseguenza, è fondamentale che i team di test analizzino attentamente questa tecnica per valutare se corrisponde alle esigenze dell’organizzazione, compreso il fatto che lo strumento di mutazione scelto sia pienamente compatibile con il linguaggio di programmazione. Il software di test automatizzato ZAPTEST vanta molte caratteristiche che gli consentono di superare i test di mutazione, garantendo ai team la piena fiducia nelle sue capacità.

Sia la versione Free che quella Enterprise offrono un processo di test di alta qualità che può adattarsi facilmente alle mutazioni del codice.

 

Domande frequenti e risorse

1. I migliori corsi sui test di mutazione

 

I corsi online possono aiutare i tester alle prime armi ad apprendere le basi della mutazione del codice o a rafforzare le competenze preesistenti dei membri esperti del personale addetto al controllo qualità. Anche le lezioni generali di testing del software possono offrire molti vantaggi ai tester. I migliori corsi online per i tester di mutazioni includono:

– Mutation Testing in Java with PITest” di PluralSight analizza nello specifico come modificare il codice Java e i modi in cui questo approccio potrebbe beneficiare dei processi pratici di test del software.

– Il corso “The Complete 2023 Software Testing Bootcamp” di Udemy è un corso particolarmente aggiornato che illustra ogni componente chiave dei test del software, compresi i test white-box.

– Il libro di Alison “Software Testing – Condition Coverage and Mutation Testing Strategies” è gratuito ed esamina da vicino come implementare saggiamente i test di mutazione.

– Il corso “Unit Testing Fundamentals” di PluralSight esplora i vantaggi e le caratteristiche dei test unitari, aiutando gli studenti a comprendere l’esatto processo di scrittura di test unitari efficaci.

– Il corso gratuito “Introduction to Unit Testing” di Udemy è un altro corso che fornisce una chiara descrizione dei test unitari e dell’importanza delle strategie di sviluppo test-driven.

 

2. Quali sono le 5 principali domande di intervista sui test di mutazione?

 

Esiste una serie di domande che le aziende possono porre ai candidati durante il colloquio per verificare la loro esperienza o comprensione dei test di mutazione e dei loro principi fondamentali. In questo modo l’azienda può assicurarsi di assumere un tester qualificato in grado di affrontare con facilità i diversi scenari legati alle mutazioni.

Le domande esatte variano, ma potrebbero includere la richiesta di opinioni personali o di esempi delle loro capacità di mutazione del codice.

 

Le cinque principali domande di intervista sui test di mutazione sono:

 

– Con quali strumenti di verifica delle mutazioni avete già avuto esperienza, se ne avete? Quali sono le caratteristiche principali di questo software?

– Quando si effettua la mutazione del codice, come si lavora per garantire un sano equilibrio tra velocità e profondità dei test?

– In quali situazioni l’analisi delle mutazioni sarebbe impossibile? Come ispezionereste la procedura di test in questi scenari?

– Se una mutazione di valore riesce a sopravvivere al processo di test, come si dovrebbe agire per evitare che si ripeta?

– Quali informazioni includereste in un caso di test di mutazione per garantire ai vostri colleghi i dati di cui hanno bisogno?

 

3. I migliori tutorial di YouTube sui test di mutazione

 

Su YouTube sono disponibili tutorial gratuiti, webinar e altri video che aiutano a migliorare la comprensione dei test di mutazione. Tra i video e le serie più utili sull’argomento vi sono:

 

– Software Testing’s ‘Mutation Testing for Programs’, che fornisce esempi pratici di come la mutazione del codice aiuta i programmi, insieme a come scrivere casi di test accurati.

– Mutation Testing: Did my test break my code?”, che analizza come l’analisi delle mutazioni migliori le procedure di test complessive per tutti i tipi di progetti software.

– Il convegno di NDC Conferences “Kill All Mutants! Intro to Mutation Testing”, che analizza come le suite di test possano trarre vantaggio dalla mutazione del codice e dai difetti che essa contribuisce a creare.

– GOTO Conferences ‘Mutation Testing in Python’, che esamina in modo specifico come le applicazioni basate su Python possano applicare l’analisi delle mutazioni per raggiungere obiettivi di test specifici.

– Diego Pacheco, “Java Mutation Testing With PITest”, che illustra in modo simile il software JavaScript che utilizza la mutazione del codice, con particolare attenzione al programma di mutazione PITest.

 

4. Come mantenere i test di mutazione?

 

La combinazione dell’analisi delle mutazioni con i test di regressione e altre strategie a lungo termine consente alle aziende di garantire un solido standard di garanzia della qualità anche dopo il rilascio.

Gli aggiornamenti successivi possono portare a modifiche del codice che richiedono ulteriori controlli. I test di mutazione dimostrano che il software di automazione e i tester sono coerenti tra le diverse versioni dello stesso software, riaffermando il loro particolare approccio.

Nuove funzioni richiedono nuovi casi di test, soprattutto se queste funzioni interagiscono con quelle preesistenti.

Inoltre, l’uso dello sviluppo guidato dai test consente ai membri del team di pianificare la longevità del software e di testarne la compatibilità come parte del proprio ciclo di sviluppo.

Download post as PDF

Alex Zap Chernyak

Alex Zap Chernyak

Founder and CEO of ZAPTEST, with 20 years of experience in Software Automation for Testing + RPA processes, and application development. Read Alex Zap Chernyak's full executive profile on Forbes.

Get PDF-file of this post