fbpx

Get your 6-month No-Cost Opt-Out offer for Unlimited Software Automation?

Il beta testing è una delle forme di test più diffuse per la sua capacità di raccogliere un feedback autentico da parte degli utenti, che aiuta le aziende (e gli sviluppatori indipendenti) a migliorare in modo significativo il loro codice. La strategia di beta testing di un’organizzazione potrebbe addirittura essere un fattore importante nella sua capacità di fornire programmi software funzionanti. È quindi fondamentale che voi e il vostro studio sappiate come funziona questa tecnica e come potete affrontarne le sfide e garantire un prodotto stabile.

La comprensione dei fondamenti del beta testing, insieme al software disponibile che può aiutare i tester, consente al team di sviluppo di apportare le modifiche necessarie prima e anche dopo il rilascio. Questo metodo si sposa al meglio con l’alpha testing, consentendo a sviluppatori e tester di coprire tutte le basi possibili durante il processo di garanzia della qualità.

In questo articolo analizziamo come un approccio solido al beta testing aiuti le aziende di software a fornire programmi migliori, oltre ai passaggi specifici e agli errori che ne derivano.

 

Indice dei contenuti

Che cos’è il beta testing?

checklist uat, strumenti di test delle applicazioni web, automazione e altro ancora

Il beta testing è un tipo di garanzia di qualità che studia in modo specifico come gli utenti utilizzerebbero un prodotto e se ci sono problemi con il software da correggere. Questo include principalmente tester appartenenti al pubblico di destinazione, ma potrebbe anche comprendere altri gruppi demografici per garantire un’esperienza utente accessibile.

Ogni funzionalità è sottoposta a un controllo durante i beta test; questi controlli forniscono anche una nuova prospettiva, aiutando i tester a trovare problemi che probabilmente sfuggono agli sviluppatori. A seconda del momento in cui vengono effettuati questi test, l’azienda potrebbe essere in grado di risolvere eventuali problemi riscontrati prima del rilascio del programma.

 

1. Quando e perché è necessario fare il beta testing?

Vantaggi della creazione di un Centro di eccellenza per il testing. Il test delle prestazioni è diverso dal test funzionale?

Il beta testing inizia in genere dopo l’alpha testing ma prima del lancio del prodotto; di solito quando l’applicazione è completa al 95% circa. Questo significa che l’esperienza dei beta tester è molto simile, se non identica, a quella degli utenti finali e garantisce che non ci siano cambiamenti importanti nel design del prodotto prima del rilascio che potrebbero influenzare i test.

Il beta testing è un’opportunità per gli sviluppatori di ottenere una nuova prospettiva sul proprio lavoro. Questo è particolarmente utile per esaminare l’esperienza dell’utente, compresa la facilità di capire esattamente come funziona il software.

 

2. Quando non è necessario fare il beta testing

Vantaggi della creazione di un Centro di eccellenza per il testing. Il test delle prestazioni è diverso dal test funzionale?

Le aziende possono eseguire gli alpha test e altri tipi di controllo qualità dal punto di vista dell’utente, o addirittura impiegare programmi di test con visione computerizzata per facilitarne l’esecuzione. Questo non copre tutte le possibili angolazioni, ma può essere un sostituto efficace se l’organizzazione non ha il tempo e il denaro per condurre beta test.

Anche in queste situazioni, il beta testing può essere particolarmente utile e può far risparmiare all’azienda più soldi a lungo termine. Sono davvero pochi i programmi che non trarrebbero beneficio dal beta testing; questo è quasi sempre un investimento utile per qualsiasi strategia di test.

 

3. Chiarire alcune confusioni: Test beta vs. test alfa

Chiarire alcune confusioni nell'automazione del test del software

Sebbene questi due processi siano abbastanza simili, è importante conoscere le differenze tra alpha e beta testing nel test del software.

 

Che cos’è l’Alpha Testing?

 

L’alpha testing è un’altra forma di test di accettazione dell’utente che si occupa principalmente di una fase iniziale del programma per valutare i problemi di sviluppo sia maggiori che minori. Di solito si tratta di una lista di controllo dei componenti e dei test software più comuni, che consentono una copertura completa.

Nella maggior parte dei casi, se ne occupa il team di collaudo interno dell’azienda, che di solito ha familiarità con l’applicazione e il suo funzionamento. Di conseguenza, potrebbero esserci alcuni punti ciechi nella procedura di test che solo i beta tester possono individuare.

 

Test beta e test alfa

 

Sia l’alpha testing che il beta testing sono forme di test di accettazione dell’utente; ciò significa che si completano a vicenda quando vengono utilizzati insieme. Ogni approccio prevede il controllo dei problemi del software in diverse fasi di sviluppo, in particolare quelli che possono influire sull’esperienza complessiva dell’utente.

Tuttavia, il beta testing si concentra sul black-box testing senza esaminare il funzionamento interno dell’applicazione, mentre l’alpha testing lo combina con il white-box testing per verificare il codice stesso.

Un’altra differenza sostanziale è che i beta tester sono in genere estranei al processo di sviluppo o addirittura all’azienda.

Questa separazione tra tester e applicazione è necessaria per avere una prospettiva esterna e imparziale. Il beta testing si concentra generalmente sulla stabilità, la sicurezza e l’affidabilità, mentre l’alpha testing si concentra maggiormente sulla funzionalità generale, ma potrebbe esserci un significativo incrocio.

Chi è alle prime armi con il software può utilizzare sia gli input previsti che quelli inaspettati per vedere come influiscono sull’applicazione, rendendola potenzialmente inefficace. Sebbene il beta testing preceda di solito il rilascio ufficiale del software, le modifiche potrebbero dover attendere fino alla patch del day-one o addirittura settimane dopo il lancio.

 

4. Chi è coinvolto nel Beta Testing?

che dovrebbe essere coinvolto negli strumenti di automazione dei test del software e nella loro pianificazione

– Tester beta

In genere non hanno legami con l’azienda e non hanno alcuna conoscenza del prodotto e del modo in cui il codice interno si inserisce.

 

– Responsabili del controllo qualità

Definiscono la strategia generale di AQ e sono responsabili dei metodi e dei controlli specifici utilizzati dal team di test.

 

– Tester alfa

Eseguono i controlli prima dell’inizio del beta testing per garantire che i sistemi interni funzionino come previsto e siano pronti per i futuri tester.

 

– Sviluppatori di software

Utilizzano le informazioni fornite dai beta tester per risolvere i problemi nel più breve tempo possibile, anche prima del lancio.

 

Vantaggi dei test beta

I vantaggi del beta testing nel test del software includono:

 

1. Riflette l’esperienza dell’utente

 

I beta tester non hanno una conoscenza approfondita del software e potrebbero essere personalmente inesperti di codifica: questo significa che rappresentano meglio la prospettiva dell’utente finale.

I beta tester possono interagire con il programma esattamente come farebbero i clienti, consentendo agli sviluppatori di verificare quanto le loro applicazioni siano in grado di comunicare le loro caratteristiche agli utenti. Questo è fondamentale perché gli sviluppatori e il personale interno di QA conoscono già il funzionamento di queste applicazioni e le loro funzionalità.

 

2. Aumenta la copertura dei test

 

I beta test comportano diversi controlli che i team interni non eseguono comunemente, compresi i test che esaminano i potenziali input degli utenti. Ogni nuovo test che fa parte della strategia di garanzia della qualità dell’azienda si aggiunge alla copertura complessiva dei test di ogni applicazione. Questa percentuale rappresenta l’accuratezza dell’attuale processo di test e mostra quali componenti potrebbero beneficiare di maggiore attenzione; un’elevata copertura dei test è sempre l’obiettivo quando si esegue il beta testing di un software.

 

3. Efficienza dei costi

 

Anche se l’aggiunta di un nuovo tipo di test può contribuire in modo significativo alle spese di un progetto, soprattutto se è necessario assumere personale esterno, i beta test sono molto efficaci dal punto di vista dei costi.

La maggiore copertura può anche far risparmiare al team molti soldi in futuro; le stime di IBM indicano che la risoluzione di questi problemi dopo il rilascio è fino a 15 volte più costosa. Una strategia di beta testing reattiva può aiutare i team a ridurre i costi di correzione dei bug con facilità.

 

4. Dispositivi diversificati

 

Il beta testing potrebbe prevedere l’utilizzo dei dispositivi del tester stesso, aiutando il team a eseguire questi controlli su una gamma più ampia di macchine. L’applicazione potrebbe faticare a funzionare su determinate schede grafiche o senza una memoria adeguata, ad esempio, e i test beta possono rivelare questi problemi.

A seconda del vostro approccio, i beta tester potrebbero utilizzare una piattaforma esterna per eseguire questi test e persino simulare i dispositivi attraverso l’uso di test cross-browser.

 

Le sfide del beta testing

I test beta comportano anche diverse sfide, tra cui:

 

1. Richiede competenze specifiche

 

Anche se l’obiettivo è sempre quello di simulare l’esperienza dell’utente e le capacità di codifica di qualsiasi tipo non sono necessarie, il team di beta testing deve comunque avere solide competenze in materia di garanzia della qualità.

Devono essere in grado di ispezionare ogni singolo componente con metodi puramente black-box, incarnando al contempo l’approccio di un utente finale. Questo equilibrio è una parte fondamentale di qualsiasi approccio al beta testing e di solito richiede un beta tester esperto.

 

2. Tempo limitato

 

Poiché il beta testing avviene quando il prodotto è essenzialmente pronto per l’uso, anche piccoli ritardi sulla tabella di marcia possono influenzare i tester e la loro capacità di eseguire test approfonditi.

I loro controlli possono estendersi anche al rilascio del prodotto, anche se gli sviluppatori possono comunque apportare modifiche critiche dopo questo momento come patch. Questo può comunque mettere sotto pressione i tester affinché completino i controlli rapidamente, limitando potenzialmente la loro accuratezza nel processo.

 

3. Segnalazione non sistematica

 

Le procedure di segnalazione per il beta testing sono generalmente meno approfondite rispetto ad altre forme di garanzia della qualità, quindi gli sviluppatori possono prendersi più tempo per agire sui feedback. È possibile attenuare questo problema attraverso casi di test dettagliati o software di beta testing in grado di generare automaticamente un registro completo. Inoltre, gli sviluppatori non sono presenti durante i beta test; questo può costituire un’ulteriore barriera che influisce sulla capacità di affrontare questi problemi.

 

4. Requisiti generali del personale

 

Il numero di beta tester di cui un’azienda ha bisogno dipende principalmente dalla portata del prodotto: è possibile che l’azienda sbagli a valutare quanti tester sono necessari per la portata del suo prodotto. Questo potrebbe portare a un numero eccessivo di tester, a un notevole dispendio di risorse, oppure i tester potrebbero faticare a coprire adeguatamente i componenti del software. Il team di garanzia della qualità del progetto dovrà esaminare attentamente i requisiti del personale addetto al beta testing.

 

Obiettivi del beta testing

Gli obiettivi principali del beta testing nel test del software sono i seguenti:

 

1. Eliminazione dei bug

 

Praticamente ogni applicazione presenta problemi nelle prime fasi di sviluppo e il beta testing consente una maggiore copertura e la correzione dei bug. Ad esempio, i tester possono emulare gli input dell’utente o i tentativi deliberati di rompere il software sovraccaricando il suo database, cosa che i tester alfa potrebbero non considerare.

Questo dà al team un maggiore livello di fiducia nel prodotto e nella sua imminente ricezione.

 

2. Migliorare l’esperienza dell’utente

 

I beta test sono principalmente dal punto di vista dell’utente e mostrano come si approccerebbero al software coloro che non lo conoscono. Ad esempio, se i tester hanno difficoltà con le funzioni principali di un programma, gli sviluppatori potrebbero dover semplificare l’interfaccia o implementare tutorial migliori.

Gli sviluppatori possono quindi apportare le modifiche necessarie per garantire che il programma sia accessibile a tutti gli utenti.

 

3. Ottenere un feedback onesto

 

I beta tester possono compilare finte recensioni per il software che testano, consentendo agli sviluppatori di ottenere opinioni autentiche da parte degli utenti; questo può andare oltre i casi di test.

Questi tester possono fornire feedback che migliorano il prodotto anche se non corrispondono a un caso di test. Questo mostra anche come il pubblico target del team risponderà all’applicazione dopo il suo rilascio.

 

Nello specifico… cosa testiamo nel Beta Testing?

 

Ecco gli aspetti specifici di un’applicazione che i beta tester esaminano:

 

1. La stabilità

 

I beta tester analizzano un’applicazione per determinare le sue prestazioni su diverse macchine, compresa la facilità con cui il software si rompe o si blocca.

Ad esempio, un’applicazione che si basa su un database potrebbe trovarsi in una situazione di “stallo” se riceve troppe richieste; i beta test mostrano quante richieste può gestire.

 

2. Affidabilità

 

Questo processo mira a ridurre il numero di bug presenti in un’applicazione per renderla più affidabile per i suoi utenti; il test di affidabilità consiste nel limitare la possibilità di guasti.

Ad esempio, il tester potrebbe utilizzare il programma per un periodo di tempo prolungato ed elencare tutti i problemi riscontrati, come ad esempio un elemento visivo che non viene visualizzato correttamente.

 

3. Funzionalità

 

La capacità del software di svolgere le funzioni previste è un’altra parte fondamentale del beta testing. I beta tester verificano che ogni componente funzioni come previsto e che tutte le funzionalità siano intuitive.

Ad esempio, se i tester trovano difficile utilizzare il punto di forza dell’applicazione, gli sviluppatori devono porvi rimedio immediatamente.

 

4. La sicurezza

 

Questo approccio implica anche il tentativo di rompere l’applicazione, in particolare per quanto riguarda la sua sicurezza. Un beta tester potrebbe tentare di utilizzare una backdoor per ottenere privilegi amministrativi ed evidenziare le vulnerabilità esistenti. Potrebbero anche controllare il database e la sua crittografia, in quanto potrebbe contenere informazioni private a cui nessun utente dovrebbe avere accesso.

 

5. Ricezione

 

Il modo in cui il pubblico risponde a un’applicazione è una parte importante del processo di garanzia della qualità e aiuta gli sviluppatori a garantire che sono sulla strada giusta. I beta tester forniscono le loro opinioni oneste sul programma come forma di feedback generale, mostrando al team come i membri del pubblico probabilmente riceveranno il software.

 

Tipi di beta test

lista di controllo dei processi di collaudo del software

Ecco i cinque tipi principali di beta testing nel test del software:

 

1. Test beta aperti

 

I test beta aperti sono completamente disponibili al pubblico, consentendo una più ampia gamma di prospettive. Potrebbe trattarsi di un approccio opt-in, in cui tutti gli utenti interessati possono candidarsi sul sito web dell’azienda per diventare beta tester.

In questi casi, i controlli sono raramente impegnativi e possono semplicemente comportare la segnalazione di bug in risposta agli errori.

 

2. Test beta chiuso

 

I test chiusi sono aperti solo a gruppi privati, come la selezione dell’azienda, il che consente al team di avere un maggiore controllo su chi controlla la domanda. Potrebbero dare priorità ai beta tester che costituiscono il loro pubblico di riferimento, consentendo loro di vedere come gruppi diversi di persone risponderebbero alle sfumature di questo software.

 

3. Test tecnico beta

 

I beta test tecnici esaminano componenti specifici da un punto di vista tecnico; sebbene il loro obiettivo sia quello di rappresentare gli utenti finali, queste verifiche richiedono una maggiore esperienza. Questo è necessario per scoprire bug complessi che possono comunque avere un impatto sull’esperienza dell’utente, ma che richiedono più di un’occhiata superficiale per essere individuati; questi controlli richiedono uno sguardo più approfondito.

 

4. Test beta mirati

 

Alcuni componenti sono più suscettibili di altri ai problemi; ad esempio, il database di solito interagisce con molte delle funzioni di un’applicazione, quindi i suoi errori possono influenzare l’intero programma. I beta test mirati esaminano parti specifiche del software, nonché singole funzioni, per assicurarsi che non vi siano problemi significativi.

 

5. Test beta post-rilascio

 

Alcuni beta test si svolgono dopo il rilascio dell’applicazione; questo aiuta il team a individuare eventuali problemi che gli utenti non hanno ancora notato. Un controllo successivo al rilascio può essere utile anche per testare in beta gli aggiornamenti del software e le nuove funzionalità, per assicurarsi che le aggiunte siano all’altezza del resto dell’applicazione.

 

Strategie per il beta testing

Che cos'è il test unitario?

Ci sono vari piani e strategie da implementare durante il beta testing, come ad esempio:

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

TASK-AGNOSTIC SOFTWARE AUTOMATION?

 

1. Programmare i test in modo appropriato

 

Poiché il beta testing di solito avviene a ridosso del rilascio del prodotto, i team di test devono assicurarsi di bilanciare la fase di assicurazione della qualità per facilitare ogni test che sperano di implementare.

Ad esempio, gli sviluppatori devono aggiornare i tester su eventuali ritardi del progetto e i tester devono valutare quali controlli sono più importanti per far fronte alle scadenze che si avvicinano rapidamente.

 

2. Concentrarsi sugli obiettivi del test

 

Ogni strategia di test dipende da un obiettivo chiaro che possa facilmente motivare ogni tester. Ad esempio, il team può dare priorità a un componente specifico da cui dipende l’applicazione.

I tester potrebbero puntare a una certa percentuale di copertura o a un’applicazione che possono usare liberamente per un lungo periodo di tempo senza incontrare bug.

 

3. Assumere i tester giusti

 

I tester esperti sanno come approcciare il software come un utente, pur osservando a fondo il programma: un’esperienza specifica potrebbe essere necessaria anche per i beta test tecnici.

Le applicazioni adatte a un pubblico ampio (come i videogiochi o le applicazioni mobili) potrebbero trarre maggiori benefici da beta aperte che riflettono basi di utenti diversificate di tutti i livelli di abilità.

 

4. Agisce in base al feedback del tester

 

Il team deve rispondere rapidamente ai beta tester quando forniscono un feedback; questo aiuta a mantenere il coinvolgimento del tester e consente agli sviluppatori di iniziare a lavorare sulla correzione del bug. La velocità è fondamentale in questa fase di sviluppo del programma, poiché la data di rilascio non è solitamente successiva all’inizio del processo di beta testing.

 

Processo di beta testing

Che cos'è il test unitario

Ecco le sei fasi principali del beta testing di un’applicazione:

 

1. Preparare il beta test

 

Il team deve definire un numero di tester adeguato alla portata dell’applicazione, poiché alcune applicazioni richiedono oltre 300 beta tester. Dovrebbero inoltre stabilire quali tipi di beta testing utilizzare e come integrare la fase di alpha testing.

 

2. Reclutare beta tester

 

Dopo aver definito l’approccio al beta testing, il team di garanzia della qualità deve reclutare tester esterni utilizzando i canali che preferisce. Potrebbero pubblicizzarlo apertamente sui loro social media o utilizzare una società di test; dovrebbero anche assicurarsi di mettere a bilancio un tempo di reclutamento sufficiente.

 

3. Rilascio del programma beta

 

Una volta che l’applicazione e i tester sono pronti per iniziare, l’azienda rilascia l’applicazione beta e distribuisce gli inviti ai beta tester. I tester controllano il programma attraverso lunghi processi che possono facilmente durare diverse settimane e annotano eventuali problemi o feedback rilevanti.

 

4. Raccogliere il feedback dei tester

 

Al termine dei controlli, i beta tester forniscono le loro opinioni sul software e rapporti dettagliati sugli errori riscontrati. Il team potrebbe anche parlare con i beta tester per ottenere maggiori dettagli sui problemi e sulle loro potenziali cause.

 

5. Aggiornare l’applicazione

 

Utilizzando le informazioni ottenute da questi controlli e il feedback che ne deriva, gli sviluppatori possono iniziare a modificare l’applicazione e a correggere gli errori scoperti. Per la correzione di alcune modifiche potrebbe essere necessario attendere fino a dopo il lancio, a causa dei tempi stretti che il beta testing spesso comporta.

 

6. Eseguire nuovamente il test quando necessario

 

I tester interni di solito controllano l’applicazione dopo la fase di correzione dei bug per assicurarsi che questi problemi non siano più presenti. L’azienda potrebbe coinvolgere nuovamente i beta tester nel caso in cui il programma venga sottoposto a un aggiornamento significativo che probabilmente influirà sulla funzionalità del programma, comprese eventuali nuove funzioni.

 

Fasi del beta testing

tipi di test di prestazione

I beta test seguono un processo in più fasi; le fasi abituali sono:

 

1. Pianificazione

 

Questa fase è quella in cui il team interno mette insieme un documento sugli obiettivi del proprio approccio generale al beta test, compresa la possibilità di avere una beta aperta.

La fase di pianificazione richiede il contributo di tutte le parti interessate; i team leader e i dirigenti devono avere gli stessi obiettivi.

 

2. Il reclutamento

 

La fase successiva comprende la selezione e l’onboarding dei tester, che hanno la possibilità di sviluppare una comprensione preliminare dell’applicazione.

Questo deve adattarsi ai requisiti esatti di un progetto. Ad esempio, le applicazioni adatte a qualsiasi età dovrebbero utilizzare tester di diverse fasce d’età per verificare l’usabilità.

 

3. Test

 

La fase di test comprende tre componenti: gestione del coinvolgimento, gestione del feedback e distribuzione dei risultati. Questi processi prevedono l’impegno dei tester, l’organizzazione del loro feedback e la garanzia che gli sviluppatori ricevano i risultati. I beta test si svolgono in genere in sprint di 1-2 settimane, consentendo un’ampia copertura e il tempo necessario per le riparazioni.

 

4. Avvolgimento

 

Al termine dei test, i team chiudono il ciclo di test e si preparano a rilasciare il prodotto. Questo potrebbe anche includere la compilazione di un rapporto post-azione.

 

Criteri di accesso al beta testing

Che cos'è il test del software?

I criteri generali di accesso ai beta test includono:

 

1. Un team di collaudo adeguato

 

La presenza di un team adeguato di beta tester è probabilmente il criterio di ingresso più importante per questi controlli, in quanto influisce sul modo in cui essi si impegnano con l’applicazione. Ad esempio, il beta test di un videogioco dovrebbe rappresentare tutte le sfaccettature del pubblico target, compresi i giocatori amatoriali e quelli esperti.

 

2. I test alfa sono terminati

 

Il beta testing dovrebbe iniziare dopo che il team interno ha completato l’alpha testing; in questo modo si evidenziano la maggior parte dei problemi del software. Tuttavia, vi sono ancora alcune lacune nella garanzia di qualità che solo i beta test e un approccio esclusivamente black-box sono in grado di colmare adeguatamente.

 

3. Un’applicazione pronta per la beta

 

L’applicazione stessa deve avere una versione beta funzionante, completamente aggiornata e comprensiva di tutte le funzionalità. Dovrebbe essere un ambiente di test indipendente, in cui qualsiasi errore in cui il beta tester si imbatte non influisce sul programma complessivo o sui progressi degli altri tester.

 

4. Beta test del software

 

I tester potrebbero trarre vantaggio da un programma che li aiuti con i beta test; questo può anche implementare l’automazione dei processi robotici per una maggiore precisione in ogni fase. Il team interno decide principalmente quale applicazione utilizzare per i beta tester e deve selezionare attentamente l’opzione più compatibile.

 

Criteri di uscita per i test beta

I criteri per la conclusione dei beta test includono:

 

1. I problemi scoperti vengono risolti

 

Un requisito fondamentale per chiudere la fase di beta test è che gli sviluppatori risolvano al meglio ogni problema segnalato dai tester. Una volta che il team ha identificato e risolto i problemi, i tester possono terminare il loro lavoro.

 

2. Riepilogo del beta test completato

 

Al termine dei controlli, i beta tester hanno redatto una sintesi dei loro test e dei problemi incontrati durante il processo. Questo rapporto serve come risorsa utile per testare le versioni future del prodotto o di qualsiasi altro software simile creato dall’azienda.

 

3. Conclusione della fase di test

 

Il team dovrebbe concludere formalmente la fase di test dopo che i beta tester hanno terminato i loro controlli; ciò significa che la fase di garanzia della qualità è completa. La firma di questo documento è anche un modo per garantire che il team proceda con il rilascio del prodotto.

 

4. Prodotto pronto per la spedizione

 

Molti progetti completano la fase di beta testing con la spedizione del prodotto, soprattutto perché a questo punto l’applicazione potrebbe essere completa di tutte le funzionalità. È possibile che i beta test avvengano dopo il rilascio, anche se di solito ciò avviene solo in caso di ritardi nel progetto.

 

Tipi di risultati dei test beta

I beta test producono diversi risultati importanti, tra cui:

 

1. Risultati del test

 

I beta test forniscono ai tester e agli sviluppatori una quantità significativa di dati per stabilire se il prodotto è pronto per il rilascio. Se il team di garanzia della qualità ha determinato i controlli specifici utilizzati dai beta tester, confronterà i risultati con i risultati previsti. Questi risultati possono includere la percentuale di superamento del test, la frequenza degli incidenti e persino il punteggio di usabilità del sistema.

 

2. Registri di prova

 

Anche se i beta tester generalmente guardano i progetti solo da una prospettiva black-box, le loro azioni generano comunque dati nel registro interno del programma. Gli sviluppatori possono utilizzarlo per isolare i file, i percorsi e persino le linee di codice precise che sono responsabili di eventuali problemi. Ad esempio, questi registri possono mostrare se il sistema è sottoposto a una sollecitazione significativa.

 

3. Rapporti di prova

 

Questi risultati alla fine formano la maggior parte di un riassunto del beta testing, che combina questo con le conclusioni e le riflessioni specifiche del tester sull’applicazione. Se i beta tester hanno abbastanza esperienza, possono offrire idee su come gli sviluppatori possono iniziare a risolvere i bug del software. I rapporti dei beta test contengono solitamente una panoramica della funzionalità, dell’affidabilità, della sicurezza, della stabilità e del feedback generale dei tester.

 

Metriche comuni di beta testing

post sull'automazione del test del software

Quasi ogni beta test genera metriche uniche, come ad esempio:

 

1. Numero di test falliti

 

Se l’applicazione non supera alcun controllo, è utile per i tester tenere un registro di quanti test il programma avrebbe problemi. Può trattarsi di un numero, ma anche di una frazione o di una percentuale del numero di test complessivi.

 

2. Percentuale di copertura dei test

 

Maggiore è la copertura dei test di un team, maggiore è la sicurezza di riuscire a scoprire il maggior numero possibile di errori. I beta tester dovrebbero concentrarsi sui componenti software con una copertura relativa più bassa, per garantire che funzionino esattamente come previsto dagli sviluppatori.

 

3. Soddisfazione del cliente

 

I beta tester possono fornire punteggi di customer satisfaction (o CSAT), che tracciano la risposta autentica del tester al prodotto, compreso il suo livello di soddisfazione. Di solito si tratta di una scala da 1 a 5, in cui un punteggio più basso indica disappunto, mentre 5 significa piena soddisfazione.

 

4. Densità di vulnerabilità della sicurezza

 

Quando si verifica la possibilità di problemi di sicurezza, i beta tester possono tracciare la densità complessiva delle vulnerabilità nel programma. In questo modo i tester e gli sviluppatori hanno un’idea chiara della sicurezza generale dell’applicazione, compresa una panoramica delle falle di sicurezza più importanti del software.

 

5. Punteggio netto del promotore

 

Simile alla customer satisfaction, il net promoter score (o NPS) del programma esamina come gruppi reali di utenti risponderebbero all’applicazione. La scala è di 10 punti: 9-10 si riferiscono ai “promotori”, mentre 7-8 sono i “passivi”, e tutto ciò che è al di sotto di questo valore costituisce un “detrattore”.

 

6. Tempo di risposta di picco

 

La quantità di tempo che un database impiega per recuperare le informazioni e, in generale, il tempo che un’applicazione impiega per completare una richiesta possono causare problemi. La soglia di Doherty suggerisce che un tempo di picco superiore a 400 millisecondi potrebbe impedire agli utenti di impegnarsi nel software.

 

Tipi di errori e bug rilevati attraverso il Beta Testing

zaptest-runtime-error.png

Ecco alcuni degli errori che il beta testing nel test del software può aiutare a rilevare:

 

1. Funzione malfunzionante

 

Un problema importante che i beta test possono rivelare è il mancato funzionamento di una delle funzioni in qualsiasi situazione. Ciò potrebbe comportare contesti a cui gli altri tester non pensano, per cui è fondamentale che i team utilizzino il beta testing per trovare problemi in modi nuovi.

 

2. Vulnerabilità della sicurezza

 

I test beta possono rivelare una serie di possibili falle di sicurezza, tra cui una backdoor amministrativa a cui gli utenti possono accedere. Questi controlli sono fondamentali per garantire che l’applicazione sia sicura e in grado di resistere al controllo degli utenti.

 

3. Incidente generale

 

Qualsiasi tipo di input potrebbe causare un crash e i beta tester controllano il maggior numero possibile di input realistici dell’utente per assicurarsi che non vi siano cause di crash. Se il programma si blocca quando l’utente compie un’azione specifica, gli sviluppatori devono risolvere il problema.

 

4. Incompatibilità del dispositivo

 

I test beta esaminano una gamma più ampia di dispositivi rispetto alle altre fasi di garanzia della qualità, utilizzando a tal fine test cross-browser. Questi test rivelano le prestazioni dell’applicazione su diverse macchine, poiché piccole differenze di architettura possono influenzare in modo significativo le prestazioni del programma.

 

5. Prestazioni lente

 

Questi controlli mostrano se ci sono situazioni o input che rallentano drasticamente il programma, causando un notevole ritardo per l’utente finale. Questo potrebbe influire seriamente sull’utilizzo del software da parte dell’utente, per cui è importante correggerlo.

 

Esempi di test beta

Cos'è l'automazione dei test del software

Ecco tre importanti esempi di beta testing:

 

1. Applicazione Android

 

Il beta testing di un’applicazione Android prevede l’esecuzione del programma su un dispositivo adeguato (eventualmente più dispositivi per testarne la compatibilità) e la verifica di eventuali errori degni di nota. Trattandosi di applicazioni molto complesse, l’azienda potrebbe richiedere fino a 300 beta tester.

Molte applicazioni pubblicizzano apertamente i beta test disponibili prima e dopo il lancio, consentendo allo studio di garantire una copertura completa da molti punti di vista diversi. Questi test potrebbero concentrarsi su funzioni specifiche dell’applicazione mobile e sulla loro interazione reciproca.

 

2. Videogiochi

 

I videogiochi sono sottoposti a un lungo processo di beta testing a causa della loro intrinseca complessità; questo processo esamina ogni aspetto del gioco, dal motore alle prestazioni e alla fedeltà grafica.

Questi possono essere aperti esclusivamente a coloro che preordinano il gioco o anche a tutti i giocatori interessati, anche se è necessario un beta testing privato. Per i giochi multigiocatore, le open beta offrono agli sviluppatori l’opportunità di controllare il codice della rete e di verificare la capacità di gestire un numero elevato di giocatori.

 

3. Sito web

 

Un sito web aziendale, soprattutto se dotato di funzioni di e-commerce, richiede anche un accurato beta testing prima che l’azienda lo lanci al pubblico. I beta tester devono esaminare ogni pagina per verificare che sia visualizzata bene su diversi dispositivi e che le web app incluse funzionino.

Per i siti di vendita al dettaglio, i tester potrebbero tentare di completare un acquisto e vedere se questo passa attraverso il sistema. I beta tester devono anche verificare la funzionalità del sito su tutti i browser internet più diffusi.

 

Test beta manuali o automatizzati?

visione artificiale per il collaudo del software

L’automazione può aumentare l’efficienza di qualsiasi strategia di test, riducendo drasticamente i rischi di errore umano e lavorando a una velocità molto maggiore. Questo aumenta la copertura e l’affidabilità complessiva della fase di garanzia della qualità del progetto, di solito con l’aiuto di un’applicazione di terze parti.

È importante che i team esaminino tutte le possibili piattaforme che potrebbero automatizzare i loro test; ognuna ha caratteristiche diverse che possono essere più compatibili con tipi specifici di software. Tuttavia, questo approccio è generalmente limitato in termini di elemento umano; la maggior parte dei beta test si basa sulla prospettiva dell’utente.

L’automazione può aggirare questi problemi; la computer vision, ad esempio, aiuta il software di automazione a guardare i problemi da un punto di vista umano. L’iperautomazione potrebbe anche aiutare i team a calibrare la loro strategia di test in modo da applicare in modo intelligente l’automazione dove è appropriato, senza farne un uso eccessivo.

In entrambi i casi, l’approccio del team (e il suo eventuale successo) dipende dal programma implementato e dalle sue caratteristiche. I beta tester sono ancora necessari per questo processo e i responsabili dell’assicurazione qualità devono verificare la loro strategia complessiva per capire quali controlli trarrebbero vantaggio dall’automazione e quali dovrebbero essere prioritari per i tester umani.

 

Migliori pratiche per il beta testing

Lista di controllo per il test del software

Ecco alcune delle migliori pratiche che i team di beta testing dovrebbero implementare:

 

1. Considerare il cliente

 

L’esperienza del cliente è al centro di ogni beta test e i controlli che il team istituisce devono rispecchiare questo aspetto, ove possibile. Ad esempio, i tester dovrebbero esaminare l’interfaccia e verificare quanto sia intuitiva per gli utenti esperti del settore.

 

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

TASK-AGNOSTIC SOFTWARE AUTOMATION?

2. Controllare il pubblico esterno

 

Nessun prodotto o applicazione ha solo utenti del suo pubblico di riferimento e questa potrebbe essere la prima volta che qualcuno usa un programma di questo tipo. Ad esempio, i beta tester possono avvicinarsi a un videogioco come se non avessero mai giocato prima, per assicurarsi che sia facile da usare.

 

3. Una vasta gamma di tester

 

Analogamente, è importante verificare i programmi con tester di diverse provenienze, per consentire al team di ottenere un quadro completo della risposta dei clienti. Le differenze di esperienza possono anche far sì che i beta tester esaminino il software in modi diversi.

 

4. Incoraggiare la comunicazione costante

 

Tra i tester e gli sviluppatori potrebbero crearsi dei silos informativi, soprattutto se i primi sono esterni all’azienda. Ciò significa che i responsabili del controllo qualità devono facilitare la comunicazione tra questi due team per assicurarsi che gli sviluppatori ricevano le informazioni necessarie per la correzione dei bug.

 

5. Scegliere con cura la strategia di test

 

Alcuni prodotti traggono maggiore vantaggio da una beta aperta che genera un ampio feedback in un breve lasso di tempo, ma ci sono molte applicazioni che richiedono test privati. I team devono esaminare questo software e determinare quale sia l’approccio più adatto.

 

6. Offrire incentivi

 

I beta tester non pagati hanno bisogno di un qualche tipo di ricompensa per il loro servizio, e l’accesso anticipato al programma potrebbe non essere adeguato. Possono essere nominati nei crediti del software o ricevere qualche altra forma di regalo che li incoraggi a fare il miglior lavoro possibile.

 

Di cosa avete bisogno per iniziare il beta testing?

Lista di controllo per il test del software

Prima di poter iniziare il beta testing sono necessari alcuni importanti prerequisiti, tra cui:

 

1. Strategia di test completa

 

Anche se il beta testing è relativamente libero, soprattutto per una beta aperta, di solito è necessario un piano solido per assicurarsi che ogni componente riceva la giusta attenzione da parte dei tester. Il team di garanzia della qualità deve conoscere i requisiti del progetto, ad esempio i controlli beta specifici che intende eseguire.

Ad esempio, se il programma ha componenti che richiedono maggiore attenzione, la strategia del team deve tenerne conto.

 

2. Tester motivati

 

Il team richiede anche tester sufficientemente motivati per contribuire al processo di beta. A seconda dei controlli specifici, l’azienda potrebbe trarre vantaggio da tester altamente competenti in materia di garanzia della qualità e in grado di valutare con precisione l’impatto delle proprie azioni sull’applicazione.

I responsabili del team devono essere sicuri della scelta dei tester, anche per quanto riguarda la loro capacità di riflettere l’intero spettro del pubblico del prodotto.

 

3. Beta test del software

 

Gli strumenti di test, compresi quelli con funzionalità di automazione, hanno un posto in quasi tutti i piani di garanzia della qualità; anche i test beta, che di solito si basano sul punto di vista umano. Questo può aiutare il team a implementare l’automazione dei processi robotici, che utilizza robot software per eseguire vari compiti di test senza l’aiuto di un beta tester umano. Il programma utilizzato dipende dalle esigenze specifiche di verifica del progetto in corso.

 

4. Programma beta

 

Poiché il beta testing inizia dopo il completamento dell’alpha testing, il team dovrà lavorare con il programma più aggiornato, che dovrebbe essere quasi completo. Questa applicazione dovrebbe essere completamente separata per assicurarsi che possa resistere ai molti modi in cui un beta tester potrebbe romperla senza danneggiare il software reale. In molti casi, il programma beta presenta pochi problemi grazie ai test alfa completi.

 

7 errori e insidie nell’implementazione dei test beta

Confronto tra i test UAT e i test di regressione e altri test

Con qualsiasi strategia di test, i tester possono commettere molti errori. Ecco sette errori che i beta tester dovrebbero evitare:

 

1. Orari poco flessibili

 

I ritardi sono comuni in qualsiasi progetto software e il team di collaudo deve tenerne conto in ogni fase. Il beta testing avviene a ridosso del rilascio, per cui può risentire di eventuali modifiche al calendario del prodotto. I tester potrebbero faticare a completare i controlli a causa di questi ritardi.

 

2. Tester non motivati

 

I test beta aperti, in particolare, potrebbero faticare a incoraggiare i tester a segnalare i bug riscontrati: in alcuni casi, potrebbero considerarli come una prova gratuita del software. Il team deve offrire incentivi che promuovano la comunicazione e il reporting completo, altrimenti i tester potrebbero non segnalare alcun problema.

 

3. Rappresentazione limitata del pubblico

 

Poiché i beta test generalmente simulano l’esperienza dell’utente, è utile che i tester riflettano approssimativamente il pubblico di destinazione dell’applicazione. A tal fine, potrebbe essere importante informare i beta tester sulle persone che utilizzeranno il prodotto; anche se altri punti di vista possono contribuire a garantire che il software sia di facile utilizzo.

 

4. Dispositivi limitati

 

I test cross-browser e l’esplorazione di una serie di dispositivi sono essenziali per garantire che l’applicazione sia utilizzabile dal maggior numero di persone possibile. Questo aspetto è più evidente durante la fase di beta test; il team deve assicurarsi che i controlli rappresentino sempre un’ampia gamma di potenziali dispositivi.

 

5. Non ci sono abbastanza tester

 

Il numero di beta tester necessari varia a seconda dei progetti, ma una valutazione errata può causare seri problemi. Ad esempio, un numero eccessivo di tester può rappresentare un grave spreco di risorse, anche economiche.

In alternativa, un numero insufficiente di tester può avere difficoltà a garantire una forte copertura di test su ogni componente dell’applicazione.

 

6. Nessun piano di test

 

La fase di beta test raramente ha successo quando i tester si limitano a utilizzare il software e a fornire un feedback vago. Il team di garanzia della qualità deve mettere a punto piani completi che dettagliano i componenti e i controlli specifici.

Per una beta aperta, i tester devono avere un modo chiaro per segnalare qualsiasi problema riscontrato.

 

7. Strumento di test inefficace

 

I team di collaudo non possono limitarsi a implementare il primo o il più economico strumento di collaudo che trovano. Dovrebbero invece cercare un’opzione che corrisponda al loro progetto e alle sue precise esigenze. Prendersi questo tempo potrebbe evitare seri problemi di test a lungo termine, consentendo inoltre ai tester di sfruttare meglio le funzionalità di uno strumento di test.

 

5 migliori strumenti di beta testing

I migliori strumenti gratuiti e aziendali per il testing del software e l'automazione RPA

Ecco i cinque strumenti software di beta testing più efficaci, a pagamento o gratuiti:

 

1. Edizioni ZAPTEST FREE & ENTERPRISE

ZAPTEST offre strumenti di beta testing sia gratuiti che a pagamento che assistono le aziende nella fase di garanzia della qualità con qualsiasi budget.

ZAPTEST offre un’automazione completa dei test su una serie di browser, dispositivi, applicazioni e piattaforme diverse, consentendo ai beta tester di verificare i loro programmi a un livello più profondo. Mentre la versione gratuita offre numerose funzioni utili, la versione Enterprise include un esperto ZAP dedicato che lavora a fianco del team del cliente, funzionalità RPA all’ avanguardia senza costi aggiuntivi e un numero illimitato di licenze.

 

2. Instabug

 

Instabug aiuta i beta tester a verificare una serie di applicazioni mobili su tutti i principali sistemi operativi, offrendo un’analisi completa degli arresti anomali e dei dati inseriti dagli utenti. Questo strumento a pagamento facilita l’invio di segnalazioni di bug da parte dei tester che controllano il programma.

Tuttavia, gli utenti riferiscono che la piattaforma è relativamente costosa e che questo software ha funzionalità limitate per le applicazioni web e altri tipi di programmi, rendendolo utile solo in determinati contesti.

 

3. BrowserStack

 

BrowserStack è in grado di simulare oltre 3.000 dispositivi sia per l’alpha che per il beta testing, garantendo un processo di test completamente complementare. La piattaforma include anche funzioni di registrazione dettagliate che consentono ai tester di identificare la causa dei problemi e di comunicarli agli sviluppatori il prima possibile.

Questa soluzione è più efficace per le applicazioni web o mobili e ha un utilizzo limitato per altri software; inoltre, può essere una piattaforma difficile da imparare per i tester principianti.

 

4. TestFairy

 

TestFairy è specializzata in applicazioni mobili con una forte attenzione al beta testing di Android ed è in grado di registrare le azioni dei tester (compresi i loro input specifici) per rendere molto più facile la replica delle loro scoperte. Tutti coloro che partecipano allo sviluppo possono vedere i video risultanti e utilizzarli per apportare miglioramenti.

Tuttavia, il prezzo e il numero limitato di dispositivi compatibili sono ancora una volta possibili problemi di cui gli utenti devono tenere conto quando scelgono uno strumento di test.

 

5. Volo di prova

 

TestFlight è un programma Apple specificamente progettato per il beta testing delle app iOS. Questo lo rende particolarmente limitato per altri programmi, tra cui diversi tipi di applicazioni mobili.

TestFlight consente agli sviluppatori di app di distribuire facilmente nuove versioni del programma ai tester e vanta un processo di configurazione semplice. Sebbene questa piattaforma sia piuttosto utile per gli sviluppatori di app iOS, anche in questo contesto può supportare solo iOS 8 in poi.

 

Lista di controllo, suggerimenti e trucchi per il beta testing

Ecco alcuni suggerimenti aggiuntivi per sfruttare al meglio il beta testing nel test del software:

 

1. Facilitare la documentazione

 

Quanto più semplice è per i beta tester (di tutti i tipi) segnalare i problemi in cui si imbattono, tanto più accurato ed efficiente è il processo di test complessivo. È importante che il team di test perfezioni i consueti canali di segnalazione dei feedback per rendere più agevoli questi controlli.

 

2. Continuare a iterare i test beta

 

Ogni beta test che un’azienda intraprende dovrebbe informare il modo in cui perfeziona i controlli futuri per adattarli ai progetti abituali. Queste esperienze migliorano il processo di beta testing e garantiscono che i programmi vengano sempre esaminati in modo da adattarsi all’azienda e ai suoi requisiti specifici.

 

3. Usare l’automazione con parsimonia

 

Anche se tattiche come l’automazione robotica dei processi possono avere un impatto positivo significativo sui beta test del team, quest’ultimo deve implementarle con saggezza. L’automazione di ogni controllo può limitarne l’accuratezza, soprattutto perché molti beta test si basano sull’esperienza specifica di utenti finali umani.

 

4. Far firmare ai tester un NDA

 

I beta tester privati potrebbero avere a che fare con software sensibili ed è fondamentale per le organizzazioni e gli sviluppatori proteggere i loro interessi. Per questo motivo, l’azienda potrebbe far firmare ai tester un accordo di non divulgazione, in modo che non rivelino alcuna informazione segreta sul programma.

 

5. Supporto ai beta tester

 

L’azienda e il suo personale interno addetto al controllo della qualità devono essere disponibili ad assistere la fase di beta test: questo supporto può essere prezioso. Ad esempio, i tester potrebbero aver bisogno di aiuto per il funzionamento del programma, oppure potrebbero voler porre domande generali sull’applicazione.

 

6. Incoraggiare la libertà del tester

 

Sebbene questo supporto sia talvolta fondamentale per garantire un beta testing completo, è anche essenziale che l’azienda lasci che i tester completino i loro controlli al proprio ritmo. Il tester deve essere in grado di fornire un feedback onesto; questo è possibile solo con la piena libertà dell’utente.

 

Conclusione

Il beta testing è necessario per quasi tutti i progetti software grazie alla sua capacità di tenere conto degli utenti e delle loro esperienze uniche con il software. Le aziende possono scegliere di integrare l’automazione nei loro piani di beta testing, ma devono comunque considerare la prospettiva umana in ogni fase. Le specifiche della strategia di un’azienda dipendono dal progetto e dall’approccio più adatto alle sue esigenze, compreso il livello di competenza di ciascun tester.

Indipendentemente dal budget a disposizione del team di testing, ZAPTEST Free o Enterprise è in grado di facilitare le verifiche beta intuitive su un’ampia gamma di dispositivi, garantendo standard elevati durante l’intero processo di garanzia della qualità.

Download post as PDF

Alex Zap Chernyak

Alex Zap Chernyak

Founder and CEO of ZAPTEST, with 20 years of experience in Software Automation for Testing + RPA processes, and application development. Read Alex Zap Chernyak's full executive profile on Forbes.

Get PDF-file of this post