fbpx

Get your 6-month No-Cost Opt-Out offer for Unlimited Software Automation?

 

Nel mondo dello sviluppo del software, la garanzia di qualità svolge un ruolo fondamentale nel garantire che le applicazioni funzionino senza problemi in condizioni diverse. Tra la pletora di metodologie di test, il soak testing emerge come una pratica cruciale che convalida la stabilità, la resistenza e le prestazioni dei sistemi software per periodi prolungati. Sottoponendo un’applicazione a carichi sostenuti e pesanti, i soak test svelano le vulnerabilità nascoste e consentono agli sviluppatori di mettere a punto le loro creazioni per ottenere prestazioni ottimali.

In questo articolo esploreremo il significato dei soak test, come condurre i soak test e quali strumenti di soak test possono semplificare i soak test e migliorarne l’efficacia.

 

Indice dei contenuti

Che cos’è il soak test?

Stress test - Tipi, processo, strumenti, liste di controllo e altro ancora

Il Soak test, noto anche come test di resistenza o test di longevità, è un tipo di test non funzionale del software che valuta il comportamento e le prestazioni di un’applicazione in caso di utilizzo prolungato o prolungato. L’obiettivo è simulare scenari reali in cui il software è sottoposto a un uso continuo, a carichi pesanti o a periodi di funzionamento prolungati. L’obiettivo principale del soak test è quello di identificare i potenziali problemi legati alle risorse di sistema, alle perdite di memoria, al degrado delle prestazioni e alla stabilità generale per un periodo prolungato.

Durante un soak test, l’applicazione viene sottoposta a un carico di lavoro consistente o a un carico pesante per l’utente per una durata prolungata, in genere da alcune ore a diversi giorni. Questa esposizione prolungata aiuta a scoprire problemi che potrebbero non emergere durante cicli di test più brevi, come perdite di memoria, esaurimento delle risorse, degrado delle prestazioni del sistema o problemi derivanti dall’accumulo di dati a lungo termine.

L’idea chiave del soak test è quella di determinare quanto il sistema sia in grado di gestire uno stress prolungato, assicurando che rimanga stabile e funzioni in modo affidabile anche in caso di utilizzo continuo. L’obiettivo è quello di identificare qualsiasi degrado delle prestazioni, perdite di memoria o altri problemi legati al sistema che potrebbero verificarsi nel corso del tempo. Sottoponendo il software a un carico continuo, il soak test fornisce indicazioni sul suo comportamento a lungo termine e aiuta a identificare potenziali colli di bottiglia o vulnerabilità che potrebbero emergere durante periodi di funzionamento prolungati.

 

Quando è necessario eseguire il soak test?

Beta testing: cos'è, tipi, processi, approcci, strumenti, vs. Alpha testing e altro ancora!

Il Soak test è particolarmente importante per le applicazioni che devono essere eseguite in modo continuo, come i server Web, i sistemi di database o il software distribuito in ambienti critici in cui i tempi di inattività non sono accettabili. Altri esempi di occasioni in cui il soak test è importante sono i seguenti:

 

1. Nuove versioni del software:

Quando viene sviluppata una nuova versione o release di un’applicazione software, si può ricorrere al soak test per valutarne la stabilità e le prestazioni in caso di utilizzo prolungato. Questo aiuta a identificare eventuali problemi che possono insorgere dopo lunghi periodi di funzionamento, assicurando che la nuova release sia in grado di resistere all’uso reale.

 

2. Aggiornamenti del sistema:

Quando vengono apportati aggiornamenti o modifiche significative all’infrastruttura di sistema sottostante, come aggiornamenti del sistema operativo, migrazioni di database o sostituzioni di hardware, l’esecuzione di soak test consente alle organizzazioni di convalidare che il sistema aggiornato sia in grado di gestire l’utilizzo continuo senza effetti negativi sulla stabilità o sulle prestazioni dell’applicazione.

 

3. Periodi di picco di utilizzo:

Se si prevede che l’applicazione software venga utilizzata intensamente in periodi specifici, come picchi stagionali, campagne promozionali o picchi previsti di attività degli utenti, il soak test diventa imperativo.

Il momento ottimale per condurre i test di immersione è il fine settimana, quando l’applicazione può rimanere operativa per lunghi periodi, sia di giorno che di notte. Tuttavia, la tempistica specifica può variare in base ai vincoli e ai requisiti dell’ambiente di test.

 

Quando non servono i soak test

da chi viene eseguito l'alpha testing

Sebbene i soak test siano una pratica preziosa in molti scenari di sviluppo del software, ci sono alcune situazioni in cui potrebbe non essere necessario o vantaggioso eseguire i soak test. Questi includono:

 

1. Applicazioni di breve durata:

Se state sviluppando un’applicazione destinata a un utilizzo a breve termine o una tantum, in cui non è previsto che gli utenti interagiscano con essa per lunghi periodi, il soak test potrebbe non essere necessario. I test di immersione sono più importanti per le applicazioni destinate a funzionare in modo continuo o per un periodo prolungato.

 

2. Applicazioni a risorse limitate:

Alcune applicazioni hanno vincoli di risorse limitati, come ad esempio i sistemi embedded o le applicazioni mobili leggere con limiti di memoria stringenti. In questi casi, i soak test potrebbero non fornire spunti significativi, poiché le limitazioni sono già note e ampiamente ottimizzate. Al contrario, potrebbero essere più adatti altri metodi di verifica incentrati sui vincoli delle risorse.

 

3. Vincoli di tempo e di budget:

In situazioni in cui i vincoli di tempo e di budget sono stringenti e i rischi associati all’uso prolungato sono relativamente bassi, le organizzazioni possono decidere di dare la priorità ad altre attività di test rispetto ai soak test. Sebbene i soak test forniscano informazioni preziose, la loro esecuzione richiede tempo, risorse e infrastrutture supplementari.

 

4. Applicazioni stabili:

Se un’applicazione è stata in produzione per un periodo considerevole e in passato è stata sottoposta a test approfonditi e all’ottimizzazione delle prestazioni, l’esecuzione di soak test regolari potrebbe non essere così critica. Tuttavia, una rivalutazione periodica può essere utile se vengono introdotti cambiamenti o aggiornamenti significativi.

È importante che gli sviluppatori valutino attentamente se il soak test è necessario prima di decidere di saltarlo. Anche se il soak test non è fondamentale, è necessario effettuare altre forme di test del software.

 

Chi è coinvolto nel soak test?

che dovrebbe essere coinvolto negli strumenti di automazione dei test del software e nella loro pianificazione

I test Soak sono in genere condotti da team di collaudo del software o da professionisti del controllo qualità (QA) con esperienza nel collaudo delle prestazioni e nell’automazione dei test. I tester specializzati in test delle prestazioni o di resistenza sono spesso responsabili della pianificazione, della progettazione e dell’esecuzione dei soak test. Hanno una conoscenza approfondita delle metodologie di test, delle metriche delle prestazioni e degli strumenti necessari per condurre un soak test approfondito.

Gli ingegneri QA svolgono un ruolo cruciale nel garantire la qualità e le prestazioni complessive delle applicazioni software. Collaborano con sviluppatori e tester per definire i requisiti di soak testing, sviluppare piani di test e analizzare i risultati dei test. Gli ingegneri QA possono anche assistere nella selezione di strumenti e tecnologie adeguati per condurre efficacemente i soak test.

 

Cosa testiamo nei soak test?

alpha testing vs beta testing

Nel soak testing, vengono testati vari aspetti di un’applicazione per valutarne il comportamento e le prestazioni in caso di utilizzo prolungato. Gli elementi chiave che vengono tipicamente testati nei soak test includono la stabilità, la memoria, le risorse, il ripristino del sistema e altro ancora.

 

1. La stabilità

Il test di immersione mira a determinare la stabilità dell’applicazione nel tempo. Valuta se l’applicazione rimane operativa senza crash, blocchi o guasti imprevisti durante un utilizzo prolungato.

 

2. Perdite di memoria

Un importante obiettivo dei soak test è quello di identificare e risolvere le perdite di memoria. Si tratta di monitorare l’utilizzo della memoria dell’applicazione per un periodo di tempo prolungato, per assicurarsi che non vi siano perdite di memoria significative o problemi di consumo di memoria che potrebbero portare a una riduzione delle prestazioni o all’instabilità del sistema.

 

3. Utilizzo delle risorse

Il test Soak valuta la capacità dell’applicazione di gestire le proprie risorse, come l’utilizzo della CPU, lo spazio su disco, l’utilizzo della rete o le connessioni al database, durante un utilizzo prolungato. Aiuta a scoprire eventuali colli di bottiglia o inefficienze legate alle risorse che possono influire sulle prestazioni.

 

4. Degrado delle prestazioni

Il Soak test mira a identificare qualsiasi degrado delle prestazioni che si verifica nel tempo. Misura e analizza il tempo di risposta dell’applicazione, il throughput e altre metriche di prestazione per determinare se ci sono diminuzioni significative delle prestazioni o della reattività durante l’uso prolungato.

 

5. Recupero del sistema

Il Soak test esamina anche la capacità dell’applicazione di riprendersi da scenari eccezionali o da interruzioni del sistema. Convalida la capacità dell’applicazione di riprendere il normale funzionamento e mantenere la stabilità dopo eventi come interruzioni di rete, riavvii del database o riavvii del server.

 

6. Accumulo dei dati

Se l’applicazione prevede unaccumulo di dati a lungo termine, il soak test assicura che il sistema gestisca efficacemente questo accumulo senza incorrere in problemi legati ai dati, come il degrado delle prestazioni del database, la corruzione dei dati o la loro perdita.

 

Caratteristiche dei test di immersione

checklist uat, strumenti di test delle applicazioni web, automazione e altro ancora

È possibile utilizzare delle caratteristiche per definire un soak test, nel senso che queste caratteristiche ci aiutano a capire cosa separa i soak test da altri tipi di test del software. Di seguito sono elencate alcune delle caratteristiche più distintive del soak performance test.

 

1. Durata prolungata

I test di immersione prevedono che l’applicazione sia sottoposta a un uso prolungato per un periodo di tempo che va da alcune ore a diversi giorni. Questa durata prolungata aiuta a scoprire problemi che potrebbero emergere solo durante le operazioni a lungo termine. La durata della maggior parte dei test di immersione è spesso determinata dal tempo disponibile.

 

2. Carico di lavoro continuo

I Soak test simulano gli scenari del mondo reale sottoponendo l’applicazione a un carico di lavoro costante o pesante per tutto il periodo di test. Questo carico di lavoro è stato progettato per replicare i modelli di utilizzo previsti e stressare il sistema nel tempo. Le applicazioni devono quindi funzionare senza interruzioni per un periodo di tempo prolungato.

 

3. Copertura dello scenario

I Soak test devono coprire tutti gli scenari che le parti interessate concordano di coprire. I Soak test mirano a replicare gli scenari d’uso del mondo reale, comprese le interazioni degli utenti, gli input del sistema e l’elaborazione dei dati. Gli scenari di test sono progettati per simulare il comportamento previsto degli utenti finali durante periodi prolungati di utilizzo dell’applicazione.

 

Strategie di test di immersione

strategie e strumenti di soak testing

Prima di eseguire i soak test, è importante stabilire la strategia di soak test prendendo in considerazione una serie di aspetti della progettazione del soak test.

Determinate l’ambiente di test considerando l’hardware, il software, il database e il sistema operativo che userete per eseguire il soak test. Scrivete scenari di test che coprano tutte le aree che volete testare e stimate quanto tempo dovrete eseguire i soak test per verificare adeguatamente le prestazioni.

Esistono anche diverse strategie di soak test, alcune delle quali sono descritte di seguito.

 

1. Strategia a carico costante

In questa strategia, all’applicazione viene applicato un carico di lavoro o un carico utente costante per tutta la durata del soak test. L’obiettivo è valutare le prestazioni e il comportamento del sistema in caso di utilizzo prolungato senza variazioni significative del carico di lavoro.

 

2. Strategia di carico a gradini

Questa strategia prevede l’aumento graduale del carico di lavoro o del carico dell’utente sull’applicazione durante il soak test. Aiuta a identificare le soglie di prestazione del sistema e a determinare come gestire i livelli di stress e di utilizzo crescenti.

 

3. Strategia di carico variabile

Con la strategia di carico variabile, il carico di lavoro o il carico dell’utente fluttua durante il soak test. Questo approccio simula scenari reali in cui l’applicazione sperimenta livelli variabili di utilizzo o di domanda. Aiuta a valutare la capacità del sistema di adattarsi e gestire carichi di lavoro dinamici.

 

4. Analisi del degrado delle prestazioni

Questa strategia si concentra sul monitoraggio e sull’analisi del degrado delle prestazioni nel tempo durante il soak test. Si tratta di monitorare le principali metriche delle prestazioni, come i tempi di risposta o il throughput, per identificare qualsiasi deterioramento graduale delle prestazioni che potrebbe verificarsi in caso di utilizzo prolungato.

 

Chiarire la confusione: il soak test

vs test di carico vs stress test

Chiarire alcune confusioni nell'automazione del test del software

Nell’ambito del testing del software, spesso si fa confusione sui termini soak test, load test e stress test. Pur essendo correlate, queste tecniche di test hanno scopi diversi e si concentrano su aspetti distinti delle prestazioni di un’applicazione.

 

1. Che cos’è il test di carico?

significato del soak test

Il test di carico consiste nel verificare le prestazioni dell’applicazione in condizioni di utilizzo normale e di picco previste o anticipate. L’obiettivo è quello di determinare il comportamento e le prestazioni del sistema quando viene sottoposto a carichi di lavoro o di utenti specifici. I test di carico aiutano a identificare i colli di bottiglia delle prestazioni, i tempi di risposta e le metriche di throughput a diversi livelli di carico. L’obiettivo è valutare se l’applicazione è in grado di gestire la domanda degli utenti prevista e di garantire prestazioni ottimali in presenza di carichi di lavoro variabili.

 

Quali sono le differenze tra soak test e load test?

Le principali differenze tra i soak test e i test di carico sono le seguenti:

Scopo:

Lo scopo principale del soak test è quello di valutare la stabilità del sistema, la gestione della memoria, l’utilizzo delle risorse e il degrado delle prestazioni per un periodo prolungato di utilizzo prolungato. Ha lo scopo di identificare i problemi che possono verificarsi nel tempo, come perdite di memoria o degrado delle prestazioni. I test di carico, invece, mirano a valutare le prestazioni dell’applicazione in presenza di carichi di lavoro o di utenti specifici. Aiuta a identificare i colli di bottiglia delle prestazioni, i tempi di risposta e le metriche di throughput a diversi livelli di carico.

Durata:

Il test di immersione prevede che l’applicazione sia sottoposta a un periodo prolungato di utilizzo sostenuto, in genere da alcune ore a diversi giorni. La durata dei soak test è significativamente più lunga rispetto ai test di carico, che si concentrano sulla valutazione delle metriche delle prestazioni e del comportamento sotto carichi specifici per una durata più breve. I test di carico vengono solitamente condotti per un periodo specifico o fino al raggiungimento di criteri di prestazione predefiniti.

Variazione del carico di lavoro:

Nei soak test, il carico di lavoro o di utenti rimane costante o relativamente stabile per tutta la durata del test. I test di carico, invece, prevedono l’applicazione di diversi carichi di lavoro o di utenti per simulare gli scenari del mondo reale, compresi i periodi di utilizzo normale e di picco. Lo scopo è capire come si comporta l’applicazione in presenza di diversi livelli di carico.

 

2. Che cos’è lo stress test?

significato del soak test

Lo stress test si concentra sullo spingere l’applicazione oltre i suoi normali limiti operativi per valutarne il comportamento in condizioni estreme. Si tratta di sottoporre il sistema a carichi elevati di utenti, volumi di dati eccessivi o vincoli di risorse per valutarne la robustezza, la stabilità e le capacità di ripristino. Lo stress test aiuta a identificare i punti di rottura dell’applicazione, a misurarne la resistenza in condizioni di stress intenso e a convalidarne la capacità di recupero.

 

Quali sono le differenze tra soak e stress test?

 

Le principali differenze tra soak test e stress test sono le seguenti:

 

Scopo:

I test di immersione mirano principalmente a valutare il comportamento e le prestazioni del sistema in caso di utilizzo prolungato per un periodo prolungato. D’altra parte, lo stress test è progettato per valutare il comportamento e le prestazioni dell’applicazione in condizioni estreme che la spingono oltre i suoi normali limiti operativi. L’obiettivo è identificare i punti di rottura, misurare la resilienza e valutare le capacità di recupero in caso di stress intenso.

Condizioni di prova:

Il test Soak simula scenari di utilizzo reali in cui l’applicazione è sottoposta a un uso continuo. Lo stress test, invece, crea condizioni estreme sottoponendo l’applicazione a carichi elevati di utenti, volumi di dati eccessivi o vincoli di risorse che vanno oltre i modelli di utilizzo previsti o normali.

Variazione del carico:

Nei soak test, il carico di lavoro o di utenti rimane relativamente costante o stabile per tutta la durata del test. Lo stress test, invece, prevede tipicamente l’aumento del carico di lavoro o l’imposizione di condizioni estreme per spingere il sistema ai suoi limiti.

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

TASK-AGNOSTIC SOFTWARE AUTOMATION?

Intensità:

I test di immersione sono caratterizzati da un periodo di prova prolungato e continuo senza variazioni significative dell’intensità del carico di lavoro. Lo stress test applica condizioni intense ed estreme che vanno oltre i normali parametri operativi dell’applicazione.

Focus:

I test di immersione si concentrano in genere sulla stabilità e sulle prestazioni nel tempo. Sebbene lo stress test valuti anche le prestazioni in condizioni estreme, esso pone l’accento in particolare sulla verifica delle capacità di ripristino dell’applicazione. Valuta la capacità del sistema di riprendersi da uno stress estremo e di tornare a uno stato stabile e funzionale.

 

Soak test manuali e automatizzati

visione artificiale per il collaudo del software

Quando si tratta di eseguire i soak test, i team hanno la possibilità di scegliere tra test manuali e approcci automatizzati. Il soak testing manuale prevede che i tester umani eseguano manualmente gli scenari di test e monitorino il comportamento dell’applicazione per un periodo prolungato. I soak test automatizzati prevedono l’utilizzo di strumenti o framework specializzati per automatizzare l’esecuzione degli scenari di test e monitorare il comportamento dell’applicazione per un periodo prolungato. Gran parte dell’automazione del test del software viene eseguita con l’automazione robotica dei processi.

 

I vantaggi del soak test manuale sono

1. Flessibilità:

I test manuali consentono ai tester di adattarsi rapidamente ai cambiamenti e di modificare al volo gli scenari o le condizioni di test.

 

2. Comprensione del contesto:

I tester possono apportare la loro conoscenza del dominio e la loro esperienza per interpretare i risultati e prendere decisioni informate sulla base del comportamento osservato.

 

3. Costo-efficacia:

Il test manuale può essere più conveniente per progetti di piccole dimensioni che non richiedono un’infrastruttura di automazione estesa.

4. Osservazione in tempo reale:

I tester umani possono osservare e analizzare il comportamento e le prestazioni dell’applicazione in tempo reale, rendendo più facile l’identificazione di potenziali problemi o anomalie.

 

Gli svantaggi del soak test manuale includono

1. Richiede tempo:

I test manuali possono richiedere molto tempo, soprattutto per i soak test di lunga durata, poiché si basano sull’intervento umano e sull’osservazione.
Soggetto a errori umani: I test manuali sono soggetti a errori umani, come osservazioni mancate o incoerenze nell’esecuzione degli scenari di test, che possono influire sull’accuratezza dei risultati.

 

2. Scalabilità limitata:

Il testing manuale potrebbe non essere adatto ad applicazioni su larga scala o a scenari che richiedono la gestione di un elevato volume di casi di test simultaneamente.

 

3. Intensità di risorse:

I soak test manuali richiedono risorse umane dedicate per tutta la durata del test, il che potrebbe non essere fattibile in tutte le situazioni.

 

I vantaggi dei soak test automatizzati:

1. Efficienza e risparmio di tempo:

I test automatizzati riducono significativamente il tempo e l’impegno necessari per l’esecuzione dei soak test, poiché gli scenari di test possono essere programmati ed eseguiti automaticamente.

 

2. Coerenza:

L’automazione garantisce un’esecuzione coerente dei casi di test, riducendo il rischio di errore umano e fornendo risultati più affidabili.
Scalabilità: I soak test automatizzati possono facilmente gestire applicazioni su larga scala e volumi elevati di casi di test simultaneamente, consentendo di eseguire test più completi.

 

3. Monitoraggio delle prestazioni:

Gli strumenti automatizzati possono monitorare e analizzare in modo efficiente le metriche delle prestazioni, facilitando l’identificazione del degrado delle prestazioni o delle anomalie.

 

I contro dei soak test automatizzati:

1. Impostazione e manutenzione iniziale:

I soak test automatizzati richiedono un investimento iniziale per la creazione dell’infrastruttura di automazione e la manutenzione degli script o dei framework di test.

 

2. Limitata comprensione del contesto:

I test automatizzati non hanno la conoscenza del dominio e la comprensione del contesto che hanno i tester umani, rendendo potenzialmente difficile l’interpretazione di alcune sfumature comportamentali.

 

3. Investimento iniziale:

L’implementazione di soak test automatizzati può comportare costi iniziali significativi per l’acquisizione di strumenti o framework di testing adeguati e per la formazione del team di testing.

 

Tipi di test di immersione

Che cos'è il test unitario

Esistono molti tipi diversi di soak test, il che significa che i tester devono scegliere il tipo di soak test da utilizzare prima di iniziare i test. Di seguito sono elencati alcuni dei tipi più comuni di soak test.

 

1. Test di immersione continua

In questo tipo di soak test, l’applicazione viene sottoposta a un carico di lavoro o a un utilizzo continuo per un periodo prolungato, in genere da alcune ore a diversi giorni. Lo scopo è quello di valutare la stabilità del sistema, la gestione della memoria, l’utilizzo delle risorse e il degrado delle prestazioni nel tempo.

 

2. Test di immersione incrementale

In un soak test incrementale, il carico di lavoro o di utenti dell’applicazione viene aumentato gradualmente nel tempo. Il test inizia con un carico di lavoro relativamente basso e poi lo aumenta progressivamente per valutare il comportamento e le prestazioni del sistema in presenza di livelli crescenti di stress e utilizzo.

 

3. Test di immersione a scoppio

I test di burst soak prevedono di sottoporre l’applicazione a brevi periodi di carico di lavoro ad alta intensità seguiti da periodi di riposo. Questo tipo di soak test simula scenari in cui l’applicazione subisce improvvisi picchi di attività da parte degli utenti, consentendo ai tester di valutare come il sistema gestisce e si riprende da tali picchi di utilizzo.

 

4. Test di ammollo notturno

Come suggerisce il nome, un soak test notturno viene condotto per una notte intera, in genere da alcune ore a una notte intera. Questo tipo di soak test aiuta a identificare eventuali problemi che possono verificarsi quando l’applicazione viene lasciata in esecuzione per un periodo prolungato senza intervento umano o monitoraggio.

 

Cosa vi serve per iniziare a eseguire i soak test

tipi di test di prestazione

Prima di iniziare a testare le prestazioni del soak, è necessario creare un ambiente di test adeguato e preparare un piano di test dettagliato per supportare i test. Diamo un’occhiata a ciò che è necessario preparare prima di poter eseguire i soak test.

 

1. Ambiente di prova

Creare un ambiente di prova adeguato, che assomigli molto all’ambiente di produzione o che rappresenti lo scenario d’uso previsto. Questo include l’hardware, il software, i sistemi operativi e le configurazioni di rete rilevanti per l’applicazione.

 

2. Piano di prova

Sviluppare un piano di test completo che delinei gli obiettivi, l’ambito, gli scenari di test e i criteri di successo per il soak test. Definire le metriche specifiche da monitorare e misurare durante il test, come l’utilizzo della memoria, l’utilizzo della CPU, i tempi di risposta e i tassi di errore.

 

3. Dati del test

Preparare o generare i dati di test necessari per simulare modelli e scenari di utilizzo realistici. Ciò può includere la creazione di account utente campione, il popolamento di database con dati rilevanti o la generazione di attività utente simulate.

 

4. Strumenti per il test di immersione

Identificare e acquisire gli strumenti o i framework di soak testing appropriati per condurre il soak testing. Questi strumenti di soak testing possono includere strumenti di monitoraggio delle prestazioni, framework di automazione o strumenti di generazione del carico per simulare i carichi degli utenti o i carichi di lavoro. Questo è particolarmente importante per i team di collaudo desiderosi di passare all’iperautomazione.

 

5. Script di prova

Sviluppare o configurare gli script o gli scenari di test da utilizzare per l’esecuzione dei soak test. Questi script devono simulare le azioni, le interazioni o le transazioni tipiche dell’utente che l’applicazione dovrebbe gestire durante il test.

 

Il processo di soak test

Cos'è l'automazione dei test del software

Esistono metodi leggermente diversi per effettuare un soak test, il che significa che il processo varia da un test all’altro. Se state progettando un soak test per la vostra applicazione o il vostro programma, seguite i seguenti passaggi per iniziare.

 

Fase 1: Definizione degli obiettivi e dell’ambito

Definire chiaramente gli obiettivi e l’ambito del processo di soak testing. Determinate quali aspetti del comportamento, delle prestazioni o della stabilità dell’applicazione volete valutare durante il test. Identificare le aree specifiche di preoccupazione o i rischi potenziali che devono essere affrontati.

 

Fase 2: Creare scenari di test

Sviluppare una serie di scenari di test che rappresentino modelli di utilizzo tipici o scenari di carico di lavoro per l’applicazione. Considerate fattori quali le interazioni degli utenti, i volumi delle transazioni, le dimensioni dei dati e il carico di utenti contemporanei. Progettare gli scenari per simulare un utilizzo prolungato nel tempo.

 

Fase 3: Impostazione dell’ambiente di test

Preparare l’ambiente di test in modo che sia molto simile all’ambiente di produzione o che simuli lo scenario di utilizzo previsto. Configurare l’hardware, il software, le impostazioni di rete ed eventuali risorse aggiuntive necessarie per il soak test. Assicurarsi che l’ambiente sia stabile e rappresentativo delle condizioni reali.

 

Fase 4: Esecuzione dei soak test

Eseguire il soak test eseguendo gli scenari di test predefiniti per la durata desiderata. Monitorare e raccogliere le metriche di prestazione pertinenti, come l’uso della memoria, l’utilizzo della CPU, i tempi di risposta, i tassi di errore e il consumo delle risorse di sistema. Monitorare continuamente il comportamento e le prestazioni dell’applicazione per tutta la durata del test.

 

Fase 5: analizzare i risultati e redigere un rapporto

Eseguire il soak test eseguendo gli scenari di test predefiniti per la durata desiderata. Monitorare e raccogliere le metriche di prestazione pertinenti, come l’uso della memoria, l’utilizzo della CPU, i tempi di risposta, i tassi di errore e il consumo delle risorse di sistema. Monitorare continuamente il comportamento e le prestazioni dell’applicazione per tutta la durata del test.

 

Le migliori pratiche per il soak test

Che cos'è il test unitario?

Per garantire un soak test efficace e significativo, è importante seguire le best practice che ottimizzano il processo di test e producono risultati accurati. Queste best practice comprendono vari aspetti, tra cui la pianificazione, l’esecuzione, il monitoraggio e l’analisi. Aderendo a queste best practice, le organizzazioni possono identificare i potenziali problemi, ottimizzare le prestazioni del sistema e fornire prodotti software robusti e affidabili.

 

1. Definire obiettivi chiari

Definire chiaramente gli obiettivi del processo di soak test. Identificate quali aspetti del comportamento, delle prestazioni o della stabilità dell’applicazione volete valutare e migliorare attraverso il test. In questo modo sarà possibile focalizzare chiaramente l’attenzione e guidare gli sforzi di test.

 

2. Utilizzare scenari di test realistici

Sviluppare scenari di test realistici che riproducano i modelli di utilizzo e gli scenari di carico di lavoro reali. Considerate fattori quali le interazioni degli utenti, i volumi delle transazioni, le dimensioni dei dati e il carico di utenti contemporanei. Gli scenari devono riflettere l’utilizzo previsto per un periodo prolungato.

 

3. Replicare gli ambienti di test del mondo reale

Create un ambiente di prova che assomigli molto all’ambiente di produzione o che simuli lo scenario di utilizzo previsto. Assicurarsi che l’hardware, il software, le configurazioni di rete e altri elementi rilevanti corrispondano il più possibile all’ambiente di produzione.

 

4. Massimizzare la durata del test

Eseguire test di immersione per una durata prolungata per simulare un utilizzo prolungato. A seconda dell’applicazione e dei requisiti, questa durata può variare da alcune ore a diversi giorni o anche di più. Durate più lunghe consentono di identificare meglio il degrado delle prestazioni o i problemi di stabilità nel tempo.

 

5. Misurare le metriche chiave

Monitorare e misurare le principali metriche delle prestazioni durante l’intero soak test, come l’uso della memoria, l’utilizzo della CPU, i tempi di risposta, i tassi di errore e il consumo delle risorse di sistema. Il monitoraggio continuo consente di individuare eventuali colli di bottiglia o problemi di prestazioni che possono insorgere durante il test.

 

Tipi di risultati dei soak test

Test e analisi delle mutazioni - Strumenti, processi, tipi e altro ancora!

I risultati ottenuti dai soak test sono fondamentali per identificare i problemi, ottimizzare le prestazioni del sistema e garantire l’affidabilità dell’applicazione. Questi risultati forniscono preziose indicazioni sul comportamento del sistema in condizioni di stress prolungato.

 

1. Metriche di prestazione

Le metriche delle prestazioni ottenute con i soak test comprendono le misure del tempo impiegato dall’applicazione per rispondere alle richieste degli utenti, nonché i tassi di errore e il throughput. Le metriche delle prestazioni aiutano i tester a capire se un’applicazione o un sistema soddisfa o meno gli standard richiesti dalle parti interessate.

 

2. Registri e messaggi di errore

I test Soak producono anche log e messaggi di errore nel caso in cui alcune parti del sistema si guastino. I file di log generati durante i test di sapone aiuteranno i tester a identificare i messaggi di errore e gli avvertimenti e ad accertare il motivo del fallimento dell’applicazione.

 

3. Rapporti

Dopo il soak test, i tester o il software di automazione produrranno rapporti dettagliati che contengono le osservazioni e le note fatte durante il soak test, nonché le raccomandazioni per ottimizzare le prestazioni e la stabilità dell’applicazione in futuro.

 

Esempi di soak test

Uno dei modi migliori per capire cos’è e come funziona il soak performance test è leggere esempi di soak test, compresi l’obiettivo e le fasi del test.

 

1. Soak test del database

Obiettivo: Valutare le prestazioni e la stabilità di un sistema di database in caso di utilizzo prolungato.

Scenario di test:

  • Simulare un carico di lavoro realistico eseguendo continuamente un mix di operazioni di lettura e scrittura sul database.
  • Aumentare gradualmente il numero di utenti o transazioni simultanee nel tempo per simulare un utilizzo prolungato.
  • Monitorare le principali metriche delle prestazioni, come i tempi di risposta, il throughput e i tassi di errore.
  • Eseguire il test per 72 ore per valutare il comportamento del sistema in caso di stress prolungato.

 

2. Soak test dell’applicazione web

Obiettivo: Valutare le prestazioni e la stabilità di un’applicazione web in condizioni di utilizzo prolungato.

Scenario di test:

  • Simulare un carico realistico di utenti generando continuamente richieste HTTP all’applicazione web.
  • Variare i tipi di richieste (ad esempio, GET, POST, PUT) e gli scenari di test per rappresentare le diverse interazioni degli utenti.
  • Aumentare gradualmente il numero di utenti contemporanei o la velocità di richiesta nel tempo.
  • Monitorare le principali metriche delle prestazioni, compresi i tempi di risposta, i tempi di caricamento delle pagine e i tassi di errore.
  • Eseguite il test per 48 ore per valutare il comportamento dell’applicazione durante un periodo di utilizzo prolungato.

 

Tipi di errori e bug rilevati

attraverso un test di immersione

Beta testing: cos'è, tipi, processi, approcci, strumenti, vs. Alpha testing e altro ancora!

Il Soak testing può aiutare sviluppatori e tester a identificare molti tipi di errori e bug. Di seguito sono riportati alcuni degli errori e dei bug più comuni riscontrati attraverso il soak performance test.

 

1. Perdite di memoria

I test Soak possono identificare le perdite di memoria, che si verificano quando un programma non rilascia la memoria non più necessaria, con il risultato che il consumo di memoria aumenta continuamente nel tempo. Monitorando l’utilizzo della memoria durante il soak test, è possibile rilevare qualsiasi crescita o perdita di memoria anomala, aiutando a identificare e risolvere i problemi legati alla memoria.

 

2. Errori di utilizzo delle risorse del database

Il Soak test può scoprire gli errori relativi all’utilizzo delle risorse del database. Ciò include l’esecuzione inefficiente delle query, la gestione impropria delle connessioni, l’indicizzazione inadeguata o il consumo eccessivo di risorse da parte del database. Sottoponendo l’applicazione a un utilizzo prolungato e monitorando le metriche delle prestazioni del database, il soak testing può evidenziare i problemi legati alla gestione delle risorse del database e guidare gli sforzi di ottimizzazione.

 

3. Deterioramento delle prestazioni

I test di immersione sono progettati specificamente per valutare le prestazioni di un’applicazione in caso di utilizzo prolungato. Può identificare i problemi di deterioramento delle prestazioni, come la graduale riduzione dei tempi di risposta, l’aumento della latenza o la riduzione del throughput quando il sistema è sottoposto a un carico prolungato. Monitorando le metriche delle prestazioni durante il test, i soak test possono individuare i colli di bottiglia delle prestazioni e consentirne l’ottimizzazione.

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

TASK-AGNOSTIC SOFTWARE AUTOMATION?

 

4. Errori di connessione

Durante il soak test è possibile individuare errori o problemi di connessione. Questi errori possono includere timeout, connessioni fallite o problemi di connettività di rete. Simulando interazioni prolungate con l’utente e monitorando la stabilità delle connessioni di rete, i soak test possono individuare i problemi legati alla comunicazione di rete e aiutare a risolvere gli errori legati alla connessione.

 

5. Esaurimento delle risorse

I test Soak possono evidenziare gli scenari in cui l’applicazione esaurisce le risorse di sistema come CPU, memoria o spazio su disco nel corso del tempo. Monitorando l’utilizzo delle risorse durante il test, i soak test possono rilevare le situazioni in cui le richieste di risorse dell’applicazione superano la capacità disponibile, causando un degrado delle prestazioni o l’instabilità del sistema.

 

Metriche comuni nei soak test

Le metriche aiutano i tester a valutare se un’applicazione raggiunge o meno gli standard oggettivi attesi da stakeholder, utenti e sviluppatori. Le metriche di prestazione più comuni monitorate nei test di soak performance sono descritte di seguito.

 

1. Tempo di risposta

Misura il tempo impiegato dall’applicazione per rispondere alle richieste o alle azioni dell’utente. Il monitoraggio dei tempi di risposta aiuta a valutare la reattività del sistema e l’esperienza dell’utente in caso di utilizzo prolungato.

 

2. Il flusso di lavoro

Indica il numero di transazioni o richieste elaborate dal sistema per unità di tempo. Il monitoraggio del throughput aiuta a valutare la capacità dell’applicazione di gestire carichi di lavoro sostenuti.

 

3. Tassi di errore

Traccia il verificarsi di errori o guasti durante il soak test. Il monitoraggio dei tassi di errore aiuta a identificare potenziali problemi di stabilità o affidabilità e a valutare la robustezza dell’applicazione in caso di utilizzo prolungato.

 

4. Utilizzo della CPU

Misura la percentuale di risorse della CPU utilizzate dall’applicazione. Il monitoraggio dell’utilizzo della CPU aiuta a identificare i colli di bottiglia delle prestazioni o le inefficienze nell’esecuzione del codice che possono influire sulle prestazioni dell’applicazione in caso di carico prolungato.

 

5. Utilizzo della memoria

Monitora il consumo di memoria dell’applicazione nel tempo. Il monitoraggio dell’uso della memoria aiuta a identificare le perdite di memoria, il consumo eccessivo di memoria o la gestione inefficiente della stessa, che possono portare a una riduzione delle prestazioni o all’instabilità.

 

6. Larghezza di banda della rete

Misura l’utilizzo della larghezza di banda della rete da parte dell’applicazione. Il monitoraggio della larghezza di banda della rete aiuta a identificare potenziali problemi legati alla comunicazione di rete, come congestioni o capacità di rete inadeguata.

 

Casi di test in ammollo

post sull'automazione del test del software

Nei soak test e in altri tipi di test del software, i casi di test svolgono un ruolo cruciale nella valutazione sistematica delle prestazioni, della stabilità e della resilienza di un’applicazione in caso di utilizzo prolungato. I casi di test delineano scenari specifici, azioni e risultati attesi per convalidare il comportamento dell’applicazione per un periodo prolungato. La scrittura di casi di soak test efficaci richiede un’attenta considerazione di vari fattori e la comprensione dei risultati desiderati.

 

1. Cosa sono i casi di test nel soak testing?

I casi di test nel soak testing sono istruzioni dettagliate che definiscono i passaggi da eseguire, i dati da utilizzare e i risultati attesi quando si sottopone un’applicazione a un utilizzo prolungato. Questi casi di test sono progettati per convalidare aspetti specifici delle prestazioni, della stabilità, della gestione delle risorse o di altri parametri rilevanti dell’applicazione.

 

2. Come scrivere i casi di soak test

La scrittura di casi di test soak comporta:

  • Identificare gli obiettivi del test e definire chiaramente l’ambito della fase di test.
  • Definizione di scenari di test basati su questi obiettivi
  • Determinazione dei dati di test da utilizzare durante i soak test
  • Specificare le fasi di test per ogni fase del soak test
  • Allocazione di tempo sufficiente per l’esecuzione di soak test estesi
  • Esecuzione di soak test e monitoraggio dei risultati
  • Documentare i risultati di ogni soak test per valutarli in modo oggettivo.
  • Analizzare i risultati dei test e confrontare i risultati attesi con quelli ottenuti.

 

3. Esempi di casi di soak test

Un caso di test progettato per simulare un utilizzo prolungato dell’applicazione per un periodo di 48 ore potrebbe comportare le seguenti fasi:

  • Avviare l’applicazione.
  • Monitorare e registrare l’utilizzo iniziale della memoria.
  • Eseguire una serie di azioni all’interno dell’applicazione ripetutamente per la durata del test.
  • Misurare e registrare periodicamente l’utilizzo della memoria a intervalli predefiniti (ad esempio, ogni ora).
  • Confrontare l’utilizzo della memoria ad ogni intervallo con l’utilizzo della memoria iniziale.
  • Se l’utilizzo della memoria aumenta costantemente oltre una soglia accettabile, segnalarlo come perdita di memoria.

 

Un caso di test progettato per valutare la stabilità delle connessioni al database durante un soak test potrebbe comportare le seguenti fasi:

  • Avviare l’applicazione e stabilire la connessione al database.
  • Eseguire una serie di operazioni sul database ripetutamente per tutta la durata del test.
  • Monitorare lo stato della connessione e registrare gli errori o i guasti riscontrati.
  • Riconnettersi automaticamente al database se si verifica un errore di connessione.
  • Misurare la frequenza e la durata degli errori o delle interruzioni di connessione.
  • Se gli errori di connessione superano una soglia accettabile o il tempo di riconnessione è eccessivo, segnalarlo come problema di stabilità.

 

I 5 migliori strumenti, programmi e software per il soak testing

Gli strumenti di soak testing sono applicazioni software o framework specificamente progettati per facilitare e automatizzare il processo di conduzione dei soak test.

Questi strumenti offrono una serie di funzionalità per simulare l’utilizzo prolungato, monitorare il comportamento del sistema e analizzare le metriche delle prestazioni durante la fase di test. Essi contribuiscono a snellire il processo di soak testing automatizzando le attività ripetitive, consentendo una raccolta efficiente dei dati e offrendo funzionalità avanzate di reporting e analisi.

Prendiamo in considerazione alcuni dei migliori strumenti di soak testing attualmente disponibili per le aziende e i team di test del software di tutte le dimensioni.

 

1. ZAPTEST

ZAPTEST è uno strumento di test del software disponibile sia in versione gratuita che aziendale. ZAPTEST è in grado di automatizzare diversi tipi di test del software, tra cui soak test, stress test e test delle prestazioni utilizzando RPA e altre tecnologie. ZAPTEST è facile da usare e completo e il pacchetto gratuito ZAPTEST è un’ottima introduzione agli strumenti di soak testing.

 

2. Apache JMeter

Apache JMeter è uno strumento di test delle prestazioni ampiamente utilizzato, sviluppato in JAVA e uno dei migliori strumenti di soak testing in circolazione. Essendo un software open-source e indipendente dalla piattaforma, consente di eseguire test completi sulle prestazioni. Inoltre, JMeter può integrarsi con Selenium, rendendolo adatto anche ai test unitari.

 

3. OpenSTA

OpenSTA, acronimo di Open System Testing Architecture, è uno strumento open-source progettato per eseguire test di carico pesante HTTP e HTTPS con funzionalità di misurazione delle prestazioni. Sviluppato in C++ da CYRANO, supporta specificamente i sistemi operativi Microsoft Windows.

 

4. Aspetto

Appvance è uno strumento di automazione che copre i test funzionali, di performance e di sicurezza, tra le altre aree. Potenziato dall’intelligenza artificiale, fornisce una dashboard virtuale per l’utente e analisi in tempo reale per una visione completa dei test ed è uno degli strumenti di soak testing più utili attualmente sul mercato.

 

5. LoadRunner

LoadRunner è un potente strumento di test delle prestazioni che eccelle sul mercato. Supporta non solo i test di prestazione, ma anche i test di unità e di integrazione. LoadRunner offre la flessibilità di incorporare gli script di JMeter e Selenium attraverso una libreria di interfacce. Pur non essendo gratuita, la versione di prova consente un numero limitato di utenti.

 

Lista di controllo, suggerimenti e trucchi per il test di immersione

Lista di controllo per il test del software

Se state per iniziare il soak test, assicuratevi di avere tutto ciò che vi serve prima di iniziare i test. Ciò significa avere un’idea chiara di ciò che si sta testando, casi di test dettagliati, un ambiente di test realistico e i giusti strumenti di soak testing.

 

1. Creare un piano dettagliato di soak test

Pianificare e programmare il soak test per garantire un tempo adeguato per un periodo di prova prolungato. Definite gli obiettivi specifici e i criteri di successo per il soak test e preparate un ambiente di test completo che assomigli molto all’ambiente di produzione.

 

2. Utilizzare gli strumenti corretti

Assicurarsi che le risorse hardware e infrastrutturali siano in grado di gestire il carico previsto. Utilizzate strumenti di test automatizzati per simulare scenari utente realistici e generare carico e scaricate software di soak testing gratuiti per semplificare il processo.

 

3. Raccogliere costantemente dati

Monitorare le risorse del sistema durante il soak test per identificare perdite di memoria, perdite di risorse o altri problemi che potrebbero avere un impatto sulle operazioni di lunga durata. Misurare gli indicatori chiave di prestazione (KPI), come il tempo di risposta, il throughput e l’utilizzo delle risorse, e implementare meccanismi di registrazione e tracciamento degli errori per catturare e analizzare eventuali errori o eccezioni che si verificano durante il test.

 

4. Semplificare i processi

Collaborare con gli sviluppatori, gli amministratori di sistema e le altre parti interessate per affrontare e risolvere qualsiasi problema individuato e garantire operazioni sempre efficienti. Ripetere periodicamente il soak test per convalidare le prestazioni e la stabilità del sistema dopo l’implementazione di correzioni o aggiornamenti.

7 errori e trappole da evitare quando

implementazione dei soak test

Confronto tra i test UAT e i test di regressione e altri test

Ci sono molte insidie ed errori che i tester possono commettere durante un soak test, per cui è importante essere consapevoli di queste sfide per evitarle. Di seguito sono elencati 7 degli errori più comuni che i tester commettono durante i soak test.

 

1. Pianificazione insufficiente

L’assenza di tempo sufficiente o di un programma ben definito per il soak test può portare a test affrettati o a una copertura inadeguata.

 

2. Ambiente di test impreciso

La creazione di un ambiente di test che non rispecchia fedelmente l’ambiente di produzione può portare a risultati di test non realistici e a problemi di prestazioni non rilevati.

 

3. Trascurare l’hardware

Non garantire che le risorse hardware e infrastrutturali siano in grado di gestire il carico previsto può portare a colli di bottiglia inaspettati e a risultati di test inaffidabili.

 

4. Mancanza di un monitoraggio adeguato

Il mancato monitoraggio e la mancata misurazione degli indicatori di prestazione chiave durante il soak test possono causare una mancanza di comprensione del comportamento del sistema e la perdita di opportunità di identificare il degrado delle prestazioni.

 

5. Trascurare le perdite

Il mancato monitoraggio attivo delle perdite di risorse o di memoria durante il soak test può causare problemi di funzionamento di lunga durata e deteriorare le prestazioni del sistema nel tempo.

 

6. Tracciamento inadeguato degli errori

Trascurare di implementare solidi meccanismi di tracciamento e registrazione degli errori può rendere difficile l’identificazione e la diagnosi dei problemi che si verificano durante il soak test.

 

7. Mancato intervento sui risultati del soak test

Eseguire semplicemente il soak test senza analizzare e agire sui risultati può compromettere lo scopo del test. È essenziale rivedere i risultati, identificare le tendenze delle prestazioni e affrontare qualsiasi problema o raccomandazione di miglioramento.

 

Conclusione

Il Soak test svolge un ruolo cruciale nel garantire l’affidabilità, la stabilità e le prestazioni delle applicazioni software in caso di utilizzo prolungato. Permette alle aziende di valutare il comportamento dell’applicazione per un periodo prolungato, di scoprire bug o errori nascosti e di ottimizzare le prestazioni e la stabilità.

Che siano eseguiti manualmente o automatizzati con l’aiuto di strumenti specializzati, i soak test sono una parte essenziale del processo di test, che fornisce preziose informazioni sulla resistenza e sulla resilienza di un’applicazione.

Download post as PDF

Alex Zap Chernyak

Alex Zap Chernyak

Founder and CEO of ZAPTEST, with 20 years of experience in Software Automation for Testing + RPA processes, and application development. Read Alex Zap Chernyak's full executive profile on Forbes.

Get PDF-file of this post