fbpx

Get your 6-month No-Cost Opt-Out offer for Unlimited Software Automation?

Il processo di sviluppo del software richiede un’ampia attività di testing, soprattutto agile, per garantire prestazioni efficienti e prevedibili. Tuttavia, i test agili hanno dei limiti per quanto riguarda l’esperienza dell’utente finale in un sistema multiutente. Una volta che un progetto software si avvicina al completamento, le aziende devono passare a un altro tipo di test, noto come test di carico, per determinare come l’applicazione funzionerà nel mondo reale con vari carichi di lavoro e livelli di traffico.

Indice dei contenuti

Che cos’è la prova di carico?

Il test di carico è un sottoinsieme del test delle prestazioni utilizzato per software, siti web, applicazioni e sistemi correlati. È un test non funzionale che simula il comportamento di più utenti che accedono al sistema contemporaneamente. Chiamato anche “test di volume”, il test di carico replica le prestazioni, la stabilità e la funzionalità del sistema web in condizioni reali, motivo per cui è uno dei tipi di test finali e più cruciali implementati prima della distribuzione.

Il test di carico identifica diversi aspetti critici del sistema web, tra cui i seguenti:

  • La capacità operativa totale dell’applicazione, compreso il numero di utenti contemporanei che possono essere supportati.
  • Capacità dell’applicazione di rispondere ai picchi di carico degli utenti
  • La stabilità dell’infrastruttura dell’applicazione
  • I tempi di risposta dell’applicazione, i tassi di throughput e le esigenze di risorse in base a vari livelli di carico degli utenti.

Il test di carico è un processo cruciale utilizzato prima di lanciare qualsiasi applicazione internet e intranet client/server. Si applica sia al software front-end, come un sito web, sia ai sistemi back-end, come i server che ospitano il sito.

Perché servono i test di carico?

I test funzionali svolgono un ruolo importante nello sviluppo del software, ma hanno dei limiti nel prevedere le prestazioni a vari livelli di coinvolgimento dell’utente. I test di carico identificano i problemi di prestazioni critici che altri test non possono identificare, consentendo alle aziende di risolvere i problemi prima di lanciare il software o implementare gli aggiornamenti.

Le aziende devono eseguire i test di carico per tre motivi fondamentali:

  • Per valutare la funzionalità del software
  • Generare reddito, fornire servizi e proteggere la reputazione dell’azienda.
  • Per garantire un’esperienza utente piacevole ed efficace

I test di carico sono necessari per identificare i colli di bottiglia, misurare i tempi di risposta delle operazioni del sito e migliorare le prestazioni future. Naturalmente, tutti questi obiettivi possono essere raggiunti in risposta al comportamento di un sito live, ma solo a costo di un forte disturbo per i consumatori.

Si noti che, sebbene il software di test di carico sia comunemente associato alle applicazioni basate su Internet, viene utilizzato anche per testare l’hardware.

Vantaggi dei test di carico

Le aziende che offrono applicazioni Internet o Intranet trarranno enormi vantaggi dai test di carico. Tra i motivi migliori per eseguire i test di carico vi sono:

Automazione dei test di carico

1. Previene i tempi di inattività e i guasti alle applicazioni

L’uso dei test di carico aiuta a ottimizzare il sistema per i tempi di carico normali e di picco e a identificare i potenziali tempi di inattività dovuti a sollecitazioni impreviste.

Inoltre, i test di carico web aiutano a prepararsi a periodi di crescita o di utilizzo anormalmente elevato, come una vendita di e-commerce o il lancio di un nuovo prodotto.

 

2. Monitoraggio degli standard di prestazione

I test di carico forniscono dati sulle prestazioni che le aziende utilizzano per valutare le modifiche al codice delle applicazioni e all’infrastruttura.

L’organizzazione può sviluppare obiettivi di performance analizzando il traffico nelle ore medie e di punta.

3. Riduzione dei costi

I tempi di inattività della rete costano a un’azienda in media 5.600 dollari al minuto (300.000 dollari all’ora). Inoltre, gli utenti che si imbattono frequentemente in un’applicazione non funzionante sono sempre più propensi a non tornare.

I costi dei test di carico sono sempre più bassi rispetto alle spese potenziali dovute a tempi di inattività eccessivi, inaccessibilità del sito e perdite più ampie legate all’insoddisfazione dei clienti.

4. Aumenta l’efficienza

I test di carico identificano i colli di bottiglia del sistema che, una volta rimossi, consentono al sistema di funzionare alla massima efficienza. L’eliminazione dei colli di bottiglia non solo consente di ottenere prestazioni operative superiori, ma migliora anche la scalabilità del sistema.

Pagine efficienti e veloci aumentano la soddisfazione degli utenti e migliorano il posizionamento del sito nelle ricerche.

5. Conformità dell’accordo sul livello di servizio

I test di carico consentono a un’organizzazione di misurare la qualità delle prestazioni, dati utilizzati per sviluppare SLA (Service Level Agreement) che forniscono linee di base garantite per gli utenti. I dati sono utili anche per confrontare le prestazioni con i benchmark interni e con quelle dei concorrenti.

6. Pianificazione della capacità

I test di carico forniscono informazioni fondamentali per la pianificazione della capacità. Se l’applicazione risponde positivamente al test, l’organizzazione può pianificare di conseguenza l’espansione e i periodi di picco. Se l’applicazione registra metriche al di fuori dei parametri accettati – se “fallisce” il test di carico – i dati sono comunque utili come stress test.

(Per saperne di più sulla differenza tra un test di carico e un test di stress si veda più avanti in questa guida).

Sfide e limiti dei test di carico

I test di carico offrono notevoli vantaggi, come dimostra la loro diffusa adozione in diversi settori e sistemi. Tuttavia, come ogni applicazione, esistono svantaggi e sfide.

sfide di test di carico

Sfida 1: Intangibilità

Il test di carico non è necessariamente lo strumento più visibile, poiché uno dei suoi vantaggi principali è l’identificazione di potenziali problemi prima che si verifichino in una situazione reale. Molti degli aspetti negativi, finanziari e non, associati ai tempi di inattività del sito e ai malfunzionamenti delle applicazioni semplicemente non si concretizzano.

I tipi di test che si concentrano sugli scenari “what if” tendono a essere trascurati. Sebbene i test di carico possano essere utili per analizzare il sovraccarico degli utenti, sono molto più utili per un’organizzazione come strumento di prevenzione.

Sfida 2: complessità

Sia gli strumenti di test di carico open-source che quelli interni possono avere un’elevata barriera all’ingresso a livello tecnico. A seconda delle dimensioni e della complessità dell’organizzazione, potrebbero non avere dipendenti o risorse da dedicare ai test di carico.

Un’eccezione a questo problema è rappresentata da una piattaforma di test di carico professionale, come ZAPTEST, che si concentra sulla fornitura di un’interfaccia chiara e facile da usare. ZAPTEST LOAD offre la possibilità di creare script registrati e basati su API che eseguono processi aziendali dell’utente finale e misurano le transazioni end-to-end in tutto il System Under Load (SUL).

Tipi di prove di carico

Sono disponibili diversi tipi di test di carico, che consentono alle organizzazioni di personalizzare la propria strategia di test in base al budget, alla complessità del progetto, alle competenze tecniche dei dipendenti e ad altri fattori.

Domande frequenti sull'automazione dei test funzionali

1. Test di carico manuale

Il test di carico manuale è quando il sistema viene valutato senza strumenti di test di carico automatizzati, cioè gli utenti simulati vengono creati a mano.

I test di carico manuali forniscono pochi, se non nessun, beneficio. Oltre alle difficoltà logistiche, i risultati dei test sono in genere inaffidabili e quasi impossibili da replicare. A meno che un’organizzazione non abbia una necessità specifica di eseguire test manuali, è meglio che i suoi sforzi si concentrino sui test automatizzati del software.

2. Strumenti di test interni

Poiché i test di carico sono un processo continuo, soprattutto nei periodi di crescita, molte organizzazioni scelgono di creare i propri strumenti di automazione dei test di carico.

Gli strumenti personalizzati sono progettati da zero per funzionare con le applicazioni specifiche dell’organizzazione, consentendo una facile e completa integrazione tra lo strumento e il sistema. Altri vantaggi sono la riduzione dei tempi di allestimento, delle esigenze di manutenzione, degli errori di funzionamento, dei tempi di formazione e altro ancora.

Tuttavia, esistono alcuni inconvenienti. Gli strumenti interni potrebbero non essere facilmente scalabili con la crescita della base di utenti. Inoltre, lo sviluppo di strumenti personalizzati richiede un investimento iniziale di tempo e denaro, durante il quale l’organizzazione deve utilizzare altri strumenti di test o non utilizzarne affatto.

3. Strumenti di test open source

Esistono molti strumenti di test open-source. In quanto programmi open-sourced, sono liberi di essere utilizzati, offrono ampie possibilità di modifica e sono sostenuti da un forte supporto della comunità.

Tra gli strumenti di test open-source più diffusi ci sono Locust, k6 e JMeter. Ciascuno di essi consente di simulare carichi di utenti su larga scala, registrare script di test, visualizzare rapporti sulle prestazioni e altro ancora.

Sebbene la maggior parte degli strumenti open-source sia in grado di “portare a termine il lavoro”, possono presentare degli svantaggi, soprattutto per le organizzazioni aziendali. Gli strumenti open-source sono spesso complessi e mancano della facilità d’uso che si trova negli strumenti commerciali di automazione dei test di carico. Inoltre, il supporto è di solito limitato a wiki, forum e simili, che hanno un uso limitato nelle emergenze.

4. Strumenti di automazione dei test di carico di livello aziendale

Gli strumenti di test aziendali offrono diverse funzionalità per soddisfare le esigenze di siti di e-commerce, piattaforme di servizi e organizzazioni professionali di ogni tipo.

I vantaggi dell’utilizzo di servizi di test di carico aziendali includono:

  • La capacità di generare enormi quantità di traffico di utenti
  • Funzione di cattura/riproduzione
  • Capacità di supportare più protocolli
  • La possibilità di recuperare i documenti persi
  • Inserimento della documentazione di prova in 1 clic

Tra le aziende di test di carico aziendali più note vi sono ZAPTEST e il suo partner del settore tecnologico, Gartner. (Chi ha familiarità con il settore dell’automazione potrebbe riconoscere ZAPTEST anche per il suo acclamato lavoro nell’automazione dei processi robotici). Inoltre, l’edizione GRATUITA di ZAPTEST offre la funzionalità LOAD a costo zero, consentendo agli utenti di eseguire test delle prestazioni utilizzando le funzioni più recenti e l’analisi drill-down.

Gli strumenti di automazione dei test di carico di livello aziendale offrono soluzioni affidabili e supportate da un’assistenza che non richiede conoscenze tecniche pari a quelle degli strumenti open-source. La maggior parte dei servizi di test di carico aziendali opera secondo un modello di abbonamento.

Cosa testare con i test di carico?

Lista di controllo per il test del software

Gli strumenti di test di carico automatizzati generano dati utilizzati per rispondere accuratamente a diverse domande di importanza vitale:

  • Quanti utenti ha l’applicazione (sito web, sistema, ecc.) durante le ore normali? Durante le ore di punta?
  • Quali elementi dell’applicazione sono influenzati dal numero di utenti?
  • Qual è il numero di utenti che porterà alla disattivazione del sito web?
  • Quando il sistema esaurirà le risorse?
  • Quanto è veloce il caricamento del sito web?

Eseguendo simulazioni non funzionali, l’organizzazione ottiene dati su velocità, affidabilità e capacità di scalare. La verifica dei singoli aspetti di cui sopra crea un quadro più completo in cui è più facile identificare i colli di bottiglia.

1. Prestazioni di base

Le aziende possono utilizzare i test di carico per verificare le prestazioni di base dell’applicazione. Poiché il numero di utenti aumenta costantemente durante il test, i dati creati mostrano le prestazioni di base per la velocità media di connessione, il tempo di download dei file e la latenza.

2. Prestazioni del benchmark

Un test di carico del sito web raccoglie anche dati di benchmark sulle prestazioni. Sebbene i termini “linea di base” e “benchmark” siano spesso utilizzati in modo intercambiabile, presentano differenze essenziali. I test di benchmark misurano le prestazioni rispetto a siti concorrenti o a requisiti interni (come gli SLA degli utenti finali).

Metriche e obiettivi delle prove di carico

Le singole organizzazioni svilupperanno le metriche di test in base alle loro esigenze specifiche. Un vantaggio significativo degli strumenti di test di carico automatizzati a livello aziendale è la possibilità di personalizzare le metriche tracciate.

In ogni caso, la maggior parte delle organizzazioni tiene traccia delle seguenti metriche con i test di carico automatici:

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

TASK-AGNOSTIC SOFTWARE AUTOMATION?

Cos'è l'automazione dei test del software

1. Tempi di risposta

Il tempo di risposta è il parametro principale misurato dai test di carico automatici. Dopo che un utente invia una richiesta, quanto tempo impiega il sistema a rispondere? (Un tempo di risposta superiore a 10 secondi potrebbe indurre l’utente ad abbandonare il sito).

2. Il flusso di lavoro

Il throughput è la quantità di dati inviati e ricevuti. Nei test di carico, è tipicamente espresso come visite al secondo (hps) o transazioni al secondo (tps).

3. Metriche specifiche per l’hardware

Tempi di risposta lenti possono segnalare limitazioni hardware, quindi parte del processo di test di carico include il monitoraggio dell’utilizzo della CPU, della RAM disponibile, dell’I/O del disco e di funzioni simili basate sull’hardware.

4. Database

La maggior parte delle applicazioni di livello aziendale richiede più sistemi per funzionare, ma con l’aumentare del numero di database aumentano anche le opportunità di un collo di bottiglia. Il software per i test di carico misura le letture e le scritture del database e il numero di connessioni aperte al database.

Chiarire alcune confusioni

Molte pratiche di assicurazione della qualità del software si sovrappongono e si intrecciano. Anche chi ha esperienza professionale può sentirsi confuso sui seguenti tipi di servizi di test del software.

Test delle prestazioni vs. test di carico

Il termine “test delle prestazioni” indica tutte le pratiche utilizzate per misurare la stabilità, la reattività, il fabbisogno di risorse e altre metriche di prestazione del sistema software, soprattutto in relazione all’esperienza dell’utente.

Il test di carico è una sottocategoria del test delle prestazioni. Altri tipi comuni sono:

  • Test di resistenza – Conosciuto anche come soak test, il test di resistenza misura un carico utente prolungato e previsto. I test di resistenza individuano le perdite di memoria e il degrado prolungato dei tempi di risposta.
  • Test di punta – I test di punta simulano un aumento o una diminuzione improvvisa e drastica della popolazione di utenti.
  • Test di isolamento – Un test che ha dato luogo a un problema del sistema viene ripetuto per aiutare a isolare la causa.

I test delle prestazioni sono test non funzionali condotti in genere verso la fine del ciclo di sviluppo o al termine dello sviluppo.

Test di stress e test di carico

I test di carico e di stress sono simili per molti aspetti. Per ribadire, il test di carico di un sito web misura la risposta del sistema a un volume di traffico previsto, come quello normale o di picco. Si eseguono test di carico per valutare il degrado delle prestazioni e la loro relazione con l’esperienza dell’utente durante carichi storicamente previsti. In breve, i test di carico non sono progettati per rompere il sistema.

I test di stress hanno uno scopo diverso. Durante uno stress test, il numero di utenti aumenta oltre il punto di degrado delle prestazioni fino al fallimento totale. Uno stress test non si limita a misurare il “punto di rottura” del sistema, ma esamina anche il tipo di recupero automatico che il sistema è in grado di effettuare.

Gli sviluppatori possono decidere di eseguire uno stress test, ma può anche verificarsi inavvertitamente durante un test di carico di livello superiore. In entrambi i tipi di test, gli strumenti di automazione dei test di carico spingono il sistema oltre le risorse disponibili, fornendo una grande quantità di dati preziosi.

Test funzionali e test di carico

 

I test funzionali e i test di carico sono tipi di test delle prestazioni e, sebbene siano entrambi necessari, hanno ciascuno uno scopo diverso.

Il test funzionale determina se un aspetto specifico del sistema soddisfa i requisiti prestabiliti. Viene utilizzato molto più frequentemente dei test di carico, con parametri e fasi chiaramente definiti. I test di carico sono più imprevedibili, e i risultati possono variare in modo eccessivo rispetto alle aspettative.

Inoltre, i test di carico dipendono interamente dal carico dell’utente, mentre i test funzionali si basano sui dati di test.

Caratteristiche di una prova di carico efficace

Sebbene i test di carico aziendali siano uno strumento potente, se le aziende vogliono massimizzare l’efficacia del test, devono seguire queste best practice.

1. Utilizza scenari realistici

Gli scenari di test devono assomigliare il più possibile al comportamento reale degli utenti. Considerate attentamente il comportamento degli utenti. Perché usano la vostra applicazione? Quali tipi di dispositivi utilizzano per accedervi?

Includete un comportamento imprevedibile nei test di carico del vostro sito web, poiché gli utenti reali agiranno in modi inaspettati che non potete prevedere.

2. Non parte da zero

Molti tester iniziano il test con carico zero e aggiungono gradualmente utenti simulati. Sebbene questo metodo abbia un certo valore, non dimenticate di eseguire i test anche quando il sistema è già sottoposto a un carico normale. In questo modo si evitano i falsi positivi e si ottengono risultati più accurati, poiché il sistema raramente, se non mai, avrà un carico zero nel mondo reale.

3. Utilizza dati reali

Come illustrano queste pratiche precedenti, più i dati ottenuti prima dei test sono di qualità migliore, più i risultati dei test saranno utili. Per sviluppare scenari realistici, è necessario utilizzare i dati ottenuti in precedenza dagli strumenti di monitoraggio.

Due utili categorie di dati da considerare:

  • Dati sulle unità degli utenti: dispositivi e browser utilizzati, percorsi effettuati e punti di abbandono
  • Dati di sistema: tempistica del primo bye, carico DOM

4. Analisi e ripetizione

Dopo il test di carico, il team vorrà identificare i colli di bottiglia e il codice corrispondente. Trasformare le informazioni ottenute dai risultati dei test in metriche migliorabili non è sempre semplice, soprattutto con il software open-source, anche se gli strumenti di automazione dei test di carico aziendali possono rendere il processo molto più semplice ed efficiente.

Sebbene il test di carico sia fondamentale prima del lancio del prodotto, non è una soluzione “una tantum”. I test di carico dovrebbero invece diventare parte integrante delle pratiche agili e di automazione dell’organizzazione.

Chi è coinvolto nel processo di Load Testing?

che dovrebbe essere coinvolto negli strumenti di automazione dei test del software e nella loro pianificazione

Anche se i test di carico si svolgono verso la fine dello sviluppo, richiedono la partecipazione di molti team diversi, compresi quelli che iniziano a lavorare molto prima nel ciclo di vita del prodotto.

1. Ingegneri dello sviluppo

Gli ingegneri utilizzeranno ambienti di sviluppo integrati per testare i processi durante lo sviluppo, ottenendo dati che aiutano a stabilire i parametri di test di carico prima del rilascio.

2. Altri tester

I tester agili e funzionali forniscono preziose informazioni su componenti specifici dell’applicazione. Inoltre, i dati dei test agili contribuiscono a informare le metriche di base utilizzate nei test di carico.

3. Utenti finali/Stakeholder

I loro obiettivi determinano il loro comportamento in un’applicazione. La comprensione delle loro motivazioni all’interno del sistema aiuta a definire gli scenari di test.

Processo di test di carico

Come funziona il test di automazione in settori come quello bancario, ad esempio?

Il processo di test di carico può diventare piuttosto complesso, soprattutto quando si utilizza un software di test open-source o interno. Sebbene il software di livello enterprise semplifichi notevolmente i test, la comprensione dei passaggi fondamentali di come eseguire i test di carico aiuta a garantire i migliori risultati possibili.

Anche se le specifiche dei test di carico variano in base al modello di business, all’hardware, alla base di utenti e ad altri fattori individuali, la maggior parte dei test segue questa struttura di base:

 

1. Determinazione degli obiettivi

Obiettivi chiari portano a risultati più utili. Determinare le funzioni applicative più critiche da testare.

2. Stabilire una linea di base

Se avete condotto test precedenti, utilizzate i dati per creare una linea di base delle prestazioni per il prossimo test. Qualsiasi variazione rispetto alla linea di base indica un’ulteriore indagine.

3. Creazione dell’ambiente di prova del carico

L’ambiente di test deve rispecchiare il più possibile le condizioni del mondo reale, quindi è necessario eseguire i test su profili di macchina, architettura di rete, firewall, database e altro ancora simili.

4. Sviluppo di scenari di carico

Il modo più comune per creare uno scenario di carico è combinare lo scripting con l’attività registrata dell’utente. Ogni scenario includerà misure, transazioni e punti di convalida.

5. Esecuzione dei test

Dopo aver stabilito le linee di base, gli scenari di carico e creato un ambiente di test, i test sono pronti per essere eseguiti. È possibile eseguire più scenari contemporaneamente, regolando i livelli degli utenti, le sedi, i browser e altri fattori.

6. Esame post-test

I test completati restituiscono una quantità impressionante di dati, tra cui tempi di risposta, tempi di carico, errori, prestazioni del server e altro ancora. La maggior parte dell’analisi dei dati comporta la ripetizione di scenari per restringere il campo e identificare il problema principale.

La chiave per il successo dell’interpretazione dei dati è stabilire obiettivi chiari in anticipo e mantenere un’ampia documentazione durante l’analisi.

Esempi di test di carico

I test di carico sono utilizzati in numerosi scenari, comprese le situazioni che molte aziende trascurano. Gli esempi includono:

1. Siti web

Il download di file di grandi dimensioni per un periodo prolungato mette alla prova le capacità di un’applicazione basata sul Web.

2. Server

I server vengono sottoposti a test di carico eseguendo più istanze di un’applicazione o molte applicazioni diverse contemporaneamente.

3. Unità disco

La lettura e la scrittura ripetuta di dati mette a dura prova i limiti dei dischi rigidi del sistema.

4. Server di posta

I server di posta vengono testati simulando l’attività degli utenti. La maggior parte dei test di carico dei server di posta simulano almeno 1.000 utenti.

5. Interfaccia di programmazione dell’applicazione

I test di carico delle API vengono eseguiti su sistemi operativi, librerie software, linguaggi di programmazione, hardware e altro ancora.

6. Stampante

I test di carico della stampante prevedono l’invio di un numero crescente di lavori alla coda della stampante. Raramente si tratta di un test fisico che richiede il funzionamento dell’hardware.

Casi di test di carico

I test di carico sono utili alle organizzazioni di ogni tipo e dimensione. Alcuni casi reali che riguardano l’implementazione dei test di carico includono:

1. Eventi promozionali

Un grande sito di e-commerce vuole valutare la capacità del proprio sito web per una vendita importante, come quella del Black Friday. Un altro esempio potrebbe essere quello di un’azienda di giocattoli che sta per ampliare il proprio sito web offrendo un nuovo giocattolo molto atteso.

2. Portali web pubblici

I test aiutano a preparare i portali di grandi dimensioni a cambiamenti drastici nell’utilizzo, come nel caso di un portale dell’Agenzia delle Entrate che vede un aumento del traffico durante la stagione fiscale. Un esempio simile potrebbe essere il test di carico dei portali web per aiutare un’università a prepararsi all’iscrizione online all’inizio del semestre.

3. Test del server

Sottoponendo un server a un grande volume di traffico, un’organizzazione aziendale può determinare se la sua infrastruttura è sufficiente per qualsiasi espansione imminente. Anche il test del server è una parte essenziale del mantenimento di un sito web ben funzionante.

4. Test di trasferimento dei file

Il test di carico può misurare la velocità di trasferimento dei file da e verso un disco rigido, ad esempio tra un portatile e un desktop o tra un portatile e un altro. Tra gli altri usi, può aiutare le organizzazioni a determinare quale hardware acquistare per i dipendenti.

Come scrivere un caso di test di carico

Imparare a eseguire i test di carico può sembrare scoraggiante, anche per i professionisti del software più esperti, ma è molto più semplice di quanto molti pensino.

La creazione di un documento guida è la prima fase dello sviluppo di un caso di test di carico. Il piano di test di carico non deve essere complicato, anche un elenco di punti elenco può essere utile, ma deve delineare i componenti essenziali del test dall’inizio alla fine.

IS YOUR COMPANY IN NEED OF

ENTERPRISE LEVEL

TASK-AGNOSTIC SOFTWARE AUTOMATION?

Assicuratevi che il piano di test di carico includa i seguenti elementi:

1. Obiettivi e requisiti

Perché state conducendo questo test? Quali metriche specifiche state testando e quali risultati determineranno il tipo di risposta da dare alla produzione?

2. I confini

Descrivere l’ambito del test di carico del sistema o del browser. State conducendo un test su un componente o un test end-to-end? Quali carichi di traffico state testando (picco, normale o altro)?

L’ambito può cambiare durante il test, soprattutto se si verifica un evento inaspettato. Tuttavia, all’inizio è bene definire dei confini chiari per i test.

3. Carico di lavoro

È necessario dettagliare il profilo di carico, che consiste in quanto segue:

  • Operazioni chiave
  • Distribuzione del carico per transazione
  • Tempistica della transazione

Lo sviluppo del profilo di carico/modello di carico è probabilmente l’elemento più importante del test di carico, perché determina quanto il test rispecchi il comportamento del sistema sotto il peso degli utenti reali. Non dimenticate di implementare i test di carico del browser, poiché non potete sapere quale browser utilizzeranno i visitatori.

4. Salute del server

Descrivete il vostro piano di monitoraggio dei server durante il test. Dovrete monitorare entrambi i server delle applicazioni e i server utilizzati per eseguire i test di carico (anche se quest’ultimo non è in genere un problema importante quando si utilizzano strumenti di test di carico aziendali).

5. Scenario di prova

Infine, è necessario descrivere lo scenario di test, ovvero il piano generale per l’implementazione di una serie di casi di test.

6. Esempi di casi di test di carico

Alcuni esempi generali di casi utilizzati a livello aziendale includono:

  • Test di carico API per determinare se i pagamenti vengono elaborati in meno di due minuti attraverso un sistema di terze parti.
  • Test di carico del browser per determinare se gli utenti riscontrano differenze di velocità di caricamento superiori a 10 secondi in base al loro browser.
  • Un test di componente sulla funzionalità di una nuova funzionalità del sito web quando viene utilizzata durante i picchi di traffico.

Notate come gli scenari sopra descritti abbiano obiettivi, confini e metriche chiaramente definiti.

Strumenti per le prove di carico

Domande frequenti sull'automazione dei test funzionali

Le organizzazioni aziendali a volte sviluppano strumenti di test di carico interni, ma si tratta di un processo che richiede tempo e investimenti, il che lo rende più una strategia a lungo termine. Mentre si sviluppano strumenti personalizzati, l’organizzazione deve rivolgersi a strumenti di test di carico automatizzati gratuiti o aziendali.

Le organizzazioni sono incoraggiate a scegliere con cura gli strumenti di test di carico, anche se intendono utilizzarli solo temporaneamente. Non è raro che gli strumenti di test di carico dei siti web aziendali o open-source forniscano tutte le soluzioni necessarie, per cui non è necessario sviluppare una versione interna.

1. Strumenti gratuiti per le prove di carico

Molte organizzazioni considerano prima di tutto gli strumenti di test open-source. Le opzioni non mancano, tra cui le seguenti:

  • JMeter – Un’applicazione Java basata sullo strumento aziendale LoadRunner.
  • Taurus – Uno strumento che consente di scrivere i propri test di carico.
  • k6 – Uno strumento di test di carico che si concentra sull’infrastruttura back-end e si rivolge a sviluppatori esperti.
  • SoapUI – Un test di carico SoapUI utilizza il Simple Object Access Protocol. È disponibile anche una versione commerciale di questa applicazione.
  • Locust – Uno strumento di test di carico noto per la sua relativa facilità d’uso e per il suo scarso fabbisogno di risorse.
  • ZAPTEST FREE Edition offre test delle prestazioni a costo zero attraverso LOAD Studio, dove gli utenti possono utilizzare script registrati e basati su API e persino correlarli ai test funzionali.

Sebbene gli strumenti di test open-source non abbiano un costo monetario diretto, la scelta di uno di essi rappresenta comunque un impegno significativo per qualsiasi azienda, per cui è importante comprenderne sia i vantaggi che i potenziali svantaggi.

Vantaggi degli strumenti gratuiti per le prove di carico

Gli strumenti gratuiti per le prove di carico presentano diversi vantaggi degni di nota.

1. Basso costo

Il più grande vantaggio del software open-source è che è gratuito. Le aziende, soprattutto quelle più recenti e con risorse limitate, possono eseguire test di carico senza impegnarsi finanziariamente.

2. Flessibilità

Il software open-source viene frequentemente rivisto, aggiornato e migliorato dalla comunità. Se avete esigenze specifiche di test, potrebbero esistere dei componenti aggiuntivi.

3. Aggiornamenti più rapidi

Il software open-source di solito avanza più rapidamente del software commerciale. Le correzioni di bug, gli aggiornamenti di sicurezza, le nuove funzionalità e altro ancora appaiono di solito a un ritmo più costante e veloce.

Limitazioni degli strumenti di test di carico gratuiti

Sebbene gli strumenti di test di carico gratuiti presentino vantaggi significativi, le aziende devono tenere conto dei potenziali svantaggi.

1. Mancanza di supporto

Se l’utente incontra qualche problema utilizzando un software di test di carico open-source, dovrà trovare la risposta da solo utilizzando fonti basate sulla comunità come forum e wiki. A differenza dei software aziendali, gli strumenti gratuiti non hanno un team di supporto dedicato da chiamare o inviare via e-mail.

2. Complessità

La facilità d’uso non è sempre una priorità per i software di test di carico open-source. Molte applicazioni presuppongono che l’utente abbia conoscenze di sviluppo piuttosto sofisticate. Imparare a eseguire test di carico con software open-source è solitamente difficile.

3. Limitazioni del carico utente

Il software di test open-source spesso incontra problemi di memoria e CPU quando si eseguono test di carico di grande capacità. Le aziende di livello enterprise potrebbero scoprire che i test di carico gratuiti non sono abbastanza potenti per le loro esigenze.

Strumenti di test di carico aziendali

Gli strumenti di test aziendali sono prodotti a pagamento progettati per le esigenze di organizzazioni grandi e complesse. Spesso sono basati su abbonamento, con prezzi che corrispondono al numero di utenti simulati e ad altre specifiche del test.

È possibile scegliere tra molte aziende di test di carico, ma l’azienda leader è ZAPTEST, leader nel settore dell’iperautomazione. ZAPTEST è conosciuto come uno dei migliori strumenti di test di carico grazie al suo software facile da usare e all’accesso illimitato al supporto.

La qualità e le caratteristiche offerte dalle società di test di carico aziendali possono variare in modo significativo, quindi le organizzazioni sono incoraggiate a considerare attentamente ogni fornitore prima di sottoscrivere un abbonamento.

Vantaggi degli strumenti di test aziendali

Anche se le caratteristiche specifiche e la facilità di funzionamento cambiano in base al prodotto specifico, i migliori strumenti di test di carico condividono i seguenti vantaggi.

1. Facilità d’uso

Il software open-source può avere un’interfaccia utente confusa, processi complicati e una generale indifferenza nei confronti dell’utente. Tuttavia, gli strumenti aziendali sottolineano l’importanza di un’esperienza intuitiva e semplice.

2. Assistenza clienti

Uno dei principali vantaggi dei test aziendali è la disponibilità di un’assistenza qualificata. Esperti formati non solo sui test di carico, ma anche sulle specifiche del tester di carico in vostro possesso, sono pronti ad aiutarvi a risolvere qualsiasi problema. Un servizio aziendale avrà un’assistenza raggiungibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

3. Affidabilità

Gli strumenti di test aziendali sono progettati per supportare le aziende con attività su larga scala, dove qualsiasi tempo di inattività può comportare una significativa perdita di fatturato e di soddisfazione dei clienti. Questi strumenti sono costruiti per fornire dati precisi e utilizzabili per la pianificazione e il processo decisionale a lungo termine.

Limitazioni degli strumenti di test aziendali

Sebbene gli strumenti di test aziendali offrano molteplici vantaggi rispetto ad altri tipi di strumenti, essi presentano anche alcune potenziali limitazioni.

1. Costo

Lo svantaggio maggiore è il costo. I test di carico aziendali funzionano secondo un modello di abbonamento e i costi variano in base al numero di utenti virtuali generati durante il test.

In definitiva, l’eliminazione dei colli di bottiglia e la prevenzione dei tempi di inattività delle applicazioni rendono i test di carico l’opzione più conveniente nel tempo, ma l’organizzazione può comunque sostenere costi iniziali significativi. Al contrario, le suite di test di carico consolidate, come ZAPTEST, offrono un abbonamento Software+Servizi a costo fisso con utilizzo e licenze illimitati… Questo modello attenua i costi di test sempre crescenti man mano che le aziende scalano.

2. Curva di apprendimento

Sebbene gli strumenti aziendali siano di gran lunga l’opzione più facile da usare disponibile per i test di carico, anche i migliori strumenti di test di carico hanno almeno una certa curva di apprendimento. I membri del team, preferibilmente quelli con esperienza di codifica, dovranno dedicare del tempo per imparare a sfruttare al meglio lo strumento. Ancora una volta, i principali strumenti di test di carico come ZAPTEST mitigano questo svantaggio fornendo una piattaforma a basso codice che non richiede competenze di codifica e può essere utilizzata dalla maggior parte delle persone all’interno delle organizzazioni, piuttosto che dai soli sviluppatori.

Quando utilizzare strumenti di load test aziendali o gratuiti?

Gli strumenti di test di carico gratuiti hanno il loro posto in molte organizzazioni. Si tratta dell’opzione più economica, che li rende popolari tra le start-up e altre imprese con risorse limitate.

Anche gli strumenti gratuiti sono un modo efficace per migliorare le competenze di un individuo. Ad esempio, un tester potrebbe condurre un test di carico di SoapUI non solo per testare un sistema, ma anche per migliorare la propria comprensione dello strumento open-source.

Per la maggior parte delle applicazioni commerciali e delle organizzazioni su larga scala, i migliori strumenti di test di carico sono prodotti di livello aziendale come ZAPTEST e altri leader del settore. Offrono affidabilità, precisione e sicurezza che proteggono sia l’azienda che gli utenti finali. Inoltre, sono molto più facili da usare rispetto agli strumenti gratuiti e offrono un livello di funzionalità ineguagliabile.

Lista di controllo dei test di carico

Lista di controllo per il test del software

Una chiave fondamentale per il successo dei test di carico è l’organizzazione. Molte aziende scoprono che gestire i test con una lista di controllo aiuta i team a non perdere il controllo. La seguente lista di controllo è un buon punto di partenza per le organizzazioni di livello aziendale.

1. Server Web

  • Avete una larghezza di banda sufficiente per evitare colli di bottiglia?
  • Il sistema è in grado di gestire un numero sufficiente di transazioni al secondo?
  • Avete abbastanza server web per gestire le minacce occupate e inattive?

2. Ospite

  • Le interfacce di rete hanno problemi di CPU, memoria o spazio su disco?
  • Quali processi vengono eseguiti sull’host?

3. Server app

  • Qual è l’utilizzo della CPU necessario per ogni livello di carico?
  • Il sistema perde memoria a vari livelli di carico?
  • I server applicativi distribuiscono correttamente il carico?

Sebbene sia necessario modificare la lista di controllo per adattarla alle esigenze specifiche della vostra organizzazione, questi elementi di base vi aiuteranno a coprire gli aspetti critici delle prestazioni e del funzionamento del sistema.

Conclusione

I test di carico svolgono un ruolo essenziale per il successo di qualsiasi progetto di sviluppo software. Per sfruttare veramente le capacità degli strumenti di automazione dei test di carico, le organizzazioni dovrebbero sviluppare una partnership con una società di test di carico di livello aziendale come ZAPTEST.

Gli strumenti di test di carico consentono all’azienda di identificare potenziali interruzioni del servizio e colli di bottiglia, con il risultato di massimizzare l’efficienza, ridurre i tempi di inattività, aumentare i ricavi e migliorare l’esperienza degli utenti.

Download post as PDF

Alex Zap Chernyak

Alex Zap Chernyak

Founder and CEO of ZAPTEST, with 20 years of experience in Software Automation for Testing + RPA processes, and application development. Read Alex Zap Chernyak's full executive profile on Forbes.

Get PDF-file of this post