fbpx

Get your 6-month No-Cost Opt-Out offer for Unlimited Software Automation?

Il test del backend è un ramo particolarmente importante del testing del software che ha molto da offrire a qualsiasi sviluppatore: il vostro approccio a questo metodo può determinare il successo complessivo della vostra applicazione.

Questa operazione è nota anche come test del database e consente di evitare gravi complicazioni che potrebbero altrimenti danneggiare il software.

Il test del backend presenta diversi vantaggi e sfide di cui dovrete tenere conto prima dell’implementazione, per ottenere un prodotto più solido che soddisfi i vostri standard e obiettivi.

La comprensione del funzionamento dei test di backend consente di utilizzare questa tecnica a proprio vantaggio. Esiste una serie di test e strumenti specifici che possono aiutare a individuare i problemi prima che si trasformino in problemi minori.

In questa guida, esaminiamo ogni considerazione essenziale del test del backend per dimostrare la migliore linea d’azione. Questo include il modo in cui implementare i test di backend e creare un’applicazione ancora più forte nel processo.

 

Indice dei contenuti

Che cos’è il test di backend?

 

Il test di backend è una forma di test che prevede la verifica del database di un’applicazione software, assicurandosi che sia privo di problemi quali corruzione, perdita di dati e altro.

In questo modo è possibile assicurarsi che tutto il software si integri come dovrebbe e che sia in grado di resistere alle verifiche dopo l’eventuale lancio.

Il test del database esamina in particolare il modo in cui un’applicazione memorizza le informazioni e i modi in cui queste supportano le funzionalità del software, alla ricerca di eventuali problemi che sarebbero invisibili a un utente ma che potrebbero influire sulla sua esperienza.

Il test del backend potrebbe essere un aspetto vitale del vostro processo di garanzia della qualità complessiva.

 

Quando e perché è necessario eseguire il test del backend?

 

Il punto esatto dello sviluppo in cui condurre i test del backend può variare, anche se i tester spesso preferiscono farlo nelle prime fasi del controllo qualità.

Questo principalmente perché aiuta il team a trovare i problemi fondamentali del software che richiedono una soluzione rapida per sviluppare un prodotto valido.

I problemi che questa forma di test mette in luce possono diventare più complessi da risolvere nelle fasi successive, per cui è essenziale affrontarli il più rapidamente possibile. Come per ogni forma di test, questo è importante perché migliora l’esperienza complessiva dei clienti e dei committenti, rendendo il loro software migliore.

 

Quando non è necessario eseguire il test del backend

 

Sebbene il test del backend sia una componente essenziale di molte verifiche del software, non è sempre la scelta giusta: poiché comporta l’ispezione del database, le applicazioni che non si basano molto sui dati del lato server non ne trarranno vantaggio.

 

Chi è coinvolto nel test del backend?

 

Il test del backend prevede l’aiuto di molte persone che collaborano con l’azienda per garantire un lancio senza problemi.

I principali responsabili di questo fenomeno sono:

– Tester di database:

Questi esperti di assicurazione della qualità ispezionano rigorosamente il database del software da tutti i punti di vista per verificare se le funzionalità funzionano correttamente o se devono essere corrette.

– Sviluppatori:

Gli sviluppatori di software utilizzano questi test per determinare cosa devono fare per riparare la loro applicazione e garantire che funzioni come previsto.

– Responsabili di progetto:

I responsabili del progetto spesso approvano anche le modifiche essenziali e garantiscono il rilascio dell’iterazione più robusta del prodotto.

 

I vantaggi del test backend

 

I vantaggi del test backend sono molteplici, tra cui:

 

1. Miglioramento dell’esperienza del cliente

Assicurandovi che il database sia solido e funzionale come deve essere, potete garantire che i clienti ottengano la migliore esperienza possibile con pochi problemi, se non nulli.

Questo fa sì che il vostro software riceva recensioni migliori, aumentando la sua popolarità e il numero di acquisti e facendo guadagnare di più alla vostra azienda.

 

2. Ispezioni approfondite del software

I test del backend integrano le procedure di test del frontend, consentendo di affrontare questi problemi su entrambi i lati dello sviluppo.

Il primo approccio ispeziona già il software a un livello più profondo rispetto a vari altri test, ma combinarlo con altri controlli aiuta a garantire che il prodotto sia definitivamente pronto per il lancio.

 

3. Adattabile e scalabile

Ogni test condotto sul backend dell’applicazione è scalabile per adattarsi all’esatta funzionalità e portata del vostro prodotto; potrete facilmente adattare un’intera suite di test alle vostre esigenze.

Ciò consente anche di verificare come un’app possa funzionare a lungo termine per i clienti, soprattutto dopo molteplici aggiornamenti delle funzionalità.

 

4. Nessuna perdita di dati

Evitare i test del backend potrebbe impedire di scoprire gravi problemi di perdita o corruzione dei dati che mettono a rischio l’intera applicazione.

L’implementazione di questo approccio assicura la validità dei vostri dati e vi garantisce la tranquillità del software, contribuendo a garantire un lancio efficace e di successo del prodotto che offre tutte le funzioni pubblicizzate.

 

5. Facile da condurre

I tester possono controllare il database dell’applicazione in qualsiasi momento dello sviluppo (anche dopo il rilascio) per affrontare i problemi che emergono o eliminarli prima che influiscano sull’esperienza dell’utente.

Anche se in genere i tester preferiscono eseguire i test del backend nelle prime fasi, possono eseguire questi controlli in qualsiasi momento del processo, se necessario.

 

Le sfide del test backend

 

Sebbene il test del backend sia spesso un processo cruciale per qualsiasi team di sviluppo software, esso comporta anche sfide e persino rischi che devono essere presi in considerazione, come ad esempio:

 

1. Controlli insufficienti

La forza dei processi di test del backend dipende dall’accuratezza di questi test: ad esempio, i test black-box ispezionano il backend solo attraverso l’interfaccia utente.

Dovrete assicurarvi che il vostro team di collaudo sia in grado di eseguire una batteria di test più ampia, in modo da poter garantire che il database del software funzioni come previsto.

 

2. Mancanza di comunicazione

È essenziale evitare i silos informativi sul posto di lavoro, poiché una mancanza di comunicazione può portare i tester a non essere informati delle modifiche al software che richiedono la loro attenzione.

Assicuratevi che ogni reparto sia informato sullo stato attuale del prodotto e sulla necessità (o sui risultati) dei test in corso.

 

3. Utilizzo di set di dati impropri

I tester del backend usano spesso i mock data per verificare rapidamente come un database risponde agli input dell’utente. A meno che i dati non riflettano accuratamente l’uso che le persone farebbero di questo software, i finti dati possono essere piuttosto limitati.

Prendete il tempo necessario per testare l’applicazione con i dati che probabilmente incontrerà durante il suo funzionamento.

 

4. Potenziale di costi aggiuntivi

Senza un approccio corretto, il test del backend potrebbe diventare una spesa inutilmente elevata. L’automazione di questo processo potrebbe essere più conveniente a lungo termine, anche se ciò dipende dal servizio scelto e dalla complessità del software.

Investendo in una soluzione commerciale che soddisfi le vostre esigenze, potrete facilmente ottimizzare i test di back-end.

 

5. Richiede una conoscenza approfondita del database

Più sono i test che il vostro team di controllo qualità esegue, più sono le competenze e l’esperienza che probabilmente richiederà per completarli al meglio.

Poiché il test del backend opera all’interno del database del software, i tester devono avere una forte conoscenza di questo aspetto dello sviluppo, altrimenti i test potrebbero risultare inaffidabili.

 

Le caratteristiche dei test backend

 

Un buon test del backend presenta di solito le seguenti caratteristiche:

 

1. Facile da replicare

Se un tester scopre un problema con il software, è essenziale che sia in grado di replicarlo e dimostrarlo ad altri.

Individuare con esattezza le cause di un problema con il database potrebbe rendere molto più facile per uno sviluppatore risolvere tempestivamente l’applicazione.

 

2. Dati accurati

I test di backend di alta qualità coinvolgono in genere dati accurati e realistici, mostrando come il software risponde alle numerose situazioni e agli scenari che potrebbe incontrare.

I tester possono implementare insiemi di dati contraddittori per vedere se l’applicazione regge bene o se si rompe del tutto.

 

3. Pianificazione accurata

Prima dell’inizio del collaudo, il team deve avere ben chiari gli esatti controlli e le ispezioni che lo attendono, stabilendo chi condurrà quali test.

In questo modo ogni tester può sfruttare i propri punti di forza, ottenendo risultati più accurati che mostrano lo stato del software.

 

4. Veloce

È importante prendersi tutto il tempo necessario per assicurarsi che tutto sia in ordine, ma c’è ancora una vasta gamma di test da completare prima del rilascio.

L’impiego dell ‘iperautomazione durante il test del backend può anche ottimizzare in modo significativo la tempistica del progetto, consentendo di ispezionare il software in modo più approfondito.

 

Cosa si testa in Backend Tests?

 

I test di backend coprono molti componenti chiave, quali:

 

1. Schema del database

Lo schema di un’applicazione è una visione olistica del database e delle informazioni, che serve come una sorta di scheletro. Durante il test del backend, è fondamentale che i tester ispezionino la mappatura dello schema per assicurarsi che sia compatibile con l’interfaccia utente.

Ciò include la convalida dei formati dello schema, la mappatura di ogni tabella e la verifica dell’ambiente complessivo dei dati.

Il controllo dell’integrità del database strutturale contribuisce a garantire che le informazioni siano corrette e prive di corruzione, migliorando l’esperienza degli utenti del software.

 

2. Tabelle e colonne del database

Le tabelle e le colonne del database dell’applicazione sono altrettanto importanti per i test, che si concentrano ancora una volta sul modo in cui il backend del software si collega all’esperienza dell’utente del frontend.

Eventuali problemi di compatibilità potrebbero portare al crash dell’app anche durante l’esecuzione delle sue funzioni di base.

Queste ispezioni convalidano i campi di dati, comprese le convenzioni di denominazione e la lunghezza. Inoltre, controllano la presenza di colonne inutilizzate e si assicurano che le lunghezze dei campi siano compatibili con il resto del software.

 

3. Chiavi e indici

Anche le chiavi e gli indici del software si riferiscono alle tabelle del database, indicando rispettivamente l’identità di una riga e l’ordine di queste righe.

Il test del backend verifica se i vincoli di chiave primaria e di chiave esterna sono presenti nella tabella e se i riferimenti sono validi; anche le diverse chiavi devono essere compatibili.

Sia le chiavi che gli indici devono rispettare determinate convenzioni di denominazione e avere dimensioni adeguate per garantire la stabilità complessiva dell’applicazione al momento del rilascio.

 

4. Inneschi software

I trigger dell’applicazione eseguono determinate routine o processi per garantire il buon funzionamento di ogni funzione. Questi trigger potrebbero non funzionare senza test approfonditi, rendendo inutilizzabili molte delle funzioni principali del software.

I tester del backend controllano i trigger verificando che seguano le corrette convenzioni di codifica, in quanto un semplice errore di battitura può causare gravi problemi.

I tester controllano anche i trigger per verificare che si aggiornino automaticamente quando necessario, ad esempio dopo l’esecuzione di un processo con esito positivo.

 

5. Server di database

Il server stesso non è esente da test rigorosi, poiché l’applicazione complessiva può funzionare solo se è compatibile con i requisiti generali dell’azienda e se dispone delle configurazioni corrette.

Anche i privilegi e le autorizzazioni degli utenti sono un aspetto importante del test del server di database, in quanto assicurano che alcune funzioni (come la modalità di debug) siano accessibili solo al personale dell’azienda.

Verificare che la capacità del server corrisponda al numero di utenti previsto e allo sforzo del server è un altro test essenziale.

 

6. Integrità generale dei dati

Per garantire che il database stesso sia funzionale e possa svolgere le funzioni previste, è necessario verificare i dati e la loro integrità attraverso il software.

Questo include l’ottimizzazione dell’organizzazione, la memorizzazione dei dati giusti in ogni tabella, la rimozione delle informazioni non necessarie, l’esecuzione di operazioni TRIM per snellire ulteriormente i dati rilevanti e molto altro ancora.

Tutti questi processi contribuiscono al successo dell’applicazione, migliorando le prestazioni per ogni utente e limitando il numero di errori evitabili in cui si imbatte.

 

Chiarire un po’ di confusione: Test del backend vs. test del frontend

 

Sebbene entrambi abbiano lo stesso obiettivo generale di verificare un’applicazione software per assicurarsi che sia pronta per il lancio, esistono diverse differenze chiave tra i test backend e frontend.

 

1. Che cos’è il test del backend?

Il test del backend lavora esclusivamente sul backend dell’applicazione, in particolare sul database del software, per assicurarsi che tutto si incastri e che tutte le funzioni siano completamente intatte prima del rilascio.

In questo modo si previene la possibilità di perdita o corruzione dei dati, che può causare arresti anomali o l’interruzione di alcune funzioni essenziali per l’utilizzo del software.

Per molti team di sviluppo, questo processo è fondamentale per trovare errori che altrimenti non emergerebbero in una routine di test convenzionale. Un approccio completo al test delle API di backend è responsabile di migliaia di lanci di software stabili e senza intoppi ogni anno.

Al contrario, il test frontend prevede la verifica dell’interfaccia utente e degli altri elementi con cui l’utente interagisce.

Anche questo ha lo scopo di prevenire gli errori, ma si riferisce principalmente a quelli che influenzano il software in modo più grave.

Ad esempio, l’applicazione potrebbe faticare a integrare pagine o funzioni diverse tra loro: potrebbe non portare l’utente alla home page dopo il login. Il test del frontend si concentra su ciò che l’utente può vedere e garantisce una presentazione solida e funzionale del software.

Il team deve completare questi test dopo ogni aggiornamento significativo per garantire che l’applicazione continui a funzionare.

 

2. Test backend vs. frontend

La differenza principale tra questi due tipi di test è l’ambiente del software.

I tester del backend utilizzano la loro conoscenza dei database e del funzionamento interno dell’applicazione per trovare e risolvere i problemi, mentre i tester del frontend si concentrano sulla fluidità dell’esperienza dell’utente.

Un’altra distinzione fondamentale è rappresentata dagli strumenti che i tester utilizzano nelle loro verifiche; è più probabile che i test frontend coinvolgano un framework di automazione, anche se entrambi i contesti possono trarne beneficio.

I tester di backend utilizzano principalmente il linguaggio SQL (Structured Query Language) insieme a vari altri linguaggi di programmazione; le competenze per ciascuno di essi sono completamente diverse.

I test sul backend guardano anche più direttamente all’API, analizzando la funzionalità e la stabilità del software per assicurarsi che sia in grado di gestire tutte le sollecitazioni previste.

I controlli sia sul backend che sul frontend sono essenziali per il successo a lungo termine dell’applicazione, consentendo aggiornamenti successivi che evitino errori significativi sul frontend per gli utenti e sul backend per gli sviluppatori.

Alcuni elementi come lo schema si collegano dal frontend al backend, il che dimostra l’importanza di tenere sempre conto di entrambi i lati dello sviluppo.

 

Tipi di test del backend

 

Esistono vari tipi di test di backend che il vostro team dovrebbe gestire, tra cui:

 

1. Test strutturali

Questi controlli coinvolgono principalmente l’uso dei metadati, come l’ispezione dell’integrità di schemi, chiavi, indici e trigger.

Inoltre, si analizza l’effettiva codifica del software per determinare se ci sono problemi che potrebbero compromettere le prestazioni e la stabilità. La semplificazione del codice dell’applicazione può ottimizzare ulteriormente la sua funzionalità, ottenendo un prodotto più efficiente per ogni utente.

 

2. Test funzionali

I test funzionali assicurano un flusso di dati coerente tra il backend e il frontend, collegando questi due elementi e consentendo loro di lavorare in tandem l’uno con l’altro.

Ad esempio, se un utente richiede determinati set di dati, il backend comunica con il frontend per visualizzare le informazioni giuste e il frontend deve generare questi dati su richiesta.

 

3. Test non funzionali

Si tratta di una forma di test delle prestazioni del backend che consente di sottoporre l’applicazione a stress test e di vedere come può rispondere a un afflusso di traffico di sistema.

I tester del back end possono utilizzarlo per determinare se il software è in grado di sostenere un uso regolare da parte di un pubblico potenzialmente globale; ciò include lo sviluppo di una sicurezza informatica approfondita in grado di respingere facilmente le minacce online.

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

TASK-AGNOSTIC SOFTWARE AUTOMATION?

 

Test del backend manuali o automatizzati?

 

1. Test manuali del backend – Vantaggi, sfide e processi

 

Il test manuale del backend può offrire al vostro team una maggiore tranquillità, consentendogli di verificare personalmente la presenza di problemi nel codice e nelle prestazioni del software.

Questo può anche consentire ai tester di calibrare i controlli con maggiore precisione, in modo che si adattino al progetto dell’applicazione.

Tuttavia, questo tipo di test può essere meno accurato dei controlli automatici e richiede molto più tempo per essere completato; anche gli stessi tester possono talvolta commettere errori.

In pratica, i test manuali comportano l’ispezione di ogni singolo elemento del software, compresi lo schema, i trigger, gli indici, le chiavi e molto altro ancora: spesso questi processi possono essere altamente sensibili.

 

2. Automazione dei test backend – Vantaggi, sfide e processi

 

I test automatizzati del backend sono particolarmente utili per i controlli delle prestazioni e gli stress test, semplificando notevolmente la fase di garanzia della qualità complessiva ed eliminando gli errori umani che possono verificarsi durante i test.

Questo aiuta anche gli sviluppatori a risolvere i problemi molto prima, riducendo gli straordinari dell’ultimo minuto prima del rilascio.

Tuttavia, il team di collaudo può implementarlo solo se comprende i processi di collaudo automatico; si tratta di una competenza specifica che i collaudatori della vostra azienda potrebbero non possedere.

Per garantire unastrategia di test di successoa lungo termine, si possono utilizzare strumenti commerciali per l’automazione del backend, adattandoli alle esigenze del software.

 

3. Conclusione: Test manuali o automatizzati del backend?

 

Entrambi i tipi di test hanno i loro vantaggi e le loro sfide, anche se è possibile incorporarli entrambi nelle fasi di AQ.

Il team potrebbe anche aver bisogno di condurre manualmente questi test una volta prima di automatizzarli, per assicurarsi che siano adatti alla struttura specifica del software e ai suoi requisiti unici.

L’automazione è solitamente migliore per i processi che non richiedono modifiche frequenti, altrimenti i tester dovrebbero automatizzare ripetutamente, limitando il risparmio di tempo dell’azienda.

Per questo motivo, è importante impiegare un equilibrio tra test manuali e automatizzati per fornire al vostro progetto software il massimo dei vantaggi.

 

Di cosa avete bisogno per iniziare a testare il backend?

 

Ci sono alcuni requisiti per il successo dei test del backend di cui il team deve tenere conto, come ad esempio:

 

1. Personale esperto

I test di backend che un team di sviluppo e garanzia della qualità può effettuare dipendono dai suoi membri e dalle loro competenze complessive.

Ad esempio, un team di collaudo potrebbe non essere in grado di automatizzare i controlli perché non possiede le capacità e l’esperienza per farlo da solo o per utilizzare il software corretto.

Quando si amministra un progetto software, assicurarsi che il personale sia esperto nell’esecuzione di una serie di test backend.

 

2. Un database completo

Anche se è utile iniziare i test del backend in anticipo, il team deve assicurarsi che il database sia pronto per questi controlli e che disponga di tutte le funzionalità principali. L’aggiunta di funzionalità dopo la fase di test potrebbe causare malfunzionamenti e crash dopo il rilascio.

Assicuratevi che il test del backend avvenga in un momento ragionevole del programma di test e che il team testi le nuove funzionalità quando sono pronte.

 

3. Strumenti di test

Gli strumenti di test del backend forniscono un quadro completo di test, consentendo al team di tenere traccia dei progressi in corso e di conoscere i passi esatti da compiere durante l’esecuzione dei controlli. Questi strumenti potrebbero anche aiutare il team a gestire i dati stessi e a modificarli laddove necessario.

L’analisi delle varie opzioni di strumenti di test per trovare la soluzione più adatta al vostro team potrebbe semplificare notevolmente il lavoro da svolgere.

 

4. Software di automazione

Il software di automazione robotica dei processi assiste i tester nei loro processi abituali, anche se queste applicazioni possono automatizzare completamente i test per migliorarne la velocità e l’affidabilità. Questo ha la capacità di identificare un maggior numero di errori e potrebbe portare a un prodotto ancora più forte.

L’approccio del vostro team all’automazione potrebbe dipendere dal software che soddisfa le vostre esigenze specifiche: i test automatizzati per la vostra routine abituale potrebbero essere vitali per garantire che le procedure complessive rimangano efficienti.

 

Il processo di test del backend

 

Le fasi consuete del test del backend comprendono:

 

1. Creare un piano di test

Il primo passo è solitamente quello di creare un documento che stabilisca le esatte procedure di test. Ogni tester può fare riferimento al documento per assicurarsi di seguire i processi corretti.

Il team può suddividere le attività tra test strutturali del database, test funzionali e test non funzionali, tenendo conto dei punti di forza di ciascun membro.

 

2. Esecuzione del piano di test

Con l’intero team consapevole dei propri compiti e degli aspetti del backend da testare, il passo successivo è quello di lavorare sui test veri e propri.

L’impostazione di un software di automazione potrebbe essere una parte fondamentale di questa fase, consentendo un processo di test ancora più solido che il team può completare più rapidamente.

 

3. Calcolo dei risultati del test

Una volta completati questi controlli, i tester compilano i risultati – potenzialmente nei loro strumenti di test o nel software automatizzato – e verificano che soddisfino i requisiti dell’azienda.

Se i risultati sono particolarmente diversi da quelli che i tester si aspettano, potrebbero trarre vantaggio dall’esecuzione di alcuni di questi test per autenticare i dati.

 

4. Segnalazione dei risultati

Dopo aver verificato eventuali risultati inattesi e compilato i dati, i tester del backend li segnalano agli sviluppatori, che si adoperano rapidamente per risolvere eventuali problemi del sistema evidenziati dai controlli.

L’automazione contribuisce ad accelerare ulteriormente questo processo, dando agli sviluppatori di software più tempo per implementare le modifiche all’applicazione che migliorano l’esperienza degli utenti.

 

5. Se necessario, ripetere i test

Potrebbero essere necessari ulteriori test di backend anche dopo il lancio ufficiale del prodotto, soprattutto se il software è sottoposto a un aggiornamento importante.

In questo modo si potrebbero aggiungere nuove funzionalità che richiedono una verifica sostanziale del backend e che potrebbero interferire con le funzionalità precedenti.

I test di backend sono un processo continuo che i team QA impiegano in vari momenti del ciclo di vita di un prodotto.

 

Migliori pratiche per il test del backend

 

Ecco altri quattro consigli che potrebbero aiutare i team di test del backend:

 

1. Test precoce

Il test del backend è un processo generalmente efficace dal punto di vista dei costi (soprattutto con l’automazione), anche se il team di test probabilmente otterrà un risparmio ancora maggiore quando effettuerà questi controlli nelle prime fasi dello sviluppo.

Tuttavia, questo deve avvenire sempre quando la funzionalità di base è chiara a tutto il team.

 

2. Privilegiare la copertura dei test

Il backend dell’applicazione copre una serie di test su diverse funzionalità, per cui è importante che il team si occupi del maggior numero possibile di controlli.

I problemi possono verificarsi in qualsiasi punto della struttura del software; un test accurato aiuta il team di sviluppo a rimanere vigile.

 

3. Evitare la perdita di dati e lo stallo

Procedure di test inadeguate potrebbero causare problemi di integrità dei dati, soprattutto se il team implementa dati fittizi che non corrispondono al modo in cui gli utenti utilizzano il software. Diligenza e standard sono fondamentali per garantire che i controlli siano efficaci come dovrebbero.

 

4. Focus sulla stabilità

La priorità principale del team di collaudo deve essere la prestazione complessiva del software. L’obiettivo del test del backend è identificare i problemi del database che possono influire sulla robustezza dell’applicazione.

Ponendo l’accento sulla stabilità del software, il team può migliorare la compatibilità generale dell’API.

 

7 errori e insidie nell’implementazione dei test di backend

 

Il successo dei test di backend dipende dalla qualità del team e della sua implementazione.

 

Ecco 7 possibili insidie che i tester devono evitare:

 

1. Pratiche di automazione non corrette

Automatizzare i processi sbagliati (come quelli che richiedono modifiche frequenti) può far sì che i tester risparmino meno tempo in generale.

Il team deve automatizzare i processi che probabilmente ne trarranno i maggiori benefici.

 

2. Campioni di dati imprecisi

I tester del backend possono verificare gli input in modo affidabile solo se inseriscono informazioni accurate.

I test devono rivelare come un’applicazione risponde all’uso pratico – questo richiede dati più applicabili che abbiano implicazioni reali.

 

3. Test frontend insufficienti

Diversi test sul backend prevedono la verifica del modo in cui il backend si connette al frontend, compreso il modo in cui il database recupera le informazioni.

Il team di garanzia della qualità deve concentrarsi su entrambi questi aspetti per garantire il successo.

 

4. Approccio di prova ristretto

I test di backend coprono di solito decine di controlli che aiutano il team a garantire che il software sia stabile e funzioni secondo standard elevati.

L’esecuzione di una manciata di test “più importanti” non può garantire questa qualità.

 

5. Gestione impropria dell’ambito

Il team può eseguire test di backend efficienti solo tenendo conto della portata del software, altrimenti potrebbe non avere il tempo di condurre tutti i test.

In generale, le applicazioni più complesse richiedono spesso test di backend più rigorosi.

 

6. Database incompleto per i test

Anche se si utilizzano campioni di dati realistici, i test del backend sono abbastanza precoci nello sviluppo che i tester devono lavorare solo con lo “scheletro” del software.

Questo potrebbe far sì che i test siano molto meno approfonditi del necessario.

 

7. Modifiche ripetute del database

Se il database cambia in modo significativo durante il test, questo può invalidare molti dei controlli precedenti del team.

I tester potrebbero dover modificare ripetutamente i casi di test o addirittura rielaborare i dati risultanti per adattarli.

 

Tipi di output dai test backend

 

Il team di testing riceve vari output dai test di backend che conduce, tra cui:

 

1. Risultati del test

I risultati effettivi dei test di backend sono gli output principali e possono assumere diverse forme; questi risultati possono anche affiancare i risultati attesi.

In questo modo i tester possono convalidare queste informazioni e verificare se sono necessarie modifiche al software.

Una serie di risultati, ad esempio, potrebbe essere costituita dai dati sulle prestazioni del software dopo lo stress test.

 

2. Registro dei difetti

Se i risultati evidenziano bug o problemi, queste informazioni vengono inserite in un registro dei difetti separato, che descrive ogni problema e le cause stimate.

Questo include informazioni sulla gravità del problema e sul suo stato, ad esempio se uno sviluppatore ha risolto il problema.

I tester di backend possono anche formulare le proprie raccomandazioni per ottimizzare e migliorare ulteriormente il software.

 

3. Rapporto di prova

Al termine di questi test, il team di garanzia della qualità redige un rapporto che fornisce una panoramica dei controlli e dei loro risultati.

Questo può comportare decisioni di tipo go/no-go per determinare se l’applicazione è pronta per il lancio o se necessita di correzioni di bug e di nuovi test.

Il rapporto può anche spiegare come gli strumenti di backend abbiano aiutato il processo complessivo.

 

Esempi di test del backend

 

Esempi specifici di test backend sono

 

1. Test SQL

Il linguaggio di interrogazione strutturato è un componente fondamentale di molti database relazionali; la verifica di questo permette al tester di verificare direttamente i dati. In questo modo si garantisce che il database sia in grado di comprendere accuratamente queste informazioni e di interpretare le richieste di input.

Il test SQL indica anche se semplici errori di digitazione hanno un impatto sul database del software, cosa sorprendentemente comune.

 

2. Test API

Il test delle API di backend esamina l’interfaccia di programmazione dell’applicazione nel suo complesso, che consente a due software di interagire tra loro.

I test API esaminano lo stato HTTP di un’applicazione, lo schema del corpo HTTP e la sua conformità ai documenti utilizzati dal database.

Senza questi test approfonditi, il backend e il frontend potrebbero non essere in grado di comunicare correttamente.

 

3. Test black-box

I test black-box del backend controllano l’interfaccia utente e la sua integrazione con il database; i controlli specifici includono l’analisi dei confini, il grafico causa-effetto e il partizionamento equivalente.

Un modo fondamentale per farlo è verificare la correttezza delle informazioni di accesso dell’utente. I controlli black-box si concentrano principalmente sull’input e sull’output e sono relativamente distaccati dall’implementazione del codice del software.

 

4. Test white-box

Il test white-box del backend, invece, esamina il codice stesso e lo utilizza per convalidare la struttura del software e la qualità complessiva della codifica.

Questo può rivelare modi per snellire il codice che potrebbero rendere l’applicazione più reattiva e stabile.

Questi test richiedono spesso una conoscenza approfondita della programmazione e dell’architettura interna specifica del software.

 

5. Test delle prestazioni

I test di stress consentono al team di garanzia della qualità di determinare la solidità dell’applicazione, compreso il numero di utenti che può sostenere senza problemi di server.

Il test delle prestazioni del backend intende spingere un’applicazione oltre i suoi limiti per trovare il modo di renderla più efficiente o porre dei limiti ragionevoli al suo funzionamento che tengano conto di questo aspetto.

 

Tipi di errori e bug rilevati attraverso i test backend

 

Queste diverse categorie di test trattano i propri tipi di errore, come ad esempio:

 

1. Errori di battitura

Il semplice errore umano può essere il colpevole di molti dei problemi individuati dai test backend. L’errore di digitazione di alcune parole o l’uso di una sintassi errata potrebbero impedire alle funzioni principali di funzionare come previsto, motivo per cui i test white-box e SQL sono entrambi essenziali da sottolineare.

I tester devono ispezionare accuratamente il codice nelle aree interessate per identificare questi errori.

 

2. Errori di autorizzazione

Molte applicazioni utilizzano il protocollo di trasferimento ipertestuale sicuro (HTTPS) attraverso l’API per facilitare la comunicazione con i server, consentendo ai processi di backend di connettersi alle esperienze degli utenti di frontend.

Un’implementazione incompatibile di HTTPS (ad esempio confondendolo con HTTP) potrebbe causare problemi di autorizzazione che impediscono agli utenti di accedere a questo software e lo rendono di fatto inutilizzabile.

 

3. Instabilità generale

I test di backend possono rivelare la stabilità complessiva di un’applicazione, compresi i potenziali fattori scatenanti dei crash che il team di sviluppo può riparare.

I test di carico, in particolare, possono mostrare se alcune caratteristiche sono un grosso ostacolo per la funzionalità dell’applicazione. Questi problemi di prestazioni possono manifestarsi sotto forma di crash o di un database lento e poco reattivo.

 

4. Codice morto

Le applicazioni passano attraverso diverse iterazioni e funzionalità; questo a volte si traduce in un residuo di codice morto, che può rallentare significativamente il database e il suo calcolo.

I test white-box possono rivelare la presenza di codice morto: la sua eliminazione riduce le dimensioni del software e ne migliora le prestazioni.

Il codice morto lasciato nell’applicazione potrebbe anche portare a futuri bug.

 

5. Scarsa sicurezza

I test di backend, soprattutto quelli non funzionali, possono rivelare diverse falle nella sicurezza che rendono l’applicazione vulnerabile alle intrusioni.

I problemi con il database potrebbero causare la fuoriuscita di informazioni interne sensibili (come i messaggi di errore dettagliati) verso il frontend.

Problemi di sicurezza come questi possono aiutare le minacce informatiche a eludere la protezione di un’applicazione, rubando potenzialmente i dati al suo interno.

 

Metriche comuni di test del backend

 

Le metriche che i tester utilizzano durante le verifiche del backend includono:

 

1. Prestazioni del software

Lo stress test e altri controlli del backend producono molte informazioni sulle prestazioni dell’applicazione e sul suo funzionamento.

Questo include l’utilizzo della CPU e della memoria, oltre a informazioni sulle operazioni di I/O del disco.

 

2. Prestazioni del database

Le metriche che indicano un database in buona salute includono buone prestazioni delle query, bassi tempi di risposta (ad esempio quando un utente richiede informazioni sul backend) e ampi buffer pool.

L’applicazione può avere successo solo se dispone di un database solido.

 

3. Transazioni SQL

I test sul linguaggio di interrogazione strutturato rivelano informazioni sulle transazioni SQL, come il numero di compilazioni e di richieste batch al secondo.

Il primo dovrebbe essere molto più basso del secondo per garantire un’applicazione solida.

 

4. Velocità di trasmissione

Il throughput si riferisce alla quantità di informazioni che un software può elaborare in un dato momento.

I tester possono impostare un numero di unità di throughput che il software deve calcolare e confrontare i risultati con questa linea di base stimata.

 

5. Interrogazioni di successo

I database gestiscono spesso interrogazioni dal frontend dell’applicazione; il successo di queste interrogazioni può determinare il successo dell’applicazione.

Migliorare la percentuale di interrogazioni del database andate a buon fine contribuisce a rafforzare il software e la sua affidabilità.

 

5 migliori strumenti gratuiti per il test del backend

 

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

TASK-AGNOSTIC SOFTWARE AUTOMATION?

Ecco alcuni dei migliori strumenti gratuiti per il test del backend:

 

1. ZAPTEST Gratuito

La versione gratuita di ZAPTEST è dotata di una serie di funzioni che la maggior parte degli altri servizi riserva alle loro edizioni premium. Questo include la possibilità di automatizzare completamente i test con facilità e senza la necessità di alcuna esperienza di programmazione, oltre alla gestione del cloud su tutti i dispositivi.

Il denaro e il tempo risparmiati migliorano significativamente il ROI dell’azienda.

 

2. Azure Data Factory

Parte della piattaforma Azure di Microsoft, questo servizio cloud consente un’integrazione completa dei dati tra numerose fonti. Ciò lo rende particolarmente utile per le pipeline di integrazione dei dati, le operazioni di estrazione-trasformazione-caricamento e l’offerta di macchine virtuali scalabili.

Tuttavia, il servizio è disponibile solo se i team interessati utilizzano Azure per lo sviluppo e i test.

 

3. Mockaroo

I dati mock realistici sono importanti per il test del backend; Mockaroo può fornirvi queste informazioni in oltre 150 categorie.

Questi dati di test funzionano in SQL, Excel, JSON e altri formati, rendendo più facile individuare gli errori nell’applicazione.

Tuttavia, la versione gratuita può gestire solo 200 richieste API al giorno e funziona molto più lentamente.

 

4. Appium

Il servizio gratuito Appium è specializzato nel software per applicazioni mobili e offre un’automazione completa con collegamenti per Java, C#, PHP e altri linguaggi. Ciò consente di eseguire test multipiattaforma sia su emulatori che su dispositivi reali: essendo un’applicazione open-source, Appium è abbastanza adattabile.

Tuttavia, il servizio ha funzionalità limitate per il software desktop e quindi potrebbe non essere adatto al progetto del vostro studio.

 

5. Testimonianza

La versione gratuita di Testim è la migliore per i piccoli team e offre 500 test mensili per le applicazioni web che operano sulla rete cloud del servizio.

Questo include solo un account per organizzazione, ma può fornire un numero illimitato di esecuzioni locali all’interno dell’editor. L’obiettivo di questo servizio è quello di limitare la manutenzione da effettuare dopo i test.

 

5 migliori strumenti di test di automazione del backend aziendale

 

Se il budget della vostra organizzazione lo consente, potreste passare a strumenti di test di qualità superiore, come ad esempio:

 

1. ZAPTEST Impresa

La versione Enterprise di ZAPTEST offre licenze illimitate per i team di sviluppo e collaudo, consentendo loro di eseguire ulteriori test.

La tecnologia 1Script di questa applicazione consente inoltre agli utenti di applicare questi test a qualsiasi software della propria piattaforma dopo aver scritto le procedure una sola volta.

ZAPTEST Free offre un livello impressionante di funzionalità e ZAPTEST Enterprise si spinge oltre. È possibile eseguire una serie di test automatizzati, tra cui iOS, Linux, Windows, Android, Web e molto altro.

 

2. ReadyAPI

Concentrandosi sui controlli funzionali, ReadyAPI è uno strumento popolare che gestisce i test end-to-end per assicurarsi che si inseriscano nella pipeline di consegna di un’applicazione.

In questo modo i team di collaudo possono condividere i progetti e risolvere i problemi insieme, anche con competenze di codifica limitate.

Tuttavia, la documentazione di questo servizio è limitata rispetto ad altre opzioni.

 

3. Mockaroo

Le versioni a pagamento di Mockaroo offrono una varietà ancora maggiore di set di dati, consentendo al team di test di generare fino a un milione o addirittura un numero illimitato di record al giorno, a seconda del pacchetto.

Queste versioni sono 8 volte più veloci dell’opzione gratuita, con l’opportunità di un hosting cloud privato.

 

4. Postino

Postman si concentra sul testing delle API, costruendo spazi di lavoro collaborativi che semplificano il ciclo di vita dello sviluppo del software. Le sue caratteristiche principali sono la condivisione del codice, i commenti, il forking, il tagging e altre che garantiscono un forte lavoro di squadra.

Sebbene Postman offra un’ottima costruzione e debug delle API, gli utenti segnalano che la sua interfaccia utente è pesante per il processore e difficile da usare.

 

5. Testimonianza

Il piano Testim Essentials dà priorità alle esigenze delle aziende di medie dimensioni, fornendo esecuzioni web adattabili e parallele per rendere i test ancora più efficienti.

La versione Pro offre un minimo di 1.000 corse web e la modalità turbo per operazioni più veloci.

Tuttavia, le sue funzioni di integrazione sono meno robuste rispetto a molte alternative di mercato.

 

Quando utilizzare strumenti di test backend aziendali o gratuiti?

 

In alcune situazioni, gli strumenti di test gratuiti possono soddisfare i requisiti del team di garanzia della qualità, ad esempio se il team ha solo pochi membri che lavorano sull’API.

I team più piccoli traggono i maggiori vantaggi dagli strumenti di test backend gratuiti, ma anche i team più grandi possono avvalersi di strumenti gratuiti particolarmente robusti come ZAPTEST.

I servizi aziendali offrono ancora enormi vantaggi che ne giustificano il costo; semplificano in modo significativo il processo di testing complessivo del backend e spesso forniscono anche risorse preziose.

Anche se le opzioni gratuite possono offrire molte funzioni, gli strumenti di backend a pagamento consentono di sfruttare al meglio i processi di test.

 

Lista di controllo, suggerimenti e trucchi per il test del backend

 

Ci sono molti consigli che vale la pena ricordare durante la conduzione dei test del backend, come ad esempio:

 

1. Non tagliare gli angoli

I test di backend hanno successo proprio per la loro completezza, in ogni possibile dettaglio dell’applicazione.

Un software ben sviluppato ha molte funzionalità che si intersecano; trascurarne anche solo una può avere conseguenze sul resto dell’applicazione.

I tester devono ispezionare a fondo ogni aspetto del software e assicurarsi che ricevano la stessa attenzione.

 

2. Sviluppare le procedure di test del set

Il team di garanzia della qualità deve concordare il modo in cui intende testare alcuni aspetti della progettazione del software, come ad esempio lo sviluppo di un approccio unificato alle API.

Questa coerenza rende molto più facile tracciare i progressi complessivi e garantisce che tutti utilizzino gli stessi metodi.

Il lavoro di squadra e la collaborazione diventano molto più semplici quando il team abbraccia la coerenza.

 

3. Mantenere la flessibilità

Il database di un’applicazione cambia continuamente durante lo sviluppo e i controlli che il team impiega devono essere altrettanto adattabili.

Ciò è particolarmente vero quando si esegue un nuovo test dell’applicazione dopo un aggiornamento significativo. È importante che i test stessi siano il più possibile ampi; ciò consente di adattarli a qualsiasi modifica del database e di fornire costantemente risultati accurati.

 

4. Assegnare il tempo necessario per i test

Anche se questi controlli sono relativamente veloci (soprattutto con i test di automazione del backend), è essenziale garantire agli sviluppatori il tempo sufficiente per apportare le modifiche necessarie.

Il test del backend è fondamentale per il lancio di un software e non può essere un ripensamento; la scrittura dei test può richiedere una notevole quantità di tempo, quindi il team dovrebbe iniziare presto.

 

5. Testate un componente alla volta

Affrettare i test eseguendo più controlli contemporaneamente può sembrare allettante per il team di controllo qualità, ma può invece rendere i risultati poco chiari.

I tester potrebbero faticare a capire quale componente o quale controllo sta innescando un allarme rosso, ad esempio; i singoli controlli rendono molto più semplice l’identificazione di eventuali problemi del database.

 

Conclusione

 

I test di backend offrono vantaggi sostanziali a qualsiasi team di software, consentendo ai tester di trovare errori nel codice e nel database che altri controlli farebbero fatica a rilevare.

È essenziale che il vostro team esamini sia il frontend che il backend di queste applicazioni prima del rilascio, per assicurarsi che tutto funzioni esattamente come previsto.

In ZAPTEST, il nostro obiettivo è aiutare la vostra azienda a soddisfare le esigenze di test del backend, consentendo ai tester di automatizzare i processi abituali con facilità, anche con un’esperienza limitata.

Sia la versione Free che quella Enterprise del nostro innovativo software full-stack possono offrire enormi vantaggi per la fase di test della vostra applicazione.

 

Domande frequenti e risorse

 

Ecco le risposte alle varie domande che potreste avere sui test backend, tra cui:

 

1. I migliori corsi sull’automazione dei test backend

 

Anche i tester più esperti possono trarre beneficio dall’apprendimento dei processi di test backend in tutte le categorie più significative. Tra i corsi particolarmente utili che possono aiutare i tester a comprendere meglio il testing del backend vi sono:

– Corso di Udemy su Database Testing e SQL per tester; offre una solida guida all’SQL e al testing dei database.

– Il corso di formazione sul test dei database di MindQ Systems, che aiuta anche i suoi studenti a trovare un’utile collocazione aziendale.

– Specializzazione in test e automazione del software di Coursera; questo corso copre i test black-box e white-box.

– Inspired Testing’s API Testing and Automation, che insegna agli studenti come affrontare i sistemi guidati da API.

– Masterclass di Udemy sul testing del software; questo corso combina i test del backend con processi agili semplificati.

 

2. Quali sono le 5 principali domande di intervista su Backend Testing?

 

Durante il colloquio per la ricerca di un tester backend, è essenziale porre le domande giuste per capire le sue conoscenze e la sua esperienza, e se è adatto all’azienda.

Tra le buone domande da porre ci sono:

– Avete una conoscenza approfondita dei test funzionali, non funzionali e strutturali?

– Quali linguaggi di programmazione avete utilizzato in passato per effettuare i test del backend?

– Qual è lo scopo di uno schema di database e in che modo è coinvolto nel test del backend?

– Dovete testare più a fondo il frontend o il backend? O sono entrambi ugualmente importanti?

– Come avrebbe migliorato le procedure di test del backend nella sua precedente azienda?

 

3. I migliori tutorial di YouTube sui test backend

 

I tutorial su YouTube possono essere un metodo efficace per imparare le procedure di test del backend, compreso il funzionamento degli strumenti innovativi e dei software di automazione che facilitano i test.

Il canale ZAPTEST offre una serie di video-guide sul test del backend che spiegano come scrivere gli script, ispezionare le API e lavorare su più piattaforme.

SDET-QA Automation Techie offre anche diverse playlist che coprono i test backend, SQL e API.

Esistono anche guide singole sul test del backend di freeCodeCamp.org, Wix, Edureka, Wizeline Academy e altri; queste potrebbero fornire un approfondimento minore rispetto alle esercitazioni multiparte, ma offrono comunque consigli completi e utili.

 

4. Come mantenere i test del backend?

 

Le applicazioni cambiano in ogni fase dello sviluppo, quindi è utile aggiornare regolarmente i processi di test per tenerne conto.

Quando si aggiungono nuove funzionalità di qualsiasi tipo, è importante condurre test di backend per assicurarsi che l’aggiunta non comprometta l’applicazione o interferisca con i test precedenti.

I robusti strumenti di test del backend aiutano in questo senso, mantenendo un registro coerente dei test precedenti, limitando ciò che il team dovrà probabilmente ripetere.

La diligenza è la componente più critica di qualsiasi processo di test, in quanto aiuta il team di test a tenere sotto controllo ogni errore e a condurre le ricontrollazioni nel modo corretto.

 

5. I migliori libri sui test backend

 

Tra i libri scritti da esperti tester di backend che vale la pena di consultare vi sono:

– The Self-Taught Software Tester (Chhavi Raj Dosaj), che utilizza progetti reali per contestualizzare i suoi tutorial completi sul testing delle applicazioni.

– Lessons Learned in Software Testing (Cem Kaner, James Bach e Bret Pettichord), che riunisce tre decenni di esperienza pratica per fornire oltre 200 lezioni.

– Codice pulito: A Handbook of Agile Software Craftsmanship (Robert Martin), che insegna ai lettori come ottimizzare il codice e semplificare il software.

– Complete Guide to Test Automation (Arnon Axelrod), che esamina le pratiche efficaci per l’automazione e il modo in cui queste possono essere utili per qualsiasi test del software.

– Rilasciatelo! (Michael Nygard), che aiuta i lettori a capire come rendere a prova di futuro e di stress la propria applicazione, in modo che possa facilmente sostenere un utilizzo pratico a lungo termine.

Download post as PDF

Alex Zap Chernyak

Alex Zap Chernyak

Founder and CEO of ZAPTEST, with 20 years of experience in Software Automation for Testing + RPA processes, and application development. Read Alex Zap Chernyak's full executive profile on Forbes.

Get PDF-file of this post