Seleziona una pagina

I hope you enjoy this blog post.

Click here to use our ROI calculator to see how ZAPTEST can generate 10 X ROI on your Testing

Quando si tratta di testare un software, si può scegliere tra test manuali e automatizzati. I test manuali richiedono molto tempo e un lavoro noioso, che può scoraggiare gli sviluppatori di software. Un modo per superare questi problemi è l’automazione del testing del software.I test automatizzati del software sono diventati parte integrante di molte strategie aziendali. Entro il 2026, gli esperti finanziari prevedono che diventerà una Un’industria da 50 miliardi di dollari. Questo settore in espansione ha portato con sé molti strumenti e tecniche di automazione del testing del software. Se volete iniziare ad automatizzare i test del vostro software, continuate a leggere questa guida. Vi illustreremo i vantaggi e gli svantaggi dell’automazione del testing del software per aiutarvi a decidere se implementarla nella vostra azienda.

 

Che cos’è l’automazione del test del software?

Cos'è l'automazione dei test del software

L’automazione del test del software descrive qualsiasi processo che prevede l’uso di strumenti software separati per testare il software in via di sviluppo. Questi strumenti utilizzano sequenze di script per esaminare e convalidare i prodotti con un intervento umano significativamente inferiore rispetto alle tecniche di test tradizionali.Durante l’automazione dei test, gli strumenti software di automazione controllano i test, confrontano i risultati con quelli previsti e riportano i risultati. I test automatizzati del software riducono il time-to-market e garantiscono una maggiore efficienza dei test sui prodotti.L’automazione dei test software consente di eseguire test continui e di consegnare un prodotto. I due approcci più comuni a questa tecnica sono guidati da interfacce di programmazione delle applicazioni (API) e interfacce grafiche (GUI).

Che cos’è il test manuale?

Che cos'è il test manuale del software

 

Il test manuale descrive i test guidati dall’uomo per individuare i difetti di un prodotto software. Questi test forniscono informazioni agli stakeholder del progetto sulla qualità del prodotto. In genere, il tester agisce come l’utente finale e utilizza le caratteristiche per determinare se funzionano correttamente. Inoltre, il tester segue un piano di test per lavorare su casi di test specifici. I test manuali possono far lievitare i costi monetari e di manodopera dei test più adatti all’automazione. Tuttavia, le indagini che richiedono opinioni e input casuali, come ad esempio
facilità d’uso
beneficiano dei test manuali. La maggior parte dei prodotti necessita di una combinazione di test automatici e manuali per garantire che siano pronti per il mercato.

Che cos’è il test unitario?

 

Il test unitario è un processo che prevede l’isolamento di un componente del prodotto. Si eseguono quindi dei test su questa unità per individuare eventuali difetti. I test unitari non coinvolgono database o API esterne. Quando si testa un componente che utilizza una risorsa esterna o un’altra unità, la risorsa viene replicata in modo che la parte rimanga isolata. Gli sviluppatori di software eseguono questo test durante lo sviluppo. L’esecuzione tempestiva può ridurre i tempi di commercializzazione, in quanto individua eventuali errori prima che la prima bozza venga completata. Quando si crea un’applicazione di grandi dimensioni, gli sviluppatori automatizzano i test unitari per risparmiare tempo.

Un po’ di storia dell’automazione dei test

Storia del testing del software

Negli anni ’70, le aziende acquistavano e vendevano software, ma non
non
hanno un facile accesso a Internet per la distribuzione del codice e degli aggiornamenti. Molti test dovevano essere codificati e spediti singolarmente, e ogni test funzionava solo per una versione specifica del software. Questo era particolarmente vero intorno agli anni ’70. A quel punto i computer erano solo iniziano ad essere diffusima il software non era ancora compatibile con più di una frazione di macchine estremamente simili. Ciò significa che i test sono diventati parte del processo di debug e sono stati relativamente facili da realizzare, dato che era possibile indovinare l’ambiente operativo. Intorno agli anni ’70, le aziende hanno capito che potevano utilizzare il software esistente per testare le applicazioni in via di sviluppo con una minore interferenza umana. Di conseguenza, hanno iniziato a creare software per il testing del software. Agli albori dell’automazione moderna, i sostenitori la consideravano un sostituto dei test manuali. Aziende come SQA e Mercury hanno contribuito a semplificare il collaudo di software complessi. Tuttavia, gli sviluppatori hanno riscontrato che il software di test automatico delle applicazioni web smetteva di funzionare regolarmente. Mentre le aziende potevano acquistare e vendere facilmente il software, non potevano distribuire aggiornamenti e nuove funzionalità con la stessa facilità. Negli anni ’90, gli sviluppatori spesso non rispettavano le date di spedizione e le scadenze dei prodotti. Diverse modifiche ai sistemi operativi, ai database, alle applicazioni e agli strumenti di sviluppo potrebbero causare l’interruzione del funzionamento della suite di test. I produttori di strumenti hanno aggiunto funzioni per ridurre al minimo il numero di volte in cui gli sviluppatori dovevano modificare il software. In ogni caso, è diventato più impegnativo automatizzare i test che condurli manualmente. La maggior parte del tempo del tester è stata dedicata allo sviluppo di script piuttosto che al collaudo del software. Ciononostante, molti individui hanno continuato a sviluppare software di automazione. L’avvento di elementi come le GUI, i personal computer e l’architettura client-server ha aumentato la necessità di automazione, rendendo al contempo più semplice la creazione. Quando Internet e la tecnologia cloud sono diventati di uso comune, le organizzazioni hanno potuto distribuire facilmente gli aggiornamenti per mantenere il software utilizzabile. Inoltre, pratiche complesse come DevOps e Sviluppo agile hanno reso l’automazione una necessità. Al giorno d’oggi, è possibile trovare prodotti basati sul web e strumenti di test commerciali che consentono di eseguire test automatici efficaci con uno sforzo di sviluppo minimo. A partire dal 2018, circa Il 72% delle organizzazioni utilizzare i test di automazione. Considerando le previsioni di crescita del settore, ci si può aspettare che questo numero aumenti nei prossimi anni, dato che sempre più persone si rivolgono all’automazione per essere assistite nel loro lavoro.

Automazione dei test software vs. test manuali

Sia il test automatizzato che quello manuale prevedono che il tester verificare la funzionalità del software. Tuttavia, il test manuale prevede un tester umano, mentre l’automazione del test del software utilizza strumenti di automazione. Nei test manuali, gli analisti del controllo qualità (QA) conducono i test individualmente. Durante queste indagini, verificano la presenza di problemi, bug e difetti prima di inviare l’applicazione al mercato. Il tester convaliderà le varie caratteristiche chiave del prodotto eseguendo i casi di test. Quindi, creano rapporti sugli errori per riassumere i risultati. I test manuali richiedono un lavoro pratico da parte di analisti e ingegneri QA che creano ed eseguono i casi di test per l’applicazione. L’intensità della manodopera rende i test meno efficienti e dispendiosi in termini di tempo. Inoltre, il team QA potrebbe non eseguire un numero sufficiente di test sull’applicazione. Tuttavia, molti test richiedono metriche qualitative dal punto di vista dell’utente finale. Questi richiedono un test manuale. Il test automatizzato del software utilizza strumenti e script di test del software per condurre le indagini. Il team QA scriverà script di test per automatizzare i test del software. Lo script include istruzioni per piattaforme specifiche per convalidare un risultato o una funzione. Le soluzioni di testing automatizzate richiedono meno tempo per l’esecuzione di ogni test. Per questo motivo, sono molto efficienti e forniscono una maggiore copertura di test. È possibile automatizzare la maggior parte dei test, comprese alcune simulazioni di utenti. Tuttavia, non sempre possono gestire indagini complesse.

Automazione dei test software vs. Unit Testing

Che cos'è il test unitario

I test unitari sono uno strumento utile per lo sviluppo Agile. Poiché si testano singole porzioni del programma, è possibile testare l’applicazione più rapidamente e implementare le modifiche solo dove necessario. Migliora la qualità del prodotto, semplifica l’integrazione e riduce i costi perché si possono eliminare i bug già nelle prime fasi del processo di sviluppo. Di solito i test unitari sono automatizzati, ma non sempre. Quando si utilizzano applicazioni di grandi dimensioni, può essere troppo costoso e dispendioso in termini di tempo eseguire manualmente i test unitari. Dato che molte aziende hanno applicazioni enormi, hanno bisogno di test unitari automatizzati per fornire aggiornamenti tempestivi. Tuttavia, i prodotti più piccoli possono essere sottoposti a test manuali grazie alla riduzione dei requisiti di manodopera. Nel complesso, i test unitari possono trarre vantaggio dall’automazione dei test del software. Tuttavia, non tutti i test automatizzati del software sono test unitari e viceversa.

Quali sono i vantaggi dei test automatizzati?

 

L’utilizzo di strumenti per il test automatico del software offre molti vantaggi, tra cui:

  • Miglioramento dell’efficienza dei test: Gran parte del processo di sviluppo di un’applicazione è destinato al collaudo. Automatizzando questo processo, si può ridurre il tempo dedicato ai test, riducendo al contempo gli errori umani. La maggiore efficienza può aiutare gli sviluppatori a rispettare i tempi di consegna dei prodotti previsti.
  • Continuità: Gli ingegneri dell’automazione possono comprendere facilmente il lavoro dello sviluppatore software, lo script, i difetti, le correzioni e i test precedentemente condotti attraverso un rapporto di test di automazione.
  • Riduzione dei costi operativi: Una volta acquisiti gli strumenti software di automazione necessari, ridurrete molte spese e aumenterete i profitti a lungo termine. Gli ingenti costi di capitale vengono compensati dalla riduzione della manodopera impiegata per i test. La manodopera può essere impiegata in processi aziendali separati, che possono portare benefici all’organizzazione in altri modi.
  • Copertura di prova massimizzata: Massimizzare la copertura dei test attraverso i test manuali richiederebbe un lavoro approfondito. I test automatizzati del software utilizzeranno casi di test di qualità per fornire una copertura di test del 100%, assicurando che tutte le interfacce utente, i database e i servizi web soddisfino i requisiti aziendali.
  • Feedback veloce: L’automazione dei test software accelera i cicli di test ed elimina i casi di test ripetitivi. Il software di test del software fornirà i risultati dei test a tutti i membri del team prima di un tester manuale. Da qui, qualsiasi problema può essere risolto in un periodo più breve di quello consentito dai test tradizionali.
  • Aumento del ritorno sugli investimenti (ROI): Investire tempo e denaro in test manuali ripetitivi può aumentare il tempo di commercializzazione e potenzialmente perdere alcuni bug. Tuttavia, il software per l’automazione dei test ridurrà i costi del ciclo di vita del prodotto, i difetti presenti e il time to market.
  • Scalabilità migliorata: Grazie all’automazione, le aziende possono assegnare meno tester umani a ciascun progetto. Gli strumenti di automazione offrono alle organizzazioni una maggiore flessibilità e scalabilità per completare un maggior numero di progetti.
  • Test di facile esecuzione: Molti test e casi di test sono complicati, lunghi e inclini a creare problemi. Automatizzando questi processi, si possono creare facilmente script robusti con errori minimi.

Le sfide dell’automazione dei test

Ogni strategia di automazione dei test comporta delle sfide. Tuttavia, l’utilizzo degli strumenti giusti può aiutarvi a superare questi problemi nella vostra azienda. Ecco le quattro sfide più comuni.

1. Scelta degli strumenti appropriati

Quando si integra per la prima volta un software per i test di automazione, un’azienda potrebbe non avere le competenze necessarie per scegliere gli strumenti migliori per l’applicazione. Non tutti i pacchetti software offrono la copertura di test necessaria per il prodotto. Considerando l’ampia varietà di strumenti di test disponibili, molti fornitori iperbolizzano le capacità del prodotto. Il team QA deve effettuare ricerche sufficienti sullo strumento specifico piuttosto che acquistare l’opzione più popolare. Si può ovviare a questo problema definendo i requisiti degli strumenti per l’applicazione. Assicuratevi di considerare anche le competenze dei membri del team. Scegliendo gli strumenti di test del software che corrispondono ai requisiti, è possibile accelerare il processo di test.Se non riuscite a trovare uno strumento che soddisfi tutte le vostre esigenze, cercate di implementare una soluzione multi-tool. Inoltre, identificate i componenti più importanti dell’applicazione da testare. In questo modo, si spenderà solo per gli strumenti necessari. Il software di automazione ha un costo iniziale elevato, per cui è opportuno ridurre al minimo la quantità di software acquistato. Cercate di condurre un’analisi costi-benefici per determinare se è il caso di pagare per un software di automazione in più.

2. Infrastruttura di test inadeguata

Per massimizzare la copertura dei test e la velocità di esecuzione, è necessaria un’infrastruttura adeguata. Ad esempio, il test di un’applicazione su più combinazioni di browser e sistemi operativi richiede una strategia di parallelizzazione. Questa situazione richiede un’infrastruttura forte. Molte aziende non sono in grado di costruire da sole la struttura di testing necessaria, soprattutto quando iniziano ad occuparsi di test automatizzati del software. Infrastruttura basata sul cloud offre le configurazioni necessarie nell’ambiente di test, in modo da poter eseguire i test in modo efficiente. Inoltre, queste infrastrutture costano meno in termini di manutenzione, pur offrendo gli stessi vantaggi.

3. Mancanza di competenze e di comunicazione

Mentre il vostro team QA può avere una vasta esperienza nei test manuali, l’automazione rappresenta una sfida a parte. Se i membri del team non possiedono competenze in questo settore, dovranno seguire una formazione fino a raggiungere il livello necessario per il test automatico delle applicazioni web. Inoltre, molti team sono carenti nella comunicazione. La mancata comunicazione potrebbe far sì che qualcuno assuma compiti per i quali non è preparato o che il team non porti a termine i test. È possibile ovviare alla mancanza di competenze sfruttando un framework di test automatizzato per consentire ai membri del team di utilizzare il loro miglior linguaggio di programmazione. Ad esempio, il framework per il testing del software Selenium automatizza i browser e lega diversi linguaggi per accogliere un maggior numero di programmatori. Il team deve decidere quali script di test automatizzare. Mentre alcuni aspetti elementari possono essere svolti senza formazione, il tester di automazione del software avrà bisogno di un programma di formazione su questo argomento.

Un altro modo per migliorare la comunicazione del team QA è sviluppare un piano di test affidabile da condividere con tutti i membri del team. Utilizzando i seguenti processi, il team può pianificare, registrare e documentare meglio i dati in uno sforzo collaborativo:

  • Plan Studio: Questo permette al team di dare priorità ai casi d’uso durante il test dei candidati all’automazione su una scala di priorità da alta a bassa.
  • Rec Studio: Attraverso la registrazione, il PMI può registrare video e trasmettere i dati all’Automator, contribuendo a migliorare la comunicazione tra il team e a sviluppare la collaborazione generale.
  • Doc Studio: Documentare i processi precedenti convertendo lo script automatico in un formato di testo. Ciò consente la gestione delle modifiche e la tracciabilità degli artefatti.

4. Approccio sbagliato ai test

Se la vostra azienda dispone degli strumenti, dell’infrastruttura e delle competenze corrette per condurre test software automatizzati, potreste comunque utilizzare un approccio di testing sbagliato. Gli strumenti software di automazione non dicono quali processi automatizzare. Non tutti i test possono essere automatizzati, quindi è necessario automatizzare in modo strategico. Quando progettate la vostra strategia di automazione dei test, cercate di utilizzare la piramide dell’automazione dei test o i test basati sul rischio. Piramidi di automazione dei test classificare i test da eseguire in base al ROI. Dovreste dare la priorità ai test unitari automatizzati, seguiti dai test dei servizi, quindi dai test dell’interfaccia utente e dai test esplorativi. Questo schema consente di attenuare i difetti fin dalle prime fasi, prima di procedere con gli altri test. Test basati sul rischio dà priorità ai test sugli elementi con il più alto rischio di fallimento. Un componente può essere considerato “rischioso” se il suo malfunzionamento comporta conseguenze drastiche. Considerate gli accordi sul livello di servizio, la probabilità di fallimento e il costo finanziario dei difetti come base per la definizione delle priorità.

Migliori pratiche per l’automazione dei test del software

Quando si inizia con i test automatizzati del software, è consigliabile automatizzare alcuni test fino a quando non si acquisisce una maggiore esperienza. Cercate di utilizzare queste best practice per migliorare il processo.

1. Definire gli obiettivi dei casi di test

Prima di scegliere cosa automatizzare, decidete gli obiettivi dei casi di test. Gli stakeholder del testing devono concentrarsi sul contesto e sul valore quando determinano i casi. Individuare le aree più critiche per la soddisfazione del cliente, i difetti più dannosi da prevenire e il valore aggiunto desiderato dall’automazione. Nel corso del ciclo di vita del prodotto, sarà necessario manipolare gli obiettivi. Inoltre, quando si prendono decisioni sull’obiettivo dei casi di test, bisogna considerare l’intera azienda. In questo modo, ogni reparto può ottenere i risultati desiderati dall’automazione dei test software.

2. Privilegiare i test

Tenete presente che solo perché potete automatizzare un test non significa che dobbiate farlo. Determinare quali test sono più importanti per l’integrazione continua (CI) a lungo termine. Se un problema non è critico, si può ritenere che il test non sia necessario. Conducendo un test, sprecherete tempo e denaro per un problema minimo.

3. Garantire l’affidabilità su tutte le piattaforme

Nell’era digitale, sono innumerevoli le piattaforme che le persone utilizzano per accedere alle applicazioni. Durante i test automatizzati delle applicazioni web, è necessario verificare che il prodotto funzioni sui browser desktop e sui dispositivi mobili. Assicurarsi che funzioni in modo affidabile su diversi sistemi operativi e piattaforme. In generale, tenete presente la scalabilità quando sviluppate e mantenete l’automazione dei test.

4. Sviluppare e mantenere i test

Nello sviluppo dei test, cercate di ridurre al minimo il tempo impiegato. Sebbene i test sofisticati e dispendiosi in termini di tempo possano fornire i risultati desiderati, è probabile che a lungo andare si fatichi a utilizzarli e a mantenerli. Cercate di bilanciare le attività di creazione e manutenzione dei test per garantire la scalabilità. Inoltre, trattate il codice di prova come quello di produzione. Avere un backup e una cronologia salvata. Inoltre, assicuratevi di poterlo riparare e mantenere facilmente.

5. Mantenere aperta la comunicazione tra i canali

Quando si lavora per automatizzare i test del software, assicurarsi di mantenere aperta la comunicazione tra i canali. I membri dei dipartimenti di test, business e ingegneria devono comprendere gli obiettivi e il lavoro degli altri. Qualsiasi errore di comunicazione potrebbe portare a difetti che richiedono più tempo e prove per essere riparati.

Quali sono i tipi di test automatici del software?

Quando si inizia a utilizzare gli strumenti di test di automazione, l’azienda deve dare la priorità ai test da automatizzare. Tenete presente che tutti i seguenti test possono essere automatizzati o manuali.

1. Test end-to-end

I test end-to-end (E2E) sono tra i più validi da implementare. Simulano l’esperienza dell’utente finale nell’intera applicazione. Alcuni esempi di test E2E sono la verifica dell’accesso dell’utente, la modifica delle impostazioni dell’account e il caricamento di immagini. Questi test consentono all’azienda di sapere che l’applicazione funzionerà senza bug per l’utente finale. Poiché gli strumenti E2E registrano e riproducono le azioni dell’utente, i piani di test sono registrazioni dei flussi dell’esperienza dell’utente. I prodotti che non hanno una copertura di test completa trarranno il massimo beneficio dai test E2E dei flussi aziendali vitali. Ricordate che l’automazione di questi test ha un costo capitale elevato. Per i prodotti che richiedono rilasci rapidi di test E2E, è necessario automatizzare. Altrimenti, si consiglia di eseguirli manualmente.

2. Test unitari

I test unitari considerano singoli componenti del codice. Di solito coprono singole funzioni per garantire che un input previsto produca l’output previsto. Per il codice con molti calcoli critici, è necessario implementare una strategia di test unitari automatizzati. Questi test sono accessibili, facili da implementare e offrono un elevato ROI. Essendo alla base della piramide dell’automazione dei test, quasi tutte le aziende dovrebbero utilizzarli per le loro applicazioni.

3. Test di integrazione

Molte unità fanno riferimento a servizi di terzi. Durante i test, la base di codice non può accedere alla terza parte. Attraverso i test di integrazione, le utility vengono prese in giro per determinare se il codice funzionerà come previsto. I test di integrazione sono come i test unitari e possono essere un’alternativa più economica agli E2E. Nel complesso, l’implementazione è conveniente e dovrebbe garantire un elevato ROI dall’automazione.

4. Test di prestazione

I test sulle prestazioni determinano la reattività e la velocità con cui un’applicazione reagisce a uno stimolo. Le metriche tipiche includono il tempo di risposta dei risultati dei motori di ricerca e il tempo di caricamento della pagina. Questi test realizzano misurazioni per queste metriche. I test automatizzati delle prestazioni eseguono casi di test su più metriche per individuare eventuali perdite di velocità o regressioni.

5. Test esplorativi

Il test esplorativo è un test relativamente casuale che utilizza sequenze non scritte per trovare qualsiasi comportamento inaspettato. Le soluzioni automatizzate per i test esplorativi esistono, ma sono ancora agli inizi. Se trovate strumenti di test del software per impostare una suite di test esplorativi, potete provarli. Tuttavia, spesso è più efficace condurre questi test manualmente.

6. Analisi del codice

Gli strumenti di analisi del codice possono essere statici o dinamici. Possono cercare lo stile o i difetti. Un tester di automazione del software esegue un’analisi del codice durante la verifica del codice. L’unica scrittura che i test di analisi del codice automatizzati richiedono è la configurazione dei rulli e l’aggiornamento degli strumenti.

7. Test di regressione

I test di regressione comportano la ripetizione di test funzionali e non funzionali. Determina se il software sviluppato in precedenza continua a funzionare dopo un aggiornamento. L’insuccesso crea una regressione. Quasi tutte le modifiche al codice richiedono test di regressione. Grazie alla sua natura ripetitiva, si presta bene all’automazione. Tuttavia, i test di regressione per determinare i difetti visivi (ad esempio, font, posizionamento degli elementi e combinazione di colori non corretti) favoriscono i test manuali. I test di regressione visiva automatizzati prendono le schermate degli stati precedenti di un prodotto e le confrontano con i risultati attesi. Lo sviluppo di questo processo richiede tempo e denaro. D’altra parte, una persona può individuare rapidamente i problemi visivi di una pagina.

8. Test di accettazione automatizzati

I test di accettazione automatizzati (AAT) verificano se le esigenze degli utenti e i processi aziendali sono soddisfatti da un sistema entro i criteri di accettazione. Inoltre, determinano se l’utente finale troverà l’applicazione accettabile per l’uso. Data la natura critica dell’AAT, il business, gli sviluppatori software e il team QA devono collaborare. Una volta impostati i test di accettazione, questi possono fungere da test di regressione.

9. Test del fumo

Un test di fumo avviene generalmente dopo una finestra di manutenzione o di implementazione. Assicurano che i servizi e le dipendenze funzionino correttamente. Questi test preliminari individuano guasti semplici che hanno conseguenze gravi e che potrebbero impedire un rilascio. Gli smooth test sono sottoinsiemi di casi di test che comprendono la funzionalità di un’unità di codice. Di solito, vengono eseguiti attraverso un deployment automatico. Uno smoke test determinerà cose come l’esecuzione del programma, il funzionamento dei pulsanti e l’apertura dell’interfaccia utente. I test di fumo possono quindi fungere da test di accettazione.

Quali tipi di processi sono più adatti all’automazione dei test?

Quali tipi di processi automatizzare con il test del software per l'interfaccia utente?

L’automazione dei test software può ridurre i costi monetari e di manodopera di alcuni test, ma può far lievitare i costi di altri. Anche se la maggior parte dei test può essere automatizzata, dovreste dare priorità all’acquisto di software di test per quelli che soddisfano questi criteri.

1. Test determinanti

Un test è determinante quando il risultato rimane lo stesso ogni volta che lo si esegue utilizzando lo stesso input. Questo test avrà risultati prevedibili che gli script di test possono facilmente catturare. Ad esempio, i test di carico e di stress hanno esiti determinanti.

2. Test inopinati

Non è possibile automatizzare il test del software per i test che richiedono opinioni e feedback degli utenti. Di conseguenza, processi come A/B, usabilità e beta testing richiedono un lavoro manuale. D’altra parte, i test di prestazione, integrazione e unità sono oggettivi.

3. Test ripetibili

I test ripetibili traggono vantaggio dagli strumenti di test del software. Sebbene si possa scrivere uno script di test automatizzato per un test da eseguire una sola volta, questo comporta uno spreco di tempo e denaro. Tuttavia, gli script che richiedono molto tempo e che devono essere eseguiti più volte diventano molto più semplici con l’automazione. Questo criterio include test che possono essere impostati in un ambiente coerente e quindi eseguiti e misurati prima di riportare l’ambiente allo stato di base. Ad esempio, testare le combinazioni di browser sarebbe straordinariamente noioso senza l’automazione.

4. Ambienti e dati di prova

È possibile impostare i dati e gli ambienti di test attraverso l’automazione. Alcuni strumenti di automazione del test del software possono creare script di test prima di scrivere il codice. L’organizzazione deve solo definire la funzionalità del test.

5. Test critici

Cercate di utilizzare il test automatico delle applicazioni quando un test può danneggiare l’azienda o interrompere il servizio. Gli strumenti software di automazione possono evitare che le nuove funzionalità danneggino quelle vecchie. Ad esempio, i test di regressione, di fumo e di correttezza condotti su tutte le versioni di un prodotto dovrebbero essere automatizzati.

Quali applicazioni e software possono essere automatizzati?

I migliori strumenti di automazione del software possono automatizzare il test del software per qualsiasi applicazione. Ad esempio, strumenti di test del software come ZAPTEST può automatizzare quasi tutte le applicazioni. Offre software per tutte le applicazioni e i software seguenti, come Agile, mobile, web, desktop, API e test di carico. Tuttavia, molti altri tipi di applicazioni e software possono essere automatizzati.

1. Applicazioni Windows

Microsoft consente agli utenti di automatizzare molte applicazioni di Windows utilizzando una tecnica “punta e clicca”. È possibile creare flussi di lavoro automatizzati utilizzando il registratore di flussi dell’interfaccia utente per catturare gli input da tastiera e i clic del mouse. Quindi, è possibile testare il flusso dell’interfaccia utente e utilizzarlo piuttosto che eseguire test manuali.

2. Applicazioni Linux e Unix

È inoltre possibile automatizzare il test del software per le applicazioni Linux. Sebbene non siano così diffusi come Windows e macOS, Linux e Unix offrono una base robusta, sicura e veloce per il test automatizzato del software. Framework di test automatizzati come TestProject, Appium e Selenium consentono di creare script di test che supportano più piattaforme.

3. Applicazioni macOS

app per macOS possono essere sottoposti a test software automatizzati con vari strumenti di test del software, come Squish, iWork e Omni. Sfruttando la funzionalità di scansione dell’interfaccia grafica è possibile sviluppare uno script per eseguire i test sulla piattaforma macOS.

4. Applicazioni iOS

Quando si realizzano applicazioni per Mac OSX e iOS, è necessario condurre test unitari e dell’interfaccia utente automatizzati. Per verificare il codice sorgente si possono usare framework di test del software come XCTest, Nimble, KIF, OHHTTPStubs e Quick. Questi framework per app iOS funzionano con Swift e Objective-C.

5. Applicazioni Android

Android ha oltre
2,5 miliardi
utenti attivi. Questo sistema operativo è diventato uno dei più popolari grazie alla natura open-source che lo rende facile da sviluppare. Con
oltre 1000
smartphone che operano con il sistema operativo Android, le applicazioni devono essere testate su innumerevoli combinazioni di versioni del sistema operativo e specifiche hardware. Il test automatizzato del software lo rende possibile. Framework di automazione dei test come Selendroid, Appium, Mabl e Testim consentono di creare, eseguire e mantenere casi di test per le applicazioni Android.

6. Altre applicazioni mobili

Anche le applicazioni per Windows Mobile e Blackberry dispongono di strumenti software di automazione applicabili. Queste soluzioni di test automatizzati scrivono uno script che può essere applicato a più test. Programmi e strumenti come ZAPTEST, Jamo Solutions e
BlackBerry Dynamics SDK
può testare questi sistemi operativi più piccoli.

7. Software agile

Quando si progetta l’applicazione, si può utilizzare un framework di test del software per iniziare l’automazione. Gli strumenti di test del software possono raccogliere gli oggetti di test da una replica dell’interfaccia grafica per creare script di test durante lo sviluppo. Una volta che il prodotto viene rilasciato, il team QA può testarlo immediatamente. Tutte le metodologie Agile possono ricevere il supporto di una suite di test. I team di sviluppo possono utilizzare test black-boxin cui il software di test del software non conosce il codice interno. Questo test simula l’attività dell’utente. Al contrario,
white-box
I test assicurano che il codice non abbia difetti.

8. Software API

Le tecnologie dei servizi Web come JSON, SOAP, WADL, REST, XML e WSDL possono essere automatizzate con il software di test API. Mescolando gli oggetti API e UI in un unico script, è possibile automatizzare il test del software sul front-end e sul back-end.

9. Test di carico

ZAPTEST dispone di un componente LOAD per il test. Questa funzione consente di testare le prestazioni delle infrastrutture di server API con gli script ZAPTEST standard.

10. Test dell’interfaccia utente

Qualsiasi interfaccia utente funziona con un framework di test automatizzato, indipendentemente dalla tecnologia dell’applicazione. Non importa quale sia l’attività da automatizzare, una piattaforma trasversale come ZAPTEST può aiutare. Automazione dell’interfaccia utente utilizza il riconoscimento basato sulle immagini e l’OCR per automatizzare il test del software con framework, API o dipendenze ambientali, poiché rimane all’interno della GUI.

Quali caratteristiche e capacità sono importanti per l’automazione dei test software a livello aziendale?

Un software di livello aziendale può aumentare l’efficienza, la produttività, la trasparenza e i ricavi. Qualsiasi programma informatico utilizzato da una grande organizzazione è considerato software aziendale. Per accelerare i processi aziendali, le aziende hanno bisogno di un software che risponda alle loro esigenze specifiche. Inoltre, l’azienda potrebbe accelerare ulteriormente questi processi con l’automazione del test del software di alta qualità. I principali strumenti di automazione dei test software aziendali come ZAPTEST mantengono questa promessa con le caratteristiche e le capacità necessarie per supportare una grande azienda, tra cui:

    • Alto ROI: Il ROI serve come risultato dimostrabile. Le elevate capacità di ROI dimostrano che i servizi di test software automatizzati sono completi e richiedono regolazioni minime.
    • Facile implementazione: Se il software è facilmente implementabile e utilizzabile, è più probabile che il team QA lo utilizzi con successo. Ad esempio, la tecnologia 1SCRIPT di ZAPTEST automatizza qualsiasi applicazione UI o API combinandole in un unico script.
    • Esecuzione in parallelo: L’esecuzione parallela descrive la capacità di eseguire test su più dispositivi contemporaneamente. Fornisce un feedback istantaneo per molti scenari possibili, ad esempio su quali dispositivi il software funziona meglio.
    • Conversione di documenti in un solo clic: La conversione dei documenti mantiene tutti i documenti nello stesso formato, rendendo più semplice l’identificazione e la comprensione dei problemi. Inoltre, protegge dal futuro gli effetti delle modifiche al codice.
    • Gestione dell’hosting dei dispositivi in cloud: Il software aziendale dovrebbe includere dispositivi cloud per i test. I test nel cloud sono più veloci perché non è necessario impostare l’ambiente di test.
    • Licenze illimitate: La concessione di licenze illimitate per il software di testing consente alle aziende di disporre di team QA di grandi dimensioni.
    • Funzionalità multipiattaforma: Spesso le applicazioni devono essere sviluppate su più piattaforme e dispositivi, come Windows, macOS, Linux, Android e iOS. Grazie alla funzionalità multipiattaforma, un’azienda può collegare qualsiasi piattaforma a un modulo di automazione.
    • Funzionalità trasversale alle applicazioni: Quando si progetta un’applicazione per funzionare su più sistemi operativi, è necessario un framework di testing del software con funzionalità cross-application per ridurre al minimo i test necessari.
    • Test dal vivo: I test dal vivo consentono di includere i clienti e di mostrare loro l’applicazione in remoto. Inoltre, i test dal vivo offrono maggiori opportunità di feedback da parte dei clienti.
    • Test di simulazione: Gli strumenti di test aziendali raccolgono gli oggetti di test da un modello di interfaccia grafica per creare script di test durante lo sviluppo. Questa funzionalità consente di eseguire il test automatico del software subito dopo aver completato l’applicazione. Inoltre, alcuni test possono essere eseguiti durante lo sviluppo per individuare tempestivamente eventuali bug.
    • Registrazione dello scenario: La registrazione degli scenari crea test ripetibili per il software. I sistemi di test aziendali includono questa funzione per rendere molto più semplice il test del software, anche con elementi di codice unici.
    • Test senza codice: I test senza codice eliminano la barriera delle competenze per l’automazione dei test del software.
    • Esperto remoto: I servizi aziendali come ZAPTEST offrono un esperto ZAP che lavora in remoto per fornire assistenza a tempo pieno sull’implementazione e l’automazione.
  • Integrazioni: Alcuni software di test del software consentono integrazioni con strumenti ALM come CA Rally, VSTS, JIRA, TFS e HP ALM. Altri consentono l’integrazione con server di automazione dei sorgenti come Bamboo e Jenkins.
  • Supporto Agile: Molte applicazioni vengono sviluppate con la metodologia Agile e gli strumenti di test del software devono adattarsi a questa situazione.

Come funzionano i test automatizzati?

Come funziona il test di automazione in settori come quello bancario, ad esempio?

I test automatizzati eseguono asserzioni su un prodotto utilizzando macchine. I risultati determinano lo stato dell’applicazione rispetto agli obiettivi. Il test automatizzato delle applicazioni prevede cicli di feedback in una piramide di test. Prima di considerare le fasi del test automatico del software, dobbiamo definire i diversi livelli di test.

1. Diversi livelli di test

Si possono considerare i diversi livelli di test come una piramide.

Unità

La parte più ampia è quella dei test unitari. I test unitari offrono robustezza al software. Vengono eseguiti rapidamente per convalidare ogni componente. Tuttavia, questi test non offrono informazioni sul funzionamento dell’applicazione nel suo complesso. Tuttavia, possono individuare i problemi nelle singole funzioni a cui porre rimedio.

Servizio

Il secondo livello della piramide è il livello di servizio. Include i test dei componenti, di accettazione, delle API e di integrazione. Questi indagano sui servizi dell’applicazione, a parte l’interfaccia utente, che comporta risposte agli input. Qualsiasi combinazione tra componenti su un confine di rete comprende anche i test di servizio. Convalidano che le funzioni siano assemblate correttamente e che gli altri componenti software possano comunicare con i componenti necessari.

Viaggio

Il terzo livello è quello del journey testing, che comprende test dell’interfaccia utente e test esplorativi. I test di viaggio sono meno numerosi a causa dei diversi attributi che li rendono più impegnativi e rischiosi da eseguire. Ad esempio, la modifica dell’interfaccia utente può interrompere molti test. I Journey Test seguono il percorso dell’utente. Coprono molto codice in una sola volta, in modo da poter stabilire facilmente se l’applicazione funziona correttamente in un numero minore di test. Tuttavia, non dicono quale sia la parte con i bug.

 

2. Piano di automazione

Prima di iniziare, è necessario elaborare una strategia completa di automazione dei test per una gestione efficace. Il team QA deve definire i requisiti di test per comprendere l’ambito del progetto.

3. Struttura

Il test automatizzato delle applicazioni inizia con un framework di test del software. Il quadro comprende standard, strumenti e pratiche. I framework di automazione dei test più comuni sono guidati dai dati e dalle parole chiave o sono stati creati per test modulari e scripting lineare.

4. Strumenti di test di automazione

Gli strumenti di test del software analizzano diverse applicazioni. È necessario scegliere quello ideale per la propria applicazione. Ad esempio, è probabile che per testare un’applicazione Android sia necessario un software diverso per i test di automazione rispetto a un’applicazione Linux.

5. Ambiente di automazione

L’ambiente di automazione gestisce il provisioning, la gestione dei dati e la configurazione di un ambiente di test. Inoltre, integra i processi di test del software. Per eseguire con successo i test, è necessario stabilizzare l’ambiente. Le piattaforme di qualità forniscono questi ambienti.

6. Progettazione del test

Dopo aver scelto le strategie, gli strumenti e l’ambiente necessari, è possibile scrivere gli script di test. La scrittura di script di test durante lo sviluppo del prodotto accelererà questo processo e creerà un flusso di lavoro positivo.

 

7. Esecuzione del test

Una volta progettati, è possibile utilizzare uno strumento di pianificazione o un orchestratore di pipeline per eseguire i test. Cercate di parallelizzare i casi di test che non comportano interdipendenze per velocizzare l’automazione.

8. Analisi dei risultati

Se qualche test fallisce, è possibile analizzare i risultati per risolvere i difetti. Molti framework consentono di riutilizzare gli script per eseguire nuovamente il test senza doverlo riscrivere. Eseguire un altro test per determinare se il difetto è stato riparato.

Chi deve essere coinvolto nel processo di automazione dei test?

che dovrebbe essere coinvolto negli strumenti di automazione dei test del software e nella loro pianificazione

Durante i test automatizzati del software, un’azienda dovrebbe iniziare i test fin dalle prime fasi del ciclo di vita del prodotto. Di conseguenza, gli sviluppatori dovrebbero collaborare con i tester per creare un framework di automazione dei test. Tuttavia, quasi tutti in azienda sono coinvolti nell’automazione dei test del software:

  • Gli stakeholder: Le parti interessate sanno cosa vogliono da un prodotto e, lavorando con loro sul framework di automazione dei test, si assicurano che i risultati soddisfino i loro requisiti.
  • Ingegneri dello sviluppo: Lo sviluppatore implementa i test durante lo sviluppo. Devono eseguire i test all’interno di ambienti di sviluppo integrati (IDE) come Visual Studio ed Eclipse.
  • Ingegneri dell’automazione: Queste persone progettano e implementano processi che consentono l’automazione. Gli ingegneri dell’automazione richiedono integrazioni con il CI, test scalabili e un supporto completo per i linguaggi di programmazione.
  • Tester manuali: I tester manuali hanno molta esperienza nei test manuali e trarranno grande beneficio dagli aspetti di registrazione e riproduzione dell’automazione. Inoltre, possono trarre vantaggio da script riutilizzabili con diversi dati di input per identificare e riparare i problemi su diverse piattaforme e ambienti.

Come implementare una strategia di automazione dei test

I due metodi di implementazione più comuni sono le piramidi di automazione dei test e i test basati sul rischio. Alla base della piramide c’è il test unitario, che ha la maggior quantità di test. Poi c’è il test dei servizi, che comprende test di integrazione, API, accettazione e componenti. In cima ci sono i test utente, compresi quelli dell’interfaccia utente e quelli esplorativi. Alcune soluzioni di test automatizzati integrano i test dell’interfaccia grafica e dell’API, in modo che qualsiasi modifica apportata all’una si rifletta sull’altra. L’altra strategia di automazione dei test è il test basato sul rischio. L’elemento con la più alta probabilità di fallimento viene testato per primo. Questa strategia dà priorità ai test sulle parti più critiche che hanno le maggiori conseguenze in caso di fallimento. La linea di base per la definizione delle priorità dipende in genere dal costo finanziario, dal rischio di fallimento e dagli accordi. Per attuare una strategia, è necessario:

  • Creare un piano di automazione
  • Scegliere un framework per il testing del software
  • Acquisire strumenti di test di automazione
  • Stabilizzare l’ambiente di automazione
  • Scrivere script di test
  • Eseguire i test
  • Analizzare i risultati e ripeterli se necessario

Migliori pratiche di test automatizzati

le migliori pratiche per l'automazione agile del software

Le migliori pratiche di test del software automatizzato massimizzeranno il ROI. Cercate di utilizzare queste pratiche quando eseguite i test automatizzati.

1. Selezionare i casi di test da automatizzare

Poiché non è possibile automatizzare ogni test, scegliete quelli che trarrebbero maggior beneficio dall’automazione. I migliori test da automatizzare includono:

  • Test ripetitivi
  • Quelli con più set di dati
  • Test che utilizzano più piattaforme e combinazioni di software o hardware
  • Test ad alto rischio
  • Quelli che causano errori umani
  • Test che richiedono tempo
  • Quelli che utilizzano funzioni di uso frequente

2. Scegliere i migliori strumenti di test di automazione

Cercate uno strumento di testing automatico che supporti la vostra tecnologia, la vostra lingua e le vostre piattaforme. Dovrebbe inoltre offrire la flessibilità necessaria per adattarsi a diversi livelli di competenza. I framework guidati dai dati e dalle parole chiave sono solitamente riutilizzabili, il che li rende una scelta forte. Verificate se è in grado di testare le applicazioni aziendali e di integrarle nel vostro ecosistema.

3. Delimitare i compiti in base alle abilità

Assegnare i casi e le suite di test alle persone in base alle loro competenze tecniche. I test che richiedono l’esecuzione di strumenti proprietari di solito si adattano a diversi livelli di competenza, ma gli strumenti open-source di solito richiedono l’intervento di qualcuno che abbia familiarità con quella piattaforma.

4. Creare dati di prova di alta qualità

I dati di test di alta qualità sono più leggibili per gli strumenti di test di automazione. Assicuratevi di formattarlo correttamente in un tipo di file compatibile. Quando si dispone di dati esterni, è possibile riutilizzare e mantenere i test con facilità. Inoltre, l’aggiunta di nuovi dati non influisce sul test.Sebbene la creazione dei dati di test richieda molto tempo, è necessario dedicare tempo e impegno alla loro struttura. Cercate di creare le informazioni nelle prime fasi del processo di sviluppo, in modo da poterle ampliare se necessario durante i test.

5. Realizzare test automatici resistenti alle modifiche

Molti framework di automazione dei test non rimangono compatibili con le applicazioni man mano che le si aggiorna. Questi strumenti identificano e trovano gli oggetti utilizzando una serie di proprietà, come le coordinate di posizione. La modifica della posizione di questo controllo può causare il fallimento del test. Fornendo nomi unici per ogni punto di dati, il test diventerà resistente alle modifiche dell’interfaccia utente. In questo modo, è possibile aggiornare l’applicazione senza dover scrivere un nuovo test. Inoltre, questo processo impedisce allo strumento di affidarsi alle coordinate. Aggiunge forza e stabilità al test.

I più comuni equivoci sull’automazione dei test

iperautomazione

A causa della sua natura relativamente nuova, molte persone credono ad alcune idee sbagliate sull’automazione. Ecco alcuni degli equivoci più comuni sull’automazione del testing del software.

 

1. L’automazione sostituisce il manuale

L’automazione può rendere molte attività manuali meno noiose e più facili da completare. Tuttavia, non tutti i test possono essere automatizzati. I test software automatizzati possono gestire test ripetitivi, prevedibili e di frequente esecuzione, ma non possono fornire un feedback umano o un’intuizione. I test manuali hanno ancora un posto per le attività che richiedono l’intervento umano, che hanno risultati imprevedibili o che non necessitano di test frequenti. Inoltre, i tester umani devono spesso scrivere script e framework per i test automatizzati.

2. L’automazione elimina i bug

I test automatizzati possono eliminare l’errore umano e portare a una copertura dei test del 100%, il che porta alcuni a credere che aumentando la loro presenza si eliminino i bug. Tuttavia, i difetti possono ancora comparire. Ad esempio, alcuni framework non rimarranno compatibili con l’applicazione dopo un aggiornamento. I test esistenti potrebbero non trovare i bug esistenti. Inoltre, gli esseri umani spesso scrivono copioni. Errori in questo codice possono portare a risultati errati nei test. Inoltre, potreste non implementare test sufficienti per individuare i difetti nel codice.

 

3. Solo gli sviluppatori esperti possono automatizzare i test

Molti strumenti di test del software consentono a chiunque di scrivere semplici test automatizzati. Se non avete esperienza di codifica, potete comunque implementare l’automazione nella vostra azienda. Tuttavia, alcuni test richiedono una vasta esperienza di codifica per scrivere lo script. Potrebbe essere necessario costruire e mantenere un framework di test o stabilizzare un ambiente di test. In generale, le competenze del team influiscono sui test disponibili per l’automazione. Tuttavia, non è necessario essere esperti per iniziare.

Tipi di framework di automazione

L’automazione del testing del software è possibile solo con un framework. Ecco alcuni dei vari tipi di framework di automazione.

1. Struttura basata sui dati

I framework guidati dai dati richiedono ai tester di scrivere script che si adattino a molteplici set di dati e combinazioni attraverso la parametrizzazione. Offrono una maggiore copertura in un numero inferiore di casi di test rispetto alla maggior parte degli altri framework. Molte funzioni e script sono riutilizzabili e si possono mantenere facilmente.

2. Struttura basata su parole chiave

I framework guidati da parole chiave utilizzano tabelle in cui si definiscono parole chiave per descrivere ogni funzione ed esecuzione. Questo framework è utile per i membri del team QA che non hanno competenze di programmazione e devono creare script di test.

3. Struttura dell’architettura della libreria di test

Nell’architettura della libreria di test, gli script di test vengono registrati e i compiti comuni vengono identificati come funzioni. Le funzioni vengono richiamate dal driver per creare casi di test nello script principale. Molto codice è riutilizzabile e gli script possono essere facilmente mantenuti.

4. Scrittura lineare

Un framework di scripting lineare si adatta ai prodotti più piccoli. Si tratta di uno script di test con una pianificazione minima. Tuttavia, gli script sono monouso. Ogni fase viene registrata e successivamente ripetuta per condurre il test. Pur essendo facile da usare, questo framework è in grado di gestire solo progetti di piccole dimensioni.

5. Test modulari

Un framework di test modulare prevede che il tester crei script per piccoli blocchi indipendenti. Gli script possono essere integrati e guidati da un driver per il test di integrazione tra i moduli. Questo framework di automazione dei test riduce al minimo la ridondanza, ma richiede molto tempo.

6. Quadri open-source

Questi framework variano molto, ma sono tutti gratuiti. Alcuni possono automatizzare ed eseguire test in più lingue, piattaforme e browser. Altri scrivono script di test per il tester e altri ancora conducono i test all’interno di un browser web.

7. Test basati su modelli

I framework di test basati su modelli utilizzano modelli per progettare ed eseguire i test. I modelli possono anche rappresentare il comportamento dell’applicazione, le strategie di test e l’ambiente di test. I casi di test di questi modelli sono funzionali e diventano parte della suite di test.

8. Quadri ibridi

Un framework ibrido combina le pratiche di almeno altri due framework per creare un modello personalizzato. Può ridurre al minimo la complessità dei test, ma questi framework possono rivelarsi difficili da realizzare.

Il confine tra il framework di automazione e lo strumento di test di automazione

Gli strumenti di test del software si rivolgono a un ambiente di test, come gli strumenti di automazione web e Windows. Guidano il processo di automazione dei test del software. Un framework di automazione è un’infrastruttura in cui diversi strumenti possono svolgere il loro lavoro insieme. I framework sono classificati in base al componente di automazione che sfruttano.

Automazione funzionale vs. automazione non funzionale

Il confine tra il framework di automazione e lo strumento di test di automazione

I test di automazione funzionale verificano che ogni componente di un’applicazione sia conforme ai requisiti. Di solito, si tratta di test black box, in quanto non è necessario conoscere il codice sorgente. La funzionalità del sistema viene testata verificando che l’output di un dato input corrisponda ai risultati attesi. È necessario verificare le API, l’interfaccia utente, la sicurezza, il database e le applicazioni client/server per i test funzionali. I test di automazione non funzionali verificano che gli aspetti non funzionali come affidabilità, prestazioni e usabilità siano accettabili. Verifica la prontezza del sistema rispetto a parametri non funzionali per garantire la soddisfazione del cliente. Un test non funzionale consiste nel vedere quante persone possono utilizzare un’applicazione contemporaneamente. Esempi di test funzionali sono i test di unità, di fumo, di integrazione e di regressione. I test non funzionali comprendono stress, carico, prestazioni e scalabilità.

Criteri per la scelta dei giusti strumenti di automazione del software

Quando cercate i migliori strumenti di automazione del software, cercate di mantenere
questi criteri
in mente.

1. Facilità di adozione

La facilità di adozione riguarda il costo della licenza e il supporto agli utenti. Quando si cercano soluzioni di test automatizzati, assicurarsi di definire il proprio budget. Anche se esistono strumenti open-source, in genere richiedono una maggiore esperienza di codifica e una curva di apprendimento più ripida. Inoltre, i test che si possono eseguire potrebbero essere più limitati. Gli strumenti di automazione del software di alta qualità possono costare fino a
120.000 dollari all’anno
. Verificate la frequenza di pagamento e i livelli di prezzo per vedere se i servizi soddisfano il vostro budget e le vostre esigenze. Inoltre, è necessario verificare il numero di licenze ricevute per ogni livello di prezzo. Potrebbe essere necessario un aggiornamento per adattarlo alla vostra attività. Se il vostro team non ha esperienza, il bisogno di supporto sarà maggiore. Alcune piattaforme sono dotate di team di assistenza clienti dedicati per assistervi nell’adozione. Altri hanno ampie comunità che offrono consigli, ma un supporto proprietario minimo.

2. Capacità di reporting e scripting

L’ideale sarebbe un tempo rapido di creazione dello script. In questo modo, potrete dedicare più tempo all’esecuzione dei test piuttosto che alla loro progettazione. Cercate anche un’elevata velocità di esecuzione degli script. Inoltre, i framework con curve di apprendimento minime aiutano, soprattutto se il team QA ha meno esperienza.Se la vostra azienda opera principalmente in un linguaggio di scripting, vorrete un framework in grado di adattarsi a tale linguaggio. Alcuni sono compatibili con più lingue, il che riduce la curva di apprendimento. Altre capacità di reporting e scripting da considerare sono il riconoscimento degli oggetti, l’integrazione continua e i framework. Verificate se avete esperienza con le piattaforme utilizzate per ottenere queste caratteristiche. Potrebbe essere necessario creare un framework o familiarizzare con diverse piattaforme.

3. Utilizzo degli strumenti

La vostra azienda ha probabilmente una serie di strumenti che preferisce utilizzare. Verificare che gli strumenti siano compatibili con i sistemi operativi, i browser e i dispositivi. Inoltre, verificate se dispongono di un supporto per le app non-browser.

I migliori strumenti per l’automazione funzionale

Suite di automazione software Zaptaste

L’automazione funzionale si affida in genere a strumenti di tipo “black box”. Anche se strumenti gratuiti come Selenium possono aiutare in questo processo, le loro funzionalità limitate li rendono inferiori a strumenti aziendali leader come ZAPTEST o TestComplete. Ecco alcuni dei migliori strumenti per l’automazione funzionale.

1. ZAPTEST

ZAPTEST è uno strumento equilibrato con licenze illimitate, automazione quasi universale e capacità di parallelizzazione. Potete optare per le funzionalità gratuite o aziendali, a seconda delle dimensioni della vostra azienda. Il programma enterprise offre un esperto ZAP impegnato e la tecnologia 1SCRIPT per garantirvi un test rapido e semplice ogni volta che lo desiderate.

2. TestCompletato

TestComplete è uno strumento di test funzionale di facile utilizzo che automatizza i test per applicazioni mobili, desktop e web. Dispone di test funzionali automatizzati dell’interfaccia grafica, riconoscimento degli oggetti da parte dell’intelligenza artificiale e scripting flessibile. È possibile integrarsi con gli strumenti che si conoscono bene per eseguire test funzionali rapidi, indipendentemente dal livello di competenza.

3. UFT Uno

Unified Functional Testing (UFT) One dispone di un set completo di funzioni di test funzionali. È possibile automatizzare i test funzionali per applicazioni mobili, web, aziendali e API. L’intelligenza artificiale incorporata può accelerare i test E2E, aumentare la copertura dei test e incrementare l’efficienza. Consente l’apprendimento automatico, l’identificazione dei modelli, la registrazione, la corrispondenza dei testi e l’automazione delle immagini.

I migliori strumenti per l’automazione non funzionale

test di carico

La maggior parte del software non funzionale per i test di automazione si concentra sui test delle prestazioni. Molti strumenti di automazione funzionale, come ZAPTEST, offrono alcuni test non funzionali, pur offrendo un’analisi completa dei test di sviluppo del software.

  1. Studio di carico ZAPTEST

    ZAPTEST parte dalla fase di progettazione dell’applicazione e offre funzionalità competitive, consentendo alle organizzazioni di automatizzare i test dall’inizio alla fine del ciclo di vita dello sviluppo del software. Grazie a ZAPTEST, è possibile lavorare con mock-up e script di test mentre l’applicazione è ancora in fase di sviluppo per un test completo delle prestazioni.

    ZAPTEST Load Studio porta queste capacità a un altro livello, estendendo il processo completo di ZAPTEST. Load Studio è in grado di imitare completamente il comportamento dei clienti attraverso codice scriptato o senza script. Ciò consente agli sviluppatori di misurare la qualità del servizio dei server basati su API.

    Inoltre, Load consente ai team di assegnare in modo illimitato fonti di dati condivise per ogni gruppo di VUser e di generare rapporti dettagliati basati su HTML sulle statistiche che possono aiutare a individuare i colli di bottiglia nel sistema sotto carico.

 

2. NeoCarico

NeoLoad esegue test delle prestazioni replicando le attività degli utenti per individuare i colli di bottiglia del sistema. Supporta applicazioni mobili e web. Per le applicazioni aziendali, potete optare per una delle loro opzioni di prezzo flessibili.

3. Caricatore

Loadster esegue test di carico a livello di protocollo, ovvero automatizza i browser senza testa. Con questo software è possibile testare siti web, applicazioni web e API. Offre script di test creati rapidamente che possono essere registrati nel browser con un’estensione. Quindi, si lanciano i test distribuiti sul cloud e si analizzano immediatamente i risultati. Le tecniche ibride di test di carico garantiscono la rapidità dei test. Inoltre, si adatta meglio alle applicazioni di livello aziendale.

4. LoadRunner

LoadRunner supporta i test non funzionali a un prezzo accessibile. Gestisce tecnologie mobili, web e cloud simulando condizioni reali con ambienti ibridi. La piattaforma favorisce la collaborazione tra i team condividendo risorse e script attraverso licenze e risorse consolidate. Nel complesso, questo strumento economico è in grado di gestire facilmente i test di prestazione e di carico per le aziende di livello enterprise.

Che cos’è la consegna continua nell’automazione dei test?

Consegna continua (CD) nell’automazione dei test è il processo di creazione, test, configurazione e rilascio dalla build alla produzione. Gli ambienti di test multipli creano una pipeline di rilascio che automatizza la creazione dell’infrastruttura e la distribuzione delle build. Gli ambienti successivi supportano test di integrazione, accettazione e carico di lunga durata.Il CD può mettere in sequenza diversi anelli di distribuzione. Questi anelli creano un’esposizione progressiva, che raggruppa gli utenti per consentire loro di provare le versioni beta del prodotto monitorando la loro esperienza. Il rilascio a gruppi successivi viene automatizzato, accelerando i cicli di rilascio del software. Molti strumenti di test di automazione di livello aziendale hanno una distribuzione continua, con l’aggiunta di nuove funzionalità in base all’uso e al feedback dei clienti.

Che cos’è l’integrazione continua nell’automazione dei test?

Integrazione continua (CI) automatizza la creazione e il collaudo del codice ogni volta che qualcuno modifica il controllo di versione. CI consente agli sviluppatori di condividere codice e test unendo le modifiche in un repository condiviso dopo aver completato un piccolo compito. Le modifiche attivano un sistema automatico che prende il codice più recente dal repository per costruire, testare e convalidare il ramo.La CI consente la collaborazione a distanza. Gli sviluppatori possono integrare immediatamente le modifiche con il proprio team, in modo che i bug possano essere testati e risolti prima. Inoltre, l’IC rende possibile il CD.

Il test automatizzato del software nell’era del testing agile

le migliori pratiche per l'automazione agile del software

I test agili possono includere strumenti di automazione dei test software. L’automazione mantiene l’agilità e la sua priorità può portare a continui miglioramenti. Tuttavia, l’automazione ha bisogno di essere realizzata in
nuove vie
. L’utilizzo di CI e CD automatizzati insieme ai test Agile può accelerare ulteriormente il time to market. Inoltre, i tester e gli sviluppatori hanno bisogno di una maggiore comunicazione. I tester devono eseguire i test durante il processo di sviluppo, anziché aspettare di ricevere il prodotto finale. Semplificando i test eseguiti, i tester QA possono eseguire test più frequenti e rimanere aggiornati sugli sviluppi. Il mantenimento dell’automazione dei test del software nell’era del testing agile richiede un approccio unificato all’interno dell’azienda per sviluppare e testare il software.

Il futuro dei test automatizzati del software

In futuro, i test automatizzati saranno sempre più adottati nell’industria del software. Semplifica le pipeline di consegna e riduce al minimo il time to market. Inoltre, riduce parte del tempo e della manodopera necessari per i test. Riducendo le interazioni umane con i dati, è possibile ottenere risultati più oggettivi in tempi più rapidi. Tuttavia, l’automazione non potrà mai sostituire completamente i test manuali. Prima che un prodotto venga rilasciato, è necessario che ci sia un umano dietro di esso per vederne il buon funzionamento e per ottenere opinioni esterne. Un programma per computer non può dirvi se il carattere sembra stonare visivamente con la combinazione di colori. Tuttavia, gli sviluppi dell’automazione ne facilitano l’adozione, anche da parte di persone con una minima esperienza di codifica. Inoltre, esistono molti software open-source che consentono alle aziende di provare i test di automazione prima di impegnarsi in un software aziendale.

Come iniziare con l’automazione dei test

Ecco alcuni consigli per iniziare l’automazione dei test:

  • Iniziate con poco e poi salite di livello. Non cercate di automatizzare tutto in una volta.
  • Quando si scelgono le strategie di automazione, si tengono presenti sia i requisiti aziendali che le considerazioni tecniche.
  • Provate prima i test unitari.
  • Scrivere casi di test riutilizzabili e di piccole dimensioni che possono essere utilizzati in test futuri.
  • Scegliete strumenti e ambienti adatti al vostro budget, alle vostre risorse, ai vostri obiettivi e al vostro livello di esperienza.

Potete sempre collaborare con un esperto per determinare le esigenze della vostra azienda e valutare le opzioni.

Domande frequenti

Ecco alcune domande comuni sull’automazione del testing del software.

Che cos’è l’automazione nei test?

L’automazione nei test è il processo di utilizzo di software esterni per testare un prodotto software. L’esecuzione di script e casi di test controllerà il codice alla ricerca di eventuali difetti e fornirà un rapporto che indicherà agli sviluppatori cosa correggere. Gli strumenti di automazione sostituiscono i tester umani in alcuni casi.

Come imparare l’automazione dei test?

È possibile imparare l’automazione dei test seguendo un corso di formazione. Questi insegneranno le basi del testing automatico, come framework, script, casi e strumenti. Molti strumenti sono corredati da risorse e manuali che insegnano come utilizzare le specifiche piattaforme.

Corsi di formazione sull’automazione dei test software

Alcuni corsi di formazione per imparare l’automazione dei test del software includono:

Certificazioni di automazione dei test software

Esistono diverse certificazioni di automazione che si possono ottenere per dimostrare ai datori di lavoro che si hanno competenze comprovate in questo settore, tra cui:

Qual è il miglior software per i test di automazione?

Il software migliore dipende dal vostro budget, dalle vostre esigenze, dalle vostre risorse e dal vostro livello di competenza. Se volete provare gratuitamente qualcosa che sia compatibile con la maggior parte delle applicazioni e delle lingue, potete usare ZAPTEST. Se soddisfa le vostre esigenze, potreste anche optare per il software Enterprise.

Che cos’è il test a scatola nera?

I test black box ignorano il codice sorgente dell’applicazione. I test funzionali sono tipicamente a scatola nera.

Che cos’è il White Box Testing?

I test white box prendono in considerazione il codice sorgente e verificano le strutture interne di un’applicazione. Il tester sceglierà gli input per lavorare sui percorsi nel codice. Quindi, possono determinare i risultati attesi.

Test a scatola nera e test a scatola bianca

I test black box sono utilizzati nei casi in cui un’azienda si preoccupa solo di fornire il risultato atteso, indipendentemente dal percorso. I test white box hanno una minore tolleranza agli errori in quanto riguardano il percorso. La maggior parte delle aziende utilizza una combinazione dei due metodi.

Che cos’è il test delle prestazioni?

Il test delle prestazioni è un test non funzionale che determina la reattività e la stabilità sotto un carico di lavoro. Alcune tecniche di test delle prestazioni includono test di stress, carico, soak e spike.

Che cos’è la prova di carico?

Il test di carico è una forma di test delle prestazioni che simula i carichi reali sui prodotti. Monitora le prestazioni dell’applicazione per aiutarvi a risolvere eventuali bug. Le prove di carico esaminano il comportamento sotto carichi bassi, standard ed elevati.

Che cos’è l’Agile Testing?

Il testing agile segue i principi dello sviluppo agile. I requisiti si evolvono continuamente grazie alla collaborazione tra i vari dipartimenti dell’azienda tra loro e con il cliente. Può accelerare i processi di sviluppo e collaudo dei prodotti, poiché tutti contribuiscono al controllo della qualità.

Che cos’è l’automazione cross-browser?

L’automazione cross-browser è un test non funzionale che garantisce il funzionamento di un’applicazione o di un sito web su più browser, come Edge, Chrome, Safari e Firefox. Controlla anche la compatibilità tra diverse combinazioni di browser e dispositivi, poiché un’app potrebbe funzionare in modo diverso su un Samsung Galaxy S10 che usa Chrome rispetto a un iPhone X.

Che cos’è il test di regressione?

Il test di regressione è un test che determina se il software continua a funzionare come previsto dopo un aggiornamento del codice. Il mancato raggiungimento del risultato previsto crea una regressione.

Che cos’è un framework di automazione dei test?

Un framework di automazione dei test è un insieme di linee guida per creare e progettare casi di test. Seguendo queste regole in modo sistematico si ottengono i risultati desiderati. I framework sono piattaforme realizzate integrando software e hardware con strumenti di test di automazione. Consentono la progettazione e lo sviluppo di script di test per l’automazione dei test.

Quadri di automazione dei test

Esistono molti tipi di framework per l’automazione dei test, come ad esempio:

  • Guidati dai dati
  • Guidati dalle parole chiave
  • Architettura della libreria di test
  • Scripting lineare
  • Modulare
  • Open-source
  • Basato sul modello
  • Ibrido

Qual è il miglior strumento per l’automazione del software?

Lo strumento migliore per l’automazione del software dipende dalle vostre esigenze, dal budget, dalle risorse e dalle competenze. Ecco alcuni dei principali strumenti disponibili:

Se possibile, investite in un software aziendale per le caratteristiche di alta qualità, la facilità d’uso e le funzionalità estese.

Domande di intervista sull’automazione di Selenium (Top 10)

Ecco dieci delle migliori domande di colloquio da porre quando si cerca qualcuno che esegua test con Selenium:

  • Quali sono le sfide e i limiti dell’utilizzo di Selenium?
  • Quali tipi di test avete automatizzato utilizzando Selenium?
  • Quanti test si possono automatizzare al giorno con Selenium?
  • Ha creato personalmente qualche framework di test per Selenium?
  • Perché si preferisce usare Selenium?
  • Che cos’è un nodo contestuale?
  • Quali punti di verifica si possono usare in Selenium?
  • Quali eccezioni sono state riscontrate in Selenium WebDriver?
  • Come si può automatizzare una pausa nell’esecuzione dei test utilizzando Selenium?
  • Come si possono gestire gli elementi nascosti in Selenium?

I migliori tutorial su Selenium (Top 10)

Ecco dieci dei migliori tutorial per imparare a usare Selenium:

I migliori corsi di automazione del test del software (Top 10)

Ecco dieci dei migliori corsi di automazione del testing del software:

I migliori corsi online per tester di qualità (QA) (Top 10)

Ecco i dieci migliori corsi online per tester QA:

Domande di intervista sui test di automazione (Top 10)

Ecco dieci domande di colloquio utili per l’assunzione di un tester di automazione:

  • Quando è utile il test di automazione?
  • Come si identificano i casi di test adatti all’automazione?
  • Quale percentuale di automazione potete realisticamente raggiungere?
  • Come si decide quale strumento di automazione utilizzare?
  • Quali sono le buone pratiche di codifica da seguire quando si automatizzano i test?
  • Per quali livelli è possibile automatizzare i test?
  • Qual è, a suo avviso, la cosa che più frena i tester?
  • Quanti test ha scritto personalmente?
  • Quali sono le parti più importanti di un framework di testing?
  • Cosa si può fare senza un quadro di riferimento?

I migliori strumenti di automazione QA (Top 10)

Ecco dieci ottimi strumenti di automazione QA da utilizzare:

Tipi di test del software

Le principali categorie di test del software sono manuali e automatizzati e funzionali e non funzionali. Ogni test rientra in una combinazione di queste categorie. Alcuni dei tipi di test del software sono:

  • Unità
  • End-to-end
  • Integrazione
  • Accettazione
  • Fumo
  • Carico
  • Lo stress
  • Esplorativo
  • Prestazioni
  • Analisi del codice
  • Regressione

I migliori tutorial sul software Jira (Top 10)

Ecco dieci dei migliori tutorial sul software Jira:

Ciclo di vita del test del software

Il ciclo di vita del test del software segue questo percorso:

  • Analisi dei requisitiDeterminare i requisiti del software per identificare le parti da testare
  • Pianificazione dei testprogettare la strategia di test e acquisire le risorse per la sua esecuzione.
  • Sviluppo dei casi di test: il team di test progetta i casi di test per l’esecuzione
  • Impostazione dell’ambiente di test: configurare il software e l’hardware per l’esecuzione dei casi di test.
  • Esecuzione del testEseguire il test e confrontare i risultati con quelli attesi.
  • Chiusura del ciclo di testvalutare la copertura del test, trovare i difetti e determinare la linea d’azione successiva.

Certificazioni di automazione dei test software

È possibile ottenere certificazioni per l’automazione dei test del software da molti dei corsi sopra citati. Le certificazioni generali includono:

Che cos’è il test di automazione in QA?

Il test di automazione QA utilizza un software per verificare la qualità di un’applicazione. Comprende test funzionali e non funzionali e utilizza tecniche di test dell’interfaccia grafica o dell’API.

Cosa si intende per automazione nel test del software?

L’automazione nel test del software è il processo di utilizzo della tecnologia per replicare i test del software e fornire i risultati. Accelera e migliora il processo di esecuzione di molti test.

Come si inizia il test di automazione?

Per iniziare i test di automazione è necessario determinare i requisiti di test del software. Procedete trovando gli strumenti che corrispondono alle vostre capacità, al vostro budget e alle vostre esigenze. All’inizio potreste anche affidare l’automazione a un servizio di terze parti. Cercate di automatizzare solo alcuni test alla volta prima di espandere le operazioni.

Quando non si dovrebbero automatizzare i test?

Non è opportuno automatizzare i test quando si tratta di test che prevedono un feedback umano o che non devono essere ripetuti molte volte. L’automazione di questi test può far perdere tempo e risorse.

Quando iniziare i test di automazione?

Il momento migliore per iniziare i test di automazione è nelle prime fasi di sviluppo del prodotto. Molte piattaforme analizzano il codice durante lo sviluppo per scrivere script di test per le fasi successive del processo. Inoltre, è possibile condurre regolarmente dei test unitari per individuare i bug prima di procedere con il codice.

Perché i test di automazione sono necessari

I test di automazione non sono un obbligo, ma aiutano le aziende a rimanere competitive. Rende i test del software più rapidi ed efficienti, ampliando al contempo la copertura dei test. Può ridurre il time to market per far arrivare più velocemente il prodotto nelle mani dei consumatori. Inoltre, riduce le iterazioni durante lo sviluppo del prodotto.

I test di automazione richiedono la codifica?

Esistono alcune piattaforme di test di automazione senza codice. Tuttavia, questi hanno generalmente caratteristiche e funzionalità limitate. Alcuni software aziendali non richiedono alcuna codifica per funzionare. Tuttavia, la maggior parte delle opzioni richiede un po’ di codifica per adattarsi alle esigenze e alle risorse dell’azienda.

Qual è la differenza tra test manuali e di automazione?

I test manuali sono eseguiti da persone, mentre l’automazione è condotta da macchine. Il primo funziona meglio per i test che non richiedono molte ripetizioni o un feedback umano. D’altra parte, è necessario automatizzare i test ripetitivi e oggettivi per ottenere velocità ed efficienza.

Tipi di test manuali

Tutti i test del software possono essere eseguiti manualmente. Tra i tipi più diffusi vi sono:

  • Esplorativo
  • Unità
  • Integrazione
  • Accettazione
  • Sistema
  • Scatola nera
  • Scatola bianca
  • Carico
  • Prestazioni
  • Regressione
  • La sanità mentale
  • Fumo
  • Accessibilità
  • End-to-end
  • Sicurezza
  • Lo stress

Che cos’è l’Agile Software Testing?

Il test del software agile è una forma di test del software che segue i principi di Agile. Si tratta di testare il codice durante lo sviluppo, invece di aspettare la fine. Agile rende il testing un’azione continua piuttosto che una fase di sviluppo distinta.

Quali sono i pro e i contro dei test di automazione?

Pro:

  • Veloce e affidabile
  • Individua i difetti
  • Eseguire più volte gli script di test

Cons:

  • L’elevato costo iniziale per l’attrezzatura e la formazione
  • Potrebbe essere necessario modificare lo script di test quando si modifica il codice del prodotto.

This post is also available in: Български (Bulgaro) 简体中文 (Cinese semplificato) 繁體中文 (Cinese tradizionale) Hrvatski (Croato) Čeština (Ceco) Dansk (Danese) Nederlands (Olandese) English (Inglese) Eesti (Estone) Français (Francese) Deutsch (Tedesco) हिन्दी (Hindi) Magyar (Ungherese) 日本語 (Giapponese) 한국어 (Coreano) Latviešu (Lettone) Lietuvių (Lituano) Polski (Polacco) Português (Portoghese, Brasile) Português (Portoghese, Portogallo) Punjabi (Panjabi) Română (Rumeno) Русский (Russo) српски (Serbo) Slovenčina (Slavo) Slovenščina (Sloveno) Español (Spagnolo) Svenska (Svedese) Tamil Türkçe (Turco) Українська (Ucraino)